Vai al contenuto

 

 

Sono disponibili gli atti del shop workshop “CANC – TUM 2020”, un incontro sui rischi cancerogeni nel mondo del lavoro e sui tumori che ad essi conseguono organizzato da Asur Marche n.3 (Civitanova Marche Alta, 19 febbraio 2020).

Dagli atti del workshop riprendiamo la relazione di Fulvio Cavariani, “Vecchie e nuove esposizioni professionali a SiO2”.

La silicosi, un'affezione dei polmoni, è stata negli anni una delle malattie professionali più gravose sia in termini di costi sociali che di costi economici. E il rischio correlato all’esposizione a silice nel mondo del lavoro è ancora ben presente tanto si può ancora dire, come indicato da Brian Coope in “A Socio-Economic Review of Crystalline Silica Usage” (1997): "If man wishes to live in silica free environment he must move to another planet" (se l’uomo vuole vivere in un ambiente senza silice, deve trasferirsi in un altro pianeta). A ricordarlo e a fornire diverse informazioni sulla silicosi e sull’ esposizione a silice nel mondo del lavoro è un intervento che si è tenuto al si ricorda non solo il contesto della silicosi nel passato, ma anche il contesto odierno.

Quanti lavoratori sono oggi a rischio di SiO2?

Scarica il file della Newsletter medico legale Inca 16/2020

Ancora un numero della Rivista dell'Istituto INRS con contenuti che interessano certamente chi si occupa a livello d'impresa di salute e sicurezza nel lavoro. Riteniamo importante segnalare i contenuti e i links agli articoli . Ringraziamo come sempre INRS per i contenuti della Rivista. Editor

Le numéro 259 d’Hygiène & sécurité du travail (HST), la revue technique de l’INRS vient de paraître. Au sommaire notamment, une note technique sur les véhicules professionnels. A lire également, une étude de cas sur le risque machine ou encore un dossier sur les risques professionnels liés aux ambiances thermiques chaudes ou froides.

Au sommaire notamment du numéro 259 de la revue Hygiène & sécurité du travail :

Salarié au volant d'un véhicule
  • Note technique - Le véhicule professionnel : un outil de travail comme les autres ?  Outre les accidents de la route, le conducteur d’un véhicule léger, utilitaire ou poids lourd est également exposé, sans nécessairement en être conscient, à d’autres risques. Cet article propose une analyse des risques majeurs identifiés au poste de conduite, puis des critères de choix des équipements d’un véhicule professionnel pour les prévenir.

...continua a leggere "Francia. INRS. Revue Hygiène et sécurité du travail : numéro 259"

Fonte Inail.it

Le tecnologie additive (cosiddette stampanti 3D) si stanno sempre più diffondendo anche nel settore manifatturiero.

Immagine La sicurezza nelle tecnologie additive per metalli

Il lavoro pubblicato ha l'obiettivo di fornire un riferimento per l'individuazione e la caratterizzazione dei pericoli specifici presenti nelle attrezzature che adottano la tecnologia Powder Bed Fusion/sintering laser o a fascio di elettroni. Le stampanti 3D inserite in luoghi di lavoro rientrano infatti nel campo di applicazione del d.lgs. 81/08 e s.m.i. che individua, in merito all'uso di attrezzature di lavoro e alla sicurezza dei luoghi di lavoro, specifiche figure e ruoli per l'espletamento di attività volte ad assicurare e mantenere un adeguato livello di sicurezza.

Prodotto: Volume
Edizioni: Inail – 2020
Disponibilità: Si - Consultabile anche in rete
Info: dcpianificazione-comunicazione@inail.it

Incidenti lavoro: operaio schiacciato da gru, morto 59enne In cantiere bypass Falconara Marittima. Sul posto Vvf, Cc e Asur

Fonte Gazzetta del Mezzogiorno


Ferrara Incidente sul lavoro, imprenditore agricolo in prognosi riservata
L'uomo sarebbe rimasto schiacciato dalle ruote di un muletto trattore. Portato via con l'elisoccorso, sul posto un'altra ambulanza per i malori accusati da chi ha visto la scena. Fonte  La Nuova Ferrara


Incidente sul lavoro a Moneglia, tecnico muore folgorato da una scarica elettrica
La tragedia mentre lavorava nei pressi di un ripetitore televisivo

Fonte : Primocanale


 

 

 

Sbahn in Berlin - photo gierre 2019 - 

 

5 agosto 2020 Berlino

La manifestazione nazionale del primo agosto svoltasi a Berlino e la celebrazione del quarantennale della strage fascista di Bologna del 2 agosto (per una trentina di espatriati serata di approfondimento politico sul Paese dei servizi segreti deviati), chiudono un semestre particolare ed impegnativo.
Berlino è abbastanza affollata dagli scampoli di turisti locali e dai rientri dei vacanzieri, incubo dei virologi. Le famiglie si attrezzano per la riapertura delle scuole (10 agosto) e la ripresa del lavoro, almeno chi ce l'ha ancora. Luglio è stato un mese non molto caldo, nuvoloso spesso, ventoso, con qualche pioggia non esagerata, non sfibrante in ogni caso e agosto apre perfino con un certo freschino. Si va diritti verso quella che diverrà la „nuova normalità“ le cui coordinate saranno in parte definite dal funzionamento del semaforo corona-virus (i tre indicatori che guidano il Senato nelle misure di prevenzione da adottare), e dalla situazione economica i cui indicatori sono noti.

...continua a leggere "Cronache da Berlino di Franco Di Giangirolamo – 5 agosto 2020"

Bologna, 3 agosto 2020

Il giorno 24 luglio 2020, si è tenuta in videoconferenza la riunione della Cabina di regia del Piano Amianto Regione Emilia-Romagna.

Uno dei punti in discussione è  quello che riguarda la realizzazione operativa della Microraccolta dei Manufatti Contenenti Amianto, ovvero la possibilità per il cittadino di rimuovere e smaltire piccole quantità di Amianto dalla propria residenza.

Il Piano Amianto ha previsto l’adozione da parte della Regione di standard omogenei in tutta la regione, unificando sia le quantità di amianto trattabile, sia le prassi per attivarla, sia le procedure per effettuarla in sicurezza da parte dei cittadini.

A questa previsione ha fatto seguito il 1° luglio del 2019 la relativa delibera di giunta, a cui ha fatto seguito la deliberazione di ATERSIR (l’agenzia regionale per i servizi idrici e dei rifiuti, costituita dai comuni dell’Emilia Romagna) vedi qui di seguito.

...continua a leggere "Microraccolta Amianto: Mancata applicazione della delibera regionale da parte dei Comuni, disordine informativo, i cittadini lasciati soli – La denuncia di CGIL ER ed AFeVA ER"

Avvertenza. Il video della Conferenza Stampa ha inizio al minuto 37. ( Un pò di lavoro di montaggio e postproduzione renderebbe più agevole l'accesso alle conferenze istituzionali . editor )

Vedi articolo " Covid-19, illustrati i risultati dell'indagine di sieroprevalenza"

Gli organizzatori lo hanno chiamato “Il giorno della libertà”, ma di fatto quello che ieri ha avuto luogo a Berlino è stato un assembramento selvaggio di negazionisti del COVID-19, che si sono radunati in città da tutta la Germania “Senza mascherina, senza rispetto, senza vergogna“, come titolato dal Tagesspiegel.

I manifestanti, 1.3 milioni secondo gli organizzatori, circa 20.000 persone secondo la polizia, rappresentavano un insieme eterogeneo fatto di estremisti di destra, antisemiti, “esperti di esoterismo”, famiglie con bambini, e dai cosiddetti “Ribelli del Corona” di Düsseldorf.

La manifestazione ha avuto inizio alle 10.00 davanti alla Porta di Brandeburgo, per poi snodarsi lungo Friedrichstraße in direzione di Torstraße, passando per Leipziger Straße fino a Straße des 17 Juni.

Secondo il Merkure.de la polizia avrebbe infine dichiarato cessata la manifestazione per mancato rispetto dei requisiti di sicurezza, ma i manifestanti hanno continuato a marciare comunque e quasi 3000 individui si sono radunati in Piazza della Repubblicacome riportato dal Berliner Morgenpost.

Covid19 Berlin photo

Circa 2000 manifestanti hanno inoltre formato una catena umana davanti alla Cancelleria federale, sono stati ripetutamente esortati dalla polizia a osservare le norme di sicurezza, tramite annunci con altoparlanti e interazioni dirette, ma ogni tentativo è caduto nel vuoto.

Del resto, perché dei negazionisti del COVID avrebbero dovuto rispettare queste regole? L’esito della manifestazione poteva essere tranquillamente previsto in anticipo, riteniamo.

Diverse persone sono state infine portate via dalle forze dell’ordine, decine sono state le identificazioni e ad oggi sarebbero state avviate diverse indagini, oltre a un’inchiesta sugli organizzatori della protesta.

Coronavirus photo

Il Tagesspiegel riporta inoltre una frase frequentemente riportata dai negazionisti, vale a dire “Non conosco nessuno che abbia il Corona!”, ricordando che nel mondo, al momento, sono morte quasi 700.000 persone di COVID-19, dall’inizio della pandemia.

La rumorosa protesta dei negazionisti del COVID-19 che ha avuto luogo a Berlino ha fatto rimbalzare sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo le “teorie” dei manifestanti coinvolti, un miscuglio di voci di corridoio, complottismo generalizzato, negazionismo opinionismo elevato a ideologia, antiscientismo e una concezione della libertà rappresentata da una folla urlante che a intervalli regolari insultava i giornalisti che indossavano la mascherina.

Photo by zuzanberlin

Anche la presentatrice di ZDF Dunja Hayali ha dichiarato di essere stata insultata, in quanto “bugiarda”, come tutti i giornalisti che esortano la popolazione a non sottovalutare il COVID-19. “Stampa bugiarda, stampa bugiarda” è stato inoltre il coro intonato davanti agli uffici della ZDF.

Tra gli altri slogan urlati, il sempreverde “Merkel vattene”, ma anche “Siamo qui, siamo rumorosi, perché ci rubate la libertà” e “Coraggio per la verità”, mentre su diverse magliette poteva leggersi “Non date una chance a Gates”.

Come riportato dal Berliner Morgenpost, alcuni partecipanti avrebbero anche sventolato, illegalmente, la bandiera del Reich.

Per quanto possa impressionare la presenza massiccia di tante persone convinte che il COVID-19 non esista, va comunque considerato che si trattava di 20.000 persone e che la maggior parte dei tedeschi non sembra appoggiare questo atteggiamento, né questa manifestazione. Su Twitter ha peraltro fatto tendenza tendenza l’hashtag #Covidioten.

Può interessarvi anche: Coronavirus in Germania. L’Istituto Robert Koch avvisa: situazione preoccupante, i tedeschi sono negligenti

Fonte Pressenza.com

CONSIDERAZIONI SULLA DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE CIRIO

Evocare il rischio di contagio da Covid per ridurre l’assegnazione di migranti al Piemonte è fuorviante e scorretto. Come medici, senza voler entrare nel merito di scelte politiche, ci piacerebbe vivere in una regione che conosce, e ha tra i suoi valori più forti, la solidarietà nei confronti delle persone fragili.

La realtà è che il tasso di positività al Covid tra i migranti è intorno all’1,5%. Ogni migrante che giunge in Italia è sottoposto a tampone e posto in isolamento se positivo e in quarantena se negativo. Prima di essere trasferiti e distribuiti tra le regioni, sono sottoposti a test sierologico. All’arrivo a Torino sono nuovamente sottoposti a tampone e posti in isolamento fino a quando giunge il risultato.

Per tutti questi motivi, i migranti irregolari sono forse le persone più controllate e l’ultimo problema nel contenimento della pandemia. Forse siamo più “pericolosi” noi due, veri piemontesi, che non abbiamo fatto né tampone, né sierologico.

Dott. Guido Giustetto – Presidente Ordine dei Medici di Torino

Prof. Paolo Vineis – Imperial College London

FONTE ISS.EPICENTRO

EPIDEMIA COVID-19
Aggiornamento nazionale
28 luglio 2020 – ore 11:00
Nota di lettura: Questo bollettino è prodotto dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ed integra dati microbiologici ed epidemiologici forniti dalle Regioni e dal Laboratorio Nazionale di Riferimento per SARSCoV-2 dell’ISS. I dati vengono raccolti attraverso una piattaforma web dedicata e riguardano tutti i casi di COVID-19 diagnosticati dai laboratori di riferimento regionali. I dati vengono aggiornati giornalmente da
ciascuna Regione anche se alcune informazioni possono richiedere qualche giorno per il loro inserimento e/o aggiornamento. Per questo motivo, potrebbe non esserci una completa concordanza con quanto riportato attraverso il flusso informativo del Ministero della Salute che riporta dati aggregati.
I dati raccolti sono in continua fase di consolidamento e, come prevedibile in una situazione emergenziale, alcune informazioni sono incomplete. In particolare, si segnala la possibilità di un ritardo di alcuni giorni tra il momento della esecuzione del tampone per la diagnosi e la segnalazione sulla piattaforma dedicata.
Pertanto, il numero casi che si osserva nei giorni più recenti (Figura 1), deve essere al momento interpretato come provvisorio.
Il bollettino descrive, con grafici, mappe e tabelle la diffusione, nel tempo e nello spazio, dell’epidemia di COVID-19 in Italia. Fornisce, inoltre, una descrizione delle caratteristiche delle persone affette.

IL BOLLETTINO 

Lo scrive Rainer Stadtler sul Suddeutschezeitung di una settimana fa. Uno studio di Roland Berger sostiene che il 57% dei manager intervistati prevede un deficit per il 2020, a causa del corona e che le cliniche con più di 100 letti avranno perdite nella misura del 72%. Motivo: basso tasso di occupazione nei mesi di marzo e aprile. C'è stata una massiccia trasformazione dei posti letto in terapie intensive, che sono molto costose e che sono state utilizzate per il 70%. Soprattutto i grandi ospedali, che si occupano di terapie complesse e costose, hanno annullato o posticipato interventi e il tasso di occupazione dei p.l. è passato dal 90 al 60-70%, con abbattimento delle entrate fatturabili. Hanno ricevuto circa 560 euro al giorno anche per i p.l.
tenuti liberi ma pare che siano insufficienti. I p.l.liberi vengono compensati con un giornaliero che va dai 360 euro ai 760. Solo a fine anno si saprà se sono stati sufficienti. Si pensa che ci vorranno almeno 6 mesi per tornare alla situazione di normalità precedente l'epidemia. Alcuni studi prevedono anni di recessione, a causa di problemi strutturali prepandemia (numero ospedali e tasso occupazione letti) la cui soluzione dovrebbe accelerarsi con gli interventi straordinari (sinergie tra cliniche, aumento assitenza ambulatoriale, digitalizzazione servizi, etc.). C'è soddisfazione nel mondo politico per la tenuta del sistema sanitario in occasione della Pandemia. D'altra parte (nota mia) destinano al settore una quota di PIL relativamente più elevata di molti paesi europei, Italia compresa.