Vai al contenuto

Fonte Risk 2 luglio 2020

Gli alti tassi di mortalità per Covid-19 negli uomini e nelle donne che lavorano nel settore dell'assistenza sociale in Inghilterra e Galles sono uno "scandalo nazionale", ha affermato il sindacato del settore pubblico UNISON. Nel suo ultimo rapporto, l'Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) ha riferito che i "tassi di morte che coinvolgono il coronavirus (Covid-19) tra gli uomini e le donne assistenti sociali sono risultati statisticamente significativamente più alti dei tassi di morte che coinvolgono Covid-19 tra quelli della stessa età e sesso in Inghilterra e Galles. " Ha aggiunto: “Un totale di 268 decessi che coinvolgono Covid-19 tra gli operatori sanitari sono stati registrati tra il 9 marzo e il 25 maggio 2020, con tassi di 50,1 decessi per 100.000 uomini (97 decessi) e 19,1 decessi per 100.000 donne (171 decessi). In questo gruppo abbiamo incluso occupazioni come operatori sanitari e assistenti domestici, che hanno rappresentato la maggior parte dei decessi (204 su 268 decessi, o 76. 1%), assistenti sociali, dirigenti di istituti di assistenza residenziale e accompagnatori di assistenza. " Commentando le nuove cifre, che hanno anche mostrato che c'era un tasso statisticamente significativo di mortalità Covid-19 negli operatori sanitari, Christina McAnea, assistente segretaria generale dell'UNISON, ha dichiarato: “Queste cifre riflettono un tragico scandalo nazionale. Il governo non è riuscito a proteggere l'assistenza sociale durante questa pandemia e anche adesso questi problemi sono lungi dall'essere risolti. Gli operatori sanitari  subiscono pressioni finanziarie che li constringono a  lavorare anche quando dovrebbero  essere schermati o autoisolati. Il kit di protezione viene utilizzato più a lungo di quanto sia sicuro e i test non vengono ripetuti. L'assistenza sociale ha bisogno di riforme dalla testa ai piedi per sistemare il sistema per sempre ”.
Comunicato stampa UNISON . Cifre ONS dei tassi di mortalità negli operatori sanitari e di assistenza sociale .

FONTE EPICENTRO.ISS.IT

2/7/2020 - Popolazioni migranti ed epidemia di COVID-19: nuovi documenti on line

Dalle Agenzie e istituzioni internazionali e europee sono disponibili nuovi documenti sul tema delle popolazioni migranti in relazione all’epidemia di COVID-19:

2/7/2020 - COVID Mothers Study: studio internazionale su COVID-19 in madri e bambini

Il COVID Mothers Study è uno studio internazionale rivolto alle madri che hanno contratto l’infezione da SARS-CoV-2, responsabile della COVID-19, a cui è stato chiesto di rispondere – tramite la compilazione di un questionario - ad alcune domande sulle esperienze di maternità. Il questionario si basa sulla piattaforma Qualtrics gestita dalla Harvard Medical School e richiede da 3 a 8 minuti per la compilazione. È anonimo e alle intervistate non viene chiesta alcuna informazione identificativa. Lo studio è iniziato nel mese di aprile 2020 e la raccolta dati tramite questionario proseguirà nei Paesi europei fino al mese di ottobre. Allo studio partecipano ricercatrici e ricercatori di diverse istituzioni, università, iniziative e organizzazioni no profit, tra cui l’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Leggi l’approfondimento cura delle ricercatrici ISS.

 

Fonte Inail.it

Riprendiamo dal sito Inail questo Comunicato

Dal 1° luglio 2020 è attivo il nuovo servizio online “Sorveglianza sanitaria eccezionale” per richiedere le visite mediche.

Ai sensi dell’art. 83 d.l. 34/2020 i datori di lavoro pubblici e privati assicurano la sorveglianza sanitaria eccezionale ai lavoratori “fragili” ovvero ai lavoratori che, per condizioni derivanti da immunodeficienze da malattie croniche, da patologie oncologiche con immunodepressione anche correlata a terapie salvavita in corso o da più co-morbilità, valutate anche in relazione dell’età, ritengono di rientrare in tale condizione di fragilità.

I datori di lavoro che, ai sensi dell'articolo 18, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, non sono tenuti alla nomina del medico competente per l'effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal medesimo decreto legge, devono garantire ai lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio le misure di sorveglianza sanitaria eccezionale, nominando un medico competente ovvero facendone richiesta ai servizi territoriali dell’Inail.

L’attività di sorveglianza sanitaria eccezionale si sostanzia in una visita medica che può essere svolta dai medici Inail in possesso della specializzazione in medicina del lavoro, ivi compresi i medici a rapporto libero professionale.

Per richiedere la visita dei medici Inail è stato realizzato il nuovo servizio online “Sorveglianza sanitaria eccezionale”, disponibile a decorrere dal 1° luglio 2020 e accessibile dagli utenti muniti di credenziali dispositive.
Per gli utenti non registrati le credenziali possono essere acquisite tramite Spid, Inps, Carta nazionale dei servizi (Cns) o Inail (con l’inoltro dell’apposito modulo attraverso i servizi online o da consegnare presso le sedi territoriali Inail).

Nel caso di delega da parte del datore di lavoro, deve essere compilato e inoltrato l’apposito modulo “Mod. 06 SSE delega”, reperibile nella sezione dedicata del portale “Moduli e modelli”.
Una volta inoltrata la richiesta dal datore di lavoro o da un suo delegato, viene individuato il medico della sede territoriale più vicina al domicilio del lavoratore.

All’esito della visita medica per sorveglianza sanitaria eccezionale, è espresso un parere conclusivo riferito esclusivamente  alla possibilità per il lavoratore di riprendere l’attività lavorativa in presenza nonché alle eventuali misure preventive aggiuntive o alle modalità organizzative atte a garantire il contenimento del contagio.

Successivamente all’invio del parere conclusivo, il datore di lavoro riceve una comunicazione con l’avviso di emissione della relativa fattura in esenzione da iva per il pagamento della prestazione effettuata. In attesa dell’emanazione di un decreto interministeriale per la definizione della tariffa, l’Inail ha stabilito in via provvisoria l’importo di € 50,85.

 

Pubblichiamo la Nota delle Associazioni di professionisti che si occupano di prevenzione, Associazione Nazionale Assistenti Sanitari, Società Italiana di Igiene Sezione Lombardia, Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione. Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario Italiano inviata alla Presidenza della Regione Lombardia e all'Assessorato Regionale alla Sanità.Nella Nota vengono indicati i cambiamenti necessari per fare uscire dalla crisi il Servizio Sanitario Regionale per quanto attiene la Prevenzione. Vedremo quale sarà la risposta del presidente Fontana e dell'Assessore Gallera.

LA NOTA

A cura del  Ministero della Salute

Abstract

La pianificazione delle attività di prevenzione, quest'anno, è particolarmente rilevante in relazione all’epidemia COVID-19 e alla sua evoluzione nei prossimi mesi.

Periodicità annuale

Download