Vai al contenuto

 

FONTE PUNTOSICURO

Dopo qualche mese dall’avvio dell’Emergenza Coronavirus”, tematica ormai all’ordine del giorno sia in ambito lavorativo sia non, ci si pone inevitabilmente domande su stati d’animo, reazioni da parte di aziende e comunità a valle di questo cambiamento radicale imposto per tutta la nazione. Quali sono le emozioni derivanti da questo “cambio di rotta”? Inizialmente si percepivano confusioni, paura, panico derivato da un sistema sanitario sull’orlo del collasso nelle Regioni in cui l’emergenza ha raggiunto il picco più critico.

Quando il virus era ancora lontano, tutti sono stati molto, forse troppo ottimisti ed eccessivamente fiduciosi sul fatto di poter essere o meno contagiati. Studi scientifici hanno constatato che la stragrande maggioranza della popolazione avesse la certezza di non essere neanche lontanamente a rischio contagio; in pratica vi era la convinzione che qualora il virus fosse arrivato in Italia, avrebbe colpito sì, ma senza contagiarci in prima persona.

...continua a leggere "La percezione del rischio ai tempi del Coronavirus"

 

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A03194)

IL TESTO DEL DECRETO

Emergenza epidemiologica COVID-19 e nozione di “lavoratore fragile” – Chiarimenti.
La Regione Emilia-Romagna ha elaborato questo documento per fare chiarezza sulla tutela dei c.d. "lavoratori fragili". Questo documento ha origine dalle richieste provenienti dalle Istituzioni scolastiche. Questi chiarimenti dovrebbero favorire il lavoro dei Dirigenti scolastici.

IL DOCUMENTO

 

Il testo della lettera al Ministero Salute inviata dalla  Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione a cui fanno riferimento 15 Associazioni tecnico scientifiche mette in evidenza alcune criticità che dovrebbero essere risolte rapidamente con interventi normativi, per consentire ai professionisti della prevenzione di operare pienamente a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

IL TESTO DELLA LETTERA

 

Pubblichiamo questo appello che ci ha inviato Marco Bazzoni, RLS di Firenze, da sempre impegnato per denunciare le situazioni di grave rischio, gli infortuni sul lavoro con lesioni gravi e le morti sul lavoro. Ringraziamo Marco per la sua determinazione in questo suo impegno, in particolare in questo momento in cui, a causa della pandemia Covid-19, l'attenzione sugli infortuni non Covid-19 sul lavoro è molto dimininuita. Editor
" Ad oggi, ci sono già state 143 morti sul lavoro.
L'ultima morte sul lavoro, è di ieri Sabato 13 Giugno, Domenico D'amico, operaio di 22 anni, schiacciato da un macchinario in manutenzione.
Se ci aggiungiamo tutte le morti su strada ed in itinere, nei numeri che mediamente si sono registrate negli anni precedenti, si potrebbe arrivare o aver superato i 350 morti sul lavoro, un bollettino di guerra senza sosta.
Molto spesso di questi poveri lavoratori, che non ci sono più, non si sanno neppure i nomi, quando va bene le iniziali.
Io sto cercando, con tanta fatica e con le difficoltà che potete immaginare, di monitorare le morti sul lavoro che ci sono ogni giorno nei luoghi di lavoro, perchè la morte di questi lavoratori non cada nel dimenticatoio.
Lo voglio ripetere fino allo spasimo, queste sono persone e non numeri.
Molto spesso, quando muore un lavoratore, si parla sempre e solo di numeri.
Non numeri, ma figli, mariti, mogli, componenti di famiglie, non una semplice statistica!
E' giusto ricordarlo, perchè solo così' è possibile restituirgli un pò di dignità.
Nonostante tutto, trovo ancora la forza di indignarmi di fronte a queste tragedie sul lavoro, che non sono degne di un Paese civile.
Infine, va considerato, che ci sono tanti lavoratori che non sono assicurati con l’Inail, senza le relative tutele se si infortunano, restano invalidi o muoiono sul lavoro, tra questi, carabinieri, poliziotti, vigili del fuoco, volontari della protezione civile, personale di volo, sportivi e giornalisti."
Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze
*****
L'elenco con i nomi dei lavoratori e delle lavoratrici morte/i sul lavoro
03/01/2020 Cristian Terilli, operaio di 29 anni, e' morto sul lavoro alla Sevel di Atessa, schiacciato da uno dei robot del reparto lastratura.Regione Abruzzo

04/01/2020 Purtroppo non c'e' l'ha fatta.E' morto oggi 4 Gennaio, l'operaio A.A di 42 anni, che il 29 Dicembre era rimasto schiacciato dal coperchio di un container, mentre stava lavorando all’interno dell’area carico/scarico merci e raccolta rifiuti del centro commerciale “Il Centro” in via Luraghi ad Arese. Regione Lombardia