Vai al contenuto

Cosa succede negli altri paesi europei nella seconda fase ?  Questo articolo dal sito del Sindacato Danese ci rappresenta le difficoltà sui problemi della vigilanza sulla corretta gestione della sicurezza rispetto a Covid-19

 

L'Ispettorato del lavoro è essenziale per garantire che il rischio di contagio sia effettivamente prevenuto nei settori che sono sempre stati aperti o riaperti nella prima fase, come l'edilizia, l'assistenza domiciliare, i negozi di alimentari e gli istituti diurni. “Ora è urgente riportare AT completamente in carreggiata. AT è un attore chiave per garantire una riapertura corretta e sicura nei prossimi mesi ", afferma Morten Skov, vicepresidente dell'FH. 

Dal sito del Sindacato Danese FHO ( traduzione dal danese assistita da Google translator. )

Tornare a pieno regime. Ora!
Ora che la Danimarca si sta aprendo di più, è fondamentale che l'Ispettorato del lavoro ritorni a pieno ritmo. Il vice presidente della principale organizzazione del movimento sindacale, Morten Skov, sottolinea che molti dipendenti scoprono che i datori di lavoro non prendono sul serio l'ambiente di lavoro e l'infezione da coronavirus.
L'Ispettorato del lavoro sta ancora fermo a causa della chiusura del paese. La maggior parte dei supervisori è stata rimandata a casa da quando la Danimarca ha chiuso a metà marzo. In molti settori, la supervisione ( vigilanza)  non viene affatto effettuata se non si verificano incidenti o reclami gravi.

Ma il fermo a causa dell'epidemia  per l'Ispettorato del lavoro è durata abbastanza a lungo ora. La vigilanza  dovrebbe tornare a pieno titolo il più presto possibile. Questo è ciò che crede la principale organizzazione sindacale (FH).

L'Ispettorato del lavoro è essenziale per garantire che il rischio di infezione sia efficacemente prevenuto nelle industrie che sono sempre state aperte o riaperte nella prima fase, come l'edilizia, l'assistenza domiciliare, i negozi di alimentari e le istituzioni diurne. Lo afferma il vicepresidente di Morten Skov.

Indica problemi con, ad esempio, i requisiti di distanza e di igiene e che i dipendenti hanno accesso ai dispositivi di protezione necessari.

"I problemi e l'insicurezza dei dipendenti si accumulano sul posto di lavoro a causa di linee guida poco chiare o perché le regole non vengono rispettate", afferma Morten Skov.

L'Ispettorato del lavoro è importante quanto la polizia

L'ispettorato del lavoro è importante tanto quanto la polizia quando si tratta di prevenire l'infezione coronarica: il virus infetta non meno sul posto di lavoro che al di fuori del pubblico, sottolinea Morten Skov.

“La polizia dà la priorità al monitoraggio quotidiano affinchè i normali cittadini dello spazio pubblico rispettino le linee guida del governo. Ci viene detto che è cruciale frenare l'infezione nella società. E fondamentale per una maggiore apertura. Allo stesso modo, deve essere compito dell'autorità danese per l'ambiente di lavoro garantire che le linee guida siano rispettate sul posto di lavoro, in modo da prevenire il rischio di infezione e che tutti i dipendenti possano andare a lavorare in sicurezza ", afferma Morten Skov.

L'Ispettorato del Lavoro riceve rapporti quotidiani dai sindacati e dai rappresentanti sindacali che sono frustrati dalla mancanza di dispositivi di protezione,  la pulizia e l'igiene generale sono carenti e  molti datori di lavoro non danno la priorità alle importanti linee guida coronariche.

Morten Skov avverte del rischio di una maggiore chiusura invece di riaprire se il rischio di infezione non è gestito sul posto di lavoro.

“Esiste un chiaro e inequivocabile desiderio da parte del movimento sindacale per il governo e tutti i partiti in parlamento di riportare l'Ispettorato del Lavoro a tutta velocità al più presto possibile. È urgente! ”, Afferma Morten Skov.

 

In questa epoca le buone letture possono aiutarci a superare le difficoltà quotidiane e a renderci più consapevoli su quello che sta succedendo. Spillover, ovvero "Salto di specie" di David Quammen spiega con un linguaggio comprensibile il lavoro dei "cacciatori di virus" che si immergono nelle profondità di grotte per prelevare tamponi di saliva a pipistrelli o nelle folte foreste pluviali del Congo alla ricerca di sospettose famiglie di gorilla cui fare qualche prelievo di sangue….

Questi ricercatori con il loro lavoro hanno dato rilevanza scientifica con dati precisi al fenomeno dello "spillover" ovvero del salto di specie da polli, maiali, scimpanzè di alcune famiglie di virus agli umani. Stiamo vivendo una pandemia che ha origine, verosimilmente, dal salto di specie da un animale, pippistrello o pangolino o altro, all'uomo con le conseguenze catastrofiche che abbiamo visto. Le dinamiche con le quali si verifica questo fenomeno non sono sufficientemente conosciute. Ciò che è certo che il Covid-19 non è un prodotto frutto del bricolage di un qualche laboratorio di virologi maldestri e sprovveduti.

...continua a leggere "«Siamo stati noi a generare l’epidemia di Coronavirus. Potrebbe essere iniziata da un pipistrello in una grotta, ma è stata l’attività umana a scatenarla.» (David Quammen, «The New York Times»)"