In tutto il mondo, gli operai edili sono coinvolti tra il rischio di coronavirus e la mancanza di lavoro

 

Un pendolarismo giornaliero di due ore e mezza a tratta avrebbe un impatto su chiunque, ma per Özkan, un operaio edile a Istanbul, la parte più difficile del suo lungo viaggio è far fronte alle sue paure su ciò che potrebbe accadere dopo casa.

“Le condizioni sul nostro sito di lavoro sono deplorevoli e mi sento psicologicamente rotto dal preoccuparmi di poter infettare altre persone, in particolare mia moglie o mio figlio di 8 anni”, afferma Özkan. “Non abbiamo modo di disinfettarci sul sito, quindi appena torno a casa vado direttamente in bagno a farmi una doccia. Non posso baciare mio figlio, posso solo salutarlo da lontano. ”

In tutto il mondo, i governi chiedono ai loro cittadini di rimanere a casa per proteggere se stessi e gli altri dalla pandemia di COVID-19 , ma milioni di operai edili sono ancora al lavoro, intrappolati tra il rischio della propria salute e la perdita di mezzi di sussistenza.

La salute e la sicurezza sono molto importanti, ma nei luoghi in cui i lavoratori non hanno sicurezza, è difficile per loro non lavorare”, afferma Ambet Yuson, segretario generale dell’Unione internazionale dei lavoratori edili e del legno (BWI). “Puoi morire di coronavirus, ma puoi anche morire di fame.”

Continua a leggere “In tutto il mondo, gli operai edili sono coinvolti tra il rischio di coronavirus e la mancanza di lavoro”

Aggiornamenti su Epidemia Covid-19 da Epicentro – Istituto Superiore Sanità

Segnalazione Aggiornamenti fonte  Epicentro Istituto Superiore Sanità 

4/5/2020 – Impatto dell’epidemia COVID-19 sulla mortalità totale della popolazione residente primo trimestre 2020

È online il rapporto “Impatto dell’epidemia COVID-19 sulla mortalità totale della popolazione residente primo trimestre 2020” realizzato da ISS e ISTAT per fornire una lettura integrata dei dati epidemiologici di diffusione dell’epidemia di COVID-19 e dei dati di mortalità totale acquisiti e validati da ISTAT. Si tratta della prima volta che l’Istat diffonde questa informazione riferita a un numero così consistente di comuni. L’ampia base dati, relativa all’86% della popolazione residente in Italia, consente di valutare gli effetti dell’impatto della diffusione di Covid-19 sulla mortalità totale per genere ed età nel periodo iniziale e di più rapida diffusione del contagio: marzo 2020. Per maggiori informazioni scarica il documento completo (pdf 1,4 Mb).

 

4/5/2020 – Inquinamento atmosferico e diffusione del virus SARS-CoV-2

Le ipotesi che suggeriscono correlazioni tra le aree a maggior inquinamento atmosferico e la diffusione del virus responsabile della COVID-19 hanno sollecitato la richiesta di pareri all’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e stimolato molti gruppi di studiosi a collaborare per esaminare il problema e le possibili associazioni. Tuttavia, l’incertezza che ancora riguarda molti aspetti di questa epidemia richiede quindi una certa cautela e un approfondimento delle eventuali relazioni causa-effetto. Leggi l’approfondimento a cura di Gaetano Settimo, Maria Eleonora Soggiu, Maria Masocco, Angela Spinelli (ISS).

 

4/5/2020 – Rapporti ISS COVID-19

È on line il 19simo Rapporto ISS COVID-19 “Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico-chirurgici e biocidi” a cura del Gruppo di lavoro ISS Biocidi COVID-19. Il documento presenta una panoramica relativa all’ambito della “disinfezione” con l’intento di chiarire punti quali: tipologia di prodotti disinfettanti, sia per la cute umana sia per le superfici, disponibili sul mercato italiano, efficacia di questi prodotti contro i virus, etichette di pericolo presenti sui prodotti, condizioni per un loro corretto utilizzo al fine di garantirne efficacia e sicurezza d’uso.

 

 

Comunicato Stampa AiFOS .Il bando 2020 per premiare le tesi su salute, sicurezza e sostenibilità

 

Fino al 31 ottobre 2020 è possibile inviare gli elaborati per partecipare al nuovo premio indetto dalla Fondazione AiFOS per le migliori tesi di laurea su salute, sicurezza sul lavoro e sostenibilità.

Tutte le grandi emergenze, come quella attuale conseguente alla diffusione del nuovo coronavirus SARS-CoV-2 in Italia e nel mondo, fanno emergere la necessità di ripensare non solo le strategie per affrontare una pandemia, ma anche il rapporto con il nostro pianeta e la sostenibilità ambientale, economica e sociale delle nostre politiche.

Per questo motivo, malgrado l’emergenza COVID-19, la Fondazione AiFOS conferma anche per il 2020 il “Premio tesi di laurea nell’ambito della salute e sicurezza sul lavoro e sostenibilità”. Un concorso che nel 2019 ha visto la partecipazione di ben 212 tesi (109 sulla salute e sicurezza sul lavoro e 103 sulla sostenibilità) con studenti provenienti da tutta Italia o da Università online. E che ha premiato, lo scorso 29 gennaio presso la Sala Napoleonica di Palazzo Greppi dell’Università degli Studi di Milano, otto diverse tesi di laurea.

Il bando tesi di laurea 2020

Per favorire l’analisi delle problematiche e trovare nuove idee e proposte in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e in materia di sostenibilità, la Fondazione AiFOS, in collaborazione con l’Associazione AiFOS, indice il Bando Tesi di Laurea 2020 per tesi, discusse tra il primo novembre 2019 ed il 31 ottobre 2020, che trattino i seguenti temi:

  • Salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, declinata in uno dei seguenti ambiti:
    • ambito giuridico, normativo, organizzativo;
    • ambito tecnico, ingegneristico, medico;
    • ambito psicologico, educativo, formativo, relazionale.
  • Sostenibilità in ambito lavorativo, declinata in uno o più dei seguenti argomenti: benessere organizzativo, parità di genere, lavoro dignitoso, diversity management, conciliazione vita-lavoro, corretta gestione ambientale e consumo aziendale responsabile.

 

I destinatari del premio e la valutazione delle tesi

L’edizione 2020 del Premio Tesi di laurea è rivolta agli studenti laureati/laureandi autori di tesi di laurea triennale, specialistica, magistrale, dottorati di ricerca o master di primo livello e secondo livello, che non siano già risultati tra i vincitori nelle precedenti edizioni del premio.

Come sempre la valutazione delle tesi è affidata ad una Commissione valutatrice, nominata dal Presidente della Fondazione AiFOS e composta da membri esperti interni ed esterni, coadiuvata dalla segreteria tecnica della fondazione stessa.

Continua a leggere “Comunicato Stampa AiFOS .Il bando 2020 per premiare le tesi su salute, sicurezza e sostenibilità”