La comunicazione ai tempi del Coronavirus

Segnaliamo questo articolo apparso sulla Rivista Micron.

” Diversi operatori delle agenzie ambientali, delle strutture sanitarie e degli assessorati di molte regioni hanno partecipato alla formazione promossa dal progetto del Ministero Salute rete di epidemiologia ambientale EpiAmbNet-CCM , sul “Documento guida sulla comunicazione del rischio ambientale per la salute”.
Il passaggio dall’informazione alla comunicazione assicurando la partecipazione connota un sempre maggiore grado di interazione e complessità, che si accentua nelle circostanze di crisi come quella che stiamo vivendo.

Nel documento-guida vengono riproposti e analizzati i tre diversi contesti di comunicazione proposti da Lundgren e McMakin (1998), per orientare i pianificatori e consentire alle strutture responsabili di preparare strategie e strumenti da mettere in atto quando necessario: ……..

l’articolo prosegue alla fonte su Micron 

COVID-19 in gravidanza, parto e allattamento: gli aggiornamenti della settimana

 

FONTE EPICENTRO.ISS.IT

5/3/2020 – COVID-19 in gravidanza, parto e allattamento: gli aggiornamenti della settimana

La comunità scientifica italiana dei neonatologi, pediatri, ginecologi e ostetriche ha aderito all’iniziativa dell’ISS di istituire un gruppo di lavoro, che esamini e divulghi gli aggiornamenti della letteratura scientifica sul tema COVID-19 in gravidanza, parto e allattamento. L’obiettivo dell’iniziativa è fornire indicazioni utili alla pratica clinica per i professionisti sanitari che assistono la nascita. Il CNaPPS dell’ISS ha assunto la responsabilità di interrogare le banche dati per la disamina della letteratura e di ricercare la letteratura e i documenti prodotti dalle agenzie governative internazionali e dalle società scientifiche di settore sul tema Covid-19 in gravidanza, parto e puerperio. Leggi l’approfondimento dedicato a cura delle ricercatrici ISS.

 

Ministero del lavoro . Coronavirus: modificate le modalità di accesso allo smart working

Riproduciamo per opportuna diffusione e conoscenza questa notizia tratta dal sito del Ministero del  lavoro

2 marzo 2020

​Nell’ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (coronavirus), il Presidente del Consiglio dei ministri ha emanato ieri sera un nuovo Decreto che interviene anche sulle modalità di accesso allo smart working.

Infatti, l’articolo 4 “Ulteriori misure sull’intero territorio nazionale“, stabilisce che “la modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, può essere applicata, per la durata dello stato di emergenza di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020, dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, nel rispetto dei principi dettati dalle menzionate disposizioni, anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti. Gli obblighi di informativa di cui all’art. 22 della legge 22 maggio 2017, n. 81, sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito dell’Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro“.

Con il DPCM di ieri, infine, “cessano di produrre effetti il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23 febbraio 2020, nonché il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 febbraio 2020“.

Cosa fa il sindacato inglese per i lavoratori contagiati da COVID-19 ( Coronavirus_)

  • Quasi 2 milioni di lavoratori non possono beneficiare di indennità di malattia previste dalla legge, incluso un terzo dei lavoratori con contratto a zero ore
  • Il TUC chiede una legislazione di emergenza che preveda la retribuzione per malattia di tutti i lavoratori sin dal primo giorno di malattia, indipendentemente da quanto guadagnano

Il TUC chiede al governo di rispondere all’epidemia di COVID-19 fornendo supporto di emergenza a milioni di lavoratori del Regno Unito che attualmente stanno perdendo la legge Sick Pay (SSP).

In una lettera a Matt Hancock e Thérèse Coffey, il segretario generale della TUC, Frances O’Grady, avverte che una fornitura inadeguata di retribuzione per malattia potrebbe impedire alle persone di farsi carico dei consigli sulla salute pubblica, dal momento che molti lavoratori faranno fatica a sostenere i costi di vita di base se non possono andare al lavoro per un periodo prolungato.

Di conseguenza, alcuni potrebbero pensare di non avere altra scelta se non quella di andare a lavorare malati o contro i consigli del governo.

Attualmente, quasi 2 milioni dei lavoratori meno retribuiti non guadagnano abbastanza per beneficiare della retribuzione per malattia. Secondo l’analisi TUC questo include:

  • 34% dei lavoratori con contratto a zero ore
  • 1 donna su 10 al lavoro
  • Più di un quinto (22%) dei lavoratori di età compresa tra 16 e 24 anni
  • Più di un quarto (26%) dei lavoratori di età pari o superiore a 65 anni, identificato dal governo come uno dei gruppi più vulnerabili al virus

Per affrontare il problema, il TUC chiede al governo di introdurre un pacchetto di sostegno di emergenza per i lavoratori colpiti dal virus, tra cui:

  • Legislazione di emergenza per garantire la copertura legale della retribuzione per malattia a tutti i lavoratori dal primo giorno di malattia, indipendentemente da quanto guadagnano.
  • Un aumento dell’ammontare della retribuzione per malattia all’equivalente del salario nazionale
  • Un requisito che coloro che chiedono al proprio datore di lavoro di autoisolarsi per motivi di salute pubblica rimangono pagati integralmente.
  • Un fondo di emergenza per aiutare i datori di lavoro a sostenere i costi e per coprire i lavoratori che al momento non sono ammissibili a indennità di malattia.

La segretaria generale della TUC, Frances O’Grady, ha dichiarato:

“Vogliamo tutti che le persone seguano i consigli sanitari del governo. Nessuno dovrebbe essere fuori di tasca per fare la cosa giusta.

“Ma così com’è, molte persone non saranno in grado di sostenere i costi di vita di base se rimangono a casa dal lavoro.

“Questa è una scelta impossibile che ha serie implicazioni per tutti noi. La soluzione più giusta e più semplice è riformare immediatamente la legislazione sulla retribuzione per malattia in modo da coprire tutti i lavoratori a un ritmo decente.

“È il modo sensato di fornire alle famiglie che lavorano la sicurezza di cui hanno bisogno e di proteggere la salute pubblica”.

ENDS

Note per i redattori:
– Una petizione TUC che chiede a tutti i lavoratori di ottenere una retribuzione per malattia dal primo giorno ha raccolto più di 10.000 firme.

– I consigli del governo emessi oggi (martedì) suggeriscono che fino a un quinto della forza lavoro potrebbe essere ammalato durante il picco di un’epidemia di coronavirus: https://www.gov.uk/government/publications/coronavirus-action-plan

– I dati sui lavoratori non ammissibili per la retribuzione legale per malattia provengono dal 3 ° trimestre 2019 ONS. I dati sui lavoratori a zero ore provengono da ONS 2019 Q2 (gli ultimi dati disponibili che mostrano i redditi dei lavoratori con contratti a zero ore).

– La segretaria generale della TUC, Frances O’Grady, ha scritto oggi ai segretari di Stato per la salute, il lavoro e le pensioni. Continua a leggere “Cosa fa il sindacato inglese per i lavoratori contagiati da COVID-19 ( Coronavirus_)”