Vai al contenuto

Questa notizia proviene dal Sindacato GMB  che organizza molti lavoratori della gig economy, fattorini (riders) e intende rappresentare le migliaia di giovani che lavorano collegati tramite app ad una piattaforma. La situazione generata dal corona virus che in alcuni casi prevede l'autoisolamento dopo contatti con persone a rischio diventa drammatica in quanto questi lavoratori non vengono pagati.... Riteniamo che situazioni simili  succedano anche in Italia, invitiamo i lettori che ne fossero a  conoscenza di segnalarcele. editor 

FONTE IL SINDACATO INGLESE  GMB 

La minaccia del coronavirus sta lasciando i lavoratori dell'economia gigantesca "abbandonati e senza un soldo", afferma GMB.

I lavoratori nell'economia dei concerti - o a contratto con zero ore - che devono autoisolarsi a causa del coronavirus sono spesso lasciati senza salari e scarso sostegno da parte del loro datore di lavoro.

Un caso recente ha visto un autista addetto alle consegne contattato da un cliente che si considerava ad alto rischio.

L'autista riferì il fatto alla compagnia che gli ordinò di non tornare al lavoro, il che significa che non avrebbe avuto salari .

GMB è intervenuta e la società ha fatto marcia indietro, ma sempre più lavoratori dell'economia dei concerti stanno subendo lo stesso destino.

Mick Rix, funzionario nazionale GMB, ha dichiarato:

“La minaccia del Coronavirus è un grosso problema per i datori di lavoro e i lavoratori in tutto il Regno Unito.

“Ma i lavoratori della cosiddetta economia dei concerti, o con contratti a zero ore, vengono lasciati abbandonati e senza un soldo se devono autoisolarsi.

“Ancora una volta il modello di lavoro autonomo fittizio sta rovinando gli svantaggiati.

"GMB chiede a tutti i datori di lavoro - indipendentemente dal contratto - di fare la cosa giusta e pagare i propri lavoratori se devono prendersi del tempo libero a causa della crisi sanitaria globale".