Vai al contenuto

11 febbraio 2020 La violenza di genere e le molestie sul lavoro sono molto diffuse in Brasile e fino all'adozione del primo standard mondiale al mondo sulla violenza e le molestie sul lavoro, C190, si è fatto ben poco per rimediare.

La stragrande maggioranza degli operai brasiliani del settore tessile e calzaturiero che hanno preso parte a un recente studio afferma di aver subito una qualche forma di violenza sul lavoro, spesso violenza di genere e molestie, nella misura in cui “per molte donne, il lavoro è sinonimo di sofferenza ”.

Secondo il presidente della Confederazione nazionale dei lavoratori dell'abbigliamento (CNTRV) Francisca Trajano,

"La cosa più rivelatrice che questo studio ha scoperto è l'estensione della violenza sul posto di lavoro. Sono particolarmente sorpreso dall'entità delle molestie sessuali da parte delle autorità di vigilanza. "

Circa 246 lavoratrici hanno preso parte a seminari regionali o discussioni guidate tra marzo e giugno nell'ambito di uno studio sociale dell'Instituto Observatorio sui lavoratori tessili e delle scarpe in sei città: Colatina, Fortaleza, Ipirá, Pouso Alegre, Sapiranga, Sorocaba e São Paulo .

Lo studio, finanziato dalla filiale brasiliana della Fondazione C&A e condotto con il sostegno del centro di solidarietà o organizzazione dei diritti dei lavoratori negli Stati Uniti, ha rilevato che la forma più frequente di violenza è il bullismo, con i supervisori che urlano e maledicono i lavoratori, minacciandoli se non lo fanno produrre al ritmo richiesto e molestarli per l'utilizzo del bagno.

Il bullismo è spesso diretto verso i leader sindacali, secondo il rapporto, con le leader sindacali sorvegliate da vicino dalle autorità di vigilanza, che molestano e addirittura licenziano i lavoratori che parlano con loro. Il sondaggio mostra che la violenza di genere è spesso mescolata ad altri tipi di violenza e discriminazione, rendendo particolarmente vulnerabili le donne afro-brasiliane, i lavoratori LGBTQI + e altre. ...continua a leggere "Lo studio sulla violenza di genere nelle fabbriche di abbigliamento brasiliane fornisce un “campanello d’allarme all’azione”"