Vai al contenuto

 

FONTE SUPERABILE

 

Tper disinfetta i bus a Bologna e Ferrara per arginare il coronavirus. Dopo l'ordinanza emanata dalla Regione, l'azienda di trasporto "ha messo in campo un piano straordinario integrativo rispetto a quanto già avviene abitualmente"

26 febbraio 2020

BOLOGNA- Tper disinfetta i bus a Bologna e Ferrara per arginare il coronavirus. Dopo l'ordinanza emanata dalla Regione, l'azienda di trasporto "ha messo in campo un piano straordinario integrativo rispetto a quanto già avviene abitualmente". In particolare, già a partire dalla scorsa notte, "ad ogni rientro in deposito dei bus viene effettuato un intervento mirato di disinfezione con utilizzo di prodotti a base di ipoclorito di sodio o di prodotti similari a base di cloro con la medesima efficacia. Particolare attenzione viene dedicata al posto guida del conducente, e alle parti di maggiore contatto, tra cui tutti i mancorrenti, gli appoggi e i sedili". Inoltre, dettaglia ancora una nota, "durante le previste operazioni di manutenzione è stata disposta la pulizia straordinaria con sanificazione dei filtri aria degli impianti di riscaldamento e condizionamento. è disposta, infine, la periodica vaporizzazione con prodotti specifici a base di cloro sull'intero mezzo".

Tper, recita ancora il comunicato, "continuerà ad osservare con attenzione le indicazioni che perverranno dalla cabina di coordinamento regionale, istituita dalla Regione Emilia-Romagna, e dai rispettivi territori di competenza, adottando tutte le misure necessarie per tutelare l'utenza e il personale in servizio". L'azienda, comunque, "inviterà l'utenza al rispetto delle norme igienico-sanitarie contenute nello stesso documento allegato, nello spirito di collaborazione con le Istituzioni e in una logica di prevenzione, senza che ciò comporti allarmismi e al fine di garantire adeguate condizioni di viaggio sui mezzi di trasporto collettivi anche in questo periodo di grande attenzione pubblica".

Abbiamo riprodotto questo articolo " Pillole antipanico, non aver paura di .... " dal sito dell'Istituto Superiore di Sanità perché riteniamo  debba avere la massima diffusione  possibile .... ( editor ) 

Fonte : Istituto Superiore di Sanità

ISS, 26 febbraio 2020

  1. Restare senza cibo: non è necessario fare scorte di generi alimentari. Gli esercizi commerciali, nelle zone che attualmente non sono sede di focolai epidemici, restano aperti e garantiscono il rifornimento di tutti i prodotti, non soltanto quelli di prima necessità.
  2. Rimanere senza prodotti per l’igiene delle mani: anche se, a causa della paura generata dal contagio, le farmacie e altri punti vendita possono rimanere sprovvisti di gel o soluzioni per l’igiene delle mani, va ricordato che il lavaggio con acqua e sapone, se ben effettuato, garantisce una perfetta igiene anche nei confronti del virus SARS -CoV-2. Qualora voleste approfittare della comodità di un gel o di una soluzione per l’igiene delle mani a base idroalcolica da portare con voi e da usare in qualunque situazione, segnaliamo che questi prodotti possono essere preparati anche da alcune farmacie come prodotti galenici provvisti di apposita etichetta. Suggeriamo di scegliere quelli con una percentuale di alcol pari ad almeno il 60%.
  3. Essere contagiati dagli animali da compagnia: sebbene si possa ipotizzare che il SARS -CoV-2 sia originato da un serbatoio animale, il contagio della malattia da coronavirus (COVID-19) è interumano. E’ comunque una buona regola igienica, per proteggersi da altri patogeni più comuni, lavarsi le mani con acqua e sapone dopo avere accudito gli animali.

 

Disinfettanti, sconsigliati i prodotti ‘fai da te’

Tutti i prodotti che vantano in etichetta un’azione “disinfettante” sono autorizzati come Presidi Medico Chirurgici (PMC) sul territorio nazionale dal Ministero della Salute previa valutazione della loro efficacia e sicurezza da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Sulla base di tali indicazioni il produttore ha l’obbligo di predisporre un’etichetta che riporti i componenti costitutivi del prodotto, nonché i pericoli associati al suo utilizzo e i relativi consigli di prudenza. L’etichetta, che deve essere validata dall’ISS e autorizzata dal Ministero della Salute, è fondamentale per evitare l’uso improprio del prodotto.

In commercio sono disponibili prevalentemente due tipologie di disinfettanti autorizzati, uno per la cute integra e uno per le superfici. Generalmente, il primo è a base di etanolo (alcol etilico ca. 75%), il secondo a base di sodio ipoclorito (Candeggina).

Nel 2009, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), per far fronte ad alcune emergenze sanitarie a livello globale, ha reso disponibile la guida “Guide to Local Production: WHO-Recommended Handrub Formulations” – per preparare prodotti per l’igiene delle mani. La Guida OMS non è destinata alla preparazione a scopo di vendita né alla produzione “fai da te”, bensì a produttori che intendono preparare i prodotti localmente nelle proprie strutture (non a scopo industriale).

Pertanto, la Guida OMS, che include anche informazioni sul corretto utilizzo e sull’etichettatura del prodotto finale, fornisce due ricette destinate alle farmacie o ad appositi laboratori. Le due ricette, che si riferiscono alla produzione di grandi volumi (10 litri), prevedono l’utilizzo di sostanze pericolose sia dal punto di vista degli effetti per la salute umana che dal punto di vista dei pericoli fisici.

In particolare:

  1. il formulato 1 prevede l’utilizzo di perossido di idrogeno (acqua ossigenata), una sostanza che può provocare gravi lesioni oculari quando è presente in concentrazioni tra il 5 e l’8%, e di alcol etilico al 96%, sostanza infiammabile;
  2. Il formulato 2 contiene isopropil alcol (alcol isopropilico) al 99,8%, sostanza pericolosa che provoca grave irritazione oculare ed effetti narcotici quali sonnolenza e vertigini, ed è infiammabile; anche il formulato 2 prevede l’uso di perossido di idrogeno (acqua ossigenata).

 

Sulla base delle caratteristiche di pericolo delle sostanze previste nelle due ricette non è consigliabile preparare in casa i prodotti anche in considerazione del fatto che le sostanze di partenza devono rispondere a precisi standard di qualità, come indica l’OMS. Tuttavia, non potendo escludere una preparazione “fai da te”, si sottolinea che un preparato contenente sostanze pericolose non deve mai essere conservato in contenitori anonimi privi di etichetta e di informazioni sul contenuto e della data di preparazione; questa tipologia di prodotti deve essere conservata lontano dalla portata dei bambini, dai prodotti alimentari e da prodotti con altra destinazione d’uso.

Considerata la pericolosità delle sostanze, i produttori di prodotti analoghi sono obbligati dalla normativa europea a riportare sull’etichetta dei formulati (miscela) le seguenti indicazioni di pericolo: “liquido e vapori facilmente infiammabili; provoca grave irritazione oculare” e i seguenti consigli di prudenza: “proteggere gli occhi e il viso, tenere lontano da fonti di calore, tenere a disposizione il contenitore in caso di consultazione di un medico, tenere fuori dalla portata dei bambini, non fumare, in caso di incendio utilizzare schiuma alcol resistente, polvere chimica, acqua nebulizzata, anidride carbonica; in caso di contatto con gli occhi sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere eventuali lenti a contatto”. I produttori devono inoltre garantire che il personale addetto alla preparazione di questi prodotti, manipoli le singole sostanze (ingredienti) in condizioni di sicurezza indossando dispositivi di protezione individuali quali: guanti e occhiali protettivi ed evitando di respirare i vapori.

FONTE GMB UNION

GMB chiede una revisione dell'età pensionabile in quanto l'aspettativa di vita delle donne nelle zone più povere diminuisce.

Il sindacato GMB ha chiesto una revisione dell'età pensionabile dopo che un rapporto dell'Istituto di equità sanitaria ha riscontrato che l'aspettativa di vita per le donne nel 10% più povero delle aree è diminuita per la prima volta in 100 anni.

Il rapporto ha anche scoperto che i cosiddetti "decessi di disperazione" relativi a droghe, alcol e suicidio sono in aumento tra le persone di mezza età.

L'età pensionabile statale dovrebbe salire a 66 nell'ottobre di quest'anno.

Rehana Azam, segretario nazionale GMB, ha dichiarato:

“Il governo sta aumentando l'età pensionabile esattamente nel momento sbagliato, truffando le persone che lavorano duramente dalle loro pensioni quando dovremmo occuparci di loro.

“L'austerità  senza fine dei Tory ha svuotato la nostra capacità di prenderci cura dei nostri anziani, lasciando senza pensione  molti dei nostri anziani  che lavorano duro solo per sopravvivere.

"Ora abbiamo prove che l'aspettativa di vita si sta accorciando - il governo non può ignorarlo.

"Se i conservatori si prendessero cura dei nostri anziani, abbasserebbero l'età pensionabile e assicurerebbero alle persone di accedere alle pensioni e alle cure di cui hanno bisogno per una buona qualità della vita".

FONTE EPICENTRO.ISS.IT 

È on line la nuova Circolare ministeriale “COVID-2019, nuove indicazioni e chiarimenti” che integra, aggiorna e sostituisce le due precedenti del 22 e del 27 gennaio 2020. La nuova Circolare prende atto, infatti, del nuovo scenario epidemiologico presente in Italia e delle nuove evidenze scientifiche. Nel documento viene aggiornata la definizione di caso, quella di “contatto stretto”, definite le modalità di notifica dei casi, e le misure precauzionali che i medici di medicina generale (MMG) e pediatri di libera scelta (PLS) devono attuare in presenza di un caso sospetto. Inoltre vengono definite le procedure di triage telefonico dei sospetti e del trasferimento dei casi e di accesso ai Pronto Soccorso, la gestione dei casi nelle strutture sanitarie, ecc. Per approfondire consulta il documento completo “COVID-2019, nuove indicazioni e chiarimenti” (pdf 670 kb) e la sezione Normativa-coronavirus sul sito del Ministero della Salute.

Pubblichiamo il Comunicato Fiom Cgil con il quale il sindacato di categoria dei metalmeccanici indica le linee di condotta da tenere in merito "…alle problematiche legate alla diffusione del virus COVID-19 e alle ordinanze del Ministero della Salute e delle Regioni, anche al fine di evitare il diffondersi di un clima di allarmismo e di mantenere come Fiom un comportamento omogeneo a tutti i livelli dell’organizzazione…. "

IL COMUNICATO FIOM SU CORONAVIRUS COVID-19

In relazione alle problematiche legate alla diffusione del virus COVID-19 e alle ordinanze del Ministero della Salute e delle Regioni, anche al fine di evitare il diffondersi di un clima di allarmismo e di mantenere come Fiom un comportamento omogeneo a tutti i livelli dell’organizzazione, si ritiene utile specificare che restano confermate, sia a livello nazionale che territoriale: tutte le nostre attività di contrattazione e di tutela dei lavoratori e delle lavoratrici, le riunioni degli organismi dirigenti e le assemblee dei delegati e delle delegate; le assemblee nei luoghi di lavoro, già programmate o in via di programmazione, salvo che per ragioni che rivestano carattere di urgenza, motivate dalle limitazioni imposte dalle autorità competenti, tali assemblee vadano rinviate a data da destinarsi.

Tali criteri determinano anche l’iniziativa del centro nazionale, delle attività dei coordinamenti nazionali di settore e dell’insieme del gruppo dirigente della Fiom nazionale.

Si invitano le strutture territoriali, i delegati Fiom delle RSU e gli RLS, a richiedere appositi incontri in sede aziendale per concordare una corretta gestione delle disposizioni già emanate, un'adeguata informazione ai lavoratori, l’utilizzo degli strumenti e delle necessarie misure di prevenzione, evitando atti unilaterali delle imprese a partire dalla messa in libertà dei lavoratori e delle lavoratrici (diretti, degli appalti, in somministrazione, eccetera).

Tutte le strutture Fiom sono invitate a dare tempestiva comunicazione al centro nazionale circa l’evolversi della situazione a livello e territoriale e delle eventuali decisioni unilaterali delle aziende, dei gruppi, delle multinazionali. Ciò per un corretto monitoraggio e per concordare con le strutture interessate le adeguate risposte omogenee da dare come Fiom in tutto il territorio nazionale.

Fiom nazionale
Roma, 24 febbraio 2020

Fonte  Fiom-Cgil nazionale 

Riproduciamo da Euronorma, questo comunicato che informa le aziende sui contenuti del DPCM 23/02/2020 in merito alle misure per impedire la diffusione del contagio da Coronavirus. Ringraziamo Euronorma e il Dott.Graziano Frigeri . Editor

CORONAVIRUS COVID 19 – COMUNICATO ALLE AZIENDE DEL 25 FEBBRAIO 2020, ORE 8,00
Il Governo ha approvato il DPCM 23/02/2020 che prevede drastiche misure di contenimento per 10 Comuni del Basso Lodigiano (Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini) e un Comune del Veneto (Vo’) tra cui:
– divieto di allontanamento e di accesso da parte di chiunque;
–  sospensione dei servizi di trasporto merci e persone da e per le località indicate;
–  sospensione delle attività lavorative per le imprese, ad eccezione di quelle che erogano servizi essenziali e di pubblica utilità;
– sospensione delle attività lavorative per i residenti o domiciliati, anche di fatto, nei comuni indicati anche se le attività lavorative sono svolte al di fuori delle aree interessate dal DPCM.
Sono inoltre adottate, per tutto il territorio nazionale, ulteriori misure tra cui l’obbligo per chi a partire al 1 febbraio 2020 sia transitato ed abbia sostato nei Comuni interessati di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’ASL competente per territorio che potrà disporre le misure ritenute necessarie, inclusa la permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.
Le misure, salvo diversa successiva disposizione, avranno efficacia per 14 giorni , pertanto fino al 7 Marzo.
Ulteriori misure sono state adottate dalle Regioni Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Valle d’Aosta, Friuli, Trentino e Liguria  con ordinanze regionali, concernenti in particolare la sospensione di attività implicanti affollamento, nonché la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fino al 1 Marzo.
La Regione Basilicata, unica in Italia, ha disposto la quarantena per chiunque si trovi sul suo territorio proveniente dalle Regioni a nord della Toscana e delle Marche.
Ciò premesso, fermo restando quanto previsto dal DPCM e rimandando alle ulteriori specifiche indicazioni delle singole Regioni ove emanate, si suggerisce alle Aziende di osservare le seguenti misure precauzionali:
1) ove vi siano lavoratori residenti e/o domiciliati nei comuni interessati dal DPCM,  per gli stessi deve essere disposta la sospensione del lavoro, invitandoli a rimanere nel proprio domicilio.
2) Non inviare lavoratori nelle aree interessate dal DPCM;
3) Non consentire l’accesso all’Azienda a soggetti (fornitori, corrieri, ecc.) provenienti dai Comuni interessati dal DPCM;
4) Qualora a partire dal 1 Febbraio 2020 l’Azienda abbia inviato lavoratori nei Comuni interessati dal DPCM per svolgervi attività, informare della circostanza il  Dipartimento di Prevenzione dell’ASL.
Analoga informazione va fornita in caso vi siano lavoratori tornati dalla Cina, Sud Corea, Iran.
Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero 112 (118 nelle regioni in cui non è attivo il numero unico europeo): il personale della Centrale Operativa valuterà ogni singola situazione ed adotterà le misure necessarie . Per informazioni generali chiamare 1500, il numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.
Per tutti valgono le raccomandazioni di seguire le buone prassi igieniche per la prevenzione delle malattie a trasmissione respiratoria:
– Lavarsi le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi
– Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di affezioni respiratorie acute
– Non toccarsi occhi, naso e bocca se non ci si è lavati le mani
– Coprire la bocca ed il naso quando si tossisce o si starnutisce
– Non usare gli antibiotici se non consigliati dal medico
– Pulire le superfici con disinfettanti a base di alcol
– Usare la mascherina solo in caso di presenti sintomi quali tosse o starnuti, o se si assiste una persona con sospetta infezione da nuovo coronavirus (viaggio recente in Cina o altre aree a rischio e sintomi respiratori)
– I prodotti made in China e i pacchi in arrivo dalla Cina o dalle altre aree a rischio non costituiscono pericolo
– Contattare il numero verde nazionale 1500 e/o gli eventuali numeri verdi regionali se tornando dalla Cina e dagli altri territori a rischio  si hanno sintomi influenzali
– I propri animali di compagnia non costituiscono pericolo di contagio .

Dott. Graziano Frigeri
Direttore Sanitario
Medico Competente Coordinatore

L’opera indirizza l’attenzione verso l’aspetto organizzativo e sulle interazioni che le molteplici carenze sociali, espresse oggi dal “sistema azienda”, trasformano in difetti tecnologici e in difetti comportamentali degli individui che formano la microsocietà aziendale.
Il magnetismo esercitato dalla tecnica sull’uomo attira prevalentemente su di sé anche l’attenzione di chi effettua l’analisi dei rischi nei luoghi di lavoro e le indagini conseguenti a infortuni e incidenti di varia entità. Una simile visione tecnocentrica deforma i connotati del problema sicurezza, dimenticandosi degli aspetti comportamentali individuali e dell’influenza esercitata dall’organizzazione aziendale.
Questo studio, indirizzato non solo agli operatori aziendali e ai consulenti in materia di sicurezza, ma anche ai formatori e agli “attori” aziendali che rivestono ruoli di responsabilità nei vari settori, indaga sul fenomeno errore, inquadrandolo in tre differenti ambiti: individuale, tecnologico, organizzativo.
Tali aspetti interagiscono tra loro consentendo che errori latenti, conseguenti, concomitanti e interconnessi in vario modo, conducano al verificarsi dell’infortunio.
Individuare gli errori e le connessioni che li legano, in una sorta di tracciato che collega la fonte del pericolo all’infortunio, significa, non solo porre in atto tecniche avanzate di prevenzione antinfortunistica, ma anche promuovere lo sviluppo di una cultura della sicurezza.
Ciò che emerge a chiare lettere dal volume e dai numerosi esempi citati è che gli errori individuali, così come quelli tecnologici, su macchinari impianti e processi, sono in buona parte costruiti a livello organizzativo.

vedi la Recensione completa sulla Rivista AMBIENTE E LAVORO 

Segnaliamo questo articolo di Pietro Greco pubblicato il 24 febbraio su Strisciarossa.it perchè contiene un'analisi accurata delle criticità nella gestione dell'epidemia provocata da Coronavirus. ( editor )

Coronavirus, è emergenza Informazione e trasparenza
per evitare la psicosi di Pietro Greco

Nelle ultime quarantott’ore la cronaca ci ha proposto qui in Italia due ordini di fatti (solo) in apparenza contraddittori. Stiamo parlando del virus battezzato SARS-CoV2, che causa la sindrome respiratoria a sua volta ribattezzata Covid-19. Sì, insomma, con parole più chiare dell’epidemia provocata dal nuovo coronavirus.

Abbiamo appreso delle decisioni del governo di isolare due zone, una nel lodigiano, in Lombardia, l’altra nel patavino, in Veneto. Abbiamo appreso anche delle decisioni di alcune regioni del Nord, in stretto contatto con i ministeri competenti, di chiudere pro tempore le scuole di ogni ordine e grado, oltre che di sospendere molte manifestazioni pubbliche, incluse le celebrazioni del carnevale a Venezia e di svariate partite di calcio.

Giuste misure precauzionali.

Quanto dobbiamo preoccuparci? Abbastanza, ma non troppo. Dobbiamo certamente aumentare il livello di prudenza ma altrettanto certamente non dobbiamo farci prendere dal panico.

Calma e gesso, direbbe un giocatore di biliardo. Ben sapendo però che qui la posta in gioco non è un caffè al bar ma la salute degli italiani.

Veniamo, dunque, alle due notizie in apparenza contraddittorie che ci hanno raggiunto nelle scorse ore.

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU STRISCIAROSSA.IT 

 

FONTE : SERVIZI PUBBLICI INTERNAZIONALI
La federazione sindacale globale dei lavoratori nei servizi pubblici

Articolo pubblicato sul sito di SPI il 17 febbraio 2020

L'epidemia di coronavirus (COVID-19) si è diffusa dalla Cina a due dozzine di paesi in meno di due mesi. Ci sono state decine di migliaia di casi confermati e oltre mille morti. Questa epidemia presenta un rischio professionale per i lavoratori del settore pubblico che possono essere esposti al virus nel corso del loro lavoro. Venuta dopo anni di tagli e finanziamenti inadeguati dei sistemi di sanità pubblica, rappresenta in particolare un rischio significativo per la sicurezza e la salute sul lavoro per gli operatori sanitari e le loro famiglie in tutto il mondo.

Precedenti focolai di malattie trasmissibili altamente infettive hanno dimostrato che i risultati di salute pubblica sono significativamente migliorati quando i diritti del lavoro sono rispettati e i sindacati sono in grado di rappresentare efficacemente i lavoratori esposti e potenzialmente esposti alla malattia. ...continua a leggere "Focolaio di coronavirus: briefing di orientamento per l’azione del Sindacato globale dei lavoratori della Funzione Pubblica."

Relazione del Dott. Leopoldo Magelli al Convegno promosso da “CITTADINANZA ATTIVA BOLOGNESE” : GUARDARE INDIETRO PER ANDARE AVANTI , (Bologna, 18 gennaio 2020)

“dedicato a Guido Canova , quadro FIOM della CASARATA, morto per tumore da amianto”

L'AMIANTO COME DOPPIO PARADIGMA 

Fonte Epicentro 

Coronavirus

Ultimi aggiornamenti

24/2/2020 - ECDC: la nuova valutazione del rischio

Secondo il risk assessment (valutazione del rischio) aggiornato al 24 febbraio dall’ECDC, il rischio di contrarre un’infezione da SARS-CoV-2 per i cittadini dei Paesi UE/SEE (Unione europea/Spazio economico europeo) e del Regno Unito è, attualmente, basso/moderato, mentre il rischio di infezione per i cittadini UE/SEE e del Regno Unito, che risiedano o siano in visita in zone con presunta trasmissione locale è, al momento, alto. In particolare l’ECDC distingue inoltre, il rischio per i sistemi sanitari EU/SEE e Regno Unito durante il picco della stagione influenzale Basso/moderato. Infine, il rischio che in altri Paesi UE/SEE si verifichino focolai simili a quelli registrati in Italia è al momento considerato moderato/alto.

24/2/2020 - Mortalità per influenza

Antonino Bella (Dipartimento Malattie Infettive, ISS) spiega come leggere i dati sulla mortalità per influenza del bollettino settimanale FluNews-Italia – rapporto della sorveglianza integrata dell’influenza. Leggi l’approfondimento.

Fonte Ministero Salute

 

Per gli aggiornamenti sul Coronavirus  (Covid-19)  invitiamo i lettori ad attingere le informazioni da fonti certificate. Diario Prevenzione suggerisce, a coloro che sono interessati,  di  visitare il sito Epicentro dell’Istituto superiore di Sanità che ha predisposto una pagina con l’indice delle notizie aggiornate sul tema.

Ultimi Aggiornamenti sul Coronavirus  su Epicentro 

Ministero della Salute su Coronavirus - COVID-19

Aggiornamenti COVID - 19  dal Centro Controllo Malattie AgenziaEuropea

Fonti di informazioni aggiornate su COVID-19 nell'UE / SEE e nel Regno Unito

Vedi inoltre le ultime notizie che si possono leggere  nella  colonna a destra provenienti dal Ministero della Salute italiano e da ECDC , Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. In ragione della serietà e complessità del governo preventivo e sanitario del Covid-19 suggeriamo di fare riferimento solo  alle informazioni provenienti  dalle autorità  istituzionali e sanitarie locali , regionali e nazionali.

 

 

 FONTE CIIP 

 Copertina Legionella Il 20 febbraio 2020 è stato pubblicato il documento Linee di indirizzo per la prevenzione della diffusione della Legionella, prodotto dal Gruppo di Lavoro CIIP coordinato da Francesca Romana d'Ambrosio (AiCARR) e composto da Luisa Biazzi (ANPEQ)Norberto Canciani (Ambiente & lavoro), Susanna Cantoni (CIIP), Luca Alberto Piterà (AiCARR-cocoordinatore), Katia Razzini (UNPISI), Francesco Santi (AIAS)
Ha collaborato alla redazione Enrico Cigada.

febbraio 2020

PER IL DOWNLOAD DEL DOCUMENTO VAI AL SITO CIIP

 

S.I.R.S Ravenna    Cgil Cisl Uil Ravenna     Servizio Sanitario Regionale Regione Emilia Romagna  Inail 

Organi di vigilanza e RLS: conoscenze e relazioni.
Diversi soggetti, un’unica prevenzione.

RAVENNA 12 marzo 2020
Sala D’Attorre via Ponte Marino n°2

POSTI DISPONIBILI: 150

Obiettivo del corso: I RLS, come Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, hanno una formazione sul ruolo ma non necessariamente una importante formazione specialistica e tecnica, tuttavia si trovano a interagire con organi di vigilanza che a vario titolo si occupano di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Si ritiene utile un momento di approfondimento e condivisione con i diversi organi che hanno funzione di vigilanza in azienda, anche sulle possibili interazioni con gli RLS.

PROGRAMMA E ISCRIZIONE AL SEMINARIO 

Denunciati all'Inail 61.130 casi, il 2,9% in più rispetto al 2018. Scarsa uniformità sul territorio: in Toscana il doppio di denunce che in Lombardia. Candeloro (Inca Cgil): “Numeri impressionanti, ma sottostimati. E solo il 38% di accoglimenti"

 

 

Nel 2019 sono aumentate, anche se di poco rispetto al 2018, le denunce di infortuni sul lavoro all'Inail (641.638, +0,1%), ma, soprattutto, sono aumentate in maniera ben più consistente le denunce di malattie professionali, passate da 59.585 nel 2018 a 61.310 nel 2019 (+2,9%). A testimoniarlo sono i dati della stessa Inail che descrivono un incremento del fenomeno tutto concentrato nel settore “industria-servizi”, mentre sia in agricoltura che nel pubblico (conto Stato) le denunce sono calate. ...continua a leggere "Italia, nel 2019 sono aumentate le malattie professionali di Fabrizio Ricci "

Segnaliamo il link al decalogo  di prevenzione per evitare l'infezione  Coronavirus elaborato dal Ministero dal Ministero della Salute e dalle Regioni.

 

Da ISS e Ministero della Salute un decalogo sul coronavirus con Regioni, Ordini professionali e Società scientifiche

 

In un convegno a Roma il prossimo 5 marzo saranno presentati il Rapporto scientifico 2000-2019 e la banca dati contenente dettagliate informazioni sulla silicosi e sulle altre patologie connesse al rischio. Con un applicativo dell’Istituto sarà possibile evidenziare la pericolosità delle lavorazioni in relazione alle attività produttive

Nella medicina del lavoro, la silicosi è una delle malattie professionali più conosciute e studiate. Le informazioni più recenti su questa patologia e sulle altre legate all’esposizione a silice cristallina sono ora raccolte in una banca dati con oltre 8mila campioni raccolti dal 2000 al 2019, progettata e realizzata dalla Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione (Contarp) e dalla Direzione centrale organizzazione digitale, consultabile nella sezione “servizi online” del sito Inail.

Rischio silice presente in edilizia e in altri settori. Anche se i livelli di esposizione a silice sono molto ridotti rispetto al passato, grazie a misure preventive adottate dalle aziende, sono stati riscontrati casi di questa patologia in settori produttivi inattesi e poco esplorati, come quelli orafo, odontotecnico e della lavorazione dei marmi. Essi si sono affiancati a comparti tradizionalmente più esposti, come quello delle costruzioni, in cui la numerosità degli addetti coinvolti, una sorveglianza sanitaria a volte non adeguata e una formazione carente ne accentua le criticità.

...continua a leggere "Esposizione a silice, dall’Inail una mappatura completa del rischio"

Ringraziamo Inca nazionale che ci ha reso disponibile il testo dell'accordo siglato fra la Direzione Regionale Inail Veneto e la Legacoop Veneto sulle attività che verranno poste in essere da tali strutture per la realizzazione del progetto “La prevenzione del rischio aggressività in contesti di assistenza sanitaria e di servizio al pubblico”, un manuale che contiene delle linee guida per riconoscere e gestire episodi di violenza fisica o verbale nei contesti lavorativi a diretto contatto con il pubblico. Queste linee guida possono costituire un valido strumento anche per il riconoscimento assicurativo degli eventuali danni da infortunio.

Ricordiamo che un analogo accordo è stato firmato lo scorso anno fra Legacoop e INAIL regionale Liguria

IL TESTO DELL'ACCORDO


Segnaliamo questa notizia pubblicata dal sito del Sindacato internazionale  BWI Building and Wood Workers 'International

La questione della sicurezza sul lavoro, in particolare nel settore delle costruzioni è un problema globale che non conosce confini e frontiere.  Solo la cooperazione e la ricerca internazionale possono migliorare le tecnologie , le pratiche e le norme  in uso  per la sicurezza. Editor


 

 

Il 31 gennaio 2020, durante lo smantellamento del complesso sportivo e concertistico (SCC) di San Pietroburgo, un lavoratore è stato ucciso a causa di gravi violazioni delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

L'arena SCC è stata costruita quarant'anni fa ed è diventata una parte storica del paesaggio del quartiere. Tuttavia, l'anno scorso, disprezza le proteste pubbliche, il governo di San Pietroburgo ha deciso di distruggere l'arena e costruire la più grande arena di hockey su ghiaccio in Europa entro il 2023.

Il processo di demolizione di SCC è stato pianificato in modo affrettato, non con attenzione, con il coinvolgimento di numerosi subappaltatori. Secondo le indagini dello stato il giorno del crollo dell'arena, sul posto erano presenti quattro operai. Le autorità statali non hanno fornito dettagli su quale società fosse responsabile.

Uno degli operai ha messo una videocamera sul suo casco per filmare l'organizzazione del lavoro. Quando gli esperti di salute e sicurezza sul lavoro hanno visto il video, hanno riconosciuto che i processi tecnologici non sono stati utilizzati correttamente e che le norme di salute e sicurezza sul lavoro sono state gravemente violate. ...continua a leggere "Russia: le violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro hanno causato la morte di un operaio edile"

 

La Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP) è una associazione nata nel 1990 per volontà di alcune tra le più rappresentative Associazioni professionali e scientifiche che operano nei settori della medicina del lavoro, dell'igiene industriale, della prevenzione ambientale, della sicurezza del prodotto e dell'ergonomia. Si pone oggi come uno strumento per l'integrazione delle conoscenze e l'armonizzazione delle risposte alle problematiche della prevenzione e della sicurezza dei lavori

CIIP rappresenta circa 15000 operatori ed esperti del settore; possiede tutte le migliori competenze ed esperienze da mettere a disposizione dei professionisti associati, di tutti i lavoratori, nonché dei consumatori, del mondo delle imprese e delle istituzioni.

IL SITO WEB  DELLA CIIP

11 febbraio 2020 La violenza di genere e le molestie sul lavoro sono molto diffuse in Brasile e fino all'adozione del primo standard mondiale al mondo sulla violenza e le molestie sul lavoro, C190, si è fatto ben poco per rimediare.

La stragrande maggioranza degli operai brasiliani del settore tessile e calzaturiero che hanno preso parte a un recente studio afferma di aver subito una qualche forma di violenza sul lavoro, spesso violenza di genere e molestie, nella misura in cui “per molte donne, il lavoro è sinonimo di sofferenza ”.

Secondo il presidente della Confederazione nazionale dei lavoratori dell'abbigliamento (CNTRV) Francisca Trajano,

"La cosa più rivelatrice che questo studio ha scoperto è l'estensione della violenza sul posto di lavoro. Sono particolarmente sorpreso dall'entità delle molestie sessuali da parte delle autorità di vigilanza. "

Circa 246 lavoratrici hanno preso parte a seminari regionali o discussioni guidate tra marzo e giugno nell'ambito di uno studio sociale dell'Instituto Observatorio sui lavoratori tessili e delle scarpe in sei città: Colatina, Fortaleza, Ipirá, Pouso Alegre, Sapiranga, Sorocaba e São Paulo .

Lo studio, finanziato dalla filiale brasiliana della Fondazione C&A e condotto con il sostegno del centro di solidarietà o organizzazione dei diritti dei lavoratori negli Stati Uniti, ha rilevato che la forma più frequente di violenza è il bullismo, con i supervisori che urlano e maledicono i lavoratori, minacciandoli se non lo fanno produrre al ritmo richiesto e molestarli per l'utilizzo del bagno.

Il bullismo è spesso diretto verso i leader sindacali, secondo il rapporto, con le leader sindacali sorvegliate da vicino dalle autorità di vigilanza, che molestano e addirittura licenziano i lavoratori che parlano con loro. Il sondaggio mostra che la violenza di genere è spesso mescolata ad altri tipi di violenza e discriminazione, rendendo particolarmente vulnerabili le donne afro-brasiliane, i lavoratori LGBTQI + e altre. ...continua a leggere "Lo studio sulla violenza di genere nelle fabbriche di abbigliamento brasiliane fornisce un “campanello d’allarme all’azione”"

FONTE : UNITE

I ministri devono intervenire e inasprire le leggi sul consumo di alcool  che i passeggeri  possono bere negli aeroporti del Regno Unito e sugli aeromobili : lo ha dichiarato  oggi il Sindacato Unite (Regno Unito, Gran Bretagna e Irlanda) (giovedì 13 febbraio).

Unite, che rappresenta 25.000 membri dell'equipaggio di cabina impiegati in tutti i vettori da British Airways a Ryanair, ha affermato che l'attuale sistema è "un pasticcio normativo".

Unite ha commentato dopo che Chloe Haines è stato incarcerato per due anni ieri (mercoledì 12 febbraio) per aver tentato di aprire una porta su un jet di Stansted diretto in Turchia a giugno, con la conseguenza che due combattenti della RAF venivano .

Il responsabile Unite per il trasporto aereo civile Oliver Richardson ha dichiarato: “Questo è stato un grave incidente che ha messo in pericolo passeggeri ed equipaggio. Sfortunatamente, i nostri membri stanno segnalando un preoccupante aumento di tali incidenti sui voli, molti dei quali legati al consumo di alcol.

“L'industria aeronautica ha un codice di condotta volontario per la gestione dei passeggeri problematici, ma si è rivelato debole e inefficace. Abbiamo bisogno di misure preventive molto più forti sostenute dalla legislazione. 

"Chiediamo ai ministri di introdurre una legislazione che imponga alle autorità aeroportuali e alle compagnie aeree  di informare i passeggeri su ciò che ci si aspetta da loro in termini di comportamento e che, in caso di comportamento dirompente, ciò è supportato da una serie di sanzioni dalle multe alla reclusione .

“Se vai in un pub nel Regno Unito, il comportamento dei bevitori è regolato da leggi che risalgono alla prima guerra mondiale.

“Tuttavia, negli aeroporti questi regolamenti non si applicano - è spesso visto come un alcool senza alcool che è ampiamente aperto agli abusi. È un pasticcio normativo.

"Non vogliamo essere killer e smettere di bere in modo sensato per chi va o torna dalle vacanze, ma la sicurezza dei piloti delle compagnie aeree e dell'equipaggio di cabina, e i passeggeri devono essere fondamentali".

Unite vuole che la legislazione futura includa:

  • Al momento del check-in, i passeggeri devono essere informati di ciò che costituisce un reato e delle sanzioni che potrebbero essere sostenute - allo stesso modo, i passeggeri sono attualmente informati su quali articoli non devono essere trasportati nel loro bagaglio
  • Gli avvisi di segnaletica diffusa sulle conseguenze del comportamento chiassoso dovrebbero essere visualizzati in tutti gli aeroporti
  • Alla sicurezza, a coloro che mostrano comportamenti antisociali dovrebbe essere impedito di proseguire il viaggio
  • Dopo la sicurezza, dovrebbe esserci un limite all'acquisto e al consumo di alcol. I negozi duty-free non dovrebbero vendere alcolici che possono essere scomposti in lattine, miniature e piccole bottiglie
  • All'imbarco, ulteriori controlli in modo che coloro che mostrano comportamenti ubriachi e dirompenti non possano salire a bordo dell'aeromobile
  • Una volta decollato il volo, dovrebbe essere vietato il consumo di bevande acquistate nei negozi duty-free o in aeroporto
  • Passeggeri mal educati ad affrontare il divieto di volare per un determinato periodo.

ENDS

Unite is Britain and Ireland’s largest union with members working across all sectors of the economy. The general secretary is Len McCluskey.

 

Con le sue indagini fitologiche, Darwin compie numerose scoperte in ambito botanico, dando origine, nel contempo, alla botanica evoluzionistica. Osservando il mondo vegetale, lo studioso britannico individua gli elementi portanti della sua teoria: la variazione, la selezione naturale e la migrazione.

Fonte : Micron   che ringraziamo

Autore Pietro Greco 

Si chiama Dryas octopetala, perché ha otto petali ed è bella come le ninfe delle querce della mitologia greca. Con le sue radici è in grado di colonizzare e stabilizzare i terreni instabili, dopo una frana. Sì, Dryas octopetala è una dimostrazione plastica della capacità delle piante di migrare. E non solo per brevi tratti. La pianta col suo fiore bianco si è spostata, per esempio, dal circolo polare artico all’area mediterranea. La troviamo facilmente sui monti anche in Italia.

Non è certo la sola pianta che migra. A ben vedere tutte le piante migrano. Tanto che i botanici hanno elaborato una vera e propria tassonomia della migrazione delle piante che avviene attraverso un meccanismo estremamente diffuso: per dispersione del seme. Una dispersione di tipo ciclico o non-ciclico; gaussiano o random; per popola-zione o per specie; per anemocoria (a opera del vento) o per barocoria (per gravità); per epizoocoria (a opera di animali con meccanismi di aggancio) o per endozoocoria (gli animali inghiottono il seme e poi lo rilasciano con le feci); per idrocoria (con le acque) o per la non meno importante mirmecocoria (grazie al lavoro infaticabile delle formiche).

Non c’è dubbio: le piante usano ogni mezzo per migrare. Di recente Stefano Mancuso ci ha raccontato L’incredibile viaggio delle piante (Laterza, 2018). Ma già alla fine degli anni ’80 del secolo scorso Jonathan D. Sauer pubblicò un libro straordinario, Plant Migration: la migrazione delle piante e la dinamica della distribuzione geografica delle specie con seme. Per chi sa anche un po’ di botanica, parlare di viaggio o di migrazione delle piante è una nozione più che acquisita. Una banalità. Ma è davvero così?

...continua a leggere "Il seme di Darwin"

11 febbraio 2020

Segnaliamo l'articolo di  Laurie Kazan-Allen  Presidente del Segretariato Internazionale per la messa la bando dell'amianto IBAS .

Nell'articolo vengono descritte le strategie con le quali questi colossi che operano in tutte le fasi del ciclo dall'estrazione alla  produzione di manufatti e prodotti contenenti amianto si stanno sottraendo  alle proprie  responsabilità rispetto alle richieste di risarcimenti da parte dei lavoratori e delle lavoratrici esposte alle fibre d'amianto. Di solito scelgono la via del fallimento....del cambio di ragione sociale, di scarico delle responsabilità su bad company svuotate di capitali. Nei paesi asiatici come Indonesia, in India come in  America latina,  in Brasile,  continuano a produrre grandi volumi di prodotti che contengono amianto. Come afferma l'autrice nel 2020 non dovrebbero più esserci industrie dell'amianto in ragione dei danni sanitari, ma così non è . In ogni caso, afferma l'autrice , i lavoratori non si dovrebbero fidare delle aziende che lavorano l'amianto....

Fonte :  Il Blog di Laurie  Kazan-Allen

 

FONTE DORS.IT

Gli infortuni e le malattie occupazionali comportano diversi tipi di costi. Innanzitutto ci sono i costi diretti, quelli legati all’assistenza sanitaria, che comprendono anche le cure “informali” a carico dei famigliari ed eventualmente della comunità. Inoltre vi sono i costi di produttività che comprendono il presentismo (quando il lavoratore si reca al lavoro anche se malato con maggiori probabilità di commettere errori), l'assenteismo, la riduzione della capacità lavorativa a seguito di menomazione permanente, la sostituzione di un lavoratore in congedo per infortunio o malattia, il minor contributo nelle attività domestiche. Infine sono stimati anche i costi legati alla perdita del benessere e della qualità della vita in generale. Tutti questi costi sono calcolati per ogni singolo caso di infortunio e malattia professionale per ottenere una stima totale. ...continua a leggere "Il costo degli infortuni e delle malattie professionali Nuovo report dell’Eu-Osha che stima i costi degli infortuni e delle malattie professionali in cinque paesi dell’Unione Europea"

Fonte : Diseguaglianzedisalute

Il rapporto OMS sulle disuguaglianze in ambiente e salute nella Regione Europea, uscito nel 2019, aggiorna precedenti analisi, e allarga l’attenzione a fattori di rischio ambientali quali l’inquinamento dell’aria, l’esposizione ad agenti chimici, i siti contaminati. Le disuguaglianze ambientali sono in aumento ed è necessario sviluppare sistemi di monitoraggio per guidare interventi ‘equity oriented’ a livello internazionale, nazionale e locale.

Nel corso del 2019 le principali agenzie internazionali con competenze in Ambiente e Salute nell’ambito europeo, ossia il Centro Europeo Ambiente e Salute dell’OMS e l’Agenzia Ambientale Europea (EEA), hanno pubblicato dei rapporti sul tema delle disuguaglianze.

L’obiettivo della riduzione delle iniquità in ambiente e salute è stato sottolineato come trasversale al perseguimento delle priorità di azione identificate dai Ministri di Ambiente e Salute della Regione Europea OMS in occasione della ultima conferenza interministeriale, organizzata nel 2017: “Any action should consider the distribution of impacts across the population and avoid equity-related side effects” (http://www.euro.who.int/__data/assets/pdf_file/0008/341945/Annex1_13June.pdf). ...continua a leggere "Promozione dell’equità nel settore ambiente e salute: una priorità in Europa"

Il numero 813 , febbraio 2020 , della rivista Travail & Sécurité è stato appena pubblicato. Il dossier di questo mese è dedicato ai rischi professionali legati al lavoro con animali vivi. Anche per scoprire un'intervista con Caroline de Andrade, responsabile "qualità della vita e disabilità" del gruppo AccorInvest e una relazione in immagini sulla società Semo Packaging specializzata in imballaggi in plastica.

La Rivista Travail et Securitè n° 813

( Fonte : Regioni.it 3773 - 07/02/2020)

L'incontro del 6 febbraio con il ministro Nunzia Catalfo “È stato molto positivo, sia nel metodo sia nei contenuti, tanto che il documento che come Regioni avevamo proposto ai due ministri del Lavoro e della Sanità in materia di salute e sicurezza sul lavoro è stato interamente accolto".  Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio e vicecoordinatore della commissione Lavoro della Conferenza Regioni.
"In particolare - ha proseguito Di Berardino -  abbiamo sottolineato l’importanza di definire criteri nazionali per l’introduzione di premialità per le imprese virtuose.  Questi criteri possiamo chiamarli ‘patente a punti’ o in altro modo, ma l’obiettivo deve essere chiaro: introdurre un sistema di qualificazione del lavoro per aumentare i diritti per i lavoratori e garantire una concorrenza imprenditoriale e un mercato sano nel nostro paese.
Inoltre, abbiamo chiesto e ottenuto la definizione di un cronoprogramma per affrontare in tempi certi tematiche fondamentali. Il 13 febbraio è stato dunque convocato un tavolo specifico sulla formazione, il 24 sulla qualificazione del lavoro e il 26 sulla vigilanza. Da approfondire, a nostro avviso, anche la rappresentatività all’interno degli organismi paritetici, protagonisti dell’erogazione della formazione sulla salute e la sicurezza, un settore che ha bisogno di regole certe e di qualità.
Crediamo che in una materia così delicata e complessa come la salute e la sicurezza sul lavoro sia necessario il coinvolgimento attivo di tanti soggetti. Da parte nostra abbiamo sottolineato come in diverse regioni siano stati sottoscritti importanti accordi con le parti sociali che possono fungere da modelli di riferimento anche sul piano nazionale e per arrivare a un piano strategico nazionale.
Non ultimo, abbiamo dato la nostra disponibilità - ha concluso Di Berardino - a uno scambio di informazioni e dati in cooperazione applicativa, con l’obiettivo di rafforzare anche le maglie degli interventi di prevenzione e di controllo”.

Per gli aggiornamenti sul Coronavirus invitiamo i lettori ad attingere le informazioni da fonti certificate. Diario Prevenzione suggerisce, a coloro che sono interessati,  di  visitare il sito Epicentro dell’Istituto superiore di Sanità che ha predisposto una pagina con l’indice delle notizie aggiornate sul tema.

Ultimi Aggiornamenti sul Coronavirus  su Epicentro

FONTE ENETOSH CHE RINGRAZIAMO

L'Uruguay è uno dei paesi partecipanti al Progetto globale “Costruire una generazione di lavoratori sani e salvi. Safe Youth @ work ”, eseguito dall'ILO e finanziato dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti. Una delle componenti del progetto mira a rafforzare l'integrazione della sicurezza e della salute sul lavoro nella formazione professionale.
L'inclusione della formazione sulla SSL nei programmi di formazione sulla VT è all'ordine del giorno. Tutti gli attori coinvolti nella formazione e nel lavoro concordano sul fatto che è nei processi di formazione che dovremmo acquisire conoscenze, sviluppare competenze e interiorizzare l'identificazione dei rischi e i comportamenti di prevenzione sul lavoro.
Per consentire ai partecipanti ai processi di formazione, in particolare ai giovani, di adottare comportamenti lavorativi sani e sicuri, devono comprendere e valorizzare la loro importanza, associarli e applicarli nei diversi processi e momenti della loro pratica lavorativa, conoscere i loro diritti e doveri in questo campo e, soprattutto, identificano e agiscono per prevenire i rischi specifici a cui sono esposti sviluppando competenze in SSL.
L'obiettivo di questo opuscolo è offrire alcune linee guida pratiche agli insegnanti per facilitare il loro lavoro nel campo della SSL.
Le linee guida e i suggerimenti qui sistematizzati mirano a integrare la prevenzione dei rischi sul lavoro, la protezione e la promozione della salute nel settore della silvicoltura e della produzione di legno, tenendo conto anche delle peculiarità del pubblico destinatario: i giovani che sono partecipare a processi educativi.
Queste linee guida includono: Identificazione delle competenze che devono essere sviluppate dai partecipanti, Suggerimenti metodologici per l'integrazione, Analisi dei processi di lavoro identificando i rischi, errori comuni e sistematizzando le buone pratiche, Esempi di attività di apprendimento collegate a rischi diversi e un deposito di risorse a supporto dei processi di formazione .
La guida può essere scaricata dal sito web dell'OIL .

 

In questa puntata parliamo di :

  • Il dramma del Coronavirus. La battaglia contro il virus e la lotta contro le notizie false . In questi frangenti devono essere pubblicate solo le notizie provenienti da Istituti  di ricerca certificati e dalle Autorità competenti.
  • Primo documento di consenso sulla sorveglianza sanitaria  ( vedi l’articolo )
  • Contrastare disomogeneità e diseguaglianze : la grande sfida del sistema di prevenzione  ( vedi l’articolo)
  • Il sito del Sistema Informativo per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza ( vedi l’articolo)
  • La newsletter medico-legale dell’Inca sugli inserimenti dei lavoratori dopo infortuni o malattie professionali ( vedi l’articolo )
  • La segnalazione degli articoli dalle Riviste specialistiche
  • Rivista Hesamag #20 ( vedi articolo)

Errata corrige: nella presentazione audio ci siamo sbagliati:  “oggi è il 6 febbraio e non … gennaio”   🙂

Buon ascolto !!

 

Nota di Editor. Conosciamo assai bene quanto pesi il pendolarismo nella condizione di vita e di lavoro di  un gran numero di lavoratori e lavoratrici. La metà delle vittime per incidenti sul lavoro è data da incidenti in itinere . Il pendolarismo consuma tempo di vita di migliaia di persone che oltre ai disagi del lavoro si trovano ogni giorno ad affrontare affollamento nei vagoni e ritardi. Va segnalato il fatto positivo , dopo molti anni,  che sulle linee ferroviarie regionali sono arrivati i nuovi treni, più moderni e confortevoli . Saranno i pendolari con la loro esperienza a valutare la qualità dei nuovi mezzi di trasporto.  Il miglioramento della qualità della vita  di molti tanti lavoratori e lavoratrici si è realizzata assai spesso quando è stato possibile arrivare al lavoro con un mezzo di trasporto, treno , navetta che risparmiasse la fatica e lo stress della guida. Per questi motivi segnaliamo questo Rapporto di Legambiente Emilia Romagna. 

.....................................

Pendolaria 2019: in Emilia-Romagna servono ancora più investimenti sul trasporto sostenibile

Presentiamo il nostro rapporto annuale di analisi del trasporto ferroviario in Italia. Cresce la mobilità su ferro con 5,7 milioni di persone che prendono ogni giorno metro e treni regionali.

In Emilia-Romagna salgono a 215mila i viaggiatori  che scelgono il treno quotidianamente (+88,6% in 7 anni). «Esiste una forte  domanda di servizio pubblico di qualità: per il clima e per la qualità dell’aria serve aumentare gli investimenti nel trasporto collettivo e sostenibile »

Un messaggio arriva anche dall’emergenza smog di questi giorni: superati in tutti i capoluoghi i livelli di inquinamento e le giornate di sforamento consentite

 

Cresce la mobilità su ferro: agli italiani il treno piace e dove si investe il successo è garantito, da Nord a Sud, dall’alta velocità alle linee metropolitane.  Per i pendolari c’è una buona notizia, sono in arrivo nuovi treni, ma al Meridione e per chi sta fuori dalla rete veloce i problemi rimangono rilevanti. Ad aumentare sono, infatti, anche le differenze tra le Regioni e le diversi parti del Paese e la dotazione di trasporto su ferro delle aree urbane rimane rilevantissima rispetto all’Europa e una delle cause dello smog che attanaglia le città italiane.

L'articolo prosegue alla fonte su  Legambiente Emilia Romagna 

 

Nel febbraio 2020 è stato pubblicato il "Primo documento di consenso sulla sorveglianza sanitaria" prodotto dal Gruppo di Lavoro della CIIP.

Il GdL Sorveglianza Sanitaria comprende Medici Competenti e Medici del Lavoro che operano nei servizi pubblici di vigilanza. Dal confronto fra le diverse professionalità nasce questo documento di consenso, un piccolo vademecum per migliorare la qualità della sorveglianza sanitaria, i rapporti tra imprese e professionisti e sistema pubblico di prevenzione e controllo.

Il documento può essere scaricato nell'area download di questo sito.