Vai al contenuto

Home Archives Vol 110 No S1 (2019): Storia dell’Igiene Industriale e della Tossicologia Occupazionale presso la Clinica del Lavoro di Milano - a cura di Silvia Fustinoni e Michele A. Riva

ALL THE CONTENTS ARE OPEN ACCESS


ACCEDI ALLA PAGINA CHE CONTIENE GLI ARCHIVI

INTESA, AI SENSI DELL’ARTICOLO 8, COMMA 6, DELLA LEGGE
5 GIUGNO 2003, N. 131, TRA IL GOVERNO, LE REGIONI E LE PROVINCE
AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO
CONCERNENTE

IL PATTO PER LA SALUTE PER GLI ANNI 2019-2021

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime l’intesa sul testo allegato con le modifiche evidenziate e condivise con il Ministero della Salute.

IL TESTO FIRMATO

Il Sito della Settimana 

Ogni settimana segnaliamo un sito o una piattaforma utile a chi opera nel campo della prevenzione.
Questa settimana segnaliamo la piattaforma MATline - la banca dati sul rischio cancerogeno in ambienti di lavoro

MATLINE - Cos'è ?
Il progetto Matline nasce con lo scopo di rendere fruibile la matrice professione-esposizione come strumento validato di documentazione per fornire informazioni sull'origine delle patologie neoplastiche, e per facilitare la programmazione e la gestione di interventi di sorveglianza e di vigilanza in ambito occupazionale.

La matrice cancerogeni nasce nel 1996 nell'ambito del Programma PRiOR (Programma Rischi Occupazionali Regione) promosso dalla Regione Piemonte.

Al progetto collaborano:

Il Servizio Sovrazonale di Epidemiologia della ASL TO 3 - Regione Piemonte;
Centro di Riferimento per l'Epidemiologia e la Prevenzione Oncologica in Piemonte (CPO - Piemonte);
il Centro per l'Epidemiologia e la Salute Ambientale dell'ARPA - Regione Piemonte.

Il documento di presentazione di MATline in formato pdf

ACCEDI A MATLINE

 

Fonte Fortebraccionews

I Riders fanno sul serio e a Bologna promuovono un’azione legale per condotta discriminatoria contro un gigante mondiale del cibo a domicilio. Alla base della causa l’utilizzo dell’algoritmo ‘Frank’: per il sindacato emargina i lavoratori che, per motivi personali legati a diritti come la malattia e lo sciopero, non si rendono continuativamente disponibili al lavoro. Antonio Prisco è uno dei protagonisti di questa lotta: 36 anni, rider per Deliveroo impegnato da tempo con la Cgil per cercare di mettere ordine in un mondo che sembra strutturato proprio per disaggregare i lavoratori e comprimerne i diritti.

Come nasce la causa di Bologna e quanti sono i lavoratori coinvolti?

La causa vede coinvolti tutti i lavoratori italiani sfruttati da Deliveroo. Alcuni tra noi compariranno anche come testimoni, lo faranno anche per altri colleghi, che specialmente al Sud sono ancora più ricattati dalla scarsità di lavoro e preferiscono non esporsi. Quello che combattiamo è un sistema simile al caporalato delle campagne E’ la prima volta che in Europa si intenta una causa del genere.

Che aspettative avete? Davide riuscirà a battere Golia?

In alcuni lander tedeschi sono state intentate cause simili ma non sono arrivate in giudizio perchè sono state regolate prima dalle nuove leggi sul lavoro. Non sappiamo se riusciremo a vincere ma ce la stiamo mettendo tutta

Possiamo quindi sfatare il luogo comune che vede il sindacato lontano dalle nuove forme del lavoro?

Oggi si, oggi i lavoratori della gig economy si avvicinano e il sindacato deve continuare a parlare con nuove parole. Abbiamo riscontri importanti in tante città, non solo Bologna e Firenze ma anche Napoli, Palermo o Catania.

prisco.jpg
Antonio e altri rider incontrano Landini

Come si sta evolvendo questo mondo, cosa dobbiamo aspettarci?

Il sistema di sfruttamento del lavoro della Gig Economy si sta, se possibile, estremizzando. Pensa alle Virtual Kitchen , ristoranti che non esistono nella realtà ma fanno solo consegne, alle agenzie di Cleaning che ti vengono a ripulire casa o ancora peggi oalla commistione di piattaforme tipo Air B&B con piattaforme di Concierge. Tutte persone che vengono pagate poco sfruttate da un padrone digitale che non si fa vedere come ‘Frank’, un algoritmo che decide se domani lavoro oppure no.

Che ne pensi della nuova legge?

E’ confusa e frammentata e viene da vent’anni di leggi sul lavoro che almeno a mio parere non si possono accettare è l’ennesima accezione al ribasso dei diritti. La legge farà esplodere tutte le contraddizioni di un sistema che riguarda 850mila persone, noi i Riders siamo solo il 3% di questa grande platea, ma almeno noi sappiamo chi ci sfrutta, ce lo abbiamo scritto sulle spalle mentre pedaliamo in giro per le città

Ti sei esposto di persona in questa lotta, pentito? 

Io sono figlio di una generazione che vive un malessere generalizzato per mancanza di sicurezza sociale, pochi riescono a percepirlo e ancor meno sanno come aiutarci. Io sono figlio di un epoca in cui ti devi accontentare, specialmente se vieni dal Sud, di vivere per pochi spicci. Non riesco a contestare i miei fratelli, i miei compagni che lavorano 7 ore per 60euro ancora senza diritti, che rischiano la pelle sulle strade e non hanno nessun diritto; ma quanto è bello sentirli a un certo punto capire cosa significa avere diritti e sentirli lottare per quei diritti.

Lorenzo Serio