Vai al contenuto

Keywords:ESENER

La presente relazione illustra la prima analisi dei principali risultati e conclusioni della terza edizione dell’indagine ESENER dell’EU-OSHA, realizzata nel 2019. A più di 45 000 stabilimenti in 33 paesi sono state chieste informazioni sulla loro attuale gestione della sicurezza e della salute sul lavoro (SSL), compresi i principali fattori trainanti e gli ostacoli a una gestione efficace e alla partecipazione dei lavoratori.

L’indagine si concentra in particolare sulla gestione dei rischi psicosociali, quali lo stress e le molestie legati al lavoro, e comprende inoltre domande sulla digitalizzazione. Adottando una visione olistica delle pratiche attuali in materia di SSL in Europa, i risultati dell’indagine mirano a contribuire a plasmare le nuove politiche in materia di SSL e a garantire una gestione più efficace dei rischi nei luoghi di lavoro europei.

IL REPORT : FONTE OSHAEUROPA.EU

FONTE : SINDACATO DEI LAVORATORI  IUF.ORG

28 November 2019 News

Migliaia di lavoratori della ristorazione aerea hanno manifestato nei 17 principali aeroporti degli Stati Uniti il ​​26 novembre per chiedere un salario dignitoso e un'assistenza sanitaria a prezzi accessibili; centinaia sono stati arrestati nelle proteste di massa.

Coordinati dalla consociata IUF Unite Here, le marce, i picchetti e i sit-in hanno preso di mira le compagnie aeree americane altamente redditizie, spingendo le compagnie a pagare di più per i loro appaltatori di catering  in modo da  consentire aumenti salariali e assicurazioni mediche convenienti.

I salari di povertà e l'inadeguata copertura sanitaria sono uno dei lati oscuri dell'industria aerea invisibile ai viaggiatori. Uno su quattro dei lavoratori della ristorazione guadagna meno di 12 USD l'ora; è comune per i lavoratori svolgere diversi lavori e dipendere da parenti per l'alloggio; alcuni sono senzatetto.

I principali datori di lavoro della ristorazione sono le società transnazionali LSG Skychefs e Gate Gourmet.

I lavoratori della ristorazione di linea aerea in 33 aeroporti degli Stati Uniti hanno votato in modo schiacciante per lo sciopero    nel giugno di quest'anno, ma in base alla legge degli Stati Uniti, devono  essere "autorizzati per farlo mentre continua la mediazione federale dei negoziati sui contratti.

 

SUVA, l'Ente che assicura lavoratori e lavoratrici svizzeri contro gli infortuni su lavoro ha reso disponibile on line un volumetto digitale : "Lo stress sul posto di lavoro aumenta il rischio di infortunio" . Come si afferma nella introduzione : "Lo stress sul lavoro ci impedisce di riconoscere per tempo i pericoli. Qui vi spieghiamo quali sono le correlazioni tra stress e rischio di infortunio e cosa fare per gestire al meglio queste situazioni"

 

 

Segnaliamo l'articolo del Prof. Francesco Domenico Capizzi 
Medicina politica società
Francesco Domenico Capizzi * - 27.11.2019

Capizzi Da Ippocrate al budget

 

 

 

 

 

 

 

 

La Medicina moderna che conosciamo, nata nel periodo positivista, ha finito con il perseguire un suo sviluppo (clinico-tecnologico) piuttosto che un complessivo progresso (sociale) nel contrastare le radici delle incalzanti malattie cronico-degenerative: neoplasie (in Italia oltre 1.000 al giorno, con incrementi in soli quattro decenni del 62% delle pancreatiche con tassi di guarigione dopo le cure dell’8% entro i primi 5 anni che crollano al 3% entro i successivi 5, come riportato da “The Lancet Global Burden Disease” del 2019), affezioni cardiocircolatorie e respiratorie, obesità, cirrosi, patologie infettive ed autoimmuni e da stress psico-fisici, ecc.. Sono sostenute in larga parte da fattori culturali e da disagi sociali, trascurati nella trasmissione del sapere medico e nelle Istituzioni sanitarie incentrate in attività diagnostico-terapeutiche per un empirismo orientato verso alterazioni anatomiche, geometrie e formule matematiche.

In sostanza, il Servizio sanitario diagnostica e cura malattie evitabili ab initio (l’80% secondo l’OMS), ne trascura i fattori  che le favoriscono e le sostengono, Intanto troppe persone continuano ad ammalarsi perché le cause patogene, indovate nelle pieghe della Società, vere fabbriche della malattia, conservano intatta la loro violenza mentre il diritto alla Salute viene confuso con l’assenza di malattia e complessità tecnologico-gestionali che imprimono alle Strutture ospedaliere, intese come fabbriche della salute, le ragioni oggettive della malattia con un involontario suggerimento: la salute si preserva apportando modifiche al corpo con tecnologie e terapie sofisticate al punto da esonerare Medicina e Istituzioni dalla primitiva missione ideale come i mezzi di locomozione esonerano dal  camminare e ne superano l’esigenza.             >>> L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SULLA RIVISTA ONLINE MENTEPOLITICA

Sul sito della C.I.I.P sono disponibili le presentazioni svolte durante il Convegno. del 27/11/2019

 


Presentazione del primo rapporto CIIP sugli infortuni e le malattie professionali
La lettura degli Open Data INAIL 2010-2018
Milano - Clinica del Lavoro Via San Barnaba 8
mercoledì 27 novembre 2019 ore 8:30-13:30

Organizzato da CIIP
sono disponibili le presentazioni, il Rapporto e l'algoritmo di lettura dei dati alla fonte sul sito della C.I.I.P 

 

FONTE ETUI

Sesto seminario sindacale europeo sui rischi psicosociali

Il 24 e 25 settembre 2019, l'ETUI ha organizzato a Lovanio (Belgio) la sesta riunione della rete sindacale europea sui rischi psicosociali sul lavoro. Ventidue rappresentanti sindacali attivi nel campo della salute sul lavoro di quattordici paesi hanno preso parte a questo incontro annuale, che mira a promuovere la condivisione di conoscenze ed esperienze su questioni relative ai rischi psicosociali.

  • Newsletter  : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza,  iscriviti  alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

La sesta edizione di questo seminario è stata un'opportunità per concentrarsi sul danno causato dall'esposizione a fattori di rischio psicosociale e sugli approcci incentrati sulla resilienza che stanno attualmente prosperando. poco ovunque. Per Hilmersson , vice segretario generale della Confederazione europea dei sindacati (CES) ha aperto il seminario con una panoramica delle priorità della CES per la salute e la sicurezza sul lavoro per i prossimi quattro anni. Come introduzione al tema del seminario, Fabienne Scandella, ricercatrice presso l'ETUI e coordinatrice della rete, ha messo in prospettiva la questione del burnout con approcci che celebrano l'adattamento individuale e ha fornito un quadro delle molteplici sfide poste al movimento sindacale europeo . Sarah Lyons , Head of Health and Safety presso la UK Education Union (NEU), ha illustrato queste sfide mostrando come la promozione del benessere e della resilienza tende a sostituire la cultura della cultura della prevenzione della salute e della sicurezza sul lavoro nel settore dell'istruzione nel Regno Unito. Senza ridurre l'esaurimento di un numero crescente di insegnanti, questo approccio sposta la responsabilità dal datore di lavoro all'insegnante. A seguito di questa presentazione, Christina Aumayr-Pintar , direttore della ricerca presso la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ha presentato il rapporto di Eurofound sul burnout in Europa (2018). Questa presentazione ha reso disponibili i dati disponibili sulla prevalenza di ciò che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ora riconosce come un "fenomeno legato al lavoro" e per fare il punto delle politiche delineate a livello europeo per contenerlo. ...continua a leggere "Mettere in prospettiva il problema del burnout"

FONTE  CHINA LABOUR BULLETTIN 

Un'esplosione di gas in una miniera di carbone nella provincia cinese settentrionale dello Shanxi nel pomeriggio del 18 novembre ha ucciso 15 minatori e ferito altri nove , secondo quanto riportato dai media ufficiali cinesi.

C'erano 35 minatori che lavoravano sottoterra nella miniera nella contea di Pingyao al momento dell'esplosione e tutti sono stati presi in considerazione. I lavori di salvataggio sono stati conclusi e la causa dell'incidente è ora sotto inchiesta.

resoconti dei media oggi affermano che l'operatore minerario era stato "accecato dall'avidità" (利欲熏心) e ha aggirato numerosi protocolli di sicurezza nell'espansione della miniera senza garantire un'adeguata ventilazione, portando all'accumulo di gas nel pozzo della miniera.

È stato il dodicesimo incidente in miniera di carbone nello Shanxi, il tradizionale cuore cinese del carbone, registrato finora sulla mappa degli infortuni sul lavoro di CLB quest'anno, rispetto a sette incidenti nella provincia dello scorso anno, quattro nel 2017 e quattro nel 2016.

La sicurezza delle miniere nello Shanxi è migliorata notevolmente dopo che il governo ha chiuso centinaia di piccole miniere e ristrutturato l'industria alla fine degli anni 2000. Tuttavia, sembra che le norme di sicurezza potrebbero non essere più valide. Nei primi cinque mesi di quest'anno, le autorità provinciali hanno ordinato a 82 miniere di carbone di chiudere o arrestare la produzione dopo aver scoperto 32.612 violazioni della sicurezza durante 2.167 ispezioni da gennaio a maggio. Sono state imposte ammende per un totale di 61 milioni di yuan.

Nell'insieme della Cina, tuttavia, gli incidenti e le morti delle miniere di carbone continuano a calare. Ci sono stati 117 morti nella miniera di carbone nella prima metà dell'anno, rispetto ai 333 durante l'intero 2018. L'anno scorso è stata la prima volta che la Cina ha registrato meno di 0,1 morti per milione di tonnellate di carbone prodotto , ma come mostrano i recenti incidenti, la Cina ha ancora molta strada da fare, non solo in termini di prevenzione degli infortuni, ma anche nel trattamento di questioni ereditarie come le centinaia di migliaia di ex minatori affetti da pneumoconiosi, nota anche come malattia del polmone nero.

Proprio la scorsa settimana, ad esempio, più di 100 lavoratori con pneumoconiosi provenienti da dieci diverse province sono arrivati ​​a Haikou, la capitale della provincia di Hainan, per chiedere una diagnosi formale della loro malattia professionale, contratta mentre lavoravano nella provincia.

FONTE : LAVACA.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Un'azione legale di classe si sta muovendo in Canada contro la società GM acquisita da Bayer. Presenta novità riguardanti i processi negli Stati Uniti, dal momento che include la compagnia fantasma che ha scritto documenti sulla trota; espande la gamma di malattie causate da Roundup; ed esorta la Monsanto a realizzare un programma sanitario per monitorare, diagnosticare e curare coloro che si sonoi ammalati utilizzando il prodotto. Le storie dietro un contenzioso da 500 milioni di dollari e il dibattito su un modello tossico che sta iniziando a essere giudicato in tutto il mondo.

Di Anabel Pomar

I problemi legali per Bayer per il suo prodotto Roundup sono tutt'altro che finiti, si moltiplicano. In Canada, uno studio legale ha intentato tre cause legali  per 500 milioni di dollari contro la Monsanto e il suo nuovo proprietario, Bayer.

Le cause includono anche un nuovo imputato: INTERTEK, il consulente che Monsanto Papers  ha smascherato,  ha lavorato per pubblicare documenti falsi scritti da Monsanto ma che sono stati presentati come letteratura scientifica indipendente per interferire con le agenzie di regolamentazione.

Lo studio legale canadese Diamond & Diamond ha tenuto una conferenza stampa il 20 novembre e ha annunciato che ci sono già più di 70 persone che integrano l'azione collettiva, anche se calcolano che il numero sarà notevolmente ampliato. Come è accaduto negli Stati Uniti, dove le 1.100 richieste esistenti al momento dell'acquisizione della Monsanto da parte di Bayer sono salite a 42.700. Bayer AG, nella sua ultima relazione trimestrale agli azionisti, ha comunicato tale cifra e ha confermato di aver affrontato casi in Canada, sebbene abbia menzionato solo 9 casi.

I querelanti della nuova azione collettiva subiscono vari tipi di cancro che sostengono siano stati prodotti dall'erbicida più usato in Argentina: Roundup. La particolarità di queste denunce è che non si concentrano solo su un tipo di cancro - il linfoma non Hodgkin come stava accadendo negli Stati Uniti, ma si estendono anche ad altri tipi di tumori: gastrico, mammario, polmonare, cerebrale, leucemia, prostata e cellulare renale, tra gli altri.

La presentazione giudiziaria ha accuse simili a quelle fatte negli Stati Uniti - dove la Monsanto ha ricevuto tre sentenze. Sottolinea che la società era a conoscenza del danno cancerogeno di Roundup, non proteggeva gli utenti nascondendo tali informazioni e interferendo con lo sviluppo scientifico per evitare di conoscere quel pericolo. ...continua a leggere "Canada vs. Monsanto: pioggia di cause contro Roundup per agenti cancerogeni"

Nota di Editor. Riteniamo per davvero importante questo articolo pubblicato sul sito della Società Nazionale Operatori della Prevenzione. L'articolo fa chiarezza sul sistema delle responsabilità in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro e sulla necessità di indicatori appropriati per valutare il fenomeno e l'efficacia degli interventi che una pluralità di soggetti, dalle imprese ai decisori politici sono tenuti a intraprendere. Condividiamo in pieno il fatto che :......"Ferme restando le sue prerogative e responsabilità, lo Stato attribuisca l’obiettivo (sacrosanto) di “riduzione degli infortuni sul lavoro” anche alle Regioni in maniera che queste lo perseguano con le proprie politiche, mettendo in atto con le parti sociali e gli enti deputati azioni complessive che coinvolgano tutti, ciascuno per le proprie responsabilità: legislatori e amministratori, imprenditori, lavoratori e sindacati, enti pubblici (ASL in testa), INAIL …" 

A proposito di prevenzione, infortuni sul lavoro e indicatori
FONTE  SNOP.IT

Il 24 ottobre 2019, nel corso della comunicazione sulle linee programmatiche del suo Dicastero alle Commissioni Igiene e Sanità del Senato e Affari Sociali della Camera (https://www.senato.it/15501) , il Ministro della Salute ha tra l’altro affermato che la prevenzione è un punto fondamentale dell’agenda di Governo. Nel ricordare l’avvio di uno specifico tavolo di lavoro promosso da lui stesso e dal Ministro del Lavoro e delle politiche sociali con l’obiettivo di costruire una risposta organica ai problemi relativi alla sicurezza sul lavoro, ha sottolineato le competenze in materia del Ministero della Salute  - in relazione alla funzione delle ASL - ed ha affermato di considerare “particolarmente rilevante” il lavoro da portare avanti in questo campo: dichiarazioni che apprezziamo, anche e soprattutto perché raramente rilasciate dai precedenti Ministri della Salute. Nella stessa occasione, il Ministro ha annunciato che sta per divenire operativo il nuovo sistema di garanzie (NSG) per il monitoraggio dei livelli essenziali di assistenza (LEA), che sostituirà l’attuale “griglia LEA”.

Le finalità, le fonti di riferimento e gli indicatori del NSG per il monitoraggio dell’assistenza sanitaria sono contenute nel Decreto del Ministero della Salute del 12 marzo 2019. Il Decreto delinea un “sistema descrittivo, di valutazione, di monitoraggio e di verifica dell’attività sanitaria erogata da soggetti pubblici e privati accreditati di tutte le regioni”, prioritariamente finalizzato a mettere in relazione i LEA effettivamente assicurati con le “dimensioni da monitorare”, quali: efficienza ed appropriatezza organizzativa, efficacia ed appropriatezza clinica, sicurezza delle cure.

I dati per la costruzione degli indicatori vengono raccolti attraverso i flussi informativi correnti del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), integrati da “altre fonti informative, esaustive o campionarie, a copertura nazionale”, individuati in modo che consentano di “leggere, per ciascun LEA, le dimensioni dei processi di erogazione, tali da evidenziare le singole criticità e rendere possibili interventi puntuali, fornendo le basi per il miglioramento del sistema”.

L’indicatore per il “monitoraggio delle attività (ispezioni, controlli, sorveglianza sanitaria) finalizzate alla “prevenzione degli infortuni sul lavoro” è individuato nelle “denunce di infortunio sul lavoro”: una scelta che non può che suscitare non poche perplessità - anche sulla base di quanto enunciato nell’articolato dello stesso Decreto - e richiede una profonda e articolata riflessione.

Misurare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici mediante indicatori che registrano solo gli infortuni sul lavoro (indicatori, perlomeno, di incidenza) è certamente riduttivo rispetto alla complessità dei temi legati alla salute occupazionale, ma è purtroppo pratica comunemente accettata, senza più preoccuparsi delle diverse limitazioni che li caratterizzano. Anche senza sottolineare i problemi legati alla aderenza di questi indicatori alla realtà degli eventi infortunistici (grado di denuncia, lavoro nero o “grigio”, reale copertura assicurativa, sotto denuncia, fattispecie riconosciute e, a livello internazionale, comparabilità delle definizioni e delle modalità di registrazione), oggi più che mai esprimere un giudizio sul complesso delle condizioni di salute dei lavoratori con il solo dato infortunistico appare riduttivo e insoddisfacente.

Indubbiamente una realtà lavorativa con infortuni frequenti svela un’organizzazione generale che poco tutela il lavoratore: dall’altra parte, però, una situazione silente o poco significativa dal punto di vista dei dati infortunistici non ci rassicura sullo stato reale dell’organizzazione di tutela e sulla salute dei lavoratori, a maggior ragione quando prevalgono fattori di rischio diversi da quelli infortunistici.

Detto questo, e considerato che gli infortuni sono certamente fra i maggiori responsabili dei “danni” alla salute da lavoro, ma non i soli - nemmeno per dimensione e diffusione -, si concorda di utilizzarli per misurare, per esteso (come proxy?), lo stato della salute e della sicurezza sul lavoro.

In quest’ottica, quindi, quello della riduzione degli infortuni sul lavoro (che intendiamo, in realtà, indicativa del generale miglioramento delle condizioni di SSL) è indubitabilmente un obiettivo che le comunità (nazionali, locali) devono porsi nel loro insieme. Giustamente, tali obiettivi hanno costituito parte predominante di strategie e campagne di prevenzione a livello nazionale e sovranazionale (v. Unione Europea) e, anzi, l’andamento del fenomeno infortunistico - pur alla luce del progressivo miglioramento registrato nel lungo periodo - richiede ancora la loro riproposizione e il loro rafforzamento.

Nel tradurre questi obiettivi in strumenti e interventi finalizzati al loro raggiungimento e nel decidere a chi attribuirne la realizzazione, dobbiamo necessariamente tener conto che la tutela della salute e sicurezza sul lavoro è frutto di un complesso numero di fattori, interni ed esterni al mondo del lavoro.

Un’indagine dell’EU-OSHA di molti anni fa aveva provato a mettere insieme i fattori “che funzionano” nel garantire sicurezza e salute sul lavoro, chiedendolo alle imprese e agli esperti: ne trasse un quadro variegato di azioni/interventi che coprono un ampio spettro di ambiti e strumenti (citati non in ordine gerarchico di importanza):

  • Legislazione
  • Imposizione/vigilanza
  • Adozione di sistemi di gestione della sicurezza
  • Formazione dei soggetti aziendali
  • Cooperazione/partecipazione dei lavoratori
  • Buone pratiche
  • Disponibilità di strumenti applicativi (assistenza, linee guida)
  • Professionisti della sicurezza
  • Controllo dei fattori organizzativi
  • Campagne di sensibilizzazione
  • Incentivi finanziari alle imprese/Sistemi premianti
  • Certificazione

Il quadro conferma che i soggetti che agiscono sulla SSL sono numerosi e appartengono ad ambiti diversi, da quello imprenditoriale a quello dei lavoratori, da quello dei professionisti a quello dei progettisti e costruttori, da quello della formazione a quello sindacale, dalle leggi alla politica, dal privato al pubblico. La sicurezza sul lavoro si fa sul luogo di lavoro, si fa dove si lavora e la fa chi lavora: in un contesto fatto di regole e leggi, di relazioni, competenze, stimoli, indirizzi, responsabilità …

Il ruolo dell’ente pubblico in questo quadro è certamente fondamentale, in quanto garante che gli interessi in gioco vengano declinati secondo la salute dei lavoratori e della comunità. Non a caso la stessa Direttiva 391 (che il nostro D.Lgs 81/2008 ovviamente ricalca con le dovute specificità del sistema nazionale) basa la strategia della legislazione europea di prevenzione nei luoghi di lavoro su un sistema complesso che va dalla organizzazione aziendale alla responsabilizzazione, dalla formazione alla partecipazione, fino al ruolo del sistema pubblico di supporto e di controllo.

Nessuno oggi può quindi pensare che ci siano degli strumenti e dei soggetti che da soli possano incidere in maniera così forte sul “fenomeno infortunistico” da poter o dover esserne ritenuti unici responsabili. Per questo, l’obiettivo di “riduzione degli infortuni” non può che essere in capo al “governo” (sovranazionale, nazionale e locale), il quale avrà il compito di mettere in fila strategie, politiche, risorse, soggetti utili al suo perseguimento, anche definendone ambiti di azione e responsabilità.

L’indicatore dello stato di raggiungimento dell’obiettivo non potrà che essere attribuito a livello “centrale”, in quanto sarà misura complessiva della bontà delle politiche adottate e della loro capacità di far lavorare tutti i soggetti interessati.

In questo quadro, pur non scevro di debolezze e contraddizioni (al netto delle risorse disponibili, ovviamente), riesce invece davvero incomprensibile e sbagliata la scelta di adottare le “denunce di infortunio sul lavoro” quale indicatore LEA per l’azione delle ASL, che sono sì principali titolari delle funzioni pubbliche di prevenzione in materia di SSL, ma non certo responsabili dirette dell’outcome “infortuni”.

Non che la riduzione degli infortuni non debba essere un obiettivo anche dei Servizi PSAL, ma non è ragionevole pensare che la loro azione possa essere misurata con un indicatore di outcome che dipende in gran parte da fattori esterni e di cui sono responsabili per una parte che risulta di entità difficilmente quantificabile.

Pare quasi che, differentemente da quello che succede per altri organi pubblici, per gli SPSAL si voglia fare valere una valutazione di “corresponsabilità” negli infortuni sul lavoro. E’ un approccio che non si applica tale e quale ad altri settori, né della sanità né di altri ambiti: misurare i Vigili del fuoco con il numero di incendi (non hanno anche funzioni di prevenzione?), misurare la polizia della strada con il numero di incidenti stradali, i servizi di igiene pubblica con quello delle tossinfezioni alimentari, i medici veterinari con quello delle zoonosi …

Tornando all’indagine EU-OSHA su quanto “funziona” nell’OSH: le ASL non fanno le leggi, non si attribuiscono le risorse, non erogano incentivi, non producono in proprio formazione, non vendono sistemi di gestione della sicurezza (promuoverli, sì), non creano relazioni aziendali o sovra aziendali tra parti sociali, non certificano, non creano buone pratiche (le possono sostenere, scoprire) …  Non controllano i fattori economici e sociali che modulano approcci e atteggiamenti delle imprese verso la sicurezza o che condizionano (vedi effetti della “crisi” economico finanziaria dell’ultimo decennio) l’andamento infortunistico.

Abbiamo, a livello nazionale e anche localmente, combattuto contro la facile equazione “infortuni-controlli”, da più parti sostenuta, obiettando che non può esserci una univoca relazione consequenziale tra i due elementi, quella di cui è invece convinto chi chiede “più controlli” per ottenere “meno infortuni”, ogniqualvolta si ripresenti una emergenza.

Per ridurre gli infortuni in maniera duratura è necessario mettere in campo in maniera sistematica tutta una serie di azioni, che spettano ai numerosi soggetti interessati.

L’azione dei servizi pubblici, che - a livello operativo (escludendo qui quella più prettamente politica e regolamentare) - è di promozione, di supporto e di vigilanza, costituisce un fattore fondamentale e irrinunciabile, ma il suo ruolo non può essere dissociato dall’insieme degli interventi e dei ruoli di tutti i soggetti.

Le ricerche a questo proposito non sono molte - anche nella sola Europa i sistemi pubblici di prevenzione presentano approcci differenti - ma quelle esistenti sono ben lontane dal descrivere una correlazione lineare tra “controlli” o azioni pubbliche da una parte e, dall’altra, entità del fenomeno infortunistico: spesso i risultati in termini di sicurezza hanno presentato andamenti in parte disgiunti dalle modalità e dalla entità degli interventi pubblici. E questo è comprensibile se consideriamo quanti e quali sono i fattori che “lavorano” per la SSL nel reale.

Del resto, come leggere la cospicua riduzione del numero degli infortuni negli anni 2008-2016 se non come i fattori economico-sociali possano agire in maniera rilevante, anche in coincidenza con una (documentata) contrazione delle risorse dei SPSAL?

Non si tratta di sostenere che i servizi pubblici di prevenzione e controllo “non servono”, ma che invece sono semplicemente uno dei fattori efficaci e che il loro peso relativo dipende dalle condizioni complessive e dalla prevalenza o meno di altri fattori.

Quello della riduzione dell’incidenza e della gravità degli infortuni è un obiettivo doveroso (umanamente, eticamente, politicamente … economicamente) e SNOP si è battuta sempre perché fosse posto nella giusta posizione dell’agenda nazionale e regionale. Oggi finalmente abbiamo piani di prevenzione, generali e di settore, che impegnano, a cascata o a rete, una varietà di soggetti, spesso sotto la regia dell’Ente Pubblico. Da anni stiamo promuovendo e sviluppando metodologie di intervento che si basano proprio sulla costruzione di alleanze con i vari portatori di interesse, imprese, lavoratori e sindacati, organismi paritetici, enti pubblici vari … con i quali operare in sinergia, cercando di migliorare anche le stesse azioni di controllo, rendendole più mirate ed efficaci e adeguate alle nuove realtà del lavoro.

Sono anni che coltiviamo approcci che garantiscano accountability, efficacia delle azioni e misurabilità dell’attività che viene svolta. Gli SPSAL devono rendere conto di quanto fanno e di come lo fanno (con le risorse che hanno) e oggi, su questo, i Servizi presentano diverse difficoltà.  Anche il precedente LEA specifico non ha forse aiutato: dover garantire un puro numero di controlli (slegato da qualsiasi considerazione di complessità, di merito e di qualità) può aver spinto ad una programmazione “numerica” piuttosto che mirata al rischio o all’efficacia. Il sistema informativo SPSAL è debole: non a caso, quando si mettono insieme tutti i dati di attività delle ASL delle regioni, qualche dubbio rimane, tra completezza e congruenza dei dati. Occorre considerare che abbiamo a che fare con decine di sistemi diversi di registrazione e produzione dei dati, che risentono spesso di confrontabilità e … e spesso anche di modalità di intervento.

E’ necessario produrre per gli SPSAL indicatori “propri” e misurabili, costruendo un sistema univoco di registrazione. Se il problema è quello dei flussi informativi, della loro validità e uniformità, perché non lavorare finalmente su obiettivi legati a questo? Sarebbe un buon obiettivo da PNP.

Ferme restando le sue prerogative e responsabilità, lo Stato attribuisca l’obiettivo (sacrosanto) di “riduzione degli infortuni sul lavoro” anche alle Regioni in maniera che queste lo perseguano con le proprie politiche, mettendo in atto con le parti sociali e gli enti deputati azioni complessive che coinvolgano tutti, ciascuno per le proprie responsabilità: legislatori e amministratori, imprenditori, lavoratori e sindacati, enti pubblici (ASL in testa), INAIL …

Si costruisca finalmente un sistema informativo che permetta di “contare” e verificare, tra le altre, le attività - che riteniamo cospicue e rilevanti - dei Servizi PSAL e dei Dipartimenti di Prevenzione, ma non si creda di valutarne l’apporto alla riduzione degli infortuni attribuendo loro la responsabilità complessiva del raggiungimento dell’obiettivo.

Così come non possiamo considerare la prevenzione responsabilità unicamente della Sanità, altrettanto non dobbiamo commettere l’errore di pensare gli infortuni come dipendenti prevalentemente dall’azione delle ASL. Lavoriamo per una salute (sul lavoro) in tutte le politiche e misuriamo ASL e SPSAL per il contributo che riescono a dare, con le risorse assegnate.

Ultimo aggiornamento Sabato 23 Novembre 2019 17:15

 

Keywords: Sostanze pericolose, Biological agents, Malattie professionali
La presente relazione fa parte di un progetto di ampia portata volto a far fronte ai rischi derivanti dagli agenti biologici nei luoghi di lavoro. L’obiettivo del progetto è di aumentare la consapevolezza dell’esposizione a tali pericoli nei luoghi di lavoro, fornire maggiori informazioni in merito ai problemi di salute correlati e sostenere le iniziative di prevenzione.

La relazione presenta i risultati di una rassegna della letteratura scientifica, un’indagine di esperti e l’analisi dei sistemi selezionati impiegati dagli Stati membri dell’Unione europea per il monitoraggio delle malattie e dell’esposizione. Valuta le conoscenze esistenti in materia, anche in merito ai nuovi rischi emergenti, identifica le lacune nei dati e formula raccomandazioni per migliorare il monitoraggio e la prevenzione di questi rischi diffusi ma poco conosciuti.

FONTE  OSHA.EU

LA RELAZIONE ( 360 pagine.pdf)

 

Una nuova brochure INRS per completare l'offerta di informazioni

La tricloramina è un agente chimico molto irritante che si trova nell'aria delle piscine e degli stabilimenti acquatici. Con la pubblicazione di un nuovo volantino, l'INRS completa la sua offerta di informazioni e assiste i gestori delle piante acquatiche nei loro sforzi di prevenzione.

ed 6280

 

Bagnini, personale addetto alla manutenzione e alla pulizia piscine  e agenti domestici: personale delle strutture acquatiche a rischio speciale per la tricloramina Pubblicato ottobre 2019, Brochure della tricloramina in piscine e centri acquatici. Prevenire il rischio di esposizione " mira a sostenere l'implementazione di soluzioni operative per prevenire i rischi associati a questa sostanza: dalla ventilazione dei locali all'adattamento della temperatura del bacino all'attività dei bagnanti. Per leggere  l'intera scheda vai a INRS 

 

Nota di Editor. Sarebbe opportuno e necessario che i Sindacati di categoria anche in Italia facessero una seria indagine sulla carenza di WC disponibili per lavoratori e lavoratrici del settore trasporti ma non solo. In una ricerca svolta una decina di anni in Piemonte gli autisti di autobus dichiaravano che in piena estate si limitavano nel bere  acqua perché non c'erano gabinetti accessibili lungo le linee. Non sappiamo se le situazioni siano migliorate, temiamo di no.

 

FONTE UNITHEUNION.ORG

La ricerca di Unite, il più grande sindacato del Regno Unito e dell'Irlanda, ha scoperto che ai lavoratori del settore dei trasporti viene regolarmente negato l'accesso ai servizi igienici, il che sta creando problemi di salute e in alcuni casi costringendo i lavoratori a lasciare il lavoro.

Unite ha pubblicato le sue ricerche in coincidenza con la Giornata mondiale della toilette oggi (martedì 19 novembre), il tema di quest'anno è "nessuno lasciato indietro".

I conducenti di autobus hanno negato i servizi igienici

Un recente sondaggio condotto su quasi 5.000 autisti di autobus, membri di Unite, ha rilevato che l'83% di loro "non è fornito di un elenco di servizi igienici o di una mappa in caso di necessità sulle rotte".

La mancanza di servizi igienici accessibili su una linea di autobus è un problema particolarmente importante per i conducenti di autobus poiché i turni durano regolarmente 5 ore e mezza prima che abbiano una pausa dalla guida e costringano i conducenti ad aspettare così tanto tempo prima che l'uso di una toilette possa causare seri problemi di salute e può anche comportare la distrazione e la perdita di concentrazione durante la guida.

No servizi igienici in piazzole

Un sondaggio separato condotto su oltre 4.000 camionisti ha anche identificato un problema grave con la mancanza di accesso ai servizi igienici. Il sondaggio ha rilevato che quando è stata posta la domanda; "Quando dormi in un luogo di riposo sei in grado di accedere facilmente alle strutture del bagno e dei bagni", l'89% degli intervistati ha affermato di avere accesso raramente o mai a tali strutture.

I camionisti sono regolarmente costretti a dormire in sosta per rispettare le norme di guida a causa della mancanza cronica di fermate dei camion.

Negazione della dignità del bagno

Diana Holland, assistente del segretario generale di Unite, ha dichiarato: “Ai lavoratori dei trasporti in lungo e in largo nel Regno Unito viene negata la dignità della toilette su base giornaliera.

“Unite sta approfittando dell'occasione della Giornata mondiale della toilette per evidenziare questo problema di salute pubblica e lo slogan di quest'anno di nessuno lasciato alle spalle è particolarmente adatto in quanto, i lavoratori dei trasporti vengono sicuramente lasciati indietro quando si tratta della dignità della toilette.

“La mancanza di accesso ai servizi igienici è semplicemente intollerabile e può e fa sì che i nostri membri sviluppino gravi problemi di salute e, in alcuni casi, siano costretti a lasciare il lavoro a causa di condizioni mediche.

"Questo è un problema per tutti i lavoratori dei trasporti, ma la mancanza di accesso ai servizi igienici per le donne quando hanno le mestruazioni o sono in menopausa, o strutture in cui rischiano abusi o molestie sessuali, sono più barriere affrontate dalle donne che lavorano in questo settore in cui sono già sottorappresentati.

“I datori di lavoro hanno un chiaro obbligo legale di fornire servizi igienici adeguati per i loro lavoratori e Unite assicurerà che tali compiti siano rispettati.

“A nessun lavoratore dovrebbe essere negata la dignità della toilette non avendo strutture decenti o non potendo accedervi liberamente. Questo è il motivo per cui Unite supporta la carta igienica globale dei lavoratori dei trasporti lanciata per questa Giornata mondiale della toilette e chiediamo a tutti i datori di lavoro di iscriversi e fare la differenza "

Casi studio

Casi di studio recenti ottenuti da Unite includono: “I servizi igienici sono orribili. La maggior parte sono bloccati o fuori uso. I conducenti devono alleggerirsi nelle aree di campagna a causa di pause mal posizionate. Un autista che ha 63 anni si rivive in una sosta a causa di ciò. Ridicolo."

La società non crede che un essere umano richieda la necessità di usare un bagno. Siamo robot."

“Sono stati chiusi diversi locali in cui avevamo accesso ai servizi igienici. L'accesso ai servizi igienici è molto limitato, soprattutto al di fuori degli orari di ufficio. Questo è uno dei motivi principali per cui sto cercando un lavoro alternativo in questo momento. "

ENDS

Note per i redattori:

 

 

In questa puntata parliamo di:

- Dossier sull'uso degli esoscheletri sulla Rivista INRS Santè Sécurité.
- Scienza e mass media: questioni di visibilità
- La Lega di Zaia vota contro il contrasto ai cambiamenti climatici e dopo due minuti l’aula Consiglio della Regione Veneto viene sommersa
- Nuove Forme Di Lavoro Tra I Giovani.Nuovo Rapporto Di Danimarca, Norvegia, Svezia E Islanda
- 2700 operai sono morti nei cantieri dei mondiali di calcio in Qatar in sei anni

IL PODCAST AUDIO ( 30 minuti )

 

In questo numero viene approfondita la tematica dell'uso degli esoscheletri come dispositivi che incrementano le perfomances nei lavori di movimentazione dei pesi, nella pratica di lavori pesanti.
Nella Rivista si afferma che … con gli esoscheletri si nutrono molte speranze in termini di miglioramento delle condizioni di lavoro, compresa la riduzione dei disturbi muscoloscheletrici (DMS). Tuttavia, non possono essere considerati la soluzione miracolosa. Il loro uso solleva problemi di salute e sicurezza. Dalla definizione della necessità di assistenza fisica all'integrazione in situazioni reali, è essenziale un approccio strutturato e collettivo." Da leggere.

LA RIVISTA IN FORMATO . PDF 

 

 

 

Fonte : www.rivistamicron.it

Viviamo nell’era dell’immagine. Istruzioni, indicazioni, messaggi pubblicitari, ma anche concetti e idee astratte sono, sempre più spesso, comunicate tramite disegni, icone e segni grafici. In poche decine di anni la tecnologia digitale e social media hanno stravolto completamente il canone visuale della comunicazione. Anche la comunicazione e la divulgazione della scienza, specie della fisica moderna e dell’astrofisica, sono state travolte da questa rivoluzione.

Questo articolo molto importante prosegue alla fonte su
Rivista Micron .  ( Rivista online: www.rivistamicron.it)

 

FONTE : ECOISTITUTO DEL VENETO ALEX LANGER 

L'Ecoistituto del Veneto Alex Langer e la Fondazione ICU – Istituto Consumatori Utenti ripropongono anche per il 2019 il Premio Ecologia Laura Conti dedicato alle tesi di laurea.
Il premio è ormai giunto alla ventesima edizione e continua nell'obiettivo di valorizzare tesi di laurea di neo laureati, lavori spesso pregevoli ma che troppe volte rimangono negli archivi delle Università.

Il Premio riconosce con una borsa di studio le tesi migliori e le rende note attraverso la pubblicazione di testi specifici e di articoli, oltre che nell'organizzazione di convegni ed eventi di divulgazione.
Questo premio stimola l’Università ad affrontare temi utili al futuro della nostra società e fa conoscere ricerche che resterebbero ignote.

Il concorso è intitolato a Laura Conti, la più grande divulgatrice ambientale italiana. Le quasi tremila tesi che ad oggi hanno concorso, sono rintracciabili come titolo ed autore nel sito www.ecoistituto-italia.org, nelle due sezioni Ecoistituto e Fondazione ICU-Istituto Consumatori Utenti.

Possono concorrere al premio tesi di laurea che trattano vari argomenti: il risparmio e lotta agli sprechi, i parchi e l'ecoturismo, il consumo sostenibile, la mobilità intelligente, i rifiuti, le energie rinnovabili, l'educazione ambientale, la storia dei movimenti ecologisti e consumeristi la legislazione ambientale e tanti altri temi legati all'ambiente e ai consumi.

Sono ammesse tesi di tutti i livelli, compresi i Master, discusse nelle Università italiane, negli anni accademici dal 2008-2009 in poi, inviate entro il 30 NOVEMBRE 2019 presso la sede dell'Ecoistituto e della Fondazione ICU.
La giuria è composta da Michele Boato, Anna Ciaperoni, Paolo Stevanato, Franco Rigosi.

 

FONTE ARPAE

Il 17 novembre è una domenica ecologica: si confermano i blocchi alla circolazione in vigore dal 1 ottobre nei giorni feriali dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 18,30, anche la domenica e nei comuni aderenti al PAIR indicati in elenco.

Sono previste agevolazioni per chi si muove con i mezzi pubblici e iniziative in alcune città.

Verifica nella Ordinanza del Comune di tuo interesse quali sono i provvedimenti previsti per le domeniche ecologiche:

...continua a leggere "Emilia Romagna: il 17 novembre è una domenica ecologica…"

 

FONTE  : UNISON

 

Rispondendo agli ultimi dati del NHS Inghilterra pubblicati oggi (giovedì) che mostrano che i tempi di attesa nel dipartimento Emergenza (Pronto Soccorso) sono i peggiori di sempre, il segretario generale dell'UNISON Dave Prentis ha dichiarato:

“I pazienti lasciati in agonia sulle barelle per ore e i visitatori in attesa di ore in Pronto Soccorso costretti a sedersi sui pavimenti a causa della mancanza di sedie, è diventato la nuova normalità.

“Anni di insufficienza di fondi e una crisi infinita di personale dimostrano che i conservatori non sono semplicemente in grado di gestire il nostro SSN.

“Questi sono i peggiori dati dei Pronto Soccorso inglesi di sempre, ma l'inverno è appena iniziato. È una situazione scioccante e dovrebbe essere di grande preoccupazione per ognuno di noi.

“La pressione sugli ospedali sta attraversando il tetto a causa dell'incapacità di affrontare il pasticcio dell'assistenza sociale. Il prossimo governo deve mettere la salute della nazione e del SSN tra le sue massime priorità. "

INFO
- UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici: istruzione, governo locale, SSN, servizio di polizia ed energia. Sono impiegati sia nel settore pubblico che in quello privato.

 

FONTE RASSEGNA.IT 

Un tecnico manutentore, Leandro Caprarelli, 34 anni, residente nel vicentino, è morto all'ospedale di Santorso (Vicenza) a cause delle ferite riportate in un infortunio sul lavoro avvenuto nella mattinata di lunedì 11 novembre nell'azienda “De Marchi Marmi” di Malo (Vicenza).

La vittima era originaria di Monticelli, frazione di Esperia, in provincia di Frosinone. L'uomo, tecnico dell’azienda di impianti fotovoltaici Tecnorinergy, anch'essa di Malo, era salito nel tetto di un capannone per sistemare l'impianto fotovoltaico, ma è caduto nel vuoto da un'altezza di oltre cinque metri, a causa del cedimento di un cupolino in vetrocemento. Caprarelli era stato ricoverato in condizioni disperate e sottoposto a intervento chirurgico, ma i traumi subiti nella caduta si sono rivelati troppo gravi. Indagini sono in corso da parte dei Carabinieri e tecnici dello Spisal dell'Ulss 7 Pedemontana. La procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, ma per ora non vi sono iscritti al registro degli indagati.

“Questo ennesimo dramma sul lavoro rende ancora più inaccettabile il fatto che manchino i controlli perché i servizi di prevenzione, gli Spisal, non sono messi in grado di operare per la penuria di risorse e di personale”, commentano Giampaolo Zanni (segretario generale Cgil Vicenza) e Morgan Prebianca (segretario generale Fiom Cgil Vicenza): “Dopo l'ultimo infortunio mortale avevamo unitariamente chiesto al prefetto una ‘scossa’, un forte intervento contro gli infortuni nella nostra provincia. Sono passati due mesi e ancora attendiamo. Non ci resta che la lotta sindacale per costringere le aziende a investire sulla sicurezza, le istituzioni a intervenire e i lavoratori a essere i primi a pretendere sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Un articolo apparso su ETUI il 28 ottobre 2019

FONTE  ETUI 

 

L'ANSES, l'Agenzia francese per l'alimentazione e la salute e la sicurezza sul lavoro, ambientale e professionale, ha appena pubblicato un rapporto che sintetizza le attuali conoscenze sulla salute professionale dei vigili del fuoco.

Il recente incendio nello stabilimento chimico di Lubrizol a Rouen (23 settembre 2019) ha rivelato in che misura i rischi relativi al lavoro di un vigile del fuoco vengono spesso trascurati. Sebbene elencati come uno stabilimento di livello superiore ai sensi della direttiva Seveso, circa 900 vigili del fuoco hanno affrontato l'incendio con dispositivi di protezione insufficienti. Secondo le informazioni pubblicate da 'Le Monde' il 16 ottobre 2019 , alcuni pompieri sono stati sottoposti a controlli biologici a seguito dell'incidente. Per almeno dieci di essi, gli esami del sangue hanno mostrato risultati anormali per il fegato, con livelli di transaminasi tre volte più alti del normale e interruzioni della funzionalità renale.

Il rapporto ANSES rivela che i vigili del fuoco sono esposti a una serie di fattori di rischio ogni giorno: esposizione a sostanze chimiche generalmente rilasciate dai prodotti in fiamme, nonché ad agenti biologici o persino fisici. Si trovano anche di fronte a vincoli organizzativi come il lavoro a turni e con vincoli psicosociali come l'esposizione alla violenza. ANSES sta redigendo un rapporto sui rischi per la salute associati all'estinzione degli incendi, facendo il punto sulle misure di prevenzione.

Al fine di compilare questo rapporto, ANSES ha organizzato una consultazione internazionale che consente di condividere il know-how delle agenzie di SSL in diversi paesi. Nove agenzie di Stati Uniti, Paesi Bassi, Finlandia, Norvegia, Canada e Regno Unito hanno contribuito a questo sondaggio.

Il rapporto non si limita a rivedere la nostra conoscenza dei rischi. Continua a presentare raccomandazioni volte a migliorare la prevenzione, nonché a identificare campi in cui abbiamo urgentemente bisogno di dati più sistematici. La relazione contiene un riassunto delle misure di prevenzione raccomandate in Francia e negli altri paesi partecipanti.

ANSES sottolinea il fatto che le attuali misure di prevenzione relative ai rischi chimici si concentrano principalmente sulla fase attiva della lotta contro l'incendio. Tuttavia, il rischio di esposizione a fumi tossici rimane presente anche quando l'incendio è stato spento, durante le fasi di monitoraggio, indagine e bonifica, nonché dopo che gli equipaggi sono tornati alla caserma dei pompieri, sotto forma di attrezzature e veicoli contaminati , fuliggine e l'acqua usata per combattere il fuoco. È necessario tenere maggiormente conto dei rischi cronici.

Per quanto riguarda i rischi psicosociali, ANSES ha scoperto che alcuni vigili del fuoco entrano nel servizio guidati principalmente dal desiderio di combattere gli incendi, senza essere consapevoli della dura realtà di un lavoro in cui la maggior parte delle chiamate coinvolge fornire assistenza di emergenza alle persone. Questa lacuna nella percezione dell'opera può generare sofferenza.

ANSES raccomanda l'introduzione di un database che centralizza i dati di controllo medico dei vigili del fuoco professionisti, militari e volontari, nonché un monitoraggio delle loro attività, al fine di migliorare le nostre conoscenze sulla salute dei vigili del fuoco francesi e la tracciabilità delle esposizioni e identificare le attività con i maggiori rischi. È importante che un simile database sia in grado di includere tutte le diverse attività dei vigili del fuoco professionisti, anche quando lavorano su base volontaria.

Infine, ANSES raccomanda l'effettiva introduzione di controlli medici per i vigili del fuoco che hanno lasciato i vigili del fuoco, al fine di prevenire meglio i rischi a lungo termine.

(Fonte: comunicato stampa ANSES e relazione)

Leggi il rapporto ANSES

 

Segnaliamo  questa testimonianza del Consigliere regionale della Regione Veneto Andrea Zanoni apparsa su Greenreport.it

[13 Novembre 2019]

Ieri notte in Consiglio Regionale stavamo discutendo la legge di stabilità relativa al Bilancio Regionale 2020 quando verso le 22 l’acqua ha iniziato, per la prima volta nella storia del Consiglio regionale del Veneto, ad allagare l’aula consigliare con il conseguente fuggi fuggi di tutti i consiglieri, assessori, funzionari, addetti al servizio legislativo e tanti altri.

Qualcuno potrebbe pensare che tutto ciò non fosse prevedibile, non è così! I numerosi e precisi bollettini sull’acqua alta e soprattutto le sirene in azione ci dicevano solo una cosa: evacuare Palazzo Ferro Fini. E invece il Presidente del Consiglio e i rappresentanti della Lega hanno voluto proseguire ad oltranza creando una serie di disagi aggiuntivi comprese le gravi difficoltà degli addetti ai servizi di trasporto via acqua che hanno dovuto azzardare anche manovre pericolose.

Intanto le acque invadevano tutto il piano terra di palazzo Ferro Fini defluendo come un torrente (il rumore era proprio quello) nelle zone più basse come la sala mensa, la Sala del Leone, la sala Giunta, le cucine, la guardiola e purtroppo l’aula consigliare: l’aula dell’assemblea legislativa del Veneto.

Andavano sott’acqua tutti gli arredamenti, tappeti, seggiole ed in particolare molti apparecchi elettrici come le prese e i ventilconvettori.

L'articolo prosegue alla fonte su Greenreport.it

FONTE ENETOSH 
( Traduzione dall'inglese assistita da Google Translator )

Questo nuovo rapporto "Nuove forme di lavoro tra i giovani - Implicazioni per l'ambiente di lavoro", pubblicato dal Consiglio nordico dei ministri, evidenzia nuove forme di lavoro. Basato su interviste con giovani dipendenti, il rapporto mostra esempi di nuovi ambienti di lavoro, come lavorare nel settore dei giochi, su piattaforme digitali, con i social media e in accordi di lavoro flessibili o temporanei.
I cambiamenti nel lavoro segnati a livello globale e nei paesi nordici comportano nuove forme di lavoro e occupazione atipica tra i giovani lavoratori. Una percentuale significativa di giovani lavoratori è in posizione temporanea, lavora irregolarmente e lavora a tempo parziale. I quattordici ritratti di giovani che lavorano in forme nuove e atipiche di lavoro nei paesi nordici in questo rapporto mostrano che la maggior parte di questi giovani ha diversi lavori o redditi contemporaneamente o un numero di lavori / redditi diversi per brevi periodi.
Stanno lavorando su piattaforme online come giocatori di e-sport, YouTuber o Influencer, per spostarsi così nella zona di confine dei significati che di solito attribuiamo alle categorie "lavoro" e "ambiente di lavoro". Questi sviluppi si applicano anche alle professioni tradizionali, come i lavori di falegnameria o di servizio, ma il nuovo aspetto è che il lavoro è mediato attraverso piattaforme online, il che sembra influenzare l'ambiente di lavoro di quei giovani lavoratori. È importante conoscere meglio le nuove forme di lavoro se vogliamo migliorare l'ambiente di lavoro tra questi giovani lavoratori.
Il gruppo del progetto era composto da partecipanti provenienti da quattro paesi nordici: Danimarca, Svezia, Norvegia e Islanda. Il capo del progetto era Johnny Dyreborg, Ph.D. del Centro nazionale di ricerca per l'ambiente di lavoro, Danimarca.
Il rapporto può essere scaricato come file PDF o ePUB o letto online qui .

a cura di Luisella Gilardi, DoRS

Nel mese di luglio del 2019 l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato un documento di sintesi sugli effetti delle radiazioni a radiofrequenza sulla salute, in particolare sull’insorgenza di tumori.

Fra i dispositivi che emettono tali radiazioni vi è il telefono cellulare, da anni oggetto di discussione all’interno della comunità scientifica. Il rapporto ha l’obiettivo di fare chiarezza analizzando la letteratura scientifica prodotta in questi anni nell’ambito di studi multicentrici anche di grandi dimensioni.

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE DORS.IT

Fonte : Inail.it 

Numerosi studi epidemiologici riportano effetti sanitari dovuti a ingestione di alimenti contaminati.

Immagine Esposizione a micotossine aerodisperse: un rischio occupazionale?

Meno studiato è il rischio di contrarre patologie a seguito di inalazione di spore fungine o particelle di polvere contaminate, rischio che, per alcune attività, può essere consistente. I lavoratori a maggior rischio espositivo risultano quelli addetti alla raccolta di cereali, stoccaggio di materiale agricolo, carico e scarico (es. autotrasportatori), produzione e distribuzione di mangimi.
Il documento intende approfondire le problematiche connesse con l’esposizione a micotossine per via inalatoria e il loro impatto sulla saluto occupazionale.

Prodotto: Fact sheet
Edizioni: Inail – 2019
Disponibilità: Consultabile solo in rete
Info: dcpianificazione-comunicazione@inail.it

 

Il rapporto dell'Agenzia europea per l'ambiente sulla qualità dell'aria mostra come l'esposizione all'inquinamento atmosferico abbia causato nel 2016 circa 400.000 morti premature nell'Unione europea

L’inquinamento atmosferico continua ad avere impatti significativi sulla salute della popolazione europea, in particolare nelle aree urbane. A provocare i maggiori danni alla salute degli europei sono il PM, il biossido di azoto e l’ozono.

Questo è quanto registrato dall’Agenzia europea per l’ambiente nel suo rapporto che prende in considerazione i dati ufficiali sulla qualità dell’aria provenienti da oltre 4.000 stazioni di monitoraggio in Europa nel 2017.

L'articolo prosegue alla Fonte su SNPAMBIENTE

Fonte AFeVA

Bologna, 6 novembre 2019

Siglata il 30 ottobre 2019, la “CONVENZIONE TRA L’ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE E L’ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA TRASMISSIONE DEI DATI DI CUI ALL’ART. 244 DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E INTEGRAZIONI”.

scarica la convenzione

La convenzione riguarda dati relativi alla la costituzione di un registro nazionale dei tumori di origine professionale “…con riferimento ai lavoratori contenuti
negli elenchi forniti dallo stesso INAIL, per i quali è stata accertata una patologia oncologica ovvero sono stati valutati come soggetti a rischio in base all’attività lavorativa svolta”.

l’INPS e l’INAIL hanno già stipulato convenzioni per la trasmissione dei dati di cui all’articolo 244 del D. lgs n.81 del 2008, l’ultima delle quali sottoscritta in data 3 maggio 2018, l’attuale convenzione viene adeguata alle norme europee (Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali…) e al  d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101, recante “Disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali
dati e che abroga la direttiva 95/46/CE”) ecc…

 

Fonte : SNPAMBIENTE

I vertici dell’azienda Miteni sono imputati per aver concorso all’avvelenamento della falda acquifera destinata al consumo umano nel sottosuolo dell’azienda e delle acque superficiali e potabili, nonché di aver provocato il relativo disastro ambientale.

L’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto si è costituita parte civile nel processo Miteni. La richiesta è stata formalizzata oggi dall’avv. Fabio Calderone, del foro di Padova, all’udienza tenutasi innanzi al Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Vicenza, dott. Roberto Venditti nel procedimento penale nei confronti dei vertici dell’azienda.

Arpav, che nel 2013 identificò nel sito dell’azienda la principale causa dell’inquinamento nella produzione di sostanze perfluoroalchiliche, ha svolto e sta svolgendo numerosissime e complesse attività tecnico-scientifiche. Dai monitoraggi dei suoli e dei corpi idrici superficiali, sotterranei e delle acque marino costiere alle analisi dei fanghi di depurazione, allo studio della presenza delle sostanze nell’aria e al controllo delle fonti di pressione.

Inoltre l’Agenzia ha eseguito costantemente sopralluoghi, ispezioni e campionamenti nell’esteso territorio interessato dalla contaminazione ed ha effettuato, per le aziende sanitarie, le analisi degli alimenti, delle acque potabili e del siero umano per lo screening della popolazione esposta.

L’ingente attività ha richiesto l’acquisto di strumentazione scientifica di altissima tecnologia e di sistemi analitici ad alte prestazioni con l’impiego di numerosi tecnici, per una spesa totale ad oggi di oltre otto milioni di euro, della quale viene chiesto il ristoro, oltre al danno all’immagine. Inoltre Arpa Veneto è fra i creditori dell’azienda, fallita nel 2018.

Il 25 novembre 2019 presso l'INAIL ed il 26 presso il Ministero della Salute a Roma saranno presentati i risultati finali del progetto.

Riportiamo la nota di Patrizia Compagnucci, Dipartimento Epidemiologia del S.S.R. Regione Lazio

Il prossimo 26 Novembre si terrà presso il Ministero della Salute il Workshop accreditato ECM: "Clima, Inquinamento atmosferico e Salute". L'evento presenta le ultime evidenze scientifiche in termini di effetti sulla salute della temperatura e dell'inquinamento atmosferico a livello nazionale al fine di migliorare la risposta del sistema sanitario e l'adattamento della popolazione. Il Workshop presenta una sintesi dei risultati del progetto CCM azione centrale “Piano operativo nazionale integrato per la previsione e la prevenzione degli effetti delle ondate di calore e dell'inquinamento atmosferico sulla salute” e del progetto "BEEP - Big Data in Epidemiologia Ambientale ed Occupazionale".

Inoltre, il 25 Novembre, presso la sede INAIL, verranno presentati i risultati di dettaglio del suddetto progetto BEEP.

Si allegano i programmi dei due eventi. Per partecipare ai due eventi inviare una mail a p.compagnucci@deplazio.it come indicato nei programmi.

Iniziativa del 25 novembre  - INAIL Auditorium, P.le Giulio Pastore, 6 - Roma

Iniziativa del 26 novembre - Ministero della Salute, Viale G. Ribotta, 5 -Roma

Maggiori indicazioni sul sito del DEP Regione Lazio.

FONTE C.I.I.P CHE RINGRAZIAMO

Riportiamo dal sito ACTU ( Australian Council of Trade Union ) questo articolo sull'uso continuato dell'amianto in Asia e sulle iniziative del sindacato australiano su scala regionale per contrastare e metterne al bando l'uso. La traduzione è assistita da Google translator....  Il testo originale in inglese è su ACTU

L'Australia deve svolgere un ruolo nel porre fine alla produzione e all'uso dell'amianto in Asia, dove l'esposizione uccide e stima 60.000 persone ogni anno.

C'è ancora un'enorme quantità di lavoro da fare per garantire che i luoghi di lavoro australiani siano al sicuro dalla contaminazione da amianto, ma il governo Morrison deve anche prendere provvedimenti immediati per affrontare questa enorme crisi di salute pubblica nella nostra regione:

  • Garantire che nessun denaro per lo sviluppo australiano o internazionale stia finanziando l'amianto in Asia attraverso la Banca asiatica di sviluppo.
  • Condurre la riforma della Convenzione delle Nazioni Unite di Rotterdam che regola il commercio di sostanze chimiche pericolose che è attualmente dirottato dai paesi produttori di amianto.
  • Supporto e risorse per aiutare a sconfiggere le bugie e la disinformazione della lobby dell'industria dell'amianto attraverso un'iniziativa regionale.

Citazioni di  Phillip Hazelton, coordinatore della campagna in Asia per l'eliminazione delle malattie correlate all'amianto negli aiuti all'Unione all'estero - APHEDA:

“L'amianto è ancora ampiamente utilizzato in Asia e milioni di persone sono esposte a questa sostanza mortale. Si stima che ogni anno siano 220.000 i decessi per malattie legate all'amianto, di cui 60.000 in Asia. Il bilancio delle vittime asiatico dovrebbe salire alle stelle nei prossimi decenni. La stragrande maggioranza delle persone che soffrono non sa che cosa sta causando il loro cancro e in molti luoghi non c'è spesso alcun trattamento o compensazione ”, ha detto.

“L'Australia comprende fin troppo bene la tragica eredità dell'amianto e abbiamo il dovere di mostrare una forte leadership internazionale per porre fine all'uso dell'amianto. In quanto organizzazione del movimento dell'Unione australiana, siamo orgogliosi dell'eredità delle battaglie combattute per vincere un divieto di amianto in Australia e solo un risarcimento per quelli con malattie di amianto.

“L'Indonesia è il secondo più grande importatore di amianto grezzo al mondo. L'amianto viene utilizzato nella costruzione, produzione e una gamma di prodotti e processi.

“Medici, sindacati, attivisti, persone che soffrono di malattie legate all'amianto, lavoratori e membri della comunità in Asia stanno lavorando per porre fine all'uso dell'amianto. La lobby dell'amianto sta usando bugie e disinformazioni sull'uso sicuro dell'amianto per mantenere viva la sua industria al costo di centinaia di migliaia di vite.

"L'Agenzia per la sicurezza e l'eradicazione dell'amianto in Australia svolge un lavoro vitale nella gestione del rischio residuo di amianto e nella riduzione delle esposizioni in Australia e siamo orgogliosi di lavorare con loro per aiutare a raggiungere il loro obiettivo di leadership e cooperazione internazionale nella lotta contro i rischi di esposizione all'amianto e spingendo per un divieto globale.

“Mentre l'amianto viene estratto, commercializzato e prodotto in tutto il mondo, continueremo a vederlo importato illegalmente in Australia. L'unico modo per impedire l'ingresso di nuovi prodotti in amianto nei nostri luoghi di lavoro e nelle nostre comunità è un divieto globale ".

Citazioni dell'Assistente Segretario ACTU Liam O'Brien:

“L'Australia ha una storia orribile con l'amianto, ogni anno 5000 australiani muoiono per malattie legate all'amianto.

“Stiamo venendo meno ai nostri obblighi nei confronti della nostra regione se non agiamo per porre fine all'uso di questo materiale incredibilmente mortale.

“Ogni settimana vengono rilevati materiali contenenti amianto ai nostri confini che vengono importati in Australia dalla nostra regione. La messa in atto di divieti globali efficaci non protegge solo i lavoratori delle nostre regioni, ma anche australiani.

"Chiediamo al governo Morrison di agire per proteggere la salute dei lavoratori in tutta l'Asia, anche in Australia, intraprendendo azioni immediate a casa e conducendo riforme a livello internazionale".

Questa sentenza è importante in quanto mette in discussione uno stereotipo consolidato: il RSPP sarebbe non responsabile penalmente, in genere, poichè non dispone del potere di spesa . Nei fatti la sentenza ricorda, come si afferma nel commento del sito Olympus  che " il soggetto cui siano stati affidati i compiti del servizio di prevenzione e protezione, ancorché sia privo di poteri decisionali e di spesa, può essere ritenuto corresponsabile del verificarsi di un infortunio ogni qual volta questo sia oggettivamente riconducibile ad una situazione pericolosa che egli avrebbe avuto l'obbligo di conoscere e segnalare, dovendosi presumere, nel sistema elaborato dal legislatore, che alla segnalazione avrebbe fatto seguito l'adozione, da parte del datore di lavoro, delle necessarie iniziative idonee a neutralizzare detta situazione."

Ringraziamo Olympus per il pregevole lavoro che svolge.

LA SENTENZA E IL COMMENTO DAL SITO OLYMPUS 

Fonte: Nuovaecologia

Lo studio pubblicato su BioScience firmato da ricercatori di tutto il mondo, 250 italiani, prevede “indicibili sofferenze umane”

La Terra è in piena “emergenza climatica”, e “indicibili sofferenze umane” saranno inevitabili, senza cambiamenti profondi e duraturi nelle attività umane che contribuiscono alle emissioni di gas serra e ai cambiamenti climatici. Lo affermano, in uno studio sulla rivista BioScience, più 11.000 ricercatori di 153 Paesi, tra cui circa 250 italiani. La dichiarazione di emergenza climatica è basata sull’analisi di 40 anni di dati scientifici. I ricercatori propongono misure urgenti per fare fronte ai danni della febbre del pianeta

Salute e Sicurezza sul Lavoro : la lettera della Conferenza delle Regioni e Province Autonome
FONTE SNOP.IT
 

CONTRIBUTO DELLE REGIONI E P.A. AL TAVOLO POLITICO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

 

 

 

In questo numero molti articoli interessanti in particolare sui processi di privatizzazione della sanità, sulla guerra alla sicurezza sul lavoro, 60 pagine di documenti e informazioni utili per chi opera nella sanità o semplicemente per chi ha a cuore il tema salute.

LAVORO E SALUTE - NOVEMBRE 2019 - Anno 35° 

 

Nota di Editor. Pubblichiamo, dal sito del Sindacato australiano, questo comunicato sulle iniziative dei Riders australiani, i fattorini che consegnano cibo ed altro in bicicletta o in moto,  "assunti" dalla compagnia Deliveroo. Ci scusiamo per qualche imperfezione della traduzione assistita da Google Translator.

TESTO ORIGINALE ALLA FONTE >>>  TWU.COM.AU 

1 novembre 2019

Oggi i riders ciclisti che consegnano cibo hanno inviato lettere a Deliveroo chiedendo che la società si attenga alle rigide leggi sulla salute e sicurezza sul lavoro per aiutare a fronteggiare i rischi pericolosi che devono affrontare, tra cui collisioni con automobili, cadute letali dalle loro biciclette e stress termico.

L'azione arriva quando quattro fattorini della consegna di cibo sono morti mentre lavoravano.

Deliveroo ha solo 14 giorni per conformarsi alla legge sulla salute e la sicurezza sul lavoro (2011) che consentirà ai lavoratori di istituire gruppi di lavoro e di eleggere rappresentanti per la salute e la sicurezza, che avranno ampi poteri per far rispettare gli obblighi di sicurezza, incluso il divieto del lavoro non sicuro.

A differenza del Fair Work Act, Deliveroo non sarà in grado di negare la sua responsabilità poiché la legge copre tutti i lavoratori, non solo i dipendenti, e pone l'accusa non su un datore di lavoro diretto tradizionale ma su chiunque "conduca un'attività o un'impresa" in relazione al lavoro .

“Oggi i ciclisti hanno fatto un passo coraggioso verso Deliveroo la loro sicurezza sul lavoro sia presa in considerazione. Questa azienda ignora la sicurezza. Oggi i ciclisti affermano che la sicurezza è importante e che desiderano che Deliveroo rispetti la legge, dia loro l'attenzione sulla sicurezza che desiderano e consentano loro di eleggere i propri rappresentanti della sicurezza. Il problema della sicurezza per i riders mostra la necessità di una regolamentazione generale su tutti gli aspetti del lavoro. Il governo federale ha scelto di non regolamentare la gigs economy e quindi i lavoratori vengono feriti, messi a rischio, negati i salari minimi, negato il congedo per malattia e non hanno il diritto di contestare licenziamenti ingiusti. I ciclisti sono di nuovo costretti ad adottare un approccio frammentario e ad affrontare queste aziende una per una e ad ogni singolo problema ”, ha dichiarato il segretario nazionale della TWU Michael Kaine.

I ciclisti ricevono istruzioni minime e nessuna formazione quando assumono il lavoro, non dispongono di adeguati dispositivi di protezione e, a causa del sistema di classificazione per ottenere turni, devono intraprendere il lavoro anche se sono malati o se le condizioni sono pericolose, come durante i temporali e calore estremo.

Deliveroo ha recentemente annunciato di aver intrapreso iniziative con lavoratori scelti dall'azienda. Le leggi WHS richiederebbero all'azienda di andare molto oltre e garantire che i rappresentanti della sicurezza siano scelti dai lavoratori, non dall'azienda.

Il passaggio alla sicurezza arriva quando la TWU ha chiesto che i lavoratori della gig economy entrino automaticamente in un sindacato, per garantire che abbiano protezioni e supporto contro lo sfruttamento e i rischi per la sicurezza.

“Da quando è arrivato in Australia, Deliveroo ha privato i lavoratori dei loro diritti: non ci sono tariffe orarie garantite, le distanze di consegna sono aumentate causando un calo del 30-40% della retribuzione e la società ha licenziato i lavoratori senza preavviso o la possibilità di presentare ricorso. Mentre le nostre leggi industriali stanno facilitando la rimozione dei diritti, le leggi sulla salute e la sicurezza sul lavoro sono solide e ci aspettiamo che Deliveroo sia ritenuto responsabile della sicurezza ", ha aggiunto.

I rider dicono che il lavoro è pericoloso e che i ciclisti hanno bisogno di protezione.

“Siamo in viaggio in condizioni pericolose, maltempo, traffico nelle ore di punta e di notte. Non abbiamo protezioni o diritti come congedi per malattia o indennità quando qualcosa va storto. Siamo persino spinti a continuare anche se ciò rappresenta un rischio per la nostra sicurezza, altrimenti potremmo avere difficoltà a trovare lavoro in futuro. I motociclisti vengono spesso feriti e alcuni sono persino stati uccisi sul posto di lavoro. Chiediamo a Deliveroo di intensificare i suoi obblighi legali per proteggere i lavoratori in modo da poter tornare a casa sani e salvi alla fine di ogni turno ”, ha dichiarato Marcello.

L'Unione dei lavoratori dei trasporti e i ciclisti delle consegne hanno esposto lo sfruttamento negli ultimi due anni, formando un gruppo chiamato Delivery Riders Alliance.

Un sondaggio tra i ciclisti che consegna cibo mostra che tre su quattro sono pagati al di sotto delle tariffe minime. Quasi il 50% dei ciclisti era stato ferito sul posto di lavoro o conosceva qualcuno che aveva subito incidenti.

Fonte  SuperAbile Inail 

..... "Franco Bettoni, nominato presidente dell'Inail con decreto del Capo dello Stato dello scorso 30 luglio, succede a Massimo De Felice, che ha ricoperto l'incarico a partire dal maggio 2012. Ad affiancare Franco Bettoni il prof. Paolo Lazzara, nella qualità di vice. Originario di Tavernola Bergamasca, classe 1961, Bettoni, in seguito a un grave infortunio subito nel 1976, si è iscritto all'Anmil, l'Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro, che ha guidato come presidente nazionale per due mandati, a partire dal dicembre 2008. È stato anche presidente della Fand, Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità."

 

 

 

Anche questa settimana in Rapid Alert System il sito della Commissione Europea che segnala prodotti commerciali pericolosi per la sicurezza e la salute appaiono in prima fila per pericolosità gioiellini e bigiotterie con alto contenuto di nickel ( produce allergie cutanee) , inchiostri da tatuaggio, cosmetici ( presenza di Aminocaproic acid che mette a rischio le persone in terapia anticoagulante) , ecc . Come sempre è utile dare uno sguardo a questa lista di prodotti…

Ecco le immagini di alcuni dei prodotti segnalati 

Piercing e bigiotterie

Inchiostro da tatuaggi contenente aromatic amines o-anisidine (measured value: 8 mg/kg) and o-toluidine (measured value: 23 mg/kg) dati da scheda RSA

 

Dentifricio 

Per visualizzare l'elenco completo vai al sito RAS

Rapid Alert System - Weekly Report

Notification A12/1154/19 has been permanently withdrawn from report 2019-31 of 02-08-2019 at the request of the notifying authority following new test results that prove compliance of the product.
The brand name in notification A12/1393/19 of report 2019-39 has been corrected at the request of the notifying authority.
Notification A12/1451/19 has temporarily been unpublished from web report 2019-40 at the request of the notifying authority due to an ongoing investigation.