Vai al contenuto

 

 

Un numero ricco di articoli, inchieste e documenti da leggere.

In particolare segnaliamo l'editoriale di Franco Cilenti "Maltrattati ingannati e contenti ? " e l'articolo "Epidemiologia & Enigmistica.
Ha senso un’epidemiologia disgiunta
dalla prevenzione?" di Cesare Cislaghi.

Lavoro & Salute settembre 2019
pdf - 72 pagine

Bologna, 11 settembre 2019

Quale sarà il futuro dell’area ex-OGR di via Casarini, 25? In quali tempi e in che modo sarà realizzata la bonifica dell’area? Il vecchio stabilimento (più di 100 anni) sarà conservato per altri usi della città di Bologna? Dopo l’installazione museale in Assemblea Legislativa, si arriverà alla riunificazione di tutto il materiale raccolto dai lavoratori e da Salvatore Fais, e alla definizione di un percorso di lettura civica degli avvenimenti accaduti nello stabilimento, particolarmente sul dramma dell’Amianto?

Di tutti questi argomenti si discuterà in un Pubblico Dibattito (scarica la locandina) dal titolo:

“FUTURO EX OGR, BONIFICA, MUSEO E MEMORIA VITTIME DELL’AMIANTO”

VENERDI’ 20 SETTEMBRE 2019 ORE 18.00

PRESSO LA SALA “COSTITUENTE DELLE IDEE”

FESTA DELL’UNITA’ – BOLOGNA – PARCO NORD

Partecipano:

SALVATORE FAIS – ex-lavoratore OGR

ANDREA CASELLI – Presidente AFeVA ER

SIMONETTA SALIERA – Presidente Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna

MAURIZIO LUNGHI – Segretario Generale CDLM-CGIL Bologna

ELENA LETI – Presidente commissione urbanistica e ambiente Comune di Bologna

CLAUDIO MAZZANTI – Capogruppo PD Consiglio Comunale

LORENZO CIPRIANI – Presidente Q.Re Porto Saragozza

GIUSEPPE PARUOLO – Consigliere Regionale

ANPI BOLOGNA

RSU OGR BOLOGNA

FONTE DIESEL.AU.COM CHE RINGRAZIAMO 

La Monash University sta conducendo un sondaggio nazionale per cercare di saperne di più sulla salute fisica e mentale dei camionisti australiani, ritenuti il ​​datore di lavoro numero uno degli uomini in Australia.

Questo è in collaborazione con il Center for Work Health and Safety, Linfox Logistics e il Transport Workers 'Union. Questa ricerca Monash è una delle prime del suo genere in Australia. Lo studio è anche supportato dal National Health and Medical Research Council.

Le persone che guidano tutti i tipi di camion, dai rigidi leggeri ai treni stradali, sono incoraggiate a prendere parte a un sondaggio per fornire maggiori informazioni sulla salute dei conducenti australiani.

I lavoratori dei trasporti affrontano specifici rischi per la salute nei loro ambienti di lavoro, tra cui isolamento, lunghe ore e affaticamento cronico. Tempi di consegna ridotti possono aggiungere ulteriore stress a un ambiente di lavoro già impegnativo.

Il sondaggio si apre a settembre e può essere completato su qualsiasi dispositivo in grado di accedere a Internet, come telefoni cellulari, laptop o desktop. I partner dello studio affermano di essere impegnati a lavorare con l'industria per sviluppare nuovi approcci per prevenire e ridurre al minimo il rischio per la salute fisica e mentale.

"Questo sondaggio fornirà nuove intuizioni sui fattori sul posto di lavoro, a casa e nella comunità che incidono sulla salute in modo positivo e negativo", afferma il dott. Ross Iles della School of Public Health and Preventive Medicine della Monash University. “Guidare per vivere pone molte sfide per la salute, sia mentali che fisiche, eppure c'è poca ricerca o documentazione che può guidare il cambiamento per aiutare i conducenti a essere sani e a rimanere sani sul lavoro. Sappiamo che i datori di lavoro possono svolgere un ruolo importante nella salute dei lavoratori e alcuni datori di lavoro del settore avranno bisogno di assistenza per sostenere la salute dei loro autisti. "

Lo studio di riferimento della Monash University ha esaminato 12 anni di dati e ha scoperto che in questo periodo sono state avanzate oltre 120.000 richieste di lesioni e decesso. La Monash University sta lanciando il Driving Health Survey per migliorare la salute dei conducenti professionisti australiani impiegati per rendere il settore più sicuro.

L'anno scorso, il Driving Health Study ha scoperto che, in particolare, i camionisti hanno una probabilità 13 volte maggiore di morire sul posto di lavoro rispetto a tutti gli altri lavoratori.

"Questo studio è un campanello d'allarme", ha dichiarato Michael Kaine, segretario nazionale dell'Unione dei lavoratori dei trasporti. “Guidare è un lavoro duro. Dobbiamo fare di più per garantire che i nostri conducenti siano sani e al lavoro. Questo sondaggio ci fornirà una base di informazioni che ci consentirà di mettere a punto strategie migliori per il futuro ".

Per ulteriori informazioni o per registrare l'interesse per il sondaggio, visitare il sito Web.

Nota di Editor : Speriamo che anche in Italia e in Europa si svolgano studi in profondità sulle condizioni di lavoro e di salute dei camionisti italiani ed europei e sulle tipologie contrattuali che regolano il loro lavoro.