Vai al contenuto

 

 

 

FONTE INCHIESTAONLINE.INFO

Bill Mckibben, un ambientalista statunitense attivo anche come scrittore e giornalista, definito nel 2010 dal Boston Globe come “probabilmente l’ambientalista più influente della nazione”, ha lavorato sul cambiamento climatico per trent’anni e dice di aver imparato a liberare la sua angoscia e a tenerla sotto controllo. Ma, negli ultimi mesi, ammette che la sua angoscia vera riguarda i suoi figli. Questa primavera è stato registrato per la concentrazione di l’anidride carbonica nell’atmosfera il livello record di 415 parti per milione, superiore a quanto non sia mai stato in molti milioni di anni. L’estate è iniziata con il mese più caldo mai registrato, quindi Luglio è diventato il mese più caldo dell’era moderna. Il Regno Unito, la Francia e la Germania, hanno tutti raggiunto nuove alte temperature e il calore si è spostato verso nord, fino a quando la maggior parte della Groenlandia si è sciolta e immensi incendi siberiani hanno inviato grandi nuvole di carbonio verso il cielo. All’inizio di settembre, l’uragano Dorian si è fermato sopra le Bahamas, dove ha scatenato quello che un meteorologo ha definito “il più lungo assedio di tempo violento e distruttivo mai osservato” sul nostro pianeta. Gli avvertimenti scientifici di tre decenni fa sono i più micidiali avvisi di calore del presente e, per il futuro, ci impongono scadenze rigide. Lo scorso autunno, gli scienziati climatici di tutto il mondo hanno affermato che, se vogliamo raggiungere gli obiettivi fissati nell’accordo sul clima di Parigi del 2015,

...continua a leggere "Mario Agostinelli: Una mobilitazione della società e del mondo del lavoro per la decarbonizzazione e l’emergenza climatica"

Nota:  la traduzione con translator Google è molto imprecisa... conviene leggere il testo in originale 

FONTE GMB 

 

Le "menzogne" di Amazon sul suo record scioccante di salute e sicurezza sono state esposte da un'indagine di GMB.

L'Health and Safety Executive (HSE) afferma che "non riconosce" le affermazioni di Amazon sulle condizioni nei suoi magazzini - che hanno visto centinaia di chiamate di ambulanza.

La mostra arriva mentre GMB chiama Amazon in una mozione per la Conferenza del lavoro di Brighton oggi.

In risposta alle precedenti indagini di GMB Union sulle pratiche di lavoro di Amazon - che hanno rivelato centinaia di chiamate di ambulanze ai magazzini di Amazon - la società afferma sul suo sito Web :

"Secondo il governo britannico RIDDOR, responsabile per la salute e la sicurezza, Amazon ha in media il 43% di infortuni in meno rispetto ad altre società di trasporto e deposito nel Regno Unito"

Tuttavia, dopo che il GMB ha scritto all'HSE per interrogarlo, l'HSE ha risposto affermando che "non riconosce" l'affermazione dell'azienda.

Tim Roache, Segretario Generale GMB, ha dichiarato:

“Amazon potrebbe aggirare il tavolo, lavorare con GMB - che rappresenta centinaia dei suoi lavoratori - e apportare modifiche per proteggere i propri dipendenti.

La linea di fondo è che le condizioni sui siti di Amazon sono spaventose. I rapporti che riceviamo sono orribili e Amazon ha bisogno di risolverli al più presto.

Tim Roache, Segretario Generale GMB

“Invece, sembrano disposti a dire bugie a faccia in giù sulla carta sulla realtà ed evitare le loro responsabilità.

"È ovvio - mostra il disprezzo  verso il contribuente del Regno Unito e i loro clienti in quanto pensavano di non essere scoperti.

“La linea di fondo è che le condizioni sui siti di Amazon sono spaventose. I rapporti che riceviamo sono orribili e Amazon ha bisogno di risolverli al più presto. "

Amazon: rispetta i tuoi lavoratori
Unisciti alla nostra campagna

Laura Pidcock, ministro del lavoro ombra, ha dichiarato:

“Amazon dovrebbe vergognarsi del modo in cui ha travisato le esigenze dei suoi magazzinieri per le cure di emergenza.

Il lavoro metterà il potere nelle mani dei lavoratori istituendo un'Agenzia per la protezione dei lavoratori che, a differenza dell'attuale sistema, farà effettivamente valere diritti, standard e protezioni, in modo che ogni lavoro sia un buon lavoro.

Laura Pidcock, ministro del lavoro ombra

“Queste condizioni pericolose sono uno scandalo. Il fatto che Amazon richieda urgentemente che i suoi lavoratori siano adeguatamente protetti dagli infortuni dimostra quanto sia basso il livello di questo gigante aziendale.

“Il Labour metterà il potere nelle mani dei lavoratori istituendo un'Agenzia per la protezione dei lavoratori che, a differenza dell'attuale sistema, farà effettivamente valere diritti, standard e protezioni, in modo che ogni lavoro sia un buon lavoro. Inoltre, renderemo più facile per i sindacati entrare nei luoghi di lavoro per rappresentare i loro membri, verificare la loro sicurezza e ascoltare le loro preoccupazioni ".

Jack Dromey, ministro ombra del lavoro e delle pensioni, ha dichiarato:

“Amazon ha mentito per nascondere un vergognoso record nel mettere a rischio i propri lavoratori.

"La società dovrebbe scusarsi e concordare un audit indipendente sulla salute e la sicurezza insieme a GMB in modo che nessun altro lavoratore rischi la vita o il lavoro degli arti per Amazon"

FONTE  RASSEGNA.IT CHE RINGRAZIAMO 

Vertice nel pomeriggio a Roma tra i ministri Catalfo e Speranza e i sindacati sulla sicurezza sul lavoro, considerata "una priorità" dal governo. Landini: "Occorre affrontare anche le cause, che risiedono nella precarietà e nel sistema degli appalti"

Un piano straordinario per la prevenzione degli infortuni. È quanto ha promesso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel suo programma di governo: un provvedimento che oggi (lunedì 23 settembre) vede la posa della prima pietra, con l’incontro fra i ministri del Lavoro Nunzia Catalfo e della Salute Roberto Speranza e i vertici di Cgil, Cisl e Uil. L’appuntamento è a Roma, alle ore 15 presso il dicastero del Lavoro (in via Flavia 6).

“Ci aspettiamo che inizi un seria discussione su questo tema. Il numero degli infortuni e delle morti sul lavoro sta aumentando, così come crescono le malattie professionali”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, sottolineando che “si lavora di meno, ma ci sono più infortuni e più malattie, e si muore come si moriva cinquanta anni fa”.

Maurizio Landini evidenzia che se conteggiamo anche coloro che muoiono “in itinere”, ovvero mentre vanno o tornano dal lavoro, negli ultimi dodici anni le vittime sono 17 mila “Un dato che – commenta – come sindacalista ti fa sentire anche in colpa per non aver fatto fino in fondo il tuo mestiere, perché non esiste che una persona muoia lavorando, è un concetto che non può essere accettato”.

Per il segretario generale è evidente che “fare un piano straordinario per la prevenzione vuol dire puntare sulla formazione e decidere chi la deve fare: occorre anzitutto potenziare, attraverso nuove assunzioni, gli ispettorati e i servizi di medicina del lavoro”. Landini evidenzia anche la necessità “che Inps, Inail e gli altri istituti comincino a scambiarsi i dati. Non è accettabile che, in quest’era digitale, ognuno resti proprietario delle proprie banche dati, è una cosa che non permette di far funzionare bene il Paese e di affrontare queste situazioni”.

Ma per Landini, alla base di ogni confronto, deve esserci “la volontà di affrontare assieme questo tema, entrando dunque nel merito del perché succedono le morti sul lavoro”. Un “perché”, conclude il segretario generale della Cgil, che va ricercato “nella troppa precarietà, in un sistema degli appalti che va affrontato con decisione, nella necessità di far diventare la cultura della sicurezza un investimento e non un costo come invece prevale adesso”.

 

FONTE ETUI.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Esistono centinaia di sostanze che interrompono la produzione di ormoni. Impiegate massicciamente dall'industria in molte produzioni, queste sostanze sono associate a gravi problemi di salute come tumori, danni alla salute riproduttiva, disturbi dello sviluppo come l'obesità, un calo del quoziente di intelligenza, ... Tra questi , compresi bisfenoli, ftalati, parabeni, eteri glicolici, ritardanti di fiamma bromurati, composti perfluorurati (PFC). Per la prima volta, Public Health France ha misurato la presenza di queste sostanze estremamente preoccupanti nel corpo di bambini e adulti in un ampio campione (1.104 bambini e 2.503 adulti) rappresentativo della popolazione francese.

Newsletter : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza, iscriviti alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

Sono stati monitorati quasi 70 biomarcatori. Lo studio si basa su campioni biologici (urina, siero e capelli) e sull'invio di un questionario su abitudini di vita, consumo di cibo, caratteristiche dei partecipanti. L'analisi incrociata dei risultati dei campioni e dei questionari consente di quantificare la presenza di questi inquinanti nella popolazione e di conoscere meglio le fonti di esposizione. 

I risultati indicano che queste sostanze che sono onnipresenti negli oggetti di uso quotidiano e che sono spesso interferenti endocrini o agenti cancerogeni, provate o sospette, sono "presenti nel corpo di tutti i francesi" e "livelli più elevati di impregnazione. si trovano nei bambini . In generale, i livelli di impregnazione riscontrati sono paragonabili a quelli di altri studi condotti all'estero, in particolare negli Stati Uniti e in Canada.

Questo primo importante studio sul biomonitoraggio sarà seguito da altre due sezioni su metalli e pesticidi. Lo studio non affronta esplicitamente il problema delle esposizioni professionali. "Riflette un divario purtroppo comune nella maggior parte delle politiche di sanità pubblica", afferma Laurent Vogel , ricercatore senior presso ETUI. "Esistono prove da altre fonti che le esposizioni professionali sono un'importante fonte di impregnazione per molte attività", conclude. 

Rapporti dallo studio ESTEBAN

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Una nuova battaglia - economica e politica per il momento - sta emergendo su uno degli stadi geografici più ostili del pianeta, l'Artico. I principali attori sono i tre superpoteri, gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, ma la crescente rivalità per l'accesso e il controllo delle vaste risorse nella regione e il suo uso come principale rotta commerciale ha importanti implicazioni per gran parte del mondo , in particolare l'Unione europea, con gli Stati membri nella regione artica e un chiaro interesse per lo sviluppo dell'area. L'Africa occidentale e alcuni paesi dell'America Latina saranno inoltre interessati dalla nuova rotta di navigazione. ...continua a leggere "Guerra fredda nell’Artico: l’ultimo hotspot della geopolitica globale grazie ai cambiamenti climatici"

Segnaliamo questa opera collettiva che offre uno  sguardo sui legami tra lavoro e consumo di sostanze psicoattive.

 

 

Christine Gauthier , "  Doping to Work under the Direction of Crespin, Lhuilier and Lutz  ", Interdisciplinary Perspectives on Work and Health [Online], 21-1 | 2019, pubblicato il 01 luglio 2019, accesso 21 settembre 2019. URL:

http://journals.openedition.org/pistes/6245

 

Se_Doper_Pour_Travailler

1 Pubblicato da Éditions Érès nella Collezione Clinique du travail, questa importante opera collettiva di Renaud Crespin, Dominique Lhuilier e Gladys Lutz dà uno sguardo generale ai legami tra lavoro e consumo di sostanze psicoattive ("APS", come le droghe, alcol, droghe) e consente una migliore comprensione di un problema complesso ancora troppo spesso ignorato, quello di avere a volte (spesso) "droga per funzionare".

2 Che relazione possiamo stabilire tra consumo e lavoro? In che modo l'attività lavorativa, l'ambiente collettivo o organizzativo promuove il consumo? Cosa fanno e devono fare le imprese e i sindacati quando si osservano problemi di consumo? Che dire dell'azione pubblica e della prevenzione del consumo di SPA sul posto di lavoro? Queste sono alcune delle domande su cui questo libro si concentra.

3 Per alimentare questa riflessione, gli autori del libro hanno riunito autori che provengono da contesti diversi e multidisciplinari, siano essi ricercatori in sociologia, psicologia, psichiatria, ergonomia e diritto del lavoro o medici sindacalisti o sindacali.

4 Nella prima parte, presentando una panoramica delle varie rappresentazioni sociali che consentono di problematizzare i legami tra lavoro e consumo, il contributo di Marie-France Maranda pone all'inizio la gamma di "punti di vista" sulla situazione. Vengono presentati quattro scenari, evidenziando per ciascuno di essi i modi distintivi di concepire la prevenzione (primaria, secondaria, terziaria): quello del "problema dei dipendenti", che deve essere disciplinato, controllato e trattato. ; quella della relazione "problema lavoro-dipendente", che mette in relazione la persona che ha problemi (finanziari, familiari, ecc.) con il posto di lavoro che non offre un adattamento sufficiente; il "problema culturale", che sottolinea le pratiche di consumo nel commercio e che a volte costituiscono l'identità professionale; e il "lavoro che è il problema", che dà uno sguardo critico al lavoro e all'esperienza psichica ed emotiva dei dipendenti.

5 Maranda sostiene che la prevenzione più efficace deve essere in grado di lavorare sul problema alla fonte, vale a dire sul lavoro e sulle organizzazioni patogene, raramente implicate in termini di consumo e consumo. dipendenza. Come Dejours e Dolo, ci invita a dare uno sguardo diacronico ed evolutivo alla vita professionale, a ciò che è cambiato e a considerare il problema che i lavoratori si troverebbero sempre più di fronte a un problema. vita al lavoro difficile da sostenere psichicamente.

6 La seconda parte si interroga sull'azione pubblica e sindacale in materia di prevenzione del consumo sul lavoro. Vengono sollevate alcune questioni etiche e politiche. Ad esempio, concentrandosi sui test antidroga e sull'approccio "difettoso" nelle politiche pubbliche e negli standard legali (Crespin), viene negata la responsabilità dell'azienda, che deve agire anche in termini di prevenzione del consumo di droghe. SPA. Robinaud espone chiaramente tali responsabilità contraddittorie dell'azienda: quella di preservare la sicurezza sul luogo di lavoro rimuovendo dal luogo di lavoro i lavoratori che hanno consumato (screening); e quello di mettere in discussione le proprie pratiche sul lavoro, che possono essere all'origine del consumo di PPS.

LA RECENSIONE PROSEGUE SU PISTES 

Troppo spesso si tende a considerare l’ergonomia come una scienza che si occupa, in ambito lavorativo, solo dei disturbi muscolo-scheletrici o dei problemi correlati alle posture.

In realtà anche se è vero che i disturbi muscolo-scheletrici sono da tempo i primi in classifica tra le malattie professionali riconosciute da parte dell'Inail, esistono molti altri ambiti ergonomici meno conosciuti e, dunque, poco considerati nei luoghi di lavoro.

 

Cosa è veramente l’ergonomia? E perché è importante tenerne conto nei luoghi di lavoro?

Quali sono le norme che ne parlano direttamente? Ci sono delle differenze di genere in relazione alle patologie ergonomiche? E lo stress può dipendere da carenze ergonomiche?

Si pensa all’ergonomia nelle aziende? Che rapporto c’è tra organizzazione ed ergonomia? E cosa dovrebbero fare i medici competenti?

LEGGI L'ARTICOLO ALLA FONTE SU PUNTOSICURO.IT

Dai giocattoli pieni di ftalati ai phon che mentre ti asciughi io capelli possono darti una scarica terribile se non letale…anche questa settimana la Commissione ha emesso la sua lista dei prodotti da ritirare in forma precauzionale dal  mercato

Report 38 ( Published on: 20/09/2019)

Convegno gratuito

PESCARA
venerdì 11 ottobre 2019
ore 14.30 - 17.30

Palazzo di Città, Sala Consiliare
piazza Italia,1

SALUTI ISTITUZIONALI

Carlo Masci, Sindaco della città di Pescara
Marcello Antonelli, Presidente del Consiglio Comunale

APERTURA DEI LAVORI

Rocco Vitale, Presidente AiFOS
Silvana Bresciani, Presidente AiFOS Protezione Civile

1^ SESSIONE: LA COMUNICAZIONE EFFICACE

Carlo Zamponi, Consigliere Nazionale AiFOS, Docente a contratto Università degli Studi di LAquila
Stefano Maria Cianciotta, Docente di comunicazione di crisi, Università degli Studi di Teramo
Massimiliano Longhi, Disaster Manager e Formatore qualificato

2^ SESSIONE: LA COMUNICAZIONE NELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA: CASI STUDIO

Donato De Carolis, Comandante CV (CP) Direzione Marittima di Pescara
Luca Verna, Comandante dei Vigili del Fuoco di Ascoli
Franco Pettinelli, Direttore della casa circondariale di Chieti
Anna Suriani, Dirigente Medico, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ASL Lanciano - Vasto - Chieti
Silvio Liberatore, Dirigente Servizio Emergenza di Protezione Civile Regione Abruzzo

3^ SESSIONE: LA “CULTURA” DELLA COMUNICAZIONE

Leila Fabiani, Professoressa ordinaria di Igiene generale e applicata, Direttore del Corso di Laurea in “Tecniche della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro” Università degli Studi di L’Aquila
Stefano Necozione, Professore ordinario di Igiene generale e applicata, Direttore del Corso di laurea in “Scienze delle professioni sanitarie della Prevenzione” Università degli studi di L’Aquila

CONCLUSIONE DEI LAVORI

Lorenzo Fantini, Direttore dei Quaderni della Sicurezza AiFOS

A tutti i partecipanti al convegno verrà consegnato un attestato di presenza valido per il rilascio di 2 crediti per Formatori area tematica n.3 (comunicazione), RSPP/ASPP.

 

La Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP www.ciip-consulta.it ), a cui fanno riferimento 15 Associazioni tecnico scientifiche, e che compie questo anno 30 anni di attività, esprime forte preoccupazione per l’aumento degli infortuni, in particolare gravi e mortali, verificatisi anche nella regione Lombardia negli ultimi anni. Si legge nel documento:

"…..La Lombardia investe in prevenzione una percentuale del Fondo sanitario ben al di sotto del 5% valore da tempo stabilito dagli indirizzi nazionali.
Le risorse di personale dei Dipartimenti di prevenzione delle ASL si sono via via assottigliate, in diversi casi dimezzate, per mancato reintegro del turnover per le varie figure professionali  e in mancati investimenti.
Nel solo periodo 2016-2017, secondo i dati forniti dalla Regione in risposta ad una interrogazione consiliare, si sono persi 290 operatori….."

LEGGI IL TESTO DELLA LETTERA DELLA CONSULTA INTERASSOCIATIVA ITALIANA PER LA PREVENZIONE INVIATA ALLE AUTORITA' DELLA REGIONE LOMBARDIA.

 

FONTE  LKA BLOG, SEGRETARIATO INTERNAZIONALE PER IL DIVIETO DELL'AMIANTO

4 settembre 2019

GB. Danno collaterale Brexit: importazioni di amianto?

Dopo centinaia di migliaia di morti evitabili causate da esposizioni all'amianto in Gran Bretagna, la possibilità di importazioni di amianto post Brexit era così preoccupante che gli attivisti a Liverpool hanno cercato un incontro con il sindaco della metropolitana Steve Rotheram, che è anche il presidente onorario delle vittime dell'amianto del Merseyside Gruppo di supporto (MAVSG). In un comunicato stampa del 3 settembre 2019, John Flanagan del MAVSG ha riassunto le paure del Gruppo nel modo seguente:

“ Per decenni i lavoratori portuali del Liverpool sono stati esposti a carichi letali di amianto trasportati nel Regno Unito attraverso i nostri porti. Come conseguenza di questa e di altre esposizioni tossiche, l'area di Merseyside ha un'incredibile incidenza di malattie legate all'amianto, inclusi i tumori fatali. MAVSG lavora da oltre 25 anni per sostenere i lavoratori malati e ottenere giustizia per loro e le loro famiglie. Siamo diventati sempre più preoccupati della possibilità di importazioni tossiche via Liverpool a seguito della Brexit. Qualsiasi accordo con gli Stati Uniti - un paese che non ha vietato l'amianto e continua a utilizzare l'amianto in una gamma di prodotti - deve stabilire che nessuna spedizione di merci contaminate dall'amianto sarebbe autorizzata ad entrare nel Regno Unito. " 1

La successiva lettera del sindaco Rotherham a Andrea Leadsom MP, il Segretario di Stato per gli affari, l'energia e la strategia industriale, le chiedeva di "garantire che qualsiasi accordo commerciale negoziato con qualsiasi paese, e in particolare gli Stati Uniti, non consentisse l'importazione di amianto, in articoli contenente amianto - come le parti automobilistiche. ”Con l'attuale crisi costituzionale del Regno Unito, la gestione quotidiana del paese è stata sospesa e le probabilità che tale garanzia sarà imminente sono estremamente basse. In riconoscimento della volontà del governo Tory di "liberare e declassare le misure a tutela della salute professionale e pubblica", il sindaco Rotherham sta prendendo in considerazione tutte le opzioni disponibili per salvaguardare la vita dei residenti della regione della città di Liverpool, inclusa quella di agire "unilateralmente per proteggere i nostri cittadini" dall'amianto rischio.

Poco più di 20 anni fa, i divieti di amianto adottati alla fine dal Regno Unito sono stati attuati sotto la copertura del divieto dell'Unione europea in quanto i politici britannici avevano troppa paura di essere coinvolti in una disputa dell'Organizzazione mondiale del commercio per intraprendere azioni unilaterali. 2 Se la Brexit dovesse davvero avvenire, chi assicurerà che il materiale tossico proveniente dagli Stati Uniti - un paese in cui l'uso dell'amianto rimane legale e in cui il presidente pro-amianto ha affermato che l'amianto fosse "sicuro al 100%" 3 - non venga spedito nel Regno Unito ? Con gran parte delle 7 milioni di tonnellate di amianto importate nel Regno Unito nel corso del XX secolo, i consumatori britannici e i lavoratori hanno motivi legittimi di preoccupazione.

1 comunicato stampa. Blocco di Liverpool sulle importazioni di amianto. 2 settembre 2019.
http://ibasecretariat.org/media-release-liverpool-blockade-on-asbestos-imports-3-9-2019.pdf

2 Kazan-Allen, L. Regno Unito vieta l'amianto . Newsletter britannica sull'amianto, numero 36, autunno 1999.
http://www.britishasbestosnewsletter.org/ban36.htm

3 Rosner, D. Deregolamentazione della sicurezza: il caso dello sforzo per vietare l'amianto . Giugno 2017.
https://www.milbank.org/quarterly/articles/deregulating-safety-case-effort-ban-asbestos/

FONTE  SNOP.IT 
La guida comprende le nozioni di base ed i criteri  per l'azione ITSS relative ai rischi psicosociali, sia nelle loro azioni proattive che reattive, ed è accompagnato da allegati che precisano il contenuto più tecnico. Guida in Spagnolo e Inglese.

Attachments:
File File size
Download this file (English.pdf)English.pdf 92 Kb
Download this file (Guia ITSS sobre Riesgos Psicosociales.pdf)Guia ITSS sobre Riesgos Psicosociales.pdf

FONTE SNPAMBIENTE.IT

Lanciata come iniziativa "pilota" nel novembre 2018, in occasione della "Giornata europea del Radon", ritorna questo settembre l’iniziativa di scienza collaborativa promossa dall’Appa Bolzano che consenta la misura “casalinga" del radon.

“Misura il radon a casa tua!”, ritorna dal 19 settembre l’iniziativa di citizen science di Appa Bolzano rivolta ai cittadini residenti in Alto Adige. Previste 5 serate informative sul radon. Video su YouTube

L’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima di Bolzano ripropone a partire dal 19 settembre l’iniziativa di scienza collaborativa “Misura il radon a casa tua!“. Gli altoatesini interessati possono ricevere informazioni sul radon in occasione di 5 serate informative in programma nelle seguenti date: il 19 settembre a Brunico, il 23 settembre a Bressanone, il 24 settembre a Merano, il 25 settembre a Bolzano e il 26 settembre a Laives. Esperti del Laboratorio analisi aria e radioprotezione dell’Appa Bolzano spiegheranno ai cittadini innanzitutto cos’è il radon e perché è importante misurarne la concentrazione in ambienti chiusi; in aggiunta, durante le serate informative, sarà illustrato alle persone interessate come aderire all’iniziativa che consente le misurazioni casalinghe del radon. Il kit di misura non verrà distribuito durante le serate informative ma sarà spedito successivamente per posta a chi è interessato ed ha partecipato ad una delle cinque serate.


L’importanza di misurare il radon in ambienti chiusi
“Il radon – spiega Luca Verdi, direttore del Laboratorio analisi aria e radioprotezione dell’Appa Bolzano – è un gas radioattivo presente in modo naturale nel sottosuolo e nelle rocce; non può essere percepito, perché è incolore e inodore, ma è pericoloso per la salute perché può entrare e accumularsi in abitazioni e altri ambienti chiusi ed essere quindi inalato. È necessario quindi misurare la sua concentrazione negli ambienti di vita chiusi per poter eventualmente mettere in atto interventi di risanamento atti a ridurne la presenza. Una possibile strategia consiste nell’aumentare i ricambi d’aria, eventualmente installando in ambienti chiusi semplici sistemi di ventilazione che permettono di ridurre rapidamente valori anche elevati di radon”.

Ulteriori informazioni sull’iniziativa e sul radon in generale sono disponibili sul sito di Appa Bolzano

FONTE : ASSOCIAZIONE AMBIENTE LAVORO

Valori limite per gli agenti cancerogeni in ambiente di lavoro

Per gli agenti cancerogeni e mutageni l’articolo 235 del D.Lgs 81/2008 stabilisce che ogni qual volta il ricorso ad un sistema chiuso non sia tecnicamente possibile il datore di lavoro deve provvedere affinché il livello di esposizione dei lavoratori sia ridotto al più basso valore tecnicamente possibile e comunque non superiore al valore limite stabilito nell’ALLEGATO XLIII/81.

Nell’allegato sono attualmente elencati solo 3 agenti: Benzene, CVM e Polveri di legno, quest’ultimo peraltro con un limite ritenuto dagli addetti ai lavori eccessivamente alto.

Tuttavia dal 2017 sono intervenuti tre aggiornamenti alla Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni che hanno significativamente allungato la lista del VLE e, tra l’altro, ridotto il valore per le polveri di legno da 5 a 2 mg/m3 con uno step transitorio a 3 mg/m3 fino al gennaio 2023.

L'articolo completo di Gianandrea Gino è disponibile QUI 

Ringraziamo L'Autore e Ambiente Lavoro. Editor

Fonte OSHA.EU 

La decima conferenza internazionale sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro - WOS 2019 si svolgerà dal 23 al 26 settembre a Vienna.

I relatori chiave dell'EU-OSHA presenteranno presentazioni sui principali argomenti con un accento sulla sicurezza e la salute sul lavoro (SSL), come l' impatto della digitalizzazione sulla SSL, il futuro del lavoro e della SSL e il trasferimento e lo scambio di conoscenze .

Lo strumento di valutazione interattiva dei rischi online (OiRA)  sarà presentato anche durante il congresso.

Ulteriori informazioni su questo importante forum scientifico

Scarica una presentazione di uno dei relatori chiave EU-OSHA 

Muro ha ceduto in un cantiere edile e l'ha schiacciato
Un operaio di 57 anni è morto oggi in un infortunio sul lavoro in un cantiere a San Bartolomeo Val Cavargna (Como). Secondo i primi rilievi l'uomo, residente a Porlezza, è stato schiacciato dal cedimento di un muro in un cantiere edile per la realizzazione di una pista ciclabile.

FONTE ANSA.IT

 

Organizzato dalla FILLEA EMILIA ROMAGNA, dalla CGIL Emilia Romagna con la collaborazione di AFeVA Emilia Romagna, il giorno 30 settembre 2019 si terrà a Bologna presso la sede della I.I.P.L.E – Scuola di formazione edile in via del Gomito, 7 – il Convegno(*) di presentazione della Campagna informativa “Lavoratore edile come proteggersi dal rischio amianto” elaborata nell’ambito del “Progetto Amianto”, dal titolo “IL RISCHIO AMIANTO IN EDILIZIA” una iniziativa volta a informare e tutelare i lavoratori dell’edilizia dal rischio amianto, nel corso dei lavori di ristrutturazione edile.

DOCUMENTAZIONE E PROGRAMMA LAVORI

 

LEOPOLDO MAGELLI, PASQUALINA MARINILLI,  VENERE PAVONE
Tutto, o quasi, quello che si dovrebbe sapere sull'amianto
AFeVA Emilia Romagna (54 pagine)

Come è scritto nella premessa, "questo non è l'ennesimo volumetto divugativo sull'amianto, ma un breve memorandum creato ad hoc per coloro (ex-esposti o familiari, ma non solo) che si devono confrontare ogni giorno con una serie di specifiche problematiche relative alla salute, alla gestione della patologie professionali correlate , ai rapporti con le autorità amministrative, assicurative e giudiziarie competenti. Infatti l'indice nasce proprio da una ricognizone delle domande che vengono poste agli sportelli amianto dell'AFeVA o che sorgono nel corso dei vari procedimenti che vengono attivati a tutela dei lavoratori, ex lavoratori, familiari o eredi.
Lo sforzo degli autori è stato quello di riuscire ad essere comprensibili a tutti, soprattutto ai non addetti ai lavori, senza però rinunciare alla correttezza tecnico-scientifica (riferendoci alle conoscenze più condivise attualmente nel mondo scientifico) di quello che abbiamo scritto: speriamo di esserci riuscito."

PER CHI E' INTERESSATO A QUESTO VOLUME: PUO' RICHIEDERLO A

AFeVA EMILIA ROMAGNA
via Marconi 69 Bologna
Email
afevaemiliaromagna@gmail.com

I tribunali francesi presentano accuse preliminari a Samsung per pubblicità ingannevole sul suo impegno per i diritti umani e dei lavoratori.

Nel 2018, Sherpa e ActionAid France hanno intentato una causa contro Samsung , accusando la società di pubblicità falsa a causa del suo uso del lavoro minorile e violando i diritti dei lavoratori. Questo perché Samsung ha pubblicato informazioni sul proprio sito Web dichiarando l'impegno a garantire i diritti umani e dei lavoratori.

Ciò differisce dalla realtà nelle fabbriche Samsung. Fino al 2018, The GoodElectronics Network ha riferito delle pessime condizioni di lavoro di Samsung in Vietnam , Brasile e India . La società è stata anche costretta ad ammettere la responsabilità della morte di lavoratori sudcoreani dal 1984 come parte di una causa con SHARPS.

Questo caso chiave contro Samsung rappresenta uno dei primi usi della nuova legge francese sul "dovere di vigilanza", che è stata utilizzata indirettamente per perseguire una grande multinazionale per le sue azioni all'estero.

Leggi l'articolo completo qui .

fonte Inail.it

Dall’esame dei dati contenuti nell’osservatorio degli infortuni del Dipartimento prevenzione della Asl Toscana nord-ovest si è sviluppata l’idea di realizzare una pubblicazione che, partendo dall’analisi dell’accadimento infortunistico, proponesse una riflessione in chiave prevenzionistica.

Immagine Illustrazioni delle dinamiche infortunistiche in cava dall'analisi alla prevenzione

Il testo vuole essere quindi il nuovo punto di partenza per informare e sensibilizzare tutti gli addetti ai lavori, dando valore alle esperienze passate per orientare buoni comportamenti futuri. All’interno vi sono le illustrazioni di 19 infortuni, avvenuti nel comparto delle cave di Massa Carrara tra gli anni 2006 e 2016. Al termine di ogni scheda è stato previsto uno spazio ‘appunti/riflessioni’ a disposizione del singolo utilizzatore per annotare osservazioni e suggerimenti per migliorare situazioni operative presenti nelle proprie aree di lavoro.

Prodotto: Opuscolo
Edizioni: Inail – 2019
Disponibilità: Si - Consultabile anche in rete
Info: dcpianificazione-comunicazione@inail.it

 

 

Un numero ricco di articoli, inchieste e documenti da leggere.

In particolare segnaliamo l'editoriale di Franco Cilenti "Maltrattati ingannati e contenti ? " e l'articolo "Epidemiologia & Enigmistica.
Ha senso un’epidemiologia disgiunta
dalla prevenzione?" di Cesare Cislaghi.

Lavoro & Salute settembre 2019
pdf - 72 pagine

Bologna, 11 settembre 2019

Quale sarà il futuro dell’area ex-OGR di via Casarini, 25? In quali tempi e in che modo sarà realizzata la bonifica dell’area? Il vecchio stabilimento (più di 100 anni) sarà conservato per altri usi della città di Bologna? Dopo l’installazione museale in Assemblea Legislativa, si arriverà alla riunificazione di tutto il materiale raccolto dai lavoratori e da Salvatore Fais, e alla definizione di un percorso di lettura civica degli avvenimenti accaduti nello stabilimento, particolarmente sul dramma dell’Amianto?

Di tutti questi argomenti si discuterà in un Pubblico Dibattito (scarica la locandina) dal titolo:

“FUTURO EX OGR, BONIFICA, MUSEO E MEMORIA VITTIME DELL’AMIANTO”

VENERDI’ 20 SETTEMBRE 2019 ORE 18.00

PRESSO LA SALA “COSTITUENTE DELLE IDEE”

FESTA DELL’UNITA’ – BOLOGNA – PARCO NORD

Partecipano:

SALVATORE FAIS – ex-lavoratore OGR

ANDREA CASELLI – Presidente AFeVA ER

SIMONETTA SALIERA – Presidente Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna

MAURIZIO LUNGHI – Segretario Generale CDLM-CGIL Bologna

ELENA LETI – Presidente commissione urbanistica e ambiente Comune di Bologna

CLAUDIO MAZZANTI – Capogruppo PD Consiglio Comunale

LORENZO CIPRIANI – Presidente Q.Re Porto Saragozza

GIUSEPPE PARUOLO – Consigliere Regionale

ANPI BOLOGNA

RSU OGR BOLOGNA

FONTE DIESEL.AU.COM CHE RINGRAZIAMO 

La Monash University sta conducendo un sondaggio nazionale per cercare di saperne di più sulla salute fisica e mentale dei camionisti australiani, ritenuti il ​​datore di lavoro numero uno degli uomini in Australia.

Questo è in collaborazione con il Center for Work Health and Safety, Linfox Logistics e il Transport Workers 'Union. Questa ricerca Monash è una delle prime del suo genere in Australia. Lo studio è anche supportato dal National Health and Medical Research Council.

Le persone che guidano tutti i tipi di camion, dai rigidi leggeri ai treni stradali, sono incoraggiate a prendere parte a un sondaggio per fornire maggiori informazioni sulla salute dei conducenti australiani.

I lavoratori dei trasporti affrontano specifici rischi per la salute nei loro ambienti di lavoro, tra cui isolamento, lunghe ore e affaticamento cronico. Tempi di consegna ridotti possono aggiungere ulteriore stress a un ambiente di lavoro già impegnativo.

Il sondaggio si apre a settembre e può essere completato su qualsiasi dispositivo in grado di accedere a Internet, come telefoni cellulari, laptop o desktop. I partner dello studio affermano di essere impegnati a lavorare con l'industria per sviluppare nuovi approcci per prevenire e ridurre al minimo il rischio per la salute fisica e mentale.

"Questo sondaggio fornirà nuove intuizioni sui fattori sul posto di lavoro, a casa e nella comunità che incidono sulla salute in modo positivo e negativo", afferma il dott. Ross Iles della School of Public Health and Preventive Medicine della Monash University. “Guidare per vivere pone molte sfide per la salute, sia mentali che fisiche, eppure c'è poca ricerca o documentazione che può guidare il cambiamento per aiutare i conducenti a essere sani e a rimanere sani sul lavoro. Sappiamo che i datori di lavoro possono svolgere un ruolo importante nella salute dei lavoratori e alcuni datori di lavoro del settore avranno bisogno di assistenza per sostenere la salute dei loro autisti. "

Lo studio di riferimento della Monash University ha esaminato 12 anni di dati e ha scoperto che in questo periodo sono state avanzate oltre 120.000 richieste di lesioni e decesso. La Monash University sta lanciando il Driving Health Survey per migliorare la salute dei conducenti professionisti australiani impiegati per rendere il settore più sicuro.

L'anno scorso, il Driving Health Study ha scoperto che, in particolare, i camionisti hanno una probabilità 13 volte maggiore di morire sul posto di lavoro rispetto a tutti gli altri lavoratori.

"Questo studio è un campanello d'allarme", ha dichiarato Michael Kaine, segretario nazionale dell'Unione dei lavoratori dei trasporti. “Guidare è un lavoro duro. Dobbiamo fare di più per garantire che i nostri conducenti siano sani e al lavoro. Questo sondaggio ci fornirà una base di informazioni che ci consentirà di mettere a punto strategie migliori per il futuro ".

Per ulteriori informazioni o per registrare l'interesse per il sondaggio, visitare il sito Web.

Nota di Editor : Speriamo che anche in Italia e in Europa si svolgano studi in profondità sulle condizioni di lavoro e di salute dei camionisti italiani ed europei e sulle tipologie contrattuali che regolano il loro lavoro. 

Gruppo Porti e Navi : incontri Formativi nazionali
Giovedì 29 Agosto 2019 10:15

 

È disponibile  il materiale didattico del percorso di formazione al sito ASL di Trieste che segue:

asuits.sanita.fvg.it/formazione nazionale gruppo porti

FONTE SNOP.IT

 

TAO RESERARCH PROGRAMS 

PROGRAMMA INTERDISCIPLINARE DI RICERCA “ORGANIZATION AND WELL-BEING”
UNIVERSITÀ DI BOLOGNA – DIPARTIMENTO DI SCIENZE AZIENDALI
46° SEMINARIO DEL PROGRAMMA INTERDISCIPLINARE DI RICERCA
“ORGANIZATION AND WELL-BEING”

Bologna, 14 Ottobre 2019
14.15 – 18.00

Dipartimento di Scienze Aziendali - Università di Bologna
Via Capo di Lucca, 34
Lavoro e salute 30 anni dopo la direttiva europea 89/391
Coordina
BRUNO MAGGI – Università di Bologna
Discutono
FRANCESCO MARIA BARBINI – Università di Bologna
DUCCIO CALDERINI – Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria, Direzione Sanitaria
MICHELA MARCHIORI – Università di Roma Tre
GIOVANNI MASINO – Università di Ferrara
MASSIMO NERI – Università di Modena e Reggio Emilia
BIANCA MARIA ORCIANI – Università Politecnica delle Marche
PAOLO PASCUCCI – Università di Urbino
GIOVANNI RULLI – Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria, Direzione Generale

 

Trenta anni sono trascorsi dalla emanazione della direttiva europea 89/391, che al fine di “promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro”, ha posto la salute del lavoratore al centro dell’organizzazione e indicato le misure per una prevenzione primaria. La legislazione nazionale ha recepito i principi dalla direttiva? Come è intesa la prevenzione nelle imprese? Come incidono le  trasformazioni del lavoro? Quale realtà emerge dalle statistiche degli incidenti e delle malattie professionali? Una discussione interdisciplinare è volta a stimolare riflessioni e a prospettare possibili linee d’azione.
e.mail: o-w@taoprograms.org
www.taoprograms.org

 

Inail, Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici, “ Procedura sperimentale per la determinazione di ritardanti di fiamma alogenati presenti in ambienti di lavoro”, a cura di Patrizia Di Filippo, Carmela Riccardi e Donatella Pomata (Inail, Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici), Francesca Buiarelli, Vanessa Rossi, Giulia Simonetti e Elisa Sonego (Università degli Studi di Roma “La Sapienza” - Dipartimento di Chimica), edizione 2019 (formato PDF, 778 kB).

LA BROCHURE

 

FONTE C.I.I.P 

A cura del Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro della ASL Città di Torino e dell’Università degli Studi di Torino, febbraio 2019

Nell’introduzione si sottolineano le differenze fra la violenza che avviene entro le mura domestiche e le violenze di genere da estranei.

Vengono illustrati i materiali ed i metodi (somministrazione di questionari con modelli della Piattaforma “Google Forms” (garantendo l’anonimato del compilatori) e i risultati (identificazione del campione, approccio individuale alla violenza di genere, procedure operative per la presa in carico delle vittime che riferiscono di aver subito violenza, approccio psicologico individuale).

Nelle conclusioni è emerso che i professionisti che si occupano delle tematiche specifiche operano in centri dedicati per l’accoglienza e per i supporti psicologici. Il dato più importante è che pochissimi operatori sanitari hanno usufruito di un supporto psicologico tale da fornire una uniformità delle procedure e di protocolli unici per la gestione delle vittime onde fornire equilibrio, competenza e umanità.

 

Anche nella stagione estiva non si fermano le aggressioni a medici, operatori sanitari e soccorritori.
Sono tanti i casi di cronaca – più o meno eclatanti – che continuano a ripetersi, spesso per problemi di carattere organizzativo e carenza di personale, ma anche per un mutamento del rapporto medico/paziente.

L'ARTICOLO PROSEGUE SU SICUREZZAELAVORO.ORG

 

 

Non bastano più le parole di sdegno gridate e scritte sui manifesti mille volte. Le frasi dolenti di circostanza ripetute alla fine di ogni piccolo articolo dei giornali di provincia che annuncia una morte su lavoro appaiono sempre più un rituale che non consola né placa la rabbia di chi ha perduto un famigliare o una persona amica.
Il quotidiano online Repubblica ha aperto un canale che riporta le notizie quotidiane di morti sul lavoro: una ecatombe.
Ma come è possibile che nell'agosto 2019 due operai muoiano uccisi dalle esalazioni durante l'ispezione di un pozzo di percolato di una discarica ? Le procedure per lavori in ambienti confinati sono note da tempo. Chi ha mandato quei due lavoratori a fare l'ispezione senza prima bonificare il pozzo ? Oggi esistono rilevatori di gas inquinanti che costano poche centinaia di euro. Con l'uso di un rilevatore verosimilmente quei lavoratori, ad Alliano di Matera, non sarebbero entrati nel pozzo. Una tragedia evitabile ? Quasi certamente si. Per evitarla era necessario che l'Azienda di cui erano dipendenti avesse predisposto una valutazione dei rischi di lavoro in ambienti confinati. E' stata fatta questa valutazione ? Sono stati adottati i DPI e gli strumenti di rilevazione per evitare ai lavoratori di scendere nel pozzo saturo di gas ? Certo è compito della magistratura individuare eventuali responsabilità penali ma non per questo non possiamo non porci questi quesiti. Quante sono le aziende che lavorano senza un metodo senza criteri per valutare e gestire i rischi ? Dal numero crescente degli incidenti mortali sono purtroppo molte.

...continua a leggere "MORTI SUL LAVORO: LA STRAGE CONTINUA. IL GOVERNO AFFRONTI LA QUESTIONE SICUREZZA SUL LAVORO"

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Autrice Maria José Carmona

Lo scorso maggio, il 23enne cittadino nepalese Pujan Koirala, un corriere della società spagnola Glovo, è stato ucciso mentre effettuava una consegna. Pujan non aveva un visto di lavoro e lavorava sotto il profilo di un altro pilota. Nella foto sopra, le persone a Barcellona mostrano proteste per la morte di Koirala. (Isaac Santana)

Un'infermiera che lavora in un ospedale, un corriere che consegna cibo a casa, una donna delle pulizie che pulisce le camere d'albergo, un impiegato che accumula straordinari, il barista che deve accumulare due o tre lavori per sbarcare il lunario. Nessuno chiamerebbe questi lavori pericolosi in se stessi, eppure è esattamente quello che sono diventati oggi.

Entro il 2019, non è necessario aggrapparsi alle impalcature per rischiare la vita. Precarietà, stress e superlavoro ti fanno star male. Possono persino uccidere. E anche più degli incidenti stessi.

Di tutti i decessi registrati ogni giorno per cause legate al lavoro ( 7.500 secondo l'OIL ), meno del 14% di questi si verifica "sul posto". La stragrande maggioranza di questi decessi, circa 6.500, si verificano lentamente a causa di una lunga malattia fisica ( cardiocircolatorio, respiratorio, legato al lavoro , ecc.) O di malattia mentale.

Gli ambienti in cui lavoriamo oggi sono molto più sicuri di quelli di 30 anni fa, ma la salute fisica ed emotiva dei dipendenti rimane fragile. E per una buona ragione. Da un lato, si può notare che i rischi esistenti in precedenza sono persistiti: nell'Unione europea , il numero di incidenti mortali associati al settore delle costruzioni è aumentato in modo significativo negli ultimi anni. D'altro canto, i rischi emergenti, in particolare quelli associati all'economia digitale e ai rischi psicosociali , stanno aumentando. Questi sono rischi come stress, affaticamento o molestie legati all'organizzazione del lavoro, programmi, requisiti o incertezza.

 

...continua a leggere "Incidenti sul lavoro di cui non parliamo"