Vai al contenuto

Fonte : International Ban Asbestos Secretariat

Traduzione con Google Translator

Le visite agli uffici di Perth dell'Asbestos Diseases Society of Australia (ADSA) 1 nelle ultime settimane hanno riconfermato una tragica realtà: l'epidemia di amianto australiana continua senza sosta. All'inizio di marzo 2019, la Società aveva registrato 17 nuovi casi di mesotelioma; l'anno precedente, 115 membri dell'ADSA erano stati diagnosticati con mesotelioma e 317 membri erano morti per malattie correlate all'amianto.

...continua a leggere "Frontline dell’amianto dell’Australia 2019"

FONTE ISPRA

L’edizione 2018 rappresenta il frutto di un lavoro di ricerca complesso e articolato che include molteplici fasi: dalla raccolta sistematica dei dati primari al monitoraggio e al controllo, dalla verifica della solidità scientifica delle informazioni allo sviluppo di indicatori statistici sempre più efficaci nel descrivere le condizioni ambientali del Paese. Tale lavoro è svolto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) in collaborazione con le Agenzie per la protezione dell’ambiente regionali e delle province autonome nell’ambito del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA), istituito già due anni fa con la Legge 132 del 28 giugno 2016.

ANNUARIO DEI DATI AMBIENTALI ISPRA 2018

FONTE ARPAE

 

DPI, pubblicato il decreto di adeguamento al Regolamento UE
Pubblicato in G.U. il D.Lgs.19 febbraio 2019, n. 17 - Adeguamento della normativa nazionale al Regolamento UE n. 2016/425 sui dispositivi di protezione individuale (DPI)

(19/03/19)
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.59 dell’11 marzo 2019 il Decreto Legislativo 19 febbraio 2019, n. 17 - Adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento UE n. 2016/425 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016. Il Regolamento UE stabilisce requisiti per la progettazione e la fabbricazione dei dispositivi di protezione individuale (DPI) che devono essere messi a disposizione sul mercato, al fine di garantire la protezione della salute e della sicurezza degli utilizzatori ed ha abrogato a decorrere dal 21 aprile 2018 la precedente Direttiva 89/686/CE.

Il decreto, approvato dal Consiglio dei Ministri il 14 febbraio 2019, entra in vigore dal 12 marzo 2019 e riporta le modifiche al Decreto Legislativo 4 dicembre 1992, n. 475 e al Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (art. 74 comma 1 e art. 76) per adeguare la norma nazionale alle disposizioni del regolamento UE.

Inoltre precisa che i riferimenti alla abrogata Direttiva 89/686/CEE dovranno essere sostituiti con quelli all’attuale Regolamento UE n. 2016/425 in ogni disposizione legislativa, regolamentare ed amministrativa in vigore e dovranno essere integrati seguendo la tavola di concordanza riportata in allegato X al citato regolamento. Viene infine abrogato il decreto legislativo 2 gennaio 1997, n. 10.

FONTE ETUI.ORG

In Belgio, lo stress e il burn-out sono responsabili di un terzo del numero totale di giorni di assenza. Inoltre, l'aumento delle malattie mentali (tra cui burn-out e depressione) rappresenta una parte importante dell'aumento del numero di disabilità. È sotto la pressione di questa preoccupante situazione economica e sanitaria, che nel gennaio 2019 l'Agenzia federale per i rischi professionali (Fedris) ha avviato un progetto pilota sul burnout.

L'obiettivo di questo progetto, per il quale è prevista una dotazione di 2,5 milioni di euro nell'arco di tre anni, è di sostenere i lavoratori che sono minacciati o colpiti in una fase iniziale dal burn-out legato all'esposizione a uno o più rischi psicosociali sul lavoro. Nell'ambito di questo progetto pilota, sono ammissibili solo i lavoratori del settore ospedaliero e il settore dei servizi finanziari, considerato particolarmente a rischio. Al termine di una procedura di iscrizione in due fasi, ai lavoratori la cui diagnosi di (pre) burnout è stata confermata, verrà offerto un "percorso di accompagnamento" individuale secondo gli approcci psico-corporali o cognitivo-emozionali, per aiutarli a rimanere nel lavoro o a riprendere il lavoro rapidamente. ...continua a leggere "Burn-out: di fronte all’epidemia, il Belgio lancia un progetto pilota"