Vai al contenuto

29 novembre 2018

Il nuovo numero di HesaMag solleva il coperchio sul cancro correlato al lavoro

Copertura HesaMag 18

 

Il cancro uccide ogni anno 1,3 milioni di persone nell'Unione europea, ma 100.000 di queste morti potrebbero essere causate da agenti cancerogeni sul posto di lavoro, secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). L'impatto del cancro sui lavoratori è al centro dell'analisi nell'ultimo numero di HesaMag, la rivista ETUI per i professionisti della salute e della sicurezza.

Le cifre dell'ILO indicano che l'8% di tutti i decessi per cancro sono legati al lavoro, tuttavia tali rischi professionali raramente attirano l'attenzione dei media. Ancor più sorprendentemente, le campagne lanciate da istituzioni pubbliche o organizzazioni private dedicate alla lotta contro il cancro non citano spesso fattori di lavoro come cause. Una ragione potrebbe essere che i tumori occupazionali colpiscono principalmente gli operai nei settori a basso profilo, come la pulizia, la manutenzione e il riciclaggio delle acque reflue. Questi lavoratori "silenziosi" hanno meno probabilità di essere in grado di esercitare pressioni per condizioni di lavoro migliori e più sicure.

Ma anche se i sindacati hanno promosso con successo leggi più severe per proteggere la salute dei lavoratori, in troppe aziende le norme di base in materia di salute e sicurezza continuano a venir meno e le violazioni della legge restano spesso impunite. Il numero contiene resoconti sulle lotte dei vignaioli francesi, impiegati nella centrale di carbone più inquinante d'Europa, un'infermiera colpita dal cancro mentre cercava di curarla, un arboricoltore vittima di pesticidi e lavoratori tessili che si occupavano di tinture pericolose. Altre relazioni rivelano dettagli su come l'IT può essere utilizzato per esaminare l'esposizione professionale agli agenti cancerogeni e mostrare come i gruppi di sostegno possono aiutare le vittime di malattie sul luogo di lavoro.

L'impatto del cancro sulle donne in particolare è anche il tema di una grande conferenza ETUI su "Donne, lavoro e cancro" dal 4 al 5 dicembre a Bruxelles. Clicca qui per maggiori dettagli.

...continua a leggere "Il nuovo numero di HesaMag solleva il coperchio sul cancro correlato al lavoro"

FONTE UNI.IT

cisterna

 

La circolazione su strada di mezzi che utilizzano GPL è decisamente un “affare delicato”. Questo perché i gas di petrolio liquefatti sono materiali altamente esplosivi e il loro trasporto e utilizzo deve essere necessariamente reso sicuro. Vista l’importanza dell’argomento anche la normazione fa la sua parte. Infatti, è stata da poco recepita anche in lingua italiana dalla commissione Recipienti per il trasporto di gas compressi, disciolti o liquefatti la norma EN 12493.

Questo documento, migliorato per l’aggiornamento A2, specifica i requisiti minimi dei materiali, la progettazione, la fabbricazione, i procedimenti di lavorazione e le prove per recipienti a pressione di acciaio saldato al carbonio, carbonio/manganese e microlegati per gas di petrolio liquefatto - GPL - per cisterne per trasporto su strada. L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE UNI.IT

 

E' in corso un processo alla High Court britannica per spionaggio a danno di attivisti del movimento internazionale che vuole mettere al bando l'amianto.
E' imputato un uomo che affermava di essere un documentarista e con questa copertura si era infiltrato nei gruppi che si battono contro l'amianto per i diritti dei lavoratori. Come è noto l'amianto ha causato migliaia di vittime tra i lavoratori nei diversi settori in cui veniva impiegato.

Rob Moore è accusato di agire come parte di un piano di spionaggio mondiale per ottenere segreti dalle organizzazioni che lavorano in paesi chiave che cercano di vietare l'amianto e successivamente screditarli.

Moore è stato il front man per l'Agenzia K2 Intelligence LLC, una società di intelligence leader assunta da una società anonima con interessi nel settore dell'amianto , secondo il Toronto Star.

Secondo la testimonianza, Moore ha ottenuto la fiducia di attivisti nel Regno Unito, in Canada e in Tailandia, raccogliendo 35.000 documenti durante i suoi quattro anni di lavoro sovversivo. Ha ricevuto più di $ 700.000 per i suoi sforzi.

Ancora una volta un'operazione sporca per contrastare la messa al bando dell'amianto. E' sorprendente che vi siano ancora tentativi per negare l'evidenza scientifica della insostenibilità sociale e sanitaria dell'uso dell'amianto che ha causato migliaia di morti tra i lavoratori esposti professionalmente e tra i cittadini esposti ambientalmente.

...continua a leggere "Spionaggio contro il Movimento internazionale per la messa al bando dell’amianto."