Vai al contenuto

I 70 anni del NHS

Gavino Macioccco

 

L’istituzione National Health Service avvenuta nel 1948 è stata una fondamentale svolta nel concetto di salute (un “diritto universale”) e di assistenza sanitaria (“un servizio sanitario onnicomprensivo volto a garantire il miglioramento della salute fisica e psichica delle persone attraverso gli interventi di prevenzione, diagnosi e cura delle malattie”). Molti sistemi sanitari lo hanno emulato, tra cui il nostro. 70 anni di storia che raccontano le profonde trasformazioni che sono avvenute negli ultimi decenni, con una forte spinta verso la privatizzazione  dei servizi, mentre rimane (per ora) pubblico il sistema di finanziamento, basato – come all’origine – sulla fiscalità generale.


Commissionato nel 1939 dal premier conservatore Wiston Churchill, il 1° dicembre 1942 viene presentato il testo di un rapporto dal titolo Social Insurance and Allied Services destinato a rivoluzionare il sistema di sicurezza sociale nel Regno Unito. La commissione incaricata di predisporre il documento fu presieduta da Sir William Beveridge, il cui nome è associato non solo al tipo di riforme che tale rapporto innescò, ma principalmente al modello di sistema sanitario che pochi anni dopo prenderà il via. Il principio guida di queste riforme, che oltre alla sanità riguardavano l’istruzione, la maternità, l’occupazione e le pensioni, fu l’universalità dell’assistenza pubblica: i servizi sociali come diritto di tutti i cittadini. La responsabilità della loro attuazione ricadde sul Partito Laburista che nelle elezioni del 1945 ottenne una larghissima maggioranza in forza della quale il governo Attlee attuò anche un esteso programma di nazionalizzazioni: dalla Banca d’Inghilterra all’energia elettrica, dalle poste alle ferrovie.

>>>> L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE  SALUTEINTERNAZIONALE.INFO >>>>

FONTE BALPA

 

 

I piloti hanno risposto con allarme all'annuncio delle nuove leggi sui droni, dicendo che sono contenti che il governo stia prendendo provvedimenti, ma le restrizioni devono spingersi molto oltre per rendere sicuro l'uso di droni vicino agli aeroporti.
 
La British Airline Pilots 'Association (BALPA) ha precedentemente invitato il governo a stringere le leggi sui droni dopo il forte aumento dei quasi-incidenti con gli aerei negli ultimi anni.
 
A seguito di alcuni test effettuati da BALPA con il Dipartimento per i trasporti e l'Autorità di associazione militare che ha dimostrato il rischio per gli aerei, sono state promulgate nuove leggi.
 
Tuttavia, le nuove leggi proposte includono restrizioni limitate che consentiranno ai droni di volare fino a 400 piedi ad appena 1 km dal confine di un aeroporto. BALPA afferma che si tratta di una situazione molto pericolosa in quanto gli aeromobili saranno già più bassi di questo punto in prossimità di un aeroporto, quindi le nuove norme devono andare oltre per evitare potenziali collisioni.
 
Lo specialista della sicurezza di volo BALPA, Steve Landells, ha dichiarato:
 
"Siamo lieti che il governo stia prendendo sul serio i quasi-incidenti e apporti modifiche alla legge, ma è fondamentale che queste vadano oltre per evitare una potenziale catastrofe.
 
"Speravamo di vedere qualcosa di simile alle normative introdotte in Australia, che affermano che le operazioni senza equipaggio non devono essere effettuate entro 3 miglia nautiche (circa 5,5 km) di un aeroporto. La sicurezza nel Regno Unito non è meno importante che in Australia.
 
"BALPA non è anti-drone e comprendiamo le considerazioni commerciali nel non rendere le leggi troppo restrittive, ma un hobbista non ha alcun interesse  di fare volare il drone  vicino a un aeroporto, permettere che questo accada aumenta il rischio di una collisione catastrofica".