Vai al contenuto

Nota di Editor
L'uscita della ISO 45001 in materia di di Sistemi di gestione dei rischi per la salute e sicurezza nel lavoro imporrà a breve una modifica dei piani di comportamento delle aziende, dei sindacati, delle istituzioni governative preposte alla vigilanza e ispezione in materia di salute e sicurezza nel lavoro. Per ora non abbiamo registrato prese di posizione da parte delle Associazioni d'impresa e delle stesse OO.SS  italiane rispetto all'adozione di questi standard. Segnaliamo altresì la presa di posizione del Sindacato inglese TUC di cui pubblichiamo il testo originale ed una sintesi tradotta.

 

Il Sindacato inglese TUC afferma che il nuovo standard di salute e sicurezza ISO 45001 deve essere molto di più di una serie di "pratiche inutili"
Lo standard significa che da oggi le aziende saranno in grado di ottenere la certificazione che conferma che i loro sistemi di gestione della salute e sicurezza hanno superato determinati requisiti.
Il TUC ritiene che un serio sistema di gestione della sicurezza e della salute dovrebbe richiedere di più per ottenere la certificazione.
Rispettare semplicemente i requisiti della norma ISO 45001 non dovrebbe essere utilizzato come segno che un'organizzazione ha avuto successo nel ridurre e gestire i rischi.
I sindacati hanno avvertito che l'approccio degli standard privati ​​potrebbe portare ad un allontanamento dalla gestione dei rischi basata sulla prevenzione sviluppata lavorando con i sindacati, verso un approccio più burocratico e orientato esclusivamente alle procedure che servono a raggiungere e mantenere l'accreditamento.
Il TUC ritiene che nel tempo potrebbe essere necessaria la ISO 45001 per ottenere contratti in alcuni settori, come il lavoro di costruzione e infrastrutture. Potrebbe anche essere richiesto alle filiali britanniche di società multinazionali che desiderano standardizzare i propri sistemi di gestione della salute e della sicurezza.
Il sindacato TUC ritiene fondamentale che i datori di lavoro che utilizzano la ISO 45001 lo facciano in modo da innalzare gli standard e coinvolgere pienamente i lavoratori. Il sindacato TUC ha pubblicato una guida dettagliata per i rappresentanti della salute e della sicurezza sindacale per aiutarli a lavorare con le aziende che decidono di ottenere la certificazione ISO 45001.
Il Segretario Generale della TUC, Frances O'Grady, ha dichiarato: "La TUC ritiene che avere un sistema di gestione della salute e della sicurezza sia importante, ma deve essere una pratica concreta e non ridursi ad un inutile lavoro burocratico.
"Ciò che rende più sicuro un posto di lavoro è la rimozione dei rischi, il controllo dei rischi e l'assicurazione di un buon coinvolgimento dei lavoratori.
"Chiunque sia preoccupato per la salute e la sicurezza sul posto di lavoro dovrebbe entrare a far parte di un sindacato, ottenere il sostegno di cui ha bisogno e i suoi interessi rappresentati sul lavoro".

...continua a leggere "Il sindacato inglese TUC afferma che il nuovo standard di salute e sicurezza ISO 45001 deve essere molto di più di una serie di “pratiche inutili”"

Super-reliable aircraft are free to brave the planet’s most extreme airspace, saving time and fuel. But there’s a price to pay.

As a commercial airline pilot, Theresia Eberbach typically weighs several factors when deciding which trips to fly—the dates, the destination and how long she’ll be away from home. Unlike most of her peers, Eberbach often has another variable to mull: how much radiation she’s willing to take.  

Ionizing radiation is a permanent feature of the upper atmosphere, where the protection we take for granted on the surface is significantly thinner. At airlines’ cruising altitude, particles periodically ejected by the sun and cosmic radiation coursing through the universe are 100 times more potent than down below. 

Still, the exposure for every extra-long trip across the globe is roughly equivalent to one X-ray. That is, except for two regions: the poles. The planet’s magnetic field helps to minimize radiation for most latitudes, but that shield tends to dissipate at extreme north and south. Airline employees are already the most vulnerable to workplace radiation, but the growing number of polar and long-haul routes may make the hazard worse. A flight from Germany to Southeast Asia can be just as long as one to the western U.S., but the risks can be very different, given that the latter goes “over the top” of the world.
 
 

“If I go to Los Angeles or San Francisco, it’s going to be the highest dosage in our network, whereas when I go to New Delhi or Singapore, it’s about a third of those doses,” said Eberbach, an Airbus A380 first officer for Deutsche Lufthansa AG who also serves as chairman of a radiation-protection working group for Vereinigung Cockpit (VC), the German pilots’ unions  

Airline employees face more radiation exposure than radiology workers or nuclear power plant engineers, according to the National Council on Radiation Protection and Measurements. Such exposure is measured using the Sievert. A dose of 4 Sieverts or more at once is often fatal. A CT scan of your head is about 2 milliSieverts (mSv), or two-thousandths of a Sievert, roughly what you’d get going about your daily life for eight months. Generally, a U.S. pilot or flight attendant receives a cumulative annual exposure as high as 5 mSv.

“In our job, we’re going to get this exposure,” said Mike Holland, an American Airlines captain and resident “radiation expert” for the Allied Pilots Association, the union that represents American’s 15,000 pilots. “There’s no way you can be a pilot and not get this exposure.”

Beyond the popularity of polar routes, airlines are also connecting farther-flung cities, with 16- to 18-hour hauls becoming routine, thanks to modern aircraft technology. Singapore Airlines Ltd. intends to resume its 19-hour nonstop service to New York this year, while Qantas Airways Ltd. has launched what it calls “Project Sunrise” to connect Sydney with London and New York nonstop by 2022. The effort is aimed at goading Airbus SE and Boeing Co. to produce a jet able to fly more than 20 hours, fully loaded. Last month, Norwegian Air Shuttle ASA’s Argentina unit won regulatory approval to begin Boeing 787 flights from Buenos Aires to Perth, Australia, using a flight path near Antarctica.

These lengthy legs don’t just affect airline employees. Fly frequently for long distances and you, too, may start to consider how much radiation you’re absorbing. In the most extreme examples, planes caught over the poles in a solar storm could see radiation levels spike up to 10 mSv for a single flight. But even advocates for employees say they’re having a hard time being heard by airlines that are focused on saving time and fuel—and thus, money.

“It’s been difficult to get traction” with airlines and regulators, said Judith Anderson, an industrial hygienist for the Association of Flight Attendants-CWA, which represents 50,000 attendants. “The nature of the hazard is invisible, so it’s easier to forget about and get attention for something more pressing.”

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU BLOOMBERG.CON