Vai al contenuto

Fonte Regioni.it

 

(Regioni.it 3335 - 02/03/2018) Nel corso della tredicesima conferenza nazionale della Fondazione Gimbe 'Salute prima di tutto, sanità per tutti', si è fatto il punto sul possibile 'piano di salvataggio' per il Servizio Sanitario Nazionale.
Secondo le stime della Fondazione GIMBE nel 2025 serviranno almeno 210 miliardi di euro per mantenere la qualità pubblica dei servizi offerti in sanità. E’ stata calcolata una spesa pro-capite di 3.500 euro, indicando questa come una stima prudente in quanto al di sotto della media OCSE del 2013.
Sono stati posto in evidenza i diversi problemi che affliggono ancora la sanità: dall definanziamento alle diseguaglianze territoriali, dalla mobilità territoriale alla spesa privata, dai ticket alle addizionali regionali.
Ecco i 12 punti del "piano di salvataggio" proposto dalla Fondazione GIMBE:

FONTE AFEVAEMILIAROMAGNA

Rovigo, 1 marzo 2018

Il convegno, finalizzato a fare conoscere il problema amianto nel territorio di Rovigo si è tenuto il giorno 16 febbraio 2018.

SCARICA LA LOCANDINA

SCARICA L’INVITO COL PROGRAMMA

Guarda gli orari dello sportello amianto Rovigo

LE SLIDE PRESENTATE

I VIDEO DEGLI INTERVENTI

Fulvio Dal Zio – Segretario Generale CGIL Rovigo

Dr. Schiesaro – Ex magistrato processi amianto Venezia

Salvatore Fais – Sportello Amianto Rovigo

Anna Maria Bilato – INCA CGIL Veneto –

Dr Enzo Merler – Presidente Fondazione Bepi Ferro Padova

Laura Bolzoni – INCA Rovigo

Andrea Caselli – Presidente AFeVA Emilia Romagna

Ernesto Bellini – Spisal Rovigo

Avv. Giancarlo Moro – Fondazione Bepi Ferro

Emanuele Cavallaro – Sindaco di Rubiera (RE)

Renzo Pellizzon – CGIL Veneto

Claudio Iannilli – CGIL Nazionale

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

Freddo, gelo, neve e giornate corte possono essere una minaccia per chi lavora all'aperto. Adrian Bloch, capo del Settore costruzioni alla Suva, spiega come affrontare al meglio le insidie dell'inverno.

Adrian Bloch, quali sono le insidie per chi lavora all'esterno nei mesi invernali?
Uno dei pericoli è sicuramente il ghiaccio che rende le strade scivolose. Per evitare rovinose cadute in piano e dall'alto è quindi necessario tenere sempre sgombre le vie di circolazione e i posti di lavoro. Poi, a complicare le cose ci si mette anche la scarsa luminosità al mattino e alla sera e quindi è importante garantire una corretta illuminazione. Infine, a chi lavora all'aperto consigliamo di indossare indumenti ad alta visibilità e con bande riflettenti per essere sempre ben visibili.

Anche il freddo è un fattore di rischio?
Sicuramente. Il freddo indebolisce il fisico in quanto riduce la flessibilità, la sensibilità e l'agilità del corpo. Fortunatamente però ci si può difendere scegliendo indumenti di lavoro, calzature, guanti, berretti adatti alla stagione invernale e tenendo riscaldati le baracche e i container per gli operai. Consumare bevande calde, senza alcol, e fare le giuste pause serve anche a sopportare meglio le dure condizioni di lavoro dettate dall'inverno.

Quale consiglio dà ai superiori?
Sensibilizzare i dipendenti sui pericoli legati all'inverno è fondamentale se si vogliono evitare gli infortuni. La cosa importante è stabilire un responsabile che spazzi la neve, sparga la sabbia e il sale sulle strade ecc. Poi, bisogna anche verificare che le misure siano effettivamente applicate. Se ci si trova a operare in un contesto pieno di insidie, bisogna sospendere i lavori e adottare le necessarie misure di sicurezza prima di riprendere i lavori. Anche in inverno non bisogna mai dimenticare che la sicurezza sul lavoro deve essere imposta dall'alto.

Con la lista di controllo Suva "Pericoli invernali" è possibile gestire al meglio le insidie dell'inverno.

Fonte: SUVA