Vai al contenuto

(Fonte : Regioni.it 3311 - 29/01/2018)
Il primo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sulla sorveglianza degli antibiotici lancia l’allarme sul fatto che sempre un maggior numero di persone sono colpite da infezioni resistenti agli antibiotici: nel mondo se ne contano almeno mezzo milione. Ma il dato è relativo solo a 22 Paesi nel mondo, senza i casi di resistenza a infezione da tubercolosi (Tbc).
L’Oms sostiene che potrebbero essere un milione i decessi all'anno in Europa già nel 2025 per malattie infettive non più curabili, mentre il 2050 viene indicato da studi commissionati dal governo britannico come data limite, con quasi 10 milioni di persone nel mondo che potrebbero morire ogni anno.
Servono quindi "urgenti politiche di ricerca e di investimento per rendere disponibili nuovi farmaci efficienti, economici e soprattutto a disposizione di tutti". Il sistema di sorveglianza Global Antimicrobial Surveillance System (GLASS) è stato lanciato dall'Oms nell'ottobre 2015 per far fronte a un'emergenza crescente, quella di super batteri che non rispondono agli antimicrobici normalmente utilizzati per debellarli.
I batteri resistenti più comunemente riportati sono stati Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Staphylococcus aureus e Streptococcus pneumoniae. Non sono inclusi però i dati sulla resistenza del batterio che causa la tubercolosi (TBC), dal momento che l'OMS fornisce aggiornamenti annuali in un rapporto specifico. Secondo quest'ultimo, nel 2016 sono stati almeno 490.000 i casi di TBC multiresistente, da aggiungere quindi al computo totale.

FONTE FIOM-CGIL.IT

“Lo scorso 19 gennaio è avvenuto un tragico incidente presso il Cantiere Navale Vard Tulcea in Romania. Un operaio di 48 anni è rimasto decapitato mentre lavorava a bordo di una nave in costruzione. Non possiamo che esprimere il nostro cordoglio alla famiglia di questo lavoratore e alle famiglie di tutti quanti in questi primi giorni del 2018, anche in Italia, hanno perso la vita sul posto di lavoro o andando al lavoro. Come sindacato dobbiamo continuare nel nostro impegno per far rispettare le normative e le garanzie previste in materia di sicurezza sul lavoro e più in generale dobbiamo riuscire a contrastare l'idea che le regole e le tutele siano “i lacci” da tagliare per rispondere alla crisi e alle sfide economiche imposte dalla globalizzazione. In tutta Europa avanzano le politiche liberiste e le “riforme” imposte dai centri finanziari e dalle lobbies industriali cancellando i diritti, le pensioni, la sanità e la scuola pubblica. Un contesto nel quale, in assenza di risposte ai grandi temi sollevati dai cittadini, proliferano nuove forme di fascismo. A livello europeo, visti anche i processi di integrazione industriale in corso, occorre portare avanti un disegno comune di salute e sicurezza sul lavoro, di diritti sul lavoro e salari adeguati”. Lo dichiara in una nota Fabrizio Potetti, responsabile cantieristica navale Fiom-Cgil nazionale.

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 26 gennaio 2018

Casa degli RLS: L’esternalizzazione del rischio
Centro Cultura per la Prevenzione - V.le D’Annunzio 15 – Milano
Mercoledì 14 febbraio 2018 - ore 9.00-13.00

Seminario CCP Milano

Interventi

9.15 – Esternalizzazione del rischio
Flavio Acquati – Gruppo promotore “Casa degli RLS”

9.45 – Responsabilità amministrativa e sicurezza sul lavoro, DLgs 231/01
Angelo GerosaATS Milano - Gruppo promotore “Casa degli RLS”

10.15 - Applicazione del DUVRI e azioni di vigilanza negli appalti
Massimo Avosani - ATS Milano Città Metropolitana
Calogera Campo - ATS Milano Città Metropolitana

10.45 – Il punto di vista degli RLS e dibattito
Coordina Claudia MoroGruppo promotore “Casa degli RLS”

Esternalizzazione dei rischi in sanità
Simona Di Rosa - Coordinamento RLS sanità milanese

Esperienze di intervento degli RLS nell'amministrazione pubblica
Modesto Prosperi e Antonella Tarantolo - RLS Funzione pubblica

13.00 – Chiusura dei lavori

scarica la locandina

Segnalazione documentario

fonte sciencetavenir.fr

Le 9 novembre 2017 sort dans les salles le documentaire poignant de Pierre Pézerat sur les victimes de l'amiante et des pesticides. 

Film Les Sentinelles

Difficile de ne pas compatir avec ces victimes, et leurs familles, dont le documentaire fait la part belle.

L'articolo prosegue alla fonte sciencetavenir.fr