” Sulle ruote della sicurezza : i rischi e le tutele nel mondo dei trasporti “

Fonte Newsletter Toscana  Prevenzione Centro News

Convegni , corsi e seminari

Convegno Regionale Rete RLS ” Sulle ruote della sicurezza : i rischi e le tutele nel mondo dei trasporti “
05 dicembre, Firenze

 

Regione Toscana Piano Lavoro Sicuro

Regione Toscana  Piano Lavoro Sicuro

Si sta verificando un pericoloso fenomeno : ultimamente attività lavorative “illecite” sono migrate all’interno di civili abitazioni, dove i controlli sono più difficili (sia per la difficoltà di individuazione che per le garanzie che la Costituzione e la Legge italiane pongono a tutela dell’inviolabilità del domicilio). Questo nuovo tipo di commistione ha portato ad un’altra tragedia, il 26 agosto u.s., con la morte di due giovani cinesi nel rogo della casa laboratorio dove stavano dormendo. La Regione ha deciso di fare appello alla collaborazione dei cittadini, istituendo un numero verde di Area Vasta ( 800017835 )per segnalare la sospetta presenza di attività produttive all’interno delle abitazioni. Elementi fattuali raccolti a conferma dei sospetti verranno inoltrati all’Autorità Giudiziaria insieme alla segnalazione consentendole di disporre l’accesso.

800017835   NUMERO VERDE PER SEGNALAZIONI di PRESUNTI ALLESTIMENTI ATTIVITA’ PRODUTTIVE ALL’INTERNO di CIVILI ABITAZIONI E RELATIVE PERTINENZE

Osservatorio regionale sulle politiche di prevenzione e promozione alla salute

Nel portale sono riunite tuttte le informazioni sugli stili di vita in Toscana , in particolare sul consumo di alcol, tabacco, sostaze stupefacenti, gioco d’azzardo , alimentazione ed attività fisica.

accedi al portale

Regione Toscana.Piano ” Lavoro Sicuro ” : quattro anni dopo 

Fonte : Agenzia Sanitaria Toscana

Renzo Berti , Coordinatore Progetto Lavoro Sicuro e Direttore del Dipartimento della Prevenzione AUSL Toscana Centro

Anche quest’anno il primo dicembre si è tenuto al Comune di Prato un incontro per ricordare il tragico rogo di Via Toscana dove 4 anni fa persero la vita 7 lavoratori cinesi. Come noto, a seguito di tale evento la Regione Toscana varò con la DGRT 56/2014 il Piano Straordinario per il controllo delle attività lavorative condotte da cittadini cinesi, che dopo una intensa fase dedicata alla comunicazione e al confronto con la Comunità cinese, alla messa a punto delle intese con le Procure e le altre agenzie di controllo, nonché al reclutamento, alla formazione e alla qualificazione UPG di 74 tecnici di prevenzione, prese avvio il 2 settembre 2014. L’occasione è stata quindi utile per fare il punto sulla strada percorsa da allora.La prima fase del Piano che si è conclusa il 31 marzo scorso, ha consentito di verificare 8.257 imprese (275 al mese in media!), tramite ispezioni condotte nell’83,3% dei casi insieme ad altri Soggetti controllori.Più della metà dei controlli sono avvenuti nella realtà pratese, dove rispetto agli altri territori dell’ASL Toscana Centro è risultata maggiore anche la percentuale di irregolarità riscontrate.

scarica l’articolo

scarica la relazione presentata

Toscana: Seminario ” Promozione di una Buona Prassi per la manutenzione corretta dei macchinari “

fonte Newsletter Agenzia Sanitaria Toscana  
Beatrice Senese , 
Dirigente Medico Unità Funzionale  PISLL , Prato – AUSL Toscana Centro  
Il 28 novembre 2017 si è tenuto a Prato un incontro rivolto alle forze sociali e a tutte le figure della Prevenzione nei luoghi di lavoro per presentare e promuovere una “Buona Prassi” per la manutenzione dei macchinari. Una corretta gestione della manutenzione dei macchinari, effettuata secondo le indicazioni del costruttore, permetterebbe di ridurre gli infortuni. Tra i pregi della soluzione proposta, vi sono, come spiegato, la semplicità di attuazione ed il coinvolgimento di tutte le figure aziendali, un valore aggiunto nel processo di miglioramento del benessere in organizzativo. Nelle conclusioni è stato richiesto l’impegno da parte delle forze sociali per individuare una o due aziende pilota (a cui i servizi PISLL offrono tutta l’assistenza necessaria) per sperimentare nel 2018 la Buona Prassi proposta nel Seminario.