La leader del Sindacato  iraniano afferma che le proteste mirano a eliminare “disuguaglianza e discriminazione”

Parvin Mohammadi vicepresidente del Free Union Workers of Iran arrestata più volte per il suo attivismo sindacale

di MARYAM DEHKORDI

Fonte IranWire

Parvin Mohammadi è stata vicepresidente del Free Union Workers of Iran per più di 20 anni ed è stata una delle principali organizzatrici della campagna di 40.000 firme contro il salario minimo in Iran nel 2011. È stata detenuta e interrogata dalle autorità iraniane molte volte per il suo lavoro.

In un’intervista con IranWire, a questa implacabile difensora dei diritti dei lavoratori è stato chiesto di definire l’ondata di proteste guidate da donne che ha travolto l’Iran per più di tre mesi, ponendo una delle sfide più serie alla teocrazia instaurata dalla Rivoluzione islamica del 1979 .

“Questo movimento si sta sforzando di rimuovere la disuguaglianza tra tutti gli esseri umani e di porre fine alla discriminazione”, ha affermato.

“Dopo che in Iran è salito al potere un governo religioso, molte persone hanno perso i loro diritti sociali, economici e culturali. I gay rischiavano la pena di morte e le donne, in quanto “secondo sesso”, persero i loro diritti fondamentali. Immagino che questa rivoluzione stia cercando di raggiungere un punto in cui il genere non sarebbe più una pietra di paragone per la discriminazione e l’umiliazione. Questo è il motivo per cui le richieste delle donne sono le richieste della società nel suo insieme e gli uomini le sostengono perché sanno che una volta che questi diritti fondamentali saranno istituzionalizzati nella società, i membri di quella società raggiungeranno anche i loro altri diritti”.

Le proteste in corso sono state innescate dalla morte, il 16 settembre, di una donna di 22 anni, Mahsa Amini, sotto la custodia della polizia morale di Teheran. Era stata arrestata per una presunta violazione del rigido codice di abbigliamento del paese.

I manifestanti inizialmente chiedevano più libertà e diritti delle donne, prima che i disordini si trasformassero in appelli per la caduta dei governanti clericali iraniani.

“Nelle proteste passate, la gente non ha protestato in modo così schiacciante contro il regime e per la sua estromissione. La maggior parte dei loro slogan parlavano di prezzi elevati, disoccupazione e lamentele simili”, secondo Mohammadi.

“Questa volta, gli slogan non sono rimasti limitati alle richieste delle donne, e la gente ha chiarito di avere obiettivi più grandi che includono le richieste delle donne…i manifestanti hanno subito preso di mira il governo. Ripeto, questi giovani che ora sono nelle strade ci saranno fino alla vittoria o fino alla loro eliminazione”.

Alla domanda sulla posizione del movimento sindacale iraniano nel movimento di protesta, Mohammadi dice: “Molti di coloro che sono stati uccisi nelle recenti proteste sono lavoratori e figli di lavoratori. Ma se intendi gli scioperi dei lavoratori e il loro sostegno a questo movimento, devo dire che i lavoratori devono ancora entrare in campo in modo organizzato, e c’è una ragione per questo».

La leader sindacale ha spiegato che, dopo la rivoluzione del 1979, la Repubblica islamica ha privato i lavoratori della possibilità di formare sindacati e corporazioni indipendenti.

“Inoltre, la Repubblica islamica ha istituito istituzioni parallele come la Casa dei lavoratori e i Consigli islamici dei lavoratori al di sopra delle teste dei lavoratori e ha limitato ogni tipo di associazione tra i lavoratori. E non ci permettono di reclutare membri e di essere attivi come dovremmo essere”.

“Ma stanno arrivando scioperi sindacali a livello nazionale”, ha predetto Mohammadi, aggiungendo: “Verranno quando i lavoratori potranno sentirsi sicuri che se alzano un cartello con il logo del loro posto di lavoro e si uniscono al movimento, il datore di lavoro non aggiungerà la propria punizione alla punizione del governo”.Le forze di sicurezza iraniane hanno represso duramente le proteste, uccidendo più di 500 persone e arrestandone oltre 18.000, dicono gli attivisti per i diritti umani.

Almeno 100 manifestanti sono attualmente a rischio di “esecuzione, accuse di pena di morte o condanne”, secondo un gruppo per i diritti.

 266 total views,  1 views today

L’Iran e il velo sulla libertà

Fonte Saluteinternazionale che ringraziamo 

di Letizia Fattorini

Da tre mesi stiamo assistendo ad uno tsunami di proteste del popolo iraniano, una combinazione di diverse lotte contro l’oppressione delle donne, contro la corruzione e la povertà, contro la discriminazione etnica e il fondamentalismo religioso, contro il conformismo intellettuale, contro il terrore di Stato. In pratica, contro la Repubblica Islamica.

Gli iraniani, e in particolare i giovani (la maggior parte dei manifestanti sono ragazzi e ragazze tra i 15 e i 25 anni), chiedono a gran voce un Paese libero dal dogmatismo religioso e politico, in cui prevalgano dignità umana e giustizia, e dove tutti possano godere di una società equa e non discriminatoria (1). La miccia che ha scatenato l’esplosione dell’ondata di proteste antigovernative è stata la morte di Masha Amini, una ragazza curda iraniana di 22 anni che si trovava a Teheran con la famiglia, arrestata e bastonata dalla polizia morale il 16 settembre 2022, per non aver indossato correttamente lo hijab (2).

Continua a leggere “L’Iran e il velo sulla libertà”

 320 total views,  1 views today