GB. Gli insegnanti mostrano segni di depressione clinica

La prova di una diffusa depressione clinica tra insegnanti e presidi è stata scoperta dal sindacato didattico NASUWT. Quasi 12.000 insegnanti hanno preso parte all’indagine sul benessere del sindacato. L’analisi ha rilevato un punteggio di benessere medio tra gli insegnanti di 38,7 sulla scala del benessere mentale di Warwick-Edimburgo. Un punteggio inferiore a 41 indica il rischio di una probabile depressione clinica. Il 91% degli insegnanti che hanno risposto al sondaggio NASUWT ha riferito che il proprio lavoro ha influito negativamente sulla propria salute mentale nell’ultimo anno. Il dottor Patrick Roach, segretario generale della NASUWT, ha dichiarato: “Ricordiamo ai datori di lavoro e all’Health and Safety Executive che hanno il dovere legale di agire in risposta a questa crisi e di intraprendere azioni positive per proteggere e salvaguardare la salute mentale e il benessere di insegnanti e presidi”.
Comunicato stampa NASUWT .

 120 total views,  1 views today

GB. TUC newsletter Risks: “Abbandonare la protezione delle donne incinte è “sconsiderato”

Fonte Newsletter Risks Tuc

I sindacati e le organizzazioni che rappresentano centinaia di migliaia di donne incinte hanno fatto esplodere una decisione “sconsiderata” dei ministri Tory di ritirare improvvisamente i consigli sul Covid-19 che le tutelano sul posto di lavoro. In una lettera congiunta al Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale (DHSC) e all’Health and Safety Executive (HSE), il TUC, Maternity Action e i sindacati sanitari RCM, Unite, UNISON e SoR avvertono che la mossa potrebbe esporre le future mamme a danni al lavoro. La lettera sottolinea che “una guida chiara e accessibile” deve essere disponibile per tutti i datori di lavoro per garantire il rispetto del loro dovere legale di proteggere la salute e la sicurezza. Il capo del TUC Frances O’Grady ha affermato che ciò includeva essere “chiari sulla necessità di effettuare valutazioni dei rischi individuali per le lavoratrici in gravidanza”, ha aggiunto.
Comunicato stampa RCM . Stella del mattino.

Per leggere gli altri contenuti della newsletterr clicca QUI 

 83 total views

Il piano del Regno Unito di spedire richiedenti asilo in Ruanda è di per sé crudeltà

Evitando i propri obblighi nei confronti delle persone in cerca di asilo sulle sue coste, il governo del Regno Unito ha firmato oggi un accordo con il Ruanda per inviare lì i richiedenti asilo attraverso la Manica.

In base al nuovo accordo di partenariato per l’asilo , le persone che arrivano nel Regno Unito irregolarmente o che sono arrivate irregolarmente dal 1° gennaio 2022 possono essere inviate in Ruanda con un biglietto di sola andata per l’elaborazione della domanda di asilo e, se riconosciute come rifugiate, per ottenere il riconoscimento di rifugiato stato lì. Continua a leggere “Il piano del Regno Unito di spedire richiedenti asilo in Ruanda è di per sé crudeltà”

 75 total views

GB. Nessuno viene a salvarti

Fonte HAZARDS  che ringraziamo 
Da quando i conservatori sono saliti al potere, il numero di lavoratori danneggiati dal lavoro ogni anno è aumentato del 30%, ma le condanne per reati di sicurezza sono diminuite del 75%. Le ispezioni del Preventive Health and Safety Executive (HSE) sono diminuite di oltre due terzi. Le multe sono in caduta libera. L’ editore di Hazards Rory O’Neill dice che questo non è un caso, è una politica di negligenza criminale.

Non sono i criminali della sicurezza sul lavoro che hanno qualcosa da temere, sei tu. L’Health and Safety Executive è disperso in azione, proprio mentre numeri record vengono danneggiati dal loro lavoro .

Continua a leggere “GB. Nessuno viene a salvarti”

 99 total views

GB. TUC newsletter . Gli operatori sanitari a bassa retribuzione mettono a rischio la propria vita

 

Fonte Risks Newsletter Numero 1037 – 25 marzo 2022

Gli operatori sanitari hanno “messo in gioco la propria vita” per £ 8,72 l’ora durante la pandemia di Covid-19, ha affermato UNISON. I delegati alla conferenza del gruppo di servizi alla comunità dell’UNISON hanno affermato che è “vergognoso” che, durante la pandemia, gli assistenti sociali siano stati esposti a rischi mortali senza DPI appropriati. Il funzionario nazionale UNISON per la comunità Andrew Dobbie ha dichiarato: “I delegati alla nostra conferenza hanno espresso rabbia per il modo in cui gli operatori sanitari erano stati trattati durante il Covid-19, ma anche orgoglio per l’ottimo lavoro svolto da tanti membri per prendersi cura di coloro che dipendevano da loro durante il crisi. Gli operatori sanitari devono essere trattati come professionisti qualificati che sono e pagati di conseguenza. Lavoreremo il più duramente possibile per realizzare una trasformazione del settore che lo renda possibile. Il sindacato ha affermato che salari bassi e condizioni di alta pressione hanno creato una cultura della “porta girevole” nel lavoro di cura, dove il turnover del personale è elevato. I dati della Care Quality Commission nell’ottobre 2021 hanno mostrato un tasso di posti vacanti di oltre il 10% nelle strutture di assistenza regolamentate in Inghilterra. I risultati dell’indagine CIPD pubblicati a febbraio hanno indicato che oltre la metà delle aziende ha riferito di avere personale colpito da lungo tempo da Covid negli ultimi 12 mesi (Rischi 1034 ).
Comunicato stampa UNISON . Maggiori informazioni sui rischi della bassa retribuzione .

 384 total views

GB. Decolla la campagna contro il cancro dei vigili del fuoco della FBU

Fonte : RISKS . TUC 

 

GB. Una campagna del sindacato dei vigili del fuoco FBU per ridurre il rischio di cancro sul lavoro legato all’esposizione ai contaminanti del fuoco sta avendo un impatto “in ogni angolo del servizio antincendio e di soccorso”, ha affermato il sindacato. La FBU ha affermato che ora sta spingendo al massimo “per costruire il registro del cancro e delle malattie dei vigili del fuoco. Il registro si basa su un’indagine sanitaria per i vigili del fuoco e abbiamo bisogno di tutti i vigili del fuoco per compilarlo”. Ha aggiunto: “Con più informazioni nel registro saremo in grado di svolgere più ricerche salvavita”. L’ufficiale nazionale FBU Riccardo la Torre ha dichiarato: “Abbiamo bisogno che ogni singolo vigile del fuoco compili quel registro, sia che ti sia stato diagnosticato un cancro, che ti sia stata diagnosticata una malattia o che non ti sia mai stato diagnosticato nulla – noi ho bisogno che tu compili quel registro ora. C’è molto di più che dobbiamo capire sul legame tra il cancro e altre malattie e l’occupazione dei vigili del fuoco”. Ha aggiunto: “Non possiamo proteggerci da questo pericolo se non lo comprendiamo correttamente e semplicemente non possiamo farlo a meno che i vigili del fuoco non compiano quel registro”. I funzionari della FBU hanno visitato le caserme dei vigili del fuoco per promuovere la consapevolezza e l’iscrizione al registro del cancro e delle malattie. Commentando la portata crescente della relativa campagna DECON del sindacato per ridurre l’esposizione dei vigili del fuoco alle tossine, la Torre ha dichiarato: “Siamo così contenti di come questo progetto è decollato da quando l’abbiamo lanciato dal vivo da una caserma dei pompieri. Abbiamo visto l’impegno in ogni angolo dei vigili del fuoco e dei servizi di soccorso, abbiamo visto salire i poster, abbiamo visto i tweet, abbiamo visto persone con i loro bambini che indossavano adesivi DECON e l’addestramento è in corso.
Comunicato stampa FBU , campagna DECON e video campagna contro il cancro .

 324 total views

GB.Time to Talk Day: campagne Usdaw per promuovere la consapevolezza della salute mentale e dei diritti sul lavoro

Il sindacato britannico  del commercio al dettaglio Usdaw sta celebrando l’odierna “Giornata del tempo per parlare” promuovendo il ruolo dei rappresentanti sindacali sul posto di lavoro nel supportare i membri ed evidenziando i vantaggi delle conversazioni sulla salute mentale.
Il “Time to Talk Day” di quest’anno è giovedì 3 febbraio e mira a supportare le comunità ad avere più conversazioni sulla salute mentale. È gestito da Mind and Rethink Mental Illness in Inghilterra, in collaborazione con Co-op, insieme all’Associazione scozzese per la salute mentale e See Me in Scotland, Inspire and Change Your Mind in Irlanda del Nord e Time to Change Wales: timetotalkday.co. Regno Unito

 265 total views

GB. Il long Covid spinge i lavoratori al banco alimentare

Fonte : RISK TUC

 

[ traduzione dell’articolo tramite google translator ]

Due operatori sanitari del Bedford Borough Council si affidano ai banchi alimentari per sopravvivere, dopo che Long Covid li ha visti esaurire tutta la loro indennità di malattia. Il loro sindacato Unite ha affermato che i casi – che sono seguiti alla cattura di Covid durante una grande epidemia sul posto di lavoro – hanno sollevato problemi per altri luoghi di lavoro nel Regno Unito, dove anche i dipendenti soffrono di effetti collaterali cronici dell’infezione. Ha chiesto ai capi del consiglio di pagare l’intera indennità di malattia ai suoi due membri mentre si riprendono, una discrezione consentita dall’accordo nazionale “Libro verde”. L’ufficiale regionale di Unite Richard Gates ha dichiarato: “L’impatto di Long Covid ha portato entrambi i membri ad avere giorni in cui non potevano nemmeno alzarsi dal letto, nebbia cerebrale, mancanza di energia e mancanza di respiro, quindi l’ultima cosa di cui hanno bisogno in aggiunta a questo è lo stress e la preoccupazione di non avere soldi e la prospettiva di essere portati attraverso la procedura di assenza per malattia per essere fuori dal lavoro. Non è giusto che facciano affidamento sui banchi alimentari e sui benefici per sopravvivere”. I due impiegati del consiglio comunale di Bedford hanno contratto il Covid alla fine del 2020 e da allora sono entrambi malati con una diagnosi di Long Covid, a seguito di un focolaio sul posto di lavoro con il risultato che il 30% del gruppo del personale è risultato positivo. Invitando il consiglio a seguire l’esempio dell’azienda sanitaria locale, che fornisce un’indennità completa per malattia ai lavoratori con Long Covid, Richard Gates ha affermato che i due lavoratori colpiti “dovrebbero essere sostenuti dal loro datore di lavoro in questo momento di difficoltà finanziarie,
Comunicato stampa Unite .

 328 total views

Pandemia, in UK il sindacato Unite richiama il Governo per controllare l’uso delle mascherine a bordo bus

Il comunicato del sindacato inglese Unite sull’uso delle mascherine a bordo bus

Le regole sulle maschere per il trasporto pubblico devono essere pienamente applicate. Unite è il principale sindacato del Regno Unito e rappresenta oltre 70.000 lavoratori di autobus nel Regno Unito.

Commentando l’annuncio del governo che le maschere per il viso saranno di nuovo obbligatorie sui trasporti pubblici, l’ufficiale nazionale Unite per il trasporto passeggeri, Bobby Morton ha dichiarato:

“Il governo deve percorrere la strada e non solo parlare. Non è sufficiente annunciare che le mascherine torneranno ad essere obbligatorie, questa politica deve essere pienamente applicata per proteggere la salute pubblica.

 “I precedenti messaggi incoerenti del governo sull’uso della maschera per il viso quasi sicuramente si tradurranno in un alto grado di non conformità.

 “Il consiglio di Unite agli autisti di autobus è chiaro. Non è loro compito imporre l’uso della maschera, la loro responsabilità è guidare e far funzionare l’autobus in sicurezza. Il compito di far rispettare la maschera è quello dell’operatore dell’autobus e della polizia.

 “Unite ha costantemente avvertito che l’obbligo di indossare maschere per il viso non avrebbe mai dovuto essere rimosso, mentre i tassi di Covid-19 sono rimasti elevati. È solo l’arrivo della nuova variante che ha costretto il governo ad agire».

 

 FINE

Note per gli editori:

Durante la crisi del coronavirus, Unite sta lavorando per proteggere i lavoratori e il pubblico, difendere i posti di lavoro e proteggere i redditi.

 526 total views

GB.Unite accoglie con favore la decisione sulla maschera per il trasporto pubblico del sindaco di Londra

Fonte Unitetheunion.org

 

By Martin49 from London, England – LT 481 (LTZ 1481) Go-Ahead London New Routemaster, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=59119497

 

Unite, il principale sindacato del Regno Unito, che rappresenta oltre 20.000 lavoratori degli autobus a Londra, ha accolto con favore l’annuncio che l’uso di mascherine e protezioni per il viso rimarrà obbligatorio sulla rete di trasporto pubblico della capitale.

Il responsabile di Unite per gli autobus londinesi, John Murphy, ha dichiarato:  “Sadiq Khan ha dimostrato una vera leadership politica mantenendo il requisito secondo cui le maschere per il viso continueranno ad essere obbligatorie in tutta la rete di trasporto pubblico di Londra.

“Unite è stato uno dei più accesi sostenitori di questa eccellente decisione, che fornirà rassicurazione a tutti i passeggeri e ai lavoratori del trasporto pubblico a Londra.

“Non solo contribuirà a ridurre la diffusione del Covid-19, ma aiuterà anche a dare conforto a molti pendolari che sono estremamente nervosi all’idea di tornare al posto di lavoro dopo 16 mesi.

“Prendendo la decisione di continuare a rendere obbligatorio l’uso di mascherine e protezioni per il viso, la fiducia nell’uso dei mezzi pubblici tornerà più rapidamente nella capitale, il che a sua volta aiuterà l’intera economia della città.

“È un peccato che l’irresponsabilità di Boris Johnson significhi che questa misura non viene implementata sull’intera rete di trasporto pubblico della nazione, lasciando il paese e persino le rotte dentro e fuori la capitale, con una protezione patchwork”. 

FINE

 128 total views

UK.Il sindacato dei dipendenti del NHS : ” L’uso della maschera dovrebbe essere obbligatorio nelle strutture del SSN poiché i tassi di infezione da Covid aumentano “

Fonte Unite * 

L’uso della mascherina negli ospedali, nelle cliniche e in altri edifici del SSN dovrebbe rimanere obbligatorio quando le restrizioni Covid verranno allentate lunedì prossimo (19 luglio), ha affermato il sindacato Unite questa sera (lunedì 12 luglio).

Rispondendo alla conferenza stampa di Boris Johnson, Unite ha affermato che le mascherine e il distanziamento sociale dovrebbero rimanere in vigore per il prossimo futuro all’interno del SSN poiché i tassi di infezione sono ancora in aumento.

Unite, che ha 100.000 membri nel servizio sanitario, comprende che alcuni trust del NHS in Inghilterra insisteranno sul fatto che le mascherine continueranno ad essere indossate da personale, pazienti e visitatori dopo lunedì prossimo, ma il sindacato ha affermato che dovrebbe essere sostenuto dalla legge.

Continua a leggere “UK.Il sindacato dei dipendenti del NHS : ” L’uso della maschera dovrebbe essere obbligatorio nelle strutture del SSN poiché i tassi di infezione da Covid aumentano “”

 139 total views

Covid 19 e lavoro mortale: Regno Unito e Francia a confronto

 

Dal sito inglese  Hazards.org riportiamo questo articolo assai significativo sull’esperienza dei lavoratori essenziali britannici durante la pandemia con una comparazione con le condizioni di lavoro dei colleghi francesi

Nell’ultimo anno, sia il governo del Regno Unito che quello francese hanno descritto i lavoratori essenziali come eroi che incarnano il dovere esemplare e il sacrificio di sé di fronte a una guerra contro “un nemico invisibile”.

Dietro questa retorica, i lavoratori chiave sono stati trattati da entrambi i governi come una risorsa sacrificabile che sono stati deliberatamente esposti a morte evitabile nel loro lavoro quotidiano. Ciò che caratterizza i lavoratori chiave in realtà è che il loro valore del lavoro, durante la pandemia, ha sostituito il loro diritto alla vita. I lavoratori di entrambi i paesi sono stati costretti a lavorare in luoghi di lavoro non sicuri in risposta agli interessi economici e le loro vite sono state sacrificate al servizio di lavori “essenziali”.

Mentre sia il Regno Unito che la Francia hanno seguito politiche del lavoro simili, i lavoratori francesi sono stati bloccati con protezioni sociali e occupazionali molto più forti, il che significava che erano meno esposti a rischi mortali rispetto alle loro controparti britanniche.

Chi è essenziale?

Quale valore attribuiscono i governi alla vita dei lavoratori in un momento di crisi globale senza precedenti? Di fronte a una profonda crisi sanitaria, i governi britannico e francese hanno seguito una linea politica notevolmente simile. Ciò consisteva nell’identificare i lavoratori chiave che sarebbero stati obbligati a continuare a lavorare durante la pandemia nell’interesse della popolazione nel suo insieme, ma a rischio personale per la propria vita.

Ciò consisteva nell’identificare i lavoratori chiave che sarebbero stati obbligati a continuare a lavorare durante la pandemia nell’interesse della popolazione nel suo insieme, ma a rischio personale per la propria vita. I leader politici hanno inquadrato il lavoro essenziale in termini di esigenze della crisi sanitaria e della grave emergenza nazionale che si stava manifestando. Nel suo discorso del 16 marzo 2020, il presidente francese Emmanuel Macron ha ripetuto sei volte la frase “siamo in guerra”. Nel frattempo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato “siamo impegnati in una guerra contro questa malattia che dobbiamo vincere” e ha osservato “questo nemico può essere mortale”.

In realtà, la nozione di “lavoro essenziale” è stata orientata fin dall’inizio verso le priorità economiche piuttosto che verso le preoccupazioni per la salute.

Mentre il governo del Regno Unito ha stabilito elenchi di lavoratori essenziali nei settori della sanità, dell’assistenza sociale, della vendita al dettaglio, dei trasporti, delle comunicazioni, dei servizi finanziari e dei servizi pubblici, il termine è stato rapidamente esteso per riferirsi a chiunque non potesse lavorare da casa. Il consiglio del governo del 23 marzo 2020 era: “Se non puoi lavorare da casa, puoi viaggiare per motivi di lavoro”.

Continua a leggere “Covid 19 e lavoro mortale: Regno Unito e Francia a confronto”

 173 total views

GB. Dichiarazione congiunta sulla più ampia apertura delle scuole in Inghilterra

Riproduciamo questa dichiarazione congiunta dell’Associazione di sindacati degli insegnanti e professori inglesi in relazione alla riapertura delle scuole. In questa dichiarazione si sottolinea il rischio di una riapertura di massa in questa fase di mutazioni del virus con il rischio di diffusione dei contagi in misura tale da dover poi richiudere dopo poco tempo .... Vedi in coda al comunicato la traduzione automatica tramite google translator

19-02-2021.  Joint statement on wider opening of schools in England

 

Nine education organisations have joined together to issue a statement on the wider opening of schools and colleges in England.

This statement is issued ahead of the Prime Minister’s expected announcement on this issue on Monday. The signatories are the Association of School and College Leaders (ASCL), GMB, National Association of Head Teachers (NAHT), NASUWT, National Education Union (NEU), National Governance Association (NGA), Sixth Form Colleges’ Association (SFCA), Unison, and Unite.

Statement

We are committed to bringing all children and young people back into the classroom as soon as possible. However, it is counterproductive if there is a danger of causing another surge in the virus, and the potential for a further period of lockdown. Wider opening must be safe and sustainable.

We therefore urge the Prime Minister to commit to 8 March only if the scientific evidence is absolutely clear that this is safe, and at that point go no further than a phased return of children and young people with sufficient time to assess the impact before moving to the next phase.

We are increasingly concerned that the government is minded to order a full return of all pupils on Monday 8 March in England.

This would seem a reckless course of action. It could trigger another spike in Covid infections, prolong the disruption of education, and risk throwing away the hard-won progress made in suppressing the virus over the course of the latest lockdown.

The science around the role that schools play in the overall rate of transmission is uncertain. Scientists have expressed different views on this point. What we do know is that the full reopening of schools will bring nearly 10 million pupils and staff into circulation in England – close to one fifth of the population. This is not a small easing of lockdown restrictions. It is a massive step.

These factors necessitate a cautious approach with wider school and college opening phased over a period of time. This is the approach being taken in Scotland, Wales and Northern Ireland. It allows public health experts to assess the impact of the first phase before moving to the next.

None of this is intended to stand in the way of the full reopening of schools and colleges. On the contrary. It is intended as a prudent way forward to ensure that once they are fully open, they stay open.

Ends

Richard Bettsworth | Director of Public Affairs

Association of School and College Leaders

============================

Continua a leggere “GB. Dichiarazione congiunta sulla più ampia apertura delle scuole in Inghilterra”

 128 total views

GB.I dati devastanti sui lavoratori deceduti a causa del covid-19 richiedono una risposta immediata

In Gran Bretagna oltre 8.000 lavoratori e lavoratrici sono morti a causa Covid. Il sindacato GMB denuncia le condizioni di inadeguate protezione durante il lavoro (DPI inadeguati, modalità organizzative che non hanno tenuto conto del rischio biologico…. 

Quasi un anno dopo e i lavoratori stanno ancora morendo per esposizione professionale, dice il sindacato GMB 

GMB, il sindacato generale della Gran Bretagna, si è pronunciato dopo che i dati dell’ONS hanno scoperto che almeno ottomila decessi in età lavorativa erano collegati al COVID-19 in Inghilterra e Galles nel 2020.

Secondo i nuovi dati ufficiali, i lavoratori in alcune professioni avevano molte più probabilità di morire di altri.

La morte di ottomila persone in età lavorativa è un traguardo devastante e amaro che avrebbe potuto essere evitato.

Dan Shears, Direttore nazionale per la salute, la sicurezza e l’ambiente di GMB

Coloro che occupavano occupazioni a bassa retribuzione, hotel , lavorazione di alimenti e bevande, trasporti e ruoli sanitari erano tutti a rischio di un rischio elevato di morte statisticamente significativo.

Le occupazioni con il più alto numero di morti legate al COVID-19 erano (secondo la classificazione dell’ONS) assistenti e assistenti domiciliari (347 morti), tassisti e tassisti (213 morti), addetti alle vendite e al dettaglio (180 morti), infermieri (157 morti), e addetti alle pulizie e lavoratori domestici (153 morti).

GMB sta conducendo una campagna per la fornitura completa di DPI di alta qualità, valutazioni del rischio personalizzate, un drammatico aumento dei tassi di indennità di malattia legale della povertà e un’iniezione urgente di risorse nell’applicazione della salute e della sicurezza.

Dan Shears, Direttore nazionale per la salute, la sicurezza e l’ambiente di GMB, ha dichiarato:  

“La morte di ottomila persone in età lavorativa è un traguardo devastante e amaro che avrebbe potuto essere evitato.

“La verità è che il Regno Unito è stato troppo lento nel rispondere all’epidemia nei luoghi di lavoro. I messaggi dei ministri sono stati incoerenti e ad oggi non sono stati perseguiti i datori di lavoro per violazione delle normative relative al coronavirus.

“I lavoratori sono ancora costretti a utilizzare DPI inadeguati e alcune persone si recano al lavoro nonostante siano contagiose perché non possono permettersi di isolarsi da sole. Questi sono problemi strutturali che avrebbero potuto essere risolti mesi fa.

“È giunto il momento di agire: ministri e datori di lavoro devono riunirsi con urgenza con i rappresentanti dei lavoratori per affrontare i rischi in corso e inutili nei luoghi di lavoro prima che si perdano altre vite”.

 310 total views

Regno Unito: mesotelioma nella coorte militare britannica

Fonte : International Ban Amianto Secretariat 

Il primo documento che esamina l’esperienza del mesotelioma dei veterani militari britannici ha evidenziato questioni significative tra cui la difficoltà di navigare nei sistemi militari, sanitari e civili e l’influenza dell’esperienza militare sulle strategie di coping dei malati. Il documento, basato sulla ricerca intrapresa dai coautori per The Military Mesothelioma Experience Study, ha rilevato “sfide specifiche e esigenze di cura legate ai veterani con mesotelioma”. A seguito del progetto, è in fase di compilazione un rapporto con le raccomandazioni riguardanti la cura e il supporto dei veterani che convivono con il mesotelioma. Vedi: Vivere con il mesotelioma: uno studio qualitativo delle esperienze dei veterani militari maschi nel Regno Unito .

 296 total views

Nuova variante del coronavirus: una ricercatrice di genomica risponde alle domande chiave

 

Riprendiamo  questo articolo dal magazine di divulgazione scientifica inglese “The Conversation“. Le info sulla mutazione del virus derivano da una intervista alla dott.ssa Lucy van Dorp  ricercatrice presso  UCL Genetics Institute.  La riproduzione dell’articolo in lingua originale avviene sotto licenza Commons 4.0 .  Suggeriamo di visionarlo con il browser Chrome che consente una traduzione  automatica primitiva in lingua italiana.

 

Coronavirus new variant – genomics researcher answers key questions

Kateryna Kon/Shutterstock

Lucy van Dorp, UCL

A new variant of SARS-CoV-2, the virus which causes COVID-19, is thought to be driving increased transmission of the disease in parts of the UK. The government has placed some regions including London under new, stricter coronavirus restrictions, known as Tier 4. People in Tier 4 areas will not be able to gather with anyone outside their household for Christmas, while those in the rest of the country can only gather on Christmas Day itself.

Boris Johnson, the prime minister, and his chief scientific advisors said that the new variant could increase transmission of COVID-19 by as much as 70% and increase the R or reproduction number by 0.4.

What’s the significance of this new discovery? The Conversation asked Lucy van Dorp, a microbial genomics researcher and an expert in the evolution of pathogens, some key questions about what we know at this point in time.

Continua a leggere “Nuova variante del coronavirus: una ricercatrice di genomica risponde alle domande chiave”

 319 total views

Gran Bretagna, Covid-19: freddo, duro lavoro nei macelli e scarsa retribuzione sono una combinazione mortale

 

Fonte Hazards

Gli ambienti di lavoro nei macelli e negli impianti di confezionamento della carne favoriscono la trasmissione del coronavirus a causa delle basse temperature, dei bassi tassi di ricambio dell’aria, del ricircolo dell’aria e di altri elementi poveri della progettazione del lavoro, hanno concluso esperti britannici . Un team del St Johns Institute of Dermatology, Guy’s Hospital, in un editoriale sulla rivista Occupational Medicine, chiama all’azione per proteggere i lavoratori, osservando: “Oltre alle misure di controllo standard per prevenire la trasmissione di malattie trasmissibili sul posto di lavoro, che includono istruzione, identificazione precoce e quarantena, i datori di lavoro dovrebbero attuare ulteriori interventi per proteggersi dal freddo “.
Louise Cunningham, Paul J Nicholson, Jane O’Connor, John P McFadden.Ambienti di lavoro freddi come fattore di rischio professionale per COVID-19 , Medicina del lavoro, kqaa195, Pubblicato: 28 novembre 2020. https://doi.org/10.1093/occmed/kqaa195. Rischi 976 . 2 dicembre 2020

 115 total views

Regno Unito: apre il centro Mesothelioma UK Research Centre-Sheffield

Fonte  IBAS -International Ban Amianto Secretariatat

Questa settimana il Mesothelioma UK Research Centre-Sheffield – per lo studio di nuovi protocolli e trattamenti per le persone affette dal mesotelioma del cancro all’amianto – ha aperto presso la Sheffield University (vedi: Launch of mesotelioma research center ). Secondo la co-direttrice del Centro, la professoressa Angela Mary Tod, l’obiettivo finale del Centro è trovare una cura per il cancro aggressivo e mortale che uccide oltre 2.500 persone in Gran Bretagna ogni anno. Il Centro, il primo del suo genere nel Regno Unito dedicato alla ricerca sul mesotelioma basato sull’esperienza del paziente e sulle cure di supporto, è sponsorizzato dall’ente benefico nazionale Mesothelioma UK. Secondo il suo capo dei servizi Liz Darlison MBE, l’apertura del Centro è stato il culmine di anni di lavoro. Vedi: A Sheffield è stato aperto un nuovo centro per la ricerca sul mesotelioma

 104 total views

GB.Tre quarti del personale di vendita al dettaglio afferma che gli abusi sono stati peggiori durante la pandemia: Usdaw lancia la Settimana del rispetto per i lavoratori

Fonte USDAW 
GB. Tre quarti del personale di vendita al dettaglio afferma che gli abusi sono stati peggiori durante la pandemia: Usdaw lancia la Settimana del rispetto per i lavoratori
Data: 16 novembre 2020
Il sindacato britannico del commercio al dettaglio Usdaw ha lanciato oggi la Settimana del rispetto per i negozianti con statistiche scioccanti tratte dal loro sondaggio annuale. I risultati intermedi di oltre 2.000 dipendenti di vendita al dettaglio mostrano che finora quest’anno:
  • Il 76% afferma che l’abuso è stato peggiore del normale durante la pandemia Covid-19,
  • L’85% dei negozianti ha subito abusi verbali,
  • Il 57% è stato minacciato da un cliente,
  • Il 9% è stato aggredito.

L’annuale Settimana del rispetto per i negozianti va dal 16 al 22 novembre 2020. Durante la settimana, Usdaw aumenterà la consapevolezza della campagna Libertà dalla paura per tutto l’anno e promuoverà la petizione parlamentare che chiede al governo di legiferare per proteggere i lavoratori di bottega. La petizione conta attualmente oltre 70.000 firme e può essere firmata all’indirizzo: https://petition.paragraph.uk/petitions/328621 Continua a leggere “GB.Tre quarti del personale di vendita al dettaglio afferma che gli abusi sono stati peggiori durante la pandemia: Usdaw lancia la Settimana del rispetto per i lavoratori”

 289 total views

Inghilterra . Molte migliaia di casi Covid-19 correlati al lavoro non vengono segnalati

Fonte Hazards.org

Secondo un nuovo studio, le linee guida dell’Health and Safety Executive (HSE) che delineano quando i datori di lavoro devono segnalare il Covid-19 correlato al lavoro potrebbero perdere “molte migliaia” di casi e dovrebbero essere ampliate.

Il professor Raymond Agius del Center for Occupational and Environmental Health dell’Università di Manchester ha valutato le linee guida sui requisiti di segnalazione ai sensi dei regolamenti RIDDOR che stabiliscono quando un datore di lavoro deve segnalare un’infezione da Covid-19 correlata al lavoro, la morte o un evento pericoloso.

Ai professionisti è stato chiesto di stimare la probabilità che la malattia di Covid-19 possa derivare da due scenari, uno dei quali è segnalabile all’HSE come evento pericoloso secondo le attuali linee guida e uno non segnalabile. I partecipanti hanno classificato lo scenario non riportabile come il più probabile che si traduca in un’infezione correlata al lavoro da Covid-19.

Aguis ha scoperto che la guida HSE non corrisponde ai dati dell’Office for National Statistics (ONS) sui lavori a più alto rischio, poiché la guida esclude i rapporti dalle professioni in cui i dipendenti lavorano con il pubblico in generale rispetto a persone note per essere infette.

Il professore ha anche valutato le indicazioni su quando i medici dovrebbero segnalare un decesso Covid-19 attribuibile al lavoro del medico legale. Nei risultati riportati sulla rivista Occupational Medicine, il professore ha concluso che la soglia per segnalare un caso al medico legale è molto inferiore alla guida HSE, in quanto consente notifiche da qualsiasi forma di impiego. Anche la guida del medico legale corrispondeva meglio ai dati dell’ONS che indicano quanto sia alto il rischio per le diverse professioni.

“L’attuale guida RIDDOR sul coronavirus dell’HSE è difficile da applicare. Le prove disponibili suggeriscono che potrebbe non essere riuscito a catturare molte migliaia di casi di malattia Covid-19 correlati al lavoro e centinaia di decessi. Pertanto, l’HSE sta perdendo preziose opportunità per le indagini che potrebbero portare a consigli per prevenire future malattie e morte “, ha detto il professor Agius.

“La guida HSE sulla segnalazione RIDDOR relativa al Covid-19 trarrebbe vantaggio da un emendamento per migliorare la chiarezza e la facilità d’uso e per consentire esplicitamente rapporti da una più ampia gamma di occupazioni che si occupano del pubblico in generale.” Ha aggiunto che HSE deve aumentare sostanzialmente le sue ispezioni al fine di indagare sui rapporti.

RM Agius. COVID-19: mezzi statutari di controllo delle morti e delle malattie dei lavoratori , Medicina del lavoro, 21 settembre 2020.

 295 total views

Le superficialità e gli errori della OMS rispetto alla valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro

CHI LO SAPEVA? | La superficialità  dell’OMS sui rischi di contagio  da corona  nelle situazioni  lavorative rischia un disastro di livello mondiale 
FONTE HAZARDS MAGAZINE CHE RINGRAZIAMO . VEDI ANCHE LA VERSIONE ORIGINALE IN LINGUA INGLESE.
Chi avrebbe pensato che avremmo dovuto mettere un avvertimento sulla salute all’Organizzazione mondiale della sanità? L’ editore dei rischi Rory O’Neill ha scoperto che il consiglio “incredibilmente dannoso” dell’OMS sui rischi del Covid-19 sul posto di lavoro sta lasciando i lavoratori in pericolo di vita.

Domande e risposte: Suggerimenti per la salute e la sicurezza sul lavoro nel contesto del COVID-19 , pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il 26 giugno 2020, ha rivelato come l’agenzia delle Nazioni Unite dai piedi di piombo non abbia né la conoscenza né la capacità di consigliare sulle questioni di lavoro.

Ma questo non l’ha fermato per un momento. Le omissioni nella sua guida – in particolare nessuna menzione dell’ispezione e dell’applicazione del lavoro, e una mancanza di consapevolezza delle potenziali interazioni con altri rischi sul posto di lavoro e la necessità di una protezione più ampia dell’occupazione – hanno mostrato perché un’agenzia delle Nazioni Unite non lavorativa non dovrebbe essere leader sul posto di lavoro problema.

La guida dell’OMS contraddice una guida molto più protettiva pubblicata nel maggio 2020 dall’agenzia specializzata delle Nazioni Unite sul lavoro, l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

La domanda e risposta dell’OMS ripete le posizioni politiche elaborate nella sua guida provvisoria del 10 maggio 2020, Considerazioni per la salute pubblica e le misure sociali sul posto di lavoro nel contesto di COVID-19 ‘ . Questo documento ha ricevuto un’accoglienza ostile, definita “pericolosa” dalla Confederazione sindacale internazionale (ITUC) e dal Consiglio dei sindacati globali.

Rischio calcolato male

Il primo errore dell’OMS è un’affermazione ripetuta che “Covid-19 si diffonde principalmente attraverso goccioline respiratorie o contatto con superfici contaminate”. Ma all’inizio della pandemia sono state sollevate preoccupazioni sul fatto che i rischi di goccioline e contatti non fossero l’unica minaccia rappresentata da questo coronavirus.

Continua a leggere “Le superficialità e gli errori della OMS rispetto alla valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro”

 446 total views

Dalla Rivista Hazard un articolo sulla pandemia in GB. Carne morta

Fonte Hazard che ringraziamo 

 

Nel marzo 2020, Boris Johnson ha promesso di “ battere il nemico ” mentre il Covid-19 correva attraverso il paese. Poi il 23 giugno, con il tasso di infezione ancora alto in modo preoccupante e centinaia di lavoratori “essenziali” tipicamente poco pagati già morti, il primo ministro ha annunciato un drammatico allentamento delle regole. L’ editore di Hazards Rory O’Neill spiega come, per il bene dell’economia, il primo ministro abbia deciso che ne sarebbero dovuti morire di più

Sono stati i grandi focolai nelle fabbriche di lavorazione della carne che hanno mostrato quanto velocemente un focolaio potrebbe distruggere un posto di lavoro. Unite ha affermato che è “inevitabile” che alcuni operai delle fabbriche di carne a bassa retribuzione con “contratti di sfruttamento”, che dovrebbero isolarsi da soli, continuino a lavorare perché hanno diritto a un’indennità di malattia legale (SSP) di 95,85 sterline a settimana.

AUTO-EVIDENTE Il TUC chiede al governo del Regno Unito di assicurarsi che tutti i lavoratori abbiano un sostegno finanziario per conformarsi ai requisiti di isolamento sociale secondo lo schema NHS Test and Trace. L’organismo sindacale avverte che una paga inadeguata per malattia potrebbe impedire alle persone che agiscono su richiesta di sanità pubblica di autoisolarsi. Di Più

Nel maggio 2020, è stato confermato che tre lavoratori di un impianto di trasformazione alimentare di Cranswick a Wombwell, Barnsley, che rifornisce i supermercati del Regno Unito, sono morti dopo essere risultati positivi al coronavirus. I lavoratori si sono lamentati del fatto che le distanze fisiche fossero ridotte e non sono state fornite maschere. Non c’erano anche malattie per coloro che si infettavano o si autoisolavano.

Il funzionario nazionale GMB Eamon O’Hearn ha criticato la guida governativa “inadeguata”, aggiungendo: “È imperativo che Cranswick lavori con GMB per esaminare le operazioni e identificare eventuali problemi che potrebbero avere un impatto sulla sicurezza dei nostri membri”.

Il 18 giugno 2020, un sito di lavorazione della carne di proprietà di Asda a Cleckheaton , nel West Yorkshire, è diventato il terzo impianto alimentare in 48 ore a confermare un’epidemia dopo che oltre 150 lavoratori si sono ammalati di virus. Lo stabilimento di Kober, che fornisce pancetta ai supermercati Asda e impiega più di 500 persone, è stato chiuso temporaneamente ed è stato implementato un sistema di test-and-trace.

Continua a leggere “Dalla Rivista Hazard un articolo sulla pandemia in GB. Carne morta”

 328 total views

GB. Il nuovo organismo sanitario deve essere “adatto allo scopo”, afferma UNISON

Fonte Unison

 

Sara Gorton afferma che l’Istituto nazionale per la protezione della salute deve affrontare la crisi del Covid-19 e ciò che c’è oltre

Rispondendo all’annuncio di oggi (martedì) del segretario alla sanità Matt Hancock che la sanità pubblica inglese (PHE) verrà fusa nel nuovo Istituto nazionale per la protezione della salute, il  capo della sanità dell’UNISON  Sara Gorton ha  dichiarato:

“Ancora una volta i lavoratori stanno affrontando un grande sconvolgimento pur essendo tenuti all’oscuro dei dettagli. Hanno bisogno di sapere cosa significano i cambiamenti, e così anche il pubblico.

“La fusione potrebbe portare vantaggi, anche per il personale di test e tracciamento che attualmente è distribuito in una serie di datori di lavoro. Potrebbero lavorare insieme sotto lo stesso “tetto”. Potrebbe anche fornire un’opportunità per riparare i legami interrotti con le autorità locali.

“Il personale che gestisce programmi di sanità pubblica ha lavorato duramente per gestire la risposta alla pandemia del Regno Unito. Questo nonostante una serie di tagli di bilancio. È fondamentale che questo nuovo organismo ottenga i finanziamenti necessari per avere la possibilità di soddisfare le aspettative stabilite oggi.

“I ministri devono anche garantire che la sostituzione di PHE sia adatta allo scopo. Qualsiasi cambiamento deve essere fatto con attenzione e per la giusta ragione per affrontare non solo la crisi del Covid-19 ma anche quello che c’è oltre. ”

Note per i redattori:
– UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici – nel campo dell’istruzione, del governo locale, del NHS, dei servizi di polizia e dell’energia. Sono impiegati nel settore pubblico, volontario e privato.

 177 total views

GB. La Public Health England viene utilizzata come capro espiatorio per i fallimenti del Covid-19 del governo, afferma Unite

La tendenza di chi è al potere, quando compie gravi errori, è, assai spesso, quella di scaricare le proprie responsabilità su altri. Nel caso dell’Inghilterra il primo ministro Boris Johnson è in prima linea per scaricare i propri errori sulla struttura della PHE . Il sindacato Unite che organizza i dipendenti dellla PHE in questo comunicato denuncia questa operazione che rischia di affossare la PHE. editor

Fonte Unite

La Public Health England (PHE) e il suo personale dedicato sono stati schierati come  “capro espiatorio”  per il pasticcio dei ministri sulla gestione della pandemia di coronavirus, ha dichiarato oggi (lunedì 17 agosto) Unite, il più grande sindacato di Gran Bretagna e Irlanda.

Unite, che è il sindacato capofila per i dipendenti della PHE, ha affermato che invece di fondere la PHE in un nuovo organismo incaricato di prevenire future pandemie, la PHE dovrebbe continuare nel suo ruolo attuale e il denaro tagliato dal suo budget dal governo dovrebbe essere ripristinato .

Unite ha anche affermato che dovrebbero esserci adeguate consultazioni con i sindacati sul futuro di PHE, un’agenzia esecutiva del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale. Unite fortemente contesta i rapporti dei media secondo cui i sindacati sono stati consultati.

 L’ufficiale nazionale per la salute di Unite Jackie Williams ha dichiarato: “È chiaro che la Public Health England e il suo personale dedicato si stanno schierando per non essere il capro espiatorio per i continui pasticci di Boris Johnson e dei suoi ministri da quando è emerso il coronavirus all’inizio dell’anno.

“Il catalogo degli errori va dal ritardo al blocco a marzo al fallimento di avere un cosiddetto sistema di test-and-trace” world beating “entro giugno.

“Nella loro disperazione di trovare qualcuno o qualsiasi organizzazione da incolpare per i propri fallimenti, Boris Johnson e il segretario per la salute e l’assistenza sociale Matt Hancock stanno mettendo in fila il PHE e il suo staff perchè  divenga  il capro espiatorio.

 “Pensiamo che l’agenda sottostante qui sia la futura privatizzazione del servizio nazionale di infezione del PHE – il governo Tory è ossessionato dalla privatizzazione del NHS che si è dimostrato altamente imperfetto e non un buon uso del denaro dei contribuenti.

“Chiediamo alla PHE di continuare nel suo ruolo attuale e di consentirle di svolgere il suo lavoro vitale, piuttosto che spendere enormi quantità di tempo, sforzi e denaro per riorganizzare le strutture sanitarie pubbliche inglesi nel mezzo di una pandemia globale.

“Chiediamo anche il ripristino dei drastici tagli al suo bilancio negli ultimi anni. La mancanza di consultazione è sia spaventosa che offensiva.

“Il PHE ha bisogno delle risorse per svolgere il lavoro per cui è stato progettato, ovvero proteggere la salute pubblica delle persone in Inghilterra, senza interferenze politiche inadeguate”.

ENDS

Unite è il più grande sindacato di Gran Bretagna e Irlanda con membri che lavorano in tutti i settori dell’economia. Il segretario generale è Len McCluskey.

 

 

 424 total views

GB. I sindacati denunciano: la guida del governo Jonshon sulla ripresa del lavoro rispetto a Covid-19 è confusa e pericolosa…

 

Fonte The Guardian

Dirigenti aziendali e sindacati hanno detto a Boris Johnson che rischia di diffondere confusione facendo decidere ai datori di lavoro quando riportare il loro personale negli uffici e in altri luoghi di lavoro.
Frances O’Grady, segretario generale del TUC , ha affermato che riaprire l’economia è vitale per proteggere i posti di lavoro a lungo termine, ma che il ritorno al lavoro deve essere gestito in modo graduale e sicuro. “Il governo sta passando la mano su questa grande decisione ai datori di lavoro”, ha detto.

“Tornare al lavoro in sicurezza richiede un sistema di test e tracciamento NHS ( del Servizio Sanitario Nazionale) funzionante. Tuttavia, i progressi su test e tracce sono ancora irregolari e il governo si sta ancora rifiutando di sostenere i lavoratori che devono autoisolarsi aumentando la retribuzione per malattia a partire da soli £ 95 a settimana a un tasso su cui le persone possono vivere ”.

L’ARTICOLO COMPLETO  THE GUARDIAN

 224 total views