Vai al contenuto

 

FONTE  : UNISON

 

Rispondendo agli ultimi dati del NHS Inghilterra pubblicati oggi (giovedì) che mostrano che i tempi di attesa nel dipartimento Emergenza (Pronto Soccorso) sono i peggiori di sempre, il segretario generale dell'UNISON Dave Prentis ha dichiarato:

“I pazienti lasciati in agonia sulle barelle per ore e i visitatori in attesa di ore in Pronto Soccorso costretti a sedersi sui pavimenti a causa della mancanza di sedie, è diventato la nuova normalità.

“Anni di insufficienza di fondi e una crisi infinita di personale dimostrano che i conservatori non sono semplicemente in grado di gestire il nostro SSN.

“Questi sono i peggiori dati dei Pronto Soccorso inglesi di sempre, ma l'inverno è appena iniziato. È una situazione scioccante e dovrebbe essere di grande preoccupazione per ognuno di noi.

“La pressione sugli ospedali sta attraversando il tetto a causa dell'incapacità di affrontare il pasticcio dell'assistenza sociale. Il prossimo governo deve mettere la salute della nazione e del SSN tra le sue massime priorità. "

INFO
- UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici: istruzione, governo locale, SSN, servizio di polizia ed energia. Sono impiegati sia nel settore pubblico che in quello privato.

 

FONTE TUC

Data di rilascio
04 giu 2019
Parlando alla dimostrazione di Together Against Trump a Londra oggi (martedì), la segretaria generale della TUC , Frances O'Grady, chiederà la protezione dei servizi pubblici in ogni futuro accordo commerciale con gli Stati Uniti.

Sulle offerte commerciali, sui servizi pubblici e sul servizio sanitario nazionale, Frances dirà:

"Con i Tories di destra che fanno la fila per diventare il nostro prossimo primo ministro, dobbiamo proteggere i nostri servizi pubblici dalla minaccia di un accordo commerciale dubbio con l'America di Trump.

"Le grandi corporazioni farmaceutiche non possono aspettare di allungare le loro mani avide sul nostro NHS. E Trump restituirà questi avvoltoi aziendali fino in fondo.

"Non dobbiamo mai accettare un sistema in stile Usa in cui le persone ordinarie vengono derubate dall'assistenza sanitaria, in modo che i dirigenti super-ricchi possano rastrellare miliardi.

"Quindi mandiamo un messaggio chiaro al presidente Trump ea chiunque si ritrovi a Downing Street tra qualche settimana.

"Il nostro NHS non è in vendita."

Parlando di odio e divisione, Frances dirà:

"L'estrema destra è in marcia in Gran Bretagna e in tutto il mondo.

"Non dovremmo stendere il tappeto rosso per un uomo che diffonde deliberatamente paura e pregiudizi. Chi si schiera dalla parte dei suprematisti bianchi, dei neofascisti e delle donne che odiano. Chi fa a pezzi le famiglie e blocca i bambini nelle gabbie.

"Il movimento sindacale ha una storia orgoglio. quella di combattere tiranni e prepotenti.

"E non importa la nostra razza, religione o sottofondo, staremo insieme come lavoratori. Contro Trump. Contro Farage. E contro chiunque altro voglia avvelenare le nostre comunità con odio e divisione. "

ENDS

FONTE SALUTEINTERNAZIONALE

Inserito da  on 30 Gennaio 2019 – 09:44Un commento

Giacomo Galletti 

The Lancet denuncia la rottura del contratto sociale post-bellico, di cui l’NHS è (era?) il riferimento più riconoscibile; denuncia lo smantellamento dei servizi pubblici; denuncia il mutamento degli stessi valori costitutivi della società britannica, interpretando le azioni politiche come pericolose addirittura per l’identità sociale e culturale nazionale. Denuncia il tradimento delle idee liberali di Beveridge! Il problema non è più economico (sostenibilità del Welfare), è identitario, e si risolve attraverso la strenua ed insistita difesa dei valori e dei principi costitutivi del tessuto sociale Britannico da un’aggressione costante da parte della volontà politica.


Attacco a White Hall” potrebbe suonare come il titolo di un ennesimo “action movie” dove il protagonista è il classico eroe complessato a causa di un qualche tipo di stress post traumatico e che si riscatta salvando la nazione dalla minaccia di un qualche terrorista eccentrico. Qui, il canovaccio in salsa British è però diverso: i cattivi stanno dentro i palazzi dell’amministrazione di governo Britannico (indicata genericamente come, appunto, White Hall) e i buoni sono quelli che bombardano i policy maker a suon di articoli su rinomate riviste scientifiche. ...continua a leggere "La povertà come scelta politica (succede in Inghilterra, ma non solo)"

 

FONTE SALUTEINTERNAZIONALE

 

Autori: Andrea Bucci, Fabrizio Toscano e Davide Golinelli

In Inghilterra la spesa sanitaria pubblica è passata da una crescita del 3.8% tra il 2001 e il 2009 ad una tasso di crescita dello 0,4% tra il 2010 e il 2014. La spesa sociale è addirittura diminuita dell’1,2% tra il 2010 e il 2014, a fronte di un incremento medio del 3,2% negli anni 2001-2009. Dati che fanno il paio con l’andamento dei tassi di mortalità in Inghilterra, dal momento che il numero di morti è diminuito dello 0,77% tra il 2001 e il 2010, ma aumentato dello 0,87% tra il 2011 e il 2014.


Nella maggior parte dei paesi industrializzati, i sistemi sanitari stanno affrontando una sfida cruciale: gestire un’aumentata domanda di salute della popolazione in una cornice di restrizioni e tagli nella spesa pubblica sanitaria e sociale. Questo mismatch tra domanda e offerta avviene in un contesto epidemiologico che vede, in Europa, al 1° Gennaio 2016, la popolazione over 65 attestarsi al 19,2 % (corrispondente ad un aumento dello 0,3% rispetto all’anno precedente e del 2,4% rispetto al decennio precedente), dove l’Italia rappresenta il paese, tra gli EU-28, con la più alta percentuale di over 65 (22,0%), seguita da Grecia e Germania. Le proiezioni della popolazione over 80, inoltre, è prevista più che raddoppiare tra il 2016 e il 2080, passando dal 5,4% al 12,7%.[1]

...continua a leggere "Spesa sanitaria e salute. Il caso inglese"

autore Jean Olivier Mallet

I medias riscoprono il tema delle liste di attesa nel SSN italiano. Uno degli argomenti nei discorsi sulla sanità, accanto a quello dei tickets e a quello delle nomine "politiche"regionali dei direttori e dei primari. E ovviamente la malasanità. E il pagamento "sotto banco" di prestazioni complesse o urgenti.
Espressione di disfunzioni reperite da tempo: attorno al 1999, la ministra Rosy Bindi cercava già di governare il doppio esercizio dei medici ospedalieri tra pubblico e privato col l'uso dell'intramoenia. Con risultati variabili.
A fine Novecento, era un luogo comune dell'economia sanitaria che i sistemi sanitari universalistici ("beveridgiani" come nel Nord Europa, nelle Isole britanniche o in Italia ed altri Paesi del Sud-Europa) si regolavano per parte attraverso un razionamento di risorse, di cui le liste d'attesa erano una espressione. Mentre i sistemi sanitari mutualistici "particolaristi-selettivi" ("bismarckiani" come la Francia e la Germania) e liberali (USA) usavano piuttosto lo strumento della compartecipazione (tickets, supplemento di onorari medici...) o di assicurazioni differenziate secondo i bisogni o le tariffe. Oggi i sistemi sanitari si sono mischiati e i primi conoscono anche i tickets, mentre i secondi non ignorano più le liste d'attesa nel settore pubblico o convenzionato. ...continua a leggere "Lista d’attesa in sanità, ennesima puntata!"

 

Cancellate tutte le operazione di routine per il picco di influenza e la carenza dei posti letto

In totale, un taglio di circa 50.000 interventi chirurgici. Gli ospedali riportano un caos crescente, dovuto anche al picco dell'influenza invernale che sta lasciando i pazienti fragili di fronte ad attese anche di 12 ore, al punto che in alcune strutture si stanno esaurendo anche gli spazi nei corridoi. Lo stato di emergenza è destinato a peggiorare nelle prossime settimane e si prevede possa durare fino a febbraio. Al momento già 10 ospedali hanno dichiarato uno stato di 'black alert'.

L'articolo prosegue alla fonte su QUOTIDIANO SANITA'