GB. Come vanno le cose in Inghilterra. Notizie dalla Newsletter Risks del TUC

1) I lavoratori di Ryanair chiedono la fine delle “tragedie ripetute”

I lavoratori dell’aeroporto John Lennon di Liverpool hanno manifestato l’8 novembre in onore della loro collega, Cinzia Ceravolo, che è stata uccisa mentre attraversava la pericolosa Hale Road della città nell’agosto di quest’anno dopo aver lasciato il lavoro. I membri di Unite, a cui si sono uniti i membri del GMB che lavorano all’aeroporto, sono arrabbiati per il fatto che, nonostante le ripetute tragedie, non sia stata intrapresa alcuna azione per rendere sicuro lo svincolo. Unite afferma che centinaia di residenti locali hanno aderito alla lettera aperta del sindacato al sindaco di Liverpool, Joanne Anderson, esortandola a utilizzare la quota della città nell’aeroporto per chiedere un punto di attraversamento sicuro a Hale Road. Unite chiede inoltre di eliminare le spese di ritiro e riconsegna in aeroporto. I costi tolgono una grossa fetta ai salari dei lavoratori, costringendoli a trovare modi più economici per andare e tornare dal lavoro, utilizzando inevitabilmente Hale Road.
Unite comunicato stampa e lettera aperta al sindaco .  

Continua a leggere “GB. Come vanno le cose in Inghilterra. Notizie dalla Newsletter Risks del TUC”

 156 total views,  2 views today

GB . Risks newsletter Tuc n° 1063 8 ottobre 2022

Serve un intervento urgente sul Covid invernale

Un aumento dei casi di Covid mostra che è urgente un piano invernale per Covid, ha affermato il sindacato dei servizi sanitari UNISON. Commentando i dati ufficiali rilasciati il ​​7 ottobre, che mostravano che i decessi in Inghilterra sono aumentati di quasi il 10% nella settimana fino al 1 ottobre e i test positivi sono aumentati di oltre il 21%, l’assistente segretario generale dell’UNISON Jon Richards ha dichiarato: “L’inverno sta arrivando e il virus sta mettendo in scena un ritorno. Eppure il governo non sembra avere un piano. A meno che non vengano presi provvedimenti urgenti, i casi aumenteranno e le scuole, gli ospedali, le case di cura e altri servizi pubblici chiave rimarranno privi del personale di cui hanno bisogno per funzionare”. Ha aggiunto: “Riportare i test gratuiti è un must in modo che le persone non portino involontariamente il virus al lavoro, a scuola o al pub. Un sistema di indennità di malattia adeguata in cui tutti, indipendentemente da dove lavorino, ottengono la paga completa quando anche i poveri sono in ritardo da tempo”.
Statistiche sul coronavirus del governo britannico . Comunicato stampa UNISON .

***

Lo stress da lavoro è al primo posto tra le cause della “paura della domenica”.

Secondo uno studio del governo del Regno Unito, quasi un britannico su sette prova ansia per la settimana a venire, soprannominata “la paura della domenica”, con lo stress da lavoro il fattore scatenante più comune. La ricerca dell’Office for Health Improvement and Disparities ha anche rilevato che il 53% delle persone si sente ansioso di lavorare di persona, rispetto al 6% delle persone che si sente ansioso di lavorare a casa. Le paure raggiungono il picco subito dopo le 17:00 di domenica, mentre i pensieri si spostano sulla settimana a venire con le ricerche di Google sulla tristezza che aumentano, poiché molte persone cercano aiuto. La nuova ricerca, commissionata dall’OHID, ha rilevato che nel complesso il 67% dei britannici soffre spesso di ansia di domenica.
Comunicato stampa DHSC e campagna Every Mind Matters . L’Osservatore . Notizie del cielo .Posta quotidiana .

Altre notizie seguono alla fonte RISKS TUC 1063 

 121 total views

Il periodo di inattività nel periodo Covid 19  ha avuto un impatto “dannoso” sui piloti del Regno Unito

Fonte Risks 

 

La sicurezza del volo e le prestazioni dei piloti potrebbero essere state influenzate negativamente dal congedo Covid-19, ha scoperto una ricerca supportata dal sindacato dei piloti del Regno Unito BALPA. Lo studio condotto dal dottor Simon Bennett, direttore dell’Unità di sicurezza e sicurezza civile dell’Università di Leicester, con l’assistenza del BALPA, ha rilevato che molti ritenevano che le loro prestazioni al ritorno al lavoro dopo il congedo non fossero soddisfacenti e che il morale in tutto il settore era risente di azioni inadeguate del governo e dei datori di lavoro. Il capo della sicurezza del volo di BALPA, Joji Waites, ha dichiarato: “È chiaro che i periodi di inattività e l’assenza dalla cabina di pilotaggio hanno un effetto negativo sulle prestazioni dei piloti e abbiamo bisogno che le parti interessate del settore lo comprendano davvero e garantiscano che la sicurezza del volo sia sempre una priorità numero uno”.

Comunicato stampa BALPAstudio completo e sintesi .

 199 total views

GB . Il piano per fermare gli scioperi metterà in pericolo la sicurezza pubblica

Fonte RISKS

La decisione del governo del 23 giugno 2022 di revocare il divieto di utilizzo di lavoratori interinali durante gli scioperi metterà in pericolo la sicurezza pubblica, ha avvertito il TUC. Il segretario generale del TUC Frances O’Grady ha dichiarato: “Questi piani sono un tentativo deliberato di minare il diritto di sciopero e di ridurre il potere contrattuale dei lavoratori. Coinvolgere personale dell’agenzia meno qualificato per fornire servizi importanti metterà in pericolo la sicurezza pubblica, aggraverà le controversie e avvelenerà le relazioni industriali”. Il 20 giugno la TUC e la Recruitment & Employment Confederation (REC) hanno rilasciato una dichiarazione congiunta chiedendo al governo di abbandonare il suo piano per revocare il divieto ai lavoratori interinali di riempire durante gli scioperi.  
Comunicato stampa TUC e dichiarazione congiunta TUC/REC . Comunicato stampa Unite .

“Introdurre lavoratori che rompono gli scioperi che non possiedono le conoscenze o le capacità per gestire una ferrovia sicura è profondamente preoccupante”.

I piani per cambiare la legge in modo che i lavoratori interinali possano essere utilizzati per coprire gli scioperi sono stati condannati come “disperati e pericolosi” dal sindacato ferroviario TSSA. Il segretario generale del sindacato ferroviario Manuel Cortes ha dichiarato: “Introdurre lavoratori che rompono gli scioperi che non possiedono le conoscenze o le capacità per gestire una ferrovia sicura è profondamente preoccupante”. Ha aggiunto: “I ministri dovrebbero davvero ripensarci e abbandonare queste proposte prima che venga commesso un errore che costa vite umane sulle nostre ferrovie”. La TSSA chiede anche un’indagine sulla sicurezza ferroviaria dopo le segnalazioni di più treni inviati nella direzione sbagliata e alcuni tentativi di lasciare le stazioni quando i segnali erano in rosso durante l’azione di sciopero il 21 giugno
Il comunicato stampa e le indagini della TSSA richiedono un comunicato stampa .

 272 total views,  1 views today

Londra. La polvere del tube (metro) “potrebbe causare gravi malattie”

 

 

 

 

Fonte : Newsletter TUC  Risks n° 1047 

L’esposizione alla polvere sul sistema della metropolitana di Londra può potenzialmente causare gravi malattie al personale della stazione, ha rivelato una ricerca. Il primo studio sull’impatto del particolato (PM) di una ferrovia sotterranea ha rilevato che l’esposizione aumenta il rischio di infezioni da pneumococco come la polmonite. Il professor Jonathan Grigg, che ha guidato il team di ricerca della Queen Mary University di Londra (QMUL), ha chiesto un nuovo studio che confronti la salute dei conducenti della metropolitana e del personale della piattaforma con quelli che lavorano più vicino alla superficie. Ha detto che l’indagine ha fatto la “scoperta notevole” che c’era un aumento della mortalità per infezione da pneumococco nei topi esposti alla polvere e ha dimostrato la capacità dei batteri di entrare nel corpo. Sono stati effettuati anche test di laboratorio utilizzando cellule umane, che hanno confermato la capacità della polvere di danneggiare l’uomo.

Lisa Miyashita e altri. Particolato della ferrovia sotterranea e suscettibilità alle infezioni da pneumococco , The Lancet eBioMedicine, volume 80, 104063, 1 giugno 2022. Evening Standard .

 387 total views

UK.Pescatori picchiati e sfruttati sulle barche del Regno Unito

Fonte: Risks Tuc 1045 – 16 maggio 2022 

Un terzo dei lavoratori migranti sui pescherecci del Regno Unito lavora a turni di 20 ore e il 35% riferisce di violenze fisiche regolari, secondo una nuova ricerca che conclude che c’è sfruttamento e abusi dilaganti sulle navi britanniche. I ricercatori dell’Università di Nottingham Rights Lab, che si concentra sulla schiavitù moderna, hanno scoperto che i pescatori hanno riferito di lavorare in orari eccessivi, con poche pause, con uno stipendio medio di £ 3,51 l’ora. Più del 60% dei pescatori, compresi i cittadini britannici, ha affermato che non avrebbe mai denunciato un reclamo per paura di essere inserito nella lista nera e ha rifiutato il reimpiego. I lavoratori vengono assunti nell’industria della pesca britannica con “visti di transito” che li legano a un unico datore di lavoro, una scappatoia che “legalizza il loro sfruttamento”, secondo il rapporto.
Lasciare sfruttare lo sfruttamento fuori dai guai, Laboratorio per i diritti dell’Università di Nottingham, maggio 2022.

_______________________________________________

USA: I giganti della carne mettono deliberatamente a rischio i lavoratori

Al culmine della pandemia, quando il coronavirus ha infettato decine di migliaia di lavoratori dell’industria della carne negli Stati Uniti e causato la morte di centinaia di persone, i dirigenti dei maggiori produttori di carne della nazione erano consapevoli del rischio di trasmissione nei loro stabilimenti e hanno fatto pressioni con successo sulla Casa Bianca di Trump e sulle autorità di regolamentazione per aggirare le misure e i regolamenti di prevenzione del coronavirus, secondo un’indagine del Congresso. “L’indagine della Select Subcommittee ha rivelato che gli incaricati politici dell’ex presidente Trump presso l’USDA [dipartimento dell’agricoltura] hanno collaborato con grandi aziende di confezionamento della carne per guidare uno sforzo a livello dell’amministrazione per costringere i lavoratori a rimanere al lavoro durante la crisi del coronavirus nonostante le condizioni pericolose” presidente della commissione , il rappresentante degli Stati Uniti James Clyburn, ha affermato in una dichiarazione del 12 maggio.
Washington Post

 

 

 326 total views