La generosa accoglienza della Polonia non mitiga lo sconvolgimento personale, le lacune lavorative e i potenziali abusi che devono affrontare le rifugiate ucraine

Fonte EQUALTIMES che ringraziamo

Di Marta Kucharska

“Racconta loro la tua storia. Se ti viene chiesto quali sono le tue debolezze, mettile in una luce positiva. Non aver paura di fare domande!” Durante un webinar organizzato per i rifugiati ucraini da Mamo pracuj (Mamma, lavoro!), una ONG con sede a Cracovia che sostiene le mamme che tornano al mercato del lavoro, una dozzina di donne stanno imparando le basi dei colloqui di lavoro. Quando inizia la sessione di domande e risposte, i partecipanti chiedono informazioni sul riconoscimento dei titoli di studio ucraini in Polonia, sull’accesso alle offerte di lavoro e alle aspettative salariali.

I fondatori di Mamo pracuj hanno lanciato un programma specifico per le donne ucraine in cerca di lavoro in Polonia poco dopo lo scoppio della guerra a febbraio. “Eravamo tutti inorriditi. Ho visto donne con bambini arrivare alla stazione ferroviaria e volevamo fare per loro ciò che già sappiamo fare meglio per le donne polacche, ovvero aiutarle a trovare le loro competenze [nel mercato del lavoro]”, ricorda Marcelina Palka, coordinatrice del progetto per Mamo pracuj. Continua a leggere “La generosa accoglienza della Polonia non mitiga lo sconvolgimento personale, le lacune lavorative e i potenziali abusi che devono affrontare le rifugiate ucraine”

 239 total views,  1 views today

Ucraina, sei mesi dopo: l’impatto della guerra sulla salute

Fonte : Scienza in rete che ringraziamo 

 

Qual è l’impatto complessivo della guerra in Ucraina a sei mesi dal suo inizio? Sul Lancet, lo storico Ed Holt descrive uno scenario che va al di là delle persone morte e ferite e un sistema sanitario sottoposto a uno stress pesantissimo, sebbene in molti casi gli operatori sanitari siano riusciti a mantenere attivi i servizi, mentre l’Oms ha avvertito del rischio di focolai di malattie infettive.

Crediti immagine: Daniele Franchi/Unsplash

Dall’inizio dell’invasione russa il sistema sanitario ucraino, già fragile, è stato sottoposto a pesanti attacchi e stress e la salute delle persone minacciata. Le conseguenze si manterranno a lungo anche dopo la fine della guerra.

«A sei mesi dall’invasione russa del Paese, il 24 febbraio, il sistema sanitario ucraino sta lottando per continuare a fornire servizi a una popolazione sempre più traumatizzata dalla guerra in corso. Secondo le Nazioni Unite al 15 agosto erano 5.514 i civili uccisi e 7.698 i feriti confermati, ma le stesse Nazioni Unite affermano che la cifra reale potrebbe essere molto più alta». Lo scrive lo storico Ed Holt su Lancet nella rubrica World Report del 27 agosto.

Lo scenario complessivo dell’impatto della guerra, tuttavia, va ben al di là del numero delle persone uccise o ferite dal conflitto: bisogna infatti considerare i 7 milioni di sfollati all’interno dell’Ucraina (circa un terzo della popolazione è stata costretta a lasciare la propria casa), i quasi 6 milioni di profughi accolti in Europa (in Italia circa 150.000), ma anche i 13 milioni di persone che, al contrario, sono rimaste bloccate nelle aree colpite. «I danni alle infrastrutture si calcolano in circa 110 miliardi di dollari, comprese le strutture sanitarie deliberatamente prese di mira dalle truppe degli invasori: l’Organizzazione mondiale della sanità ha registrato 445 attacchi alle strutture sanitarie a partire dall’11 agosto, attacchi che hanno causato 86 morti e 105 feriti», continua Holt. Il giovane storico inglese, autore di diversi rapporti sulla situazione dell’Ucraina a partire dall’invasione russa, descrive come i combattimenti hanno devastato l’offerta sanitaria: paesi e città sono rimasti senza ospedali o strutture di assistenza primaria, i medici sono pochi e sovraccarichi di lavoro, c’è carenza di medicinali, molte farmacie sono chiuse in modo permanente e servizi di pronto intervento lottano per raggiungere i pazienti attraverso strade e ponti bombardati. Continua a leggere “Ucraina, sei mesi dopo: l’impatto della guerra sulla salute”

 199 total views

Ucraina: l’ eredità dell’amianto durante la guerra

Fonte IBASE – Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto

Gli effetti ambientali ed ecologici del costante bombardamento russo dell’Ucraina sono stati oggetto dell’articolo citato di seguito. Le ripercussioni della distruzione degli ecosistemi naturali e dell’inquinamento dell’ambiente non solo si faranno sentire in tutta Europa, ma aggraveranno anche la crisi climatica. L’uso diffuso dell’amianto in Ucraina in passato ha lasciato un’eredità mortale nelle rovine bombardate e nelle infrastrutture danneggiate con fibre di amianto che si sono disperse nell’aria e quindi un potente pericolo per la salute umana. Vedi: випалена земя і забрудена вода: катастрофччч е елл но насл bravalophic насл bravalophic .

 347 total views

Fake news, spionaggio, minacce e cospirazioni: una giornata normale per la lobby dell’amianto 1 

 

Fonte IBASE SEGRETARIAT  Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto 

di Laurie Kazan-Allen

Per decenni, gli interessi acquisiti dell’amianto sono collusi per creare un clima in cui le vendite dei loro prodotti tossici avrebbero prosperato. Hanno mentito ai governi; disinformazione diffusa a lavoratori e consumatori; spiato attivisti, politici e gruppi di vittime; funzionari soppressi, sindacalisti ed esperti medici; e impegnato in cospirazioni per controllare i prezzi, dividere i mercati e manipolare i dibattiti sull’amianto. Il limite di parole per questo articolo è troppo breve per avvalorare tutte queste affermazioni, quindi sceglierò alcuni esempi per dare ai lettori un assaggio del male organizzato propagato da questa lobby di distruzione di massa.

Continua a leggere “Fake news, spionaggio, minacce e cospirazioni: una giornata normale per la lobby dell’amianto 1 “

 379 total views

Dal sito Epicentro : Emergenza Ucraina . Documenti e linee di indirizzo per la gestione dell’emergenza sanitario

FONTE EPICENTRO

 

Dal 24 febbraio 2022, l’escalation delle operazioni militari in Ucraina in seguito all’attacco ricevuto da parte dell’esercito russo ha innescato un’emergenza umanitaria che colpisce l’Ucraina e i Paesi circostanti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sta lavorando a stretto contatto con gli uffici locali dell’Ucraina e delle nazioni limitrofe, e anche con i partner per rispondere rapidamente all’emergenza sanitaria generata dal conflitto e per ridurre al minimo le interruzioni nella fornitura di servizi sanitari.

Durante la crisi, la salute deve rimanere un pilastro prioritario, proteggendo gli operatori sanitari perché possano continuare a svolgere il proprio lavoro salvando vite umane e salvaguardando i sistemi e le strutture sanitarie nazionali in modo che rimangano operativi, sicuri e accessibili a tutti coloro che necessitano di servizi medici essenziali. È fondamentale garantire che le forniture mediche salvavita, come per esempio l’ossigeno, raggiungano coloro che ne hanno bisogno.

Continua a leggere “Dal sito Epicentro : Emergenza Ucraina . Documenti e linee di indirizzo per la gestione dell’emergenza sanitario”

 315 total views

What the invasion of Ukraine means for the IPCC’s latest climate change report

Myles Allen, University of Oxford and Hugh Helferty, Queen’s University, Ontario

The UN’s new IPCC report on the mitigation of climate change says that immediate and deep emissions reductions are needed to limit global warming, along with removing carbon dioxide back out of the air in future. Meanwhile, the world’s governments are urging fossil fuel companies to drill for more oil and gas as fast as possible to make up for sanctions on Russia. What on earth is going on?

The job of the IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) is not to conduct research or to express opinions, but to assess the scientific literature. This primarily means papers accepted in academic journals prior to a cut-off date. In the case of this latest report, that was back in October 2021.

Since then, wholesale prices of most fossil fuels have more than doubled. So, what to make of the IPCC’s conclusions? Does Russia’s invasion of Ukraine make it easier or harder to stop climate change? The answer depends heavily on how you frame the problem.

Using the “emitter responsibility” framing adopted by the IPCC – and hence by almost everyone else, including the world’s governments and corporations – climate change means emitters need to reduce “their” emissions. Vendors of the products that cause those emissions are mere bystanders.

Continua a leggere “What the invasion of Ukraine means for the IPCC’s latest climate change report”

 338 total views,  1 views today