Vai al contenuto

(Regioni.it 3501 - 26/11/2018) La regione Lombardia chiede al Governo, attraverso il suo presidente Attilio Fontana, di istituire un tavolo interregionale sullo smog nella pianura padana.
“Chiedo al presidente del Consiglio Conte di istituire un tavolo con le regioni del bacino padano – afferma Fontana - per creare incentivi che possano dare risposte per arrivare alla sostituzione dei mezzi più inquinanti”. Secondo Fontana la pianura padana è una "zona svantaggiata" per la difficoltà nell'eliminare le sostanze inquinanti e il problema non si può risolvere "solo con i divieti", servono anche degli incentivi, ad esempio per cambiare le caldaie più inquinanti e adeguare le attività produttive.
Questo tavolo di confronto con le regioni del bacino padano, servirà quindi a “mettere in campo una serie di incentivi che, con un aiuto nazionale, possano permettere la sostituzione dei mezzi più inquinanti. Lo stesso discorso dovrebbe essere fatto anche col riscaldamento e le attività produttive perché passino a gas. Bisogna migliorare la situazione perche' l'Europa ci osserva e ha gia' mosso delle infrazioni a cui dobbiamo dare risposta”.
"Quello della sostenibilità – rileva Fontana - è uno dei principali temi di cui ci occuperemo nei prossimi cinque anni. Abbiamo iniziato una serie di politiche fatte di divieti e di incentivi. Solo i divieti - rIbadisce e conclude il PresideNte della Lombardia sarebbero troppo penalizzanti per i nostri cittadini e la nostra realtà produttiva”.

Hits: 7

 

A Torino, in zona Gerbido, dal 2010 è iniziata la costruzione di uno dei più grandi impianti per combustione di rifiuti presenti in Europa. Nell’allegato A della Valutazione di Impatto Ambientale è previsto che sia definito un "Piano di sorveglianza sanitaria e di conoscenza della variazione dello stato di salute della popolazione residente". Vista la complessità e rilevanza di tale prescrizione, è stato coinvolto un team di istituzioni pubbliche riunite in un Gruppo di Lavoro (GdL): Arpa Piemonte, Servizio di epidemiologia, ASL TO1, ASL TO3 e l’Istituto Superiore di Sanità.

...continua a leggere "Sorveglianza sulla salute della Popolazione nei pressi del Termovalorizzatore di Torino"

Hits: 20

foto aria e acqua

I   Ministri di nove Stati membri (Repubblica ceca, Germania, Spagna, Francia, Italia, Ungheria, Romania, Slovacchia e Regno Unito) si sono riuniti a Bruxelles su invito del Commissario per l'Ambiente Karmenu Vella in un ultimo sforzo per individuare soluzioni al grave problema dell'inquinamento dell'aria nell'Unione europea.

 
30-01-2018

I nove Stati membri sono oggetto di procedimenti di infrazione per il superamento dei limiti stabiliti per l’inquinamento atmosferico e, durante la riunione, il Commissario Vella li ha invitati a preparare entro la settimana prossima la documentazione da fornire in merito a come intendono conformarsi alle norme dell'UE sulla qualità dell'aria, pena l'adozione di provvedimenti legali.

A seguito della riunione, il Commissario Vella ha dichiarato: "Questa Commissione ha ribadito a più riprese di voler 'dare importanza alle cose importanti' e niente è più importante di combattere la perdita di vite umane dovuta all'inquinamento dell'aria. […] La protezione dei nostri cittadini è una priorità fondamentale del Presidente Juncker e dell'intero Collegio dei Commissari, e deve diventarlo anche dei Governi degli Stati membri e di tutti i Ministri interessati (trasporti, energia, industria, agricoltura e finanze); ne va della nostra credibilità comune."

La dichiarazione integrale del Commissario Vella è disponibile qui

Cerca le traduzioni disponibili del link precedente.

Hits: 111

fonte SNPA

Un focus completo sulla situazione ambientale di 116 capoluoghi di provincia e 3 centri a elevato numero di abitanti, elaborato sulla base dei dati del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente.

Presentato a Roma lo scorso 14 dicembre, il Rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano (RAU) è giunto alla XIII edizione. Realizzato dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente – SNPA, presenta un quadro completo sulla qualità dell’aria, sui trasporti e mobilità, suolo e territorio, verde, attività industriali in ambito urbano e rifiuti di 119 città italiane. Gli indicatori scelti dal Rapporto descrivono la qualità di vita “ambientale” dei grandi centri urbani del Paese.

Ai 116 capoluoghi di provincia delle ultime edizioni, in quella 2017 sono state aggiunte anche 3 città densamente popolate (Cesena, Guidonia Montecelio,
Giugliano in Campania) per un totale di 119 centri urbani, che pur coprendo solo il 7% del territorio rappresentano il 30% della popolazione totale (circa 18 milioni di abitanti). Numeri questi che mostrano quanto sia fondamentale monitorare il contesto di vita delle grandi città.

Ogni anno il Rapporto è completato da un Focus di approfondimento su di un tema cruciale per la qualità ambientale delle nostre città. Quest’anno la scelta è caduta sulla “Mobilità pedonale in città” con l’intento di voler affermare una nuova idea di qualità della vita in città basata sul muoversi a piedi.

Tutti i dati sono raccolti in un portale “aree urbane”in formato open.

I dati presentano livelli di aggiornamento differente. Per quel che riguarda la qualità dell’aria, le Agenzie regionali offrono un monitoraggio in tempo reale dei valori di Pm10, per l’ozono sono quelli della stagione estiva 2017, mentre per tutte le altre sostanze il Rapporto presenta i dati al 2016. Recenti anche quelli sulla balneazione (stagione estiva 2017) e sullo stato chimico delle acque superficiali. Fanno invece riferimento al 2016 i valori del consumo di suolo in Italia, così come quelli del solo verde pubblico (elaborazioni Istat) e del verde totale (sia pubblico che privato), questi ultimi elaborati da Ispra grazie alle immagini satellitari del programma Copernicus. Infine, riferito al 2016, viene riportato per il prima volta anche il numero di installazioni AIA regionali e provinciali, disaggregato per Comune, oltre a quelle nazionali.

FONTE SNPA

Hits: 22