Lo studio dell’IWH stima i costi dei tumori della pelle non melanoma dovuti all’esposizione al sole durante il lavoro

Dalla Newsletter di IWH riproduciamo, tradotto con apporto di google translator questo importante articolo pubblicato il 26 aprile 2018

La cifra di $ 34,6 milioni per i tumori diagnosticati in un anno è la prima stima in Canada del peso economico dei casi correlati al lavoro di due forme comuni di cancro della pelle

Nel 2011, poco più del 5% dei casi di carcinoma a cellule basali di nuova diagnosi (2.846 su 53.696) in Canada erano dovuti all’esposizione al sole durante il lavoro. Poco più del nove per cento dei casi di carcinoma a cellule squamose di nuova diagnosi (1.710 su 18.549) sono stati attribuiti all’esposizione al sole correlata al lavoro.

Questo è secondo un recente studio dell’Istituto per il lavoro e la salute (IWH), che ha messo il costo di ogni caso di carcinoma basocellulare correlato al lavoro a $ 5,670 e di carcinoma a cellule squamose legato al lavoro a $ 10,555.

I costi sociali di questi nuovi casi dal 2011 ammontano a $ 28,9 milioni in costi diretti e indiretti. I costi diretti includono il trattamento sanitario e le relative spese, e i costi indiretti includono le perdite di produzione. Quando sono inclusi i costi intangibili (come l’equivalente monetario della perdita di qualità della vita), i costi sociali totali aumentano di altri $ 5,7 milioni, a $ 34,6 milioni.

Lo studio condotto da IWH Senior Scientist Dr. Emile Tompa e dal ricercatore ospite Amir Mofidi è stato recentemente pubblicato sul Journal of Occupational and Environmental Health . L’ articolo ad accesso libero è disponibile gratuitamente.

Lo studio è la prima analisi del carico economico del carcinoma a cellule basali legato al lavoro e del carcinoma a cellule squamose, che insieme sono noti come tumori della pelle non melanoma.

Questi tumori sono molto più diffusi del melanoma e il carcinoma a cellule basali è la forma più comune di qualsiasi neoplasia della pelle. I cancri della pelle sono la forma più comune di cancro in Canada, che rappresenta un terzo di tutti i tumori nel paese.

Secondo una precedente ricerca condotta da CAREX Canada, oltre 1,5 milioni di lavoratori canadesi sono esposti alle radiazioni ultraviolette solari (UV) sul lavoro. Circa 900.000 di queste persone trascorrono più del 75% dei giorni di lavoro all’aperto. (Un alto livello di esposizione ai raggi UV solari è definito come trascorrere sei ore o più all’aperto per giornata lavorativa).

Tra i settori di questa categoria ad alto rischio ci sono la costruzione (compresi i lavori stradali), l’agricoltura, i trasporti e il deposito. I gruppi di lavoro in Canada con i più alti livelli di esposizione al sole sono gli agricoltori e i gestori delle fattorie, i soccorritori edili e gli operai addetti alla manutenzione del terreno e del paesaggio. Leggi tutto “Lo studio dell’IWH stima i costi dei tumori della pelle non melanoma dovuti all’esposizione al sole durante il lavoro”

Il mesotelioma maligno in Emilia-Romagna: Report COR-RENAM aggiornamento al 31 dicembre 2017

FONTE AFEVA

Bologna, 08 febbraio 2017

Pubblicato il Report aggiornato al 31 Dicembre 2017 dal titolo: “Il mesotelioma maligno in Emilia Romagna: incidenza ed esposizione ad amianto aggiornata al 31 dicembre 2017” a cura di A.Romanelli, C. Storchi, O.Sala, L. Mangone.

A produrre il report, è la struttura (COR) del Registro Mesoteliomi Regione Emilia Romagna con sede a Reggio Emilia, struttura operativa nell’ambito del Servizio Sanitario Regionale Emilia-Romagna.

L’Emilia Romagna conferma un tasso di incidenza (casi di mesotelioma x 100.000 abitanti) superiore alla media nazionale per il periodo 2011-2015  (Emilia Romagna  4,4 per gli uomini e 1,6 per le donne, Italia 2011 3,8 uomini 1,5 donne) in particolare il tasso più alto riguarda Reggio Emilia per gli uomini (7,0) e Piacenza per le donne (2,7).

Per i dati di dettaglio leggere tutto il Report.

I dati contenuti nel report sono stati raccolti fino al 31 dicembre 2017, purtuttavia “...L’Incidenza può considerarsi pressoché completa per gli anni 1996-2015, mentre per il periodo successivo è in corso la rilevazione dei casi.

Scarica il rapporto (.pdf)

Scarica il V rapporto nazionale RENAM  (dal sito INAIL)

 

ILO, presentato il “Rapporto sulla protezione sociale nel mondo 2017-2019”

FONTE ASSOCIAZIONE AMBIENTE LAVORO

Il “Rapporto sulla protezione sociale nel mondo 2017-2019” dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro evidenzia che 4 miliardi di persone in tutto il mondo non beneficiano di protezione sociale. Sono necessari ancora sforzi consistenti per garantire che il diritto alla sicurezza sociale diventi una realtà per tutti.

Il nuovo rapporto sulla protezione sociale nel mondo dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) evidenzia che, nonostante i progressi significativi nell’estensione della protezione sociale in molte parti del mondo, il diritto alla sicurezza sociale non è ancora una realtà per la maggior parte della popolazione mondiale.

Secondo i nuovi dati presentati nel “Rapporto sulla protezione sociale mondiale 2017-2019: protezione sociale universale per raggiungere gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile”(World Social Protection Report 2017-19: Universal social protection to achieve the Sustainable Development Goals), solo il 45% della popolazione mondiale gode di almeno un beneficio sociale, mentre il restante 55%, che è l’equivalente di 4 miliardi di persone, non beneficia di protezione sociale.