La messa al bando dell’amianto non danneggia l’economia

Fonte:
Lucy P Allen, Jorge Baez, Mary Elizabeth C Stern, Ken Takahashi and Frank George. Trends and the Economic Effect of Asbestos Bans and Decline in Asbestos Consumption and Production Worldwide, International Journal of Environmental Research and Public Health, volume 15, number 3, page 531, 2018.

Sintesi dell’articolo apparso sul Bollettino del TUC britannico TUC RISK 7 APRILE 2018

La messa al bando dell’amianto non ha danneggiato le economie dei paesi che hanno messo al bando l’amianto. I ricercatori dell’Ufficio Europa della Organizzazione mondiale della Sanità, dell’Università di Sidney ed un gruppo di consulenti economici statutinensi hanno rilevato che le economie che hanno messo al bando l’amianto si sono rapidamente riprese, mentre i paesi che persistono nell’uso dell’amianto potranno attendere costi rilevanti come risultato.

I risultati pubblicati sulla rivista International Journal of Environmental Research e Public Health affermano : ” Nei paesi in cui è stato messo al bando l’amianto non abbiamo riscontrato un impatto economico negativo osservabile a seguito dell’istituzione di divieti. Nella misura in cui l’amianto rappresenta una quota altrettanto piccola nelle economie degli attuali consumatori, non ci si aspetta che un divieto simile abbia un grande impatto economico a livello nazionale. Da una parte nei paesi ove l’amianto è stato messo al bando la mancata produzione e/o consumo non ha ha avuto un impatto economico negativo. Al contrario l’uso continuato dell’amianto produce costi molto elevati per le bonifiche, rimozioni, interventi sanitari e assicurativi.

Piano Amianto Regione Emilia-Romagna: COSTITUZIONE DELLA CABINA DI REGIA E DEL GRUPPO TECNICO REGIONALE DI COORDINAMENTO

Bologna, 22 marzo 2018

La GIUNTA REGIONALE, ha pubblicato in data 19 marzo 2018 la DETERMINAZIONE Num. 3819 del 21/03/2018 BOLOGNA che istituisce la Cabina di regia e il Gruppo tecnico Regionale di Coordinamento del Piano Amianto della Regione Emilia-Romagna. Scarica la delibera .pdf 

Si tratta di un atto importante, al fine di rendere operativo e realizzare concretamente il Piano Ami
anto Regione Emilia-Romagna. Scarica il Piano .pdf (2,5 Mb)

La Cabina di Regia, vede la presenza dei rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali, ed avrà il compito di monitorare il percorso, garantendo la coerenza fra scelte operative e finalità del Piano, di sollecitare la maggiore aderenza alle necessità di tutela degli ex-esposti e degli esposti attuali all’amianto, dei malati e garantire un salto di qualità nelle attività di prevenzione primaria (mappatura, bonifiche e smaltimento)

Assieme alla Cabina di regia, è stato istituito il Gruppo Tecnico Regionale di Coordinamento del Piano, che si avvarrà di sottogruppi coi tecnici che dovranno progettare e realizzare le azioni del Piano stesso.

Scarica le slide sulla Governance del Piano Amianto presentate dalla Dr.ssa  Adriana Giannini (Regione Emilia Romagna) nel corso della IV assemblea degli iscritti AFeVA del 17 marzo 2018

La convocazione della Cabina di Regia del Piano Amianto è prevista per il giorno 20 aprile 2018

 

ROVIGO 2018 DIFENDERSI DALL’AMIANTO: CONVEGNO DI CGIL ROVIGO E AFEVA – VIDEO e DOCUMENTAZIONE

FONTE AFEVAEMILIAROMAGNA

Rovigo, 1 marzo 2018

Il convegno, finalizzato a fare conoscere il problema amianto nel territorio di Rovigo si è tenuto il giorno 16 febbraio 2018.

SCARICA LA LOCANDINA

SCARICA L’INVITO COL PROGRAMMA

Guarda gli orari dello sportello amianto Rovigo

LE SLIDE PRESENTATE

I VIDEO DEGLI INTERVENTI

Fulvio Dal Zio – Segretario Generale CGIL Rovigo

Dr. Schiesaro – Ex magistrato processi amianto Venezia

Salvatore Fais – Sportello Amianto Rovigo

Anna Maria Bilato – INCA CGIL Veneto –

Dr Enzo Merler – Presidente Fondazione Bepi Ferro Padova

Laura Bolzoni – INCA Rovigo

Andrea Caselli – Presidente AFeVA Emilia Romagna

Ernesto Bellini – Spisal Rovigo

Avv. Giancarlo Moro – Fondazione Bepi Ferro

Emanuele Cavallaro – Sindaco di Rubiera (RE)

Renzo Pellizzon – CGIL Veneto

Claudio Iannilli – CGIL Nazionale

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

La Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito ha presentato la Relazione finale sugli esiti della sua attivita’ ispettiva in materia di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale nelle Forze armate

La Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito ha presentato la Relazione finale sugli esiti della sua attivita’ ispettiva in materia di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale nelle Forze armate

La Commissione parlamentare d’inchiesta ha rilevato sconvolgenti criticità nella valutazione e gestione dei rischi da parte delle autorità preposte in relazione alla esposizione del personale militare a microparticelle d’uranio impoverito e all’amianto.

“I militari italiani impegnati in patria e nelle missioni all’estero sono stati esposti a «sconvolgenti criticità» sul fronte della salute e della sicurezza del lavoro, che hanno «contribuito a seminare morti e malattie». È scritto nero su bianco nella relazione finale della commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito, presentata il 7 febbraio dal presidente Gian Piero Scanu (Partito democratico). Nel mirino il «negazionismo» dei vertici militari e gli «assordanti silenzi generalmente mantenuti dalle autorità di governo».”  ( leggi articolo completo da lettera43)

Sintesi della Relazione definitiva presentata il 7 febbraio 2017

Audio della Conferenza Stampa del 7 febbraio per la presentazione della Relazione definitiva da parte del Presidente Gian Piero Scanu. Fonte Radio Radicale

 

 

 

 

Unions in the North East help asbestos victims receive £3.8 million

Issue date
15 Dec 2017
Asbestos is the biggest cause of workplace deaths. Last year 5,000 people were likely to die prematurely as a result of asbestos exposure. This is around three times the number of road accident deaths. Most of those who die do so as a result of mesothelioma, a kind of cancer that can be caused by very low levels of exposure. Tragically it is always fatal.

Almost all of the people who are dying today were exposed to asbestos decades ago, so asbestos is now often seen as being a problem of the past as its importation and use have been banned since 1999.

That is not the case. The dangers of asbestos are still with us. Asbestos-containing materials can be found in around half a million non-domestic premises (and probably around a million domestic ones).

This means that people are still being exposed to asbestos. It is often people who are working in maintenance, refurbishment or demolition, but people can, and do, become exposed simply by working in a building with asbestos, as fibres can become dislodged and breathed in.

This killer is often hidden or has not been identified as asbestos. As a result it can be found in factories, homes, schools, shops, hospitals, offices, restaurants etc.

Most of these diseases take many years to develop and so deaths occurring now are largely a result of past workplace conditions.

A total of £3.8 million has been secured for asbestos victims and their families in the North East and North Cumbria between April 2016 and September 2017. The Northern TUC Asbestos Support and Campaign Group (ASCG) was launched in 2010 and has helped its clients claim the money during the past 17 months, which includes benefit gains and compensation.

The group, a partnership between Northern TUC, Macmillan Cancer Support, trade unions and West View Advice and Resource Centre, provides support, advice and information (including help with benefit entitlements) to people living with the effects of asbestos exposure, their families and carers. People helped by the group have asbestos-related diseases such as mesothelioma, asbestosis and lung cancer and other workplace cancers.

L’ARTICOLO PROSEGUE SU FONTE TUC.ORG.UK

TRADUZIONE IN ITALIANO BY GOOGLE

L’amianto è la principale causa di decessi sul posto di lavoro. L’anno scorso 5000 persone morirono prematuramente a causa dell’esposizione all’amianto. Questo è circa il triplo del numero delle morti per incidente stradale. La maggior parte di quelli che muoiono lo fanno a causa del mesotelioma, una specie di cancro che può essere causato da livelli molto bassi di esposizione. Tragicamente è sempre fatale.
Quasi tutte le persone che muoiono oggi sono state esposte all’amianto decenni fa, quindi l’amianto è spesso visto come un problema del passato, dal momento che la sua importazione e il suo uso sono stati vietati dal 1999.
Questo non è il caso. I pericoli dell’amianto sono ancora con noi. I materiali contenenti amianto possono essere trovati in circa mezzo milione di locali non domestici (e probabilmente circa un milione di quelli domestici).
Ciò significa che le persone sono ancora esposte all’amianto. Spesso sono le persone che lavorano nella manutenzione, nella ristrutturazione o nella demolizione, ma le persone possono, e lo fanno, essere esposte semplicemente lavorando in un edificio con l’amianto, poiché le fibre possono essere spostate e respirate.
Questo killer è spesso nascosto o non è stato identificato come amianto. Di conseguenza può essere trovato in fabbriche, case, scuole, negozi, ospedali, uffici, ristoranti, ecc.
La maggior parte di queste malattie richiede molti anni per svilupparsi e quindi le morti che si verificano ora sono in gran parte il risultato di condizioni lavorative passate.
Un totale di 3,8 milioni di sterline è stato garantito per le vittime dell’amianto e le loro famiglie nel nord-est e nel nord della Cumbria tra aprile 2016 e settembre 2017. Il gruppo di supporto e campagna dell’asbesto nordico (ASCG) è stato lanciato nel 2010 e ha aiutato i suoi clienti a rivendicare il denaro negli ultimi 17 mesi, che include guadagni e compensi.
Il gruppo, una partnership tra Northern TUC, Macmillan Cancer Support, sindacati e West View Advice and Resource Center, fornisce supporto, consulenza e informazioni (compreso l’aiuto con diritti alle prestazioni) alle persone che vivono con gli effetti dell’esposizione all’amianto, le loro famiglie e gli accompagnatori . Le persone aiutate dal gruppo hanno malattie legate all’amianto come il mesotelioma, l’asbestosi e il cancro ai polmoni e altri tumori sul posto di lavoro.