Vai al contenuto

 

Ringraziamo  Gianni Marchetto che  ci ha inviato questo libro in formato digitale scritto da Ivar Oddone, Alessandra Re e Gianni Briante nel 1976 e con una prefazione del 2008. Diario Prevenzione ritiene che questo lavoro sia importante per comprendere quali fossero i percorsi di costruzione delle conoscenze operaie che consentirono in quell'epoca  lo sviluppo delle lotte contro le nocività e per la salute nei luoghi di lavoro negli anni 60 - 70 .
Il libro tratta dell'esperienza di due seminari delle 150 ore avvenuti alla facoltà di Psicologia del Lavoro a magistero di Palazzo Nuovo a Torino.
Consigliamo in particolare la lettura del capitolo sette, perchè ci pare abbia ancora una sua attualità. Editor

 

IL VOLUME

(formato.pdf)

Come indicato sul e-libro quest’opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

 

Alcuni lavori espongono a rischi di aggressioni da animali domestici, in particolare cani. L’aggressione da parte di animali domestici riguarda i postini e i fattorini, tutti coloro che consegna a domicilio posta , merci, cibi. Dobbiamo tenere conto che con gli acquisti on line sono aumentate  in modo considerevole le consegne a domicilio. Quali sono le misure per evitare agli operatori di essere aggrediti a morsi dai cani.

Cominciamo da una notizia di un paese lontano, il Canada ove il Sindacato dei portalettere e le Poste canadesi hanno predisposto corsi di formazione sulle modalità per evitare il contatto con gli animali .

Ai postini canadesi sono state fornite bombolette spray al peperoncino che tuttavia non risolvono il problema , anzi se non hanno un risultato immediato di neutralizzazione dell’animale aggressore, rischiano di peggiorare la situazione. 

Ai proprietari di cani viene richiesto di chiudere i cani prima di aprire al postino o al fattorino. Se i proprietari non collaborano le Poste sospendono il servizio di consegna .

Abbiamo svolto una piccola ricerca sul web. Anche in Italia sono innumerevoli le aggressioni di cani ai postini e ai fattorini.

Riassumendo: per limitare i rischi occorre che i postini o i fattorini o riders debbono essere informati e formati su questi rischi e debbono avere un’adeguata copertura assicurativa.

Alcuni riferimenti

1)  Postal worker suffers dog attack

2)  Postini Orrore nel Siracusano: postino ucciso da tre cani

3) Quando il cane aggredisce il postino ne risponde il padrone.

4) Austria, troppi postini aggrediti da cani: ora porteranno con sé dei biscottini

5) Cani al cancello, croce dei postini inglesi

Un lavoro importante di Gianni Marchetto, già operaio e sindacalista alla Fiat di Torino che ci offre la comparazione tra i tradizionali modi di produzione della Fiat e le innovazioni del metodo organizzativo WCM .
Nella presentazione di Marchetto vengono descritte le differenze organizzative apportate nelle varie fasi del ciclo di produzione dei motori della FTP del gruppo FIAT.
Nella presentazione "La fabbrica in-umana- critica al WCM", Gianni Marchetto affronta il "nuovo" modello di organizzazione del lavoro negli aspetti di costrittività e di limitazione delle possibilità di crescita professionale degli operai e di rischi per la salute. Un punto di vista esperto che ha conosciuto a fondo le modalità tradizionale di organizzazione della linea di montaggio e si confronta con i limiti del WCM per individuare un percorso di umanizzazione del lavoro.

LA FABBRICA IN-UMANA
di Gianni Marchetto

OTTAWA, 17 aprile 2018 / CNW / - L'Unione canadese dei postini (CUPW) ha chiesto al revisore generale del Canada di indagare su cosa ha portato Canada Post a segnalare in modo fraudolento infortuni sul lavoro e se queste decisioni hanno portato a premi impropri corrisposti agli alti dirigenti .

"Non si può contestare il fatto che Canada Post abbia presentato a Labor Labs rapporti di infortunio incompleti per un certo numero di anni", afferma Mike Palecek, Presidente nazionale della CUPW. "Ci piacerebbe sapere come questo abbia influenzato i bonus ai dirigenti di Canada Post, che ha il più alto tasso di infortuni nel settore federale".

La Posta canadese ha modificato la segnalazione del tempo di lavoro perduto a causa degli infortuni per fornire la frequenza degli incidenti piuttosto che un numero grezzo di incidenti in perdita. Ciò è in diretta contraddizione con la definizione del Labor Canada di infortuni invalidanti. La ridefinizione impropria sembra essere un tentativo deliberato da parte della dirigenza di Canada Post di riportare una costante riduzione degli infortuni invalidanti nel 2011, 2012 e 2013.

Un esame speciale del Canada Post del 2009 da parte del revisore dei conti ha rilevato che le scorecard dei dirigenti hanno considerato la sicurezza l'obiettivo più alto. Questo, unito alla riduttiva ridefinizione degli infortuni invalidanti da parte di Canada Post, mette in dubbio se i dirigenti abbiano ricevuto dei bonus a cui non avevano diritto.

I report di Canada Post a Labor Canada sono stati superficiali e difettosi, questi errori hanno permesso a Canada Post di sottostimare l'effettivo tasso di incidenza degli infortuni. CUPW vuole sapere perché questo sta accadendo e porre fine a questa falsa dichiarazione.

Fonte:  Unione Canadese dei Postini

 

8 aprile 2018 (Mainichi, Giappone)
fonte MAINICHI

( SINTESI DEI CONTENUTI DELL'ARTICOLO )

Secondo l'articolo apparso in questo quotidiano giapponese l'abuso verbale da parte dei clienti sarebbe aumentato nei settori della vendita al dettaglio e della distribuzione.
Molti addetti alle vendite verrebero insultati ed esortati a "lasciare il lavoro o a morire". Di solito sono i clienti ad essere responsabili dei problemi per cui danno la colpa ed aggrediscono gli addetti alle vendite.
Nell'articolo vengono riportati diversi esempio di molestie da parte dei clienti contro gli addetti alle vendite.
Si riporta il caso di un commesso quarantenne di un grande magazzino di Tokio vessato da una cliente che voleva comprare un certi prodotto che nel negozio era esaurito. Il commesso aveva suggerito altri negozi della catena ove trovare l'articolo , la donna aveva chiamato poi una decina di volte con insulti e minacce " fammi parlare con il tuo capo".
L'uomo ha dichiarato di essere in ansia per il timore di ricevere nuove telefonate ...
Secondo un addetto all'ufficio reclami di un'azienda della grande distribuzione di Tokio questi episodi sarebbero in forte crescita. Vi sono giovani commessi che non reggono lo stress e si licenziano.
Il sondaggio che ha coinvolto 50.000 intervistati rileva che il 70% avrebbe subito molestie, insulti e minacce da parte dei clienti. Per il 28 % affermano di avere sopportato insulti molto pesanti e offensivi per la loro dignità personale. Oltre 300 hanno dichiarato di avere sofferto di danni psicologici.
Il sindacato ha promosso iniziative di ricerca e ha predisposto la elaborazione di linee guida per aiutare il personale a fare fronte a questi atti di violenza da parte della clientela.
Il sindacato richiede altresì che il governo adotti misure per arginare questo fenomeno in crescita

LINK ALL'ARTICOLO
You fool! Quit your job!': More retail, distribution industry staff abused by customers

by Joy Plemmons

Un articolo interessante da un consulente della Società Gallup sul rischio burnout nelle professioni sanitarie.

Traduzione parziale dell'articolo 

"Trascorro molto tempo negli ospedali come consulente sanitario. Di recente, però, ho sperimentato gli ospedali sotto una nuova luce quando mia zia ha dovuto affrontare problemi di salute terminali.

Durante la permanenza in ospedale di mia zia, sono stato profondamente commosso dal sostegno e dalla gentilezza dimostrata dai suoi operatori sanitari. Medici, infermieri, tecnici e altro personale medico erano estranei alla mia famiglia, eppure mostravano infinita compassione e determinazione nel fornire la migliore assistenza possibile.

Questa esperienza mi ha dato una nuova prospettiva sull'importanza di un problema a cui ho assistito molte organizzazioni sanitarie: il burnout tra i dipendenti. Se gli operatori sanitari si sentono esausti, distaccati e oberati di lavoro, come possono offrire un'assistenza olistica eccezionale a persone come mia zia?

Sfortunatamente, il burnout tra gli impiegati sanitari degli Stati Uniti è un problema crescente con conseguenze di vasta portata.

Il burnout può minare non solo il benessere dei dipendenti, ma anche i risultati dei pazienti, la sicurezza e la qualità delle cure. I dipendenti che sentono il burnout hanno tre volte più probabilità di andarsene e il 63% di probabilità in più di subire una giornata di malattia. Per le organizzazioni, il burnout si traduce in un aumento del turnover, in una perdita di produttività e in un aumento delle cause legali per negligenza.

Mentre i leader della sanità continuano ad affrontare il cambiamento e l'incertezza inesorabili, il burnout è un problema che non possono permettersi. Le seguenti strategie fondamentali sono strumentali per i leader del settore sanitario che cercano di arginare il burnout e, a loro volta, promuovere i risultati dei dipendenti, delle imprese e dei pazienti.

Fornire assistenza per i dipendenti olistici

Come i professionisti del settore medico che offrono un'assistenza olistica ai pazienti, i leader del settore sanitario hanno bisogno di strategie di benessere che si concentrino maggiormente sulla salute fisica dei dipendenti. Investendo in dipendenti come persone, non solo lavoratori, i leader del settore sanitario offrono un'assistenza eccezionale per i caregiver.

Gallup, in collaborazione con Sharecare, ha sviluppato un modello di benessere che considera il modo in cui i dipendenti si relazionano al loro lavoro e, a loro volta, si esibiscono sul lavoro. Definiamo il benessere come cinque elementi correlati: scopo, sociale, finanziario, comunitario e fisico. Le nostre analisi mostrano che quando i dipendenti prosperano in almeno quattro di questi elementi, hanno quattro volte meno probabilità di sentirsi burnout al lavoro.

Con solo il 6% degli operatori sanitari che prosperano in tutti e cinque gli elementi di benessere, vi è un serio margine di miglioramento nel benessere degli impiegati sanitari.
Infermieri che lavorano nel corridoio dell'ospedale.

I dipendenti sono la migliore risorsa dell'organizzazione sanitaria.
Scopri cosa hanno bisogno per avere successo.

Adottando un approccio globale al benessere dei dipendenti, i leader del settore sanitario possono dare ai lavoratori l'energia, la concentrazione e l'adattabilità di cui hanno bisogno.

L'ARTICOLO COMPLETO IN LINGUA INGLESE ALLA FONTE

 Fonte Pressenza.com

08.02.2018 - Paolo Ermani - Il Cambiamento

Settimana corta di 28 ore: i tedeschi lavorano meno e vivono di più, perché il tempo è la vera ricchezza
(Foto di Il Cambiamento)

Se in Germania si avanza la proposta di una settimana lavorativa di 28 ore, perché qui in Italia siamo ancora lontani anni luce da questa prospettiva? Sì, una ragione c’è. Ma non è detto che non si possa cambiare.

Abituati a pensare ai tedeschi come lavoratori indefessi che lavorano 20 ore al giorno, ci potrebbe stupire conoscere perché è stato recentemente approvato un accordo nel settore metalmeccanico, ad iniziare dalla regione del Baden Wuerttemberg, per avere la possibilità di lavorare 28 ore a settimana. Ma come è possibile che i tedeschi, campioni di tutto, possano lavorare così poco? Chi conosce i tedeschi e la Germania avrà notato che più che lavorare tanto, sono bene organizzati ed efficienti. ...continua a leggere "Settimana corta di 28 ore: i tedeschi lavorano meno e vivono di più, perché il tempo è la vera ricchezza"

Invecchiare al lavoro: proposte di gestione in sanità
Aula Magna Clinica Mangiagalli - Milano, Via Commenda 10
mercoledì 31 gennaio 2018 - ore 9:30-16:00

Convegno
sono disponibili le presentazioni

PROGRAMMA

9.30 Registrazione partecipanti

Saluti del Responsabile dell’UOC Medicina del Lavoro (Dr. Luciano Riboldi)

PRIMA PARTE
Moderatore: Prof. Paolo Carrer

INVECCHIARE AL LAVORO:
Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età

10.00 Aging-Ebook e campagna europea 2016-2017 (Tiziana Vai)

10.30 La gestione dei turni in un mondo che invecchia (Giovanni Costa)

11.00 Sanità: gestione dei rischi professionali per un invecchiamento attivo (Olga Menoni)

11.30 La sorveglianza sanitaria del lavoratore che invecchia e focus sulla sanità (Donatella Talini)

12.00 Impatto sull’idoneità alla mansione di patologie cronico-degenerative in una popolazione sanitaria che invecchia (Carlo Nava)

12.30 Discussione

13.00 – 14.00 Pausa Pranzo

SECONDA PARTE
Moderatore: Dr. Susanna Cantoni

PROPOSTE DI GESTIONE DEL LAVORATORE CHE INVECCHIA IN SANITA’:
la parola alle istituzioni

14.00 Lavori usuranti in Sanità (On. Maestri-Commissione Lavoro)

14.20 Criteri per l’accreditamento nel panorama delle Regioni italiane (Lanfredini Laura - Regione Lombardia)

14.40 Accreditamento: limiti o opportunità (Davide Rizzardi - Assolombarda)

15.00 Strategie Preventive Nella Gestione Aziendale -1- (Daniele Tovoli -  Fiaso)

15.20 Strategie Preventive Nella Gestione Aziendale -2- (Chiappa - Direzione Sanitaria Policlinico)

Ore 15.40 Discussione
Contributo Coordinamento RLS Sanità Milanese

scarica la locandina

 

In Italia infuria la polemica sul pagamento dei sacchettini bio in cui ogni giorno migliaia di consumatori infilano arance, mele , patate e cavoletti di Bruxelles . I sacchettini bio venivano già pagati anche prima, ma non è questo il problema. Il problema riguarda la motivazione per cui vengono fatti pagare questi sacchettini: l’obiettivo è la riduzione del consumo di massa di codesti involucri, il pagamento dovrebbe essere pedagogico e indurre i consumatori a smetterla di consumare tonnellate di plastica sia pure bio . Almeno questo parrebbe essere l’intento del legislatore italiano che ha recepito una direttiva europea verosimilmente senza comprenderne il senso.

Qui, da Berlino, ove vivo diversi mesi all’anno la questione dei sacchetti “biodegradabili” per frutta e verdura appare una storia bizzarra e priva di senso. La vera differenza sta nel fatto che ora verrebbero fatti pagare per unità di prodotto in modo scorporato dal costo della frutta o della verdura. Prima li pagavamo pure: il loro costo veniva “caricato” nel prezzo del prodotto, mele o cavoletti di Bruxelles … Ora si dice che si fanno pagare per ridurne il consumo, per evitare l’inquinamento dalla plastica…

Argomentazione risibile: i consumatori li pagheranno perché ne hanno bisogno. Il bisogno deriva dalle casse automatiche ove è stato eliminato il personale umano . Nei negozi di Edeka o Rewe il problema in gran parte non esiste: se io compro sei clementine le metto sfuse nel cestino o nel carrello, alla cassa è la cassiera o il cassiere che le pesa mentre fa scorrere i prodotti sul lettore di barre,   poiché le casse sono dotate di una pesatrice elettronica e così vale per altre frutte o verdure . Se compro un cavolfiore non ho bisogno di imbustarlo nel sacchetto, è l’addetto alla cassa che lo pesa e io lo infilo “nature” nella busta della spesa. Senza fare drammi, si può dire che avere spinto l’eliminazione delle persone addette alle casse , in Italia,ha indotto un maggiore consumo da parte dei clienti di sacchetti che devono pesare ed etichettare con il prezzo le sei o sette clementine o pomodori dopo averle messe in una busta. Laddove poi alcune casse sono ancora gestite da umani  che non siano i clienti, in Italia, queste non sono dotate di bilancia istantanea come le casse dei magazzini della grande distribuzione nordica.

Quindi il problema del consumo abnorme di sacchetti è stato indotto dalla eliminazione fisica delle cassiere/i e dal fatto che una parte del loro lavoro è stata scaricata sui clienti che dovranno pure sentirsi in colpa come crudeli inquinatori e assassini di delfini

Volevo aggiungere inoltre che il mantenimento del personale alle casse in Germania  non pare abbia influito in modo particolare sui prezzi dei prodotti ….

editor

Action et conditions de l’action
Activity Clinic Interventions for Fostering Discussions About Work. Action and Requirements for Action
Intervenir en la empresa para apoyar la discusión sobre el trabajo como un medio de transformación. Acción y condiciones de la acción
Christophe Massot et Pascal Simonet
 
Per leggere l'articolo completo vai alla fonte Perspectives interdisciplinaires sur le travail et la santé (PISTES)
 
Nota di Editor  E' palese che l'articolo che segnaliamo è il risultato di ricerca  in un contesto normativo e gestionale della sicurezza differente da quello italiano. E' interessante conoscere le modalità di approccio ai problemi con lo strumento della partecipazione dei soggetti che si intende tutelare.

fonte Newsletter Agenzia Sanitaria Toscana  
Beatrice Senese , 
Dirigente Medico Unità Funzionale  PISLL , Prato – AUSL Toscana Centro  
Il 28 novembre 2017 si è tenuto a Prato un incontro rivolto alle forze sociali e a tutte le figure della Prevenzione nei luoghi di lavoro per presentare e promuovere una “Buona Prassi” per la manutenzione dei macchinari. Una corretta gestione della manutenzione dei macchinari, effettuata secondo le indicazioni del costruttore, permetterebbe di ridurre gli infortuni. Tra i pregi della soluzione proposta, vi sono, come spiegato, la semplicità di attuazione ed il coinvolgimento di tutte le figure aziendali, un valore aggiunto nel processo di miglioramento del benessere in organizzativo. Nelle conclusioni è stato richiesto l’impegno da parte delle forze sociali per individuare una o due aziende pilota (a cui i servizi PISLL offrono tutta l’assistenza necessaria) per sperimentare nel 2018 la Buona Prassi proposta nel Seminario.

Due articoli da leggere : OECD spese sulla prevenzione e il contributo di Marco Geddes
Fonte Snop.it
Il contributo di Marco Geddes

 

FONTE  C.I.I.P 

Invecchiare al lavoro: proposte di gestione in sanità
Aula Magna Clinica del Lavoro Milano, Via San Barnaba 8
mercoledì 31 gennaio 2018 - ore 9:30-16:00

Convegno 1° annuncio

PROGRAMMA PROVVISORIO

9.30 Registrazione partecipanti

Saluti del Responsabile dell’UOC Medicina del Lavoro (Dr. Luciano Riboldi)

PRIMA PARTE
Moderatore: Prof. Paolo Carrer

INVECCHIARE AL LAVORO:
Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età

10.00 Aging-Ebook e campagna europea 2016-2017 (Tiziana Vai)

10.30 La gestione dei turni in un mondo che invecchia (Giovanni Costa)

11.00 Sanità: gestione dei rischi professionali per un invecchiamento attivo (Olga Menoni)

11.30 La sorveglianza sanitaria del lavoratore che invecchia e focus sulla sanità (Donatella Talini)

12.00 Impatto sull’idoneità alla mansione di patologie cronico-degenerative in una popolazione sanitaria che invecchia (Carlo Nava)

12.30 Discussione

13.00 – 14.00 Pausa Pranzo

SECONDA PARTE
Moderatore: Dr. Susanna Cantoni

PROPOSTE DI GESTIONE DEL LAVORATORE CHE INVECCHIA IN SANITA’:
la parola alle istituzioni

14.00 Lavori usuranti in Sanità (On. Maestri-Commissione Lavoro)

14.20 Criteri per l’accreditamento nel panorama delle Regioni italiane (Rappresentante Regione Lombardia)

14.40 Accreditamento: limiti o opportunità (Rappresentante Assolombarda)

15.00 Strategie Preventive Nella Gestione Aziendale -1- (Rappresentante Fiaso)

15.20 Strategie Preventive Nella Gestione Aziendale -2- (Chiappa - IRCCS-OMP)

Ore 15.40 Discussione

scarica la locandina