Le miniere pakistane hanno ucciso quest’anno almeno 150 lavoratori – IndustriAll

14 dicembre 2022 – L’incidente mortale in una miniera di carbone nella provincia pakistana di Khyber-Pakhtunkhwa il 30 novembre non è stato un incidente a sé stante. Nove lavoratori sono stati uccisi e altri quattro hanno riportato ferite gravi in ​​un’esplosione di gas, che si è aggiunta al già allarmante bilancio delle vittime nell’industria mineraria del paese.

Secondo i dati raccolti da IndustriALL Global Union, l’attività mineraria non sicura in Pakistan ha causato la morte di oltre 150 lavoratori e il ferimento di oltre 20 solo quest’anno.

La maggior parte degli incidenti è causata da crolli di miniere, fughe di gas e inondazioni. L’estrazione mineraria è continuata durante le disastrose piogge che hanno colpito il paese all’inizio di quest’anno, uccidendo numerosi lavoratori. Le miniere non registrate e il lavoro non regolamentato si aggiungono ulteriormente all’ambiente di lavoro pericoloso. Continua a leggere “Le miniere pakistane hanno ucciso quest’anno almeno 150 lavoratori – IndustriAll”

 163 total views,  1 views today

I lavoratori dell’abbigliamento del Bangladesh soffrono quando le fabbriche riaprono durante il blocco di Covid-19

Riprendiamo dal sito del sindacato europeo IndustrialallUnion  questo report sulle drammatiche  condizioni delle lavoratrici e lavoratori del Bangladesh del settore tessile.Ringraziamo IndustriallUnion per il suo lavoro sindacale. editor

Fonte Industrialall

3 agosto 2021 Il 1° agosto, le fabbriche di esportazione di abbigliamento del Bangladesh hanno ripreso le operazioni con soli due giorni di preavviso, nonostante il rigoroso blocco imposto in tutto il paese.

A causa della mancanza di mezzi di trasporto, i lavoratori che tornavano al lavoro dopo le vacanze di Eid hanno dovuto affrontare enormi disagi e il rischio di infezione da Covid.

I lavoratori sono stati costretti a tornare in fretta al lavoro utilizzando qualsiasi mezzo di trasporto riuscissero a trovare

 

Venerdì 30 luglio, i funzionari del governo hanno emesso un avviso che consente alle fabbriche di esportazione di abbigliamento di riprendere le operazioni il 1° agosto, a seguito della costante pressione dei produttori di abbigliamento e degli esportatori per consentire alle fabbriche di funzionare. L’annuncio improvviso ha creato panico tra i lavoratori poiché la maggioranza aveva lasciato Dacca ed era tornata nei propri villaggi e piccole città per le vacanze di Eid e il successivo blocco.

I lavoratori sono stati costretti a tornare in fretta al lavoro utilizzando qualsiasi mezzo di trasporto riuscissero a trovare.

Continua a leggere “I lavoratori dell’abbigliamento del Bangladesh soffrono quando le fabbriche riaprono durante il blocco di Covid-19”

 1,321 total views,  2 views today

Difendere l’uguaglianza di genere durante la pandemia

Fonte Industriaall-Union

8 marzo 2021 La crisi sanitaria ed economica provocata dal Covid-19 rischia di esacerbare le disuguaglianze di genere e i guadagni ridotti hanno fatto rischiare di perdere. I sindacati devono agire.

Gli studi I LO mostrano che durante le crisi precedenti, quando le donne perdono il lavoro, il loro impegno nel lavoro di assistenza non retribuito aumenta. Quando i posti di lavoro scarseggiano, alle donne vengono spesso negate le opportunità di lavoro disponibili per gli uomini. Maggiore è la perdita di posti di lavoro durante la fase di blocco e maggiore è la scarsità di posti di lavoro all’indomani della crisi del Covid-19, più difficile sarà la ripresa dell’occupazione femminile.

A livello globale, le donne sono state più colpite dalla disoccupazione rispetto agli uomini. Nel 2020, la perdita di posti di lavoro per le donne è del 5%, contro il 3,9% per gli uomini. Quasi il 40 per cento di tutte le donne occupate lavora in settori duramente colpiti, compreso il settore dell’abbigliamento. Continua a leggere “Difendere l’uguaglianza di genere durante la pandemia”

 779 total views,  2 views today