Lancio di un’applicazione per la salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori portuali

 

Fonte ETUI

 

La Seafarers’ Trust of the  International Transport Workers’ Federation  (ITF) ha lanciato una nuova applicazione di sicurezza “OSH Ports”, attraverso la quale i lavoratori imparano a identificare e ridurre i rischi nei porti. Dopo aver completato un breve corso di formazione e aver superato una valutazione, i lavoratori portuali ricevono un certificato ufficiale riconosciuto dal   Centro internazionale di formazione dell’Organizzazione internazionale del lavoro  (ILO-ITC). I contenuti e il programma dell’app sono stati sviluppati con la partecipazione attiva degli stessi portuali, attraverso i sindacati affiliati all’ITF.

Il lavoro nei porti può essere pericoloso e i lavoratori portuali sono esposti a molti pericoli ogni giorno. I rischi abituali riguardano il rumore, il sollevamento di carichi pesanti, i lavori in quota e la caduta di merci. Ma i lavoratori portuali possono anche gestire un cocktail di sostanze chimiche tossiche dalle navi che scaricano, causando un’alta incidenza di cancro  tra i lavoratori attivi e i pensionati. Questi rischi sono amplificati da orari di lavoro lunghi, ritmi di lavoro intensi, attrezzature e procedure inadeguate e una cronica mancanza di formazione. Per ridurre i costi, gli operatori utilizzano lavoratori non formati, intermittenti e talvolta anche marittimi per movimentare il carico.

Continua a leggere “Lancio di un’applicazione per la salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori portuali”

Amianto. Giornata internazionale della memoria dei lavoratori 2021: la gloria e la carneficina

AutriceLaurie Kazan-Allen

Fonte : Segretariato Internazionale per il divieto dell’amianto 

28 aprile 2021

Giornata internazionale della memoria dei lavoratori 2021: la gloria e la carneficina

La Giornata Internazionale della Memoria dei Lavoratori (IWMD), che si celebra il 28 aprile, è un giorno per ricordare i morti e combattere per i vivi. Durante i giorni bui della pandemia Covid, le federazioni mondiali del lavoro, i sindacati e le loro affiliate si sono impegnate nuovamente sull’IWMD 2021 per ottenere il riconoscimento della salute e della sicurezza come diritto fondamentale dei lavoratori. Con la perdita di così tanti operatori sanitari e in prima linea a causa del coronavirus, è incomprensibile che qualcuno possa contestare questo obiettivo.

Come i pazienti Covid, le vittime dell’amianto lottano per ogni respiro doloroso. Nei punti caldi dell’amianto come Casale Monferrato, Monfalcone e Senigallia, in Italia, l’amianto caduto viene ricordato all’IWMD in occasione di raduni comunali e sindacali, sessioni informative e cerimonie di posa di corone; agli organizzatori e ai partecipanti a questi eventi, il 28 aprile è la Giornata internazionale per le vittime dell’amianto. 1

Continua a leggere “Amianto. Giornata internazionale della memoria dei lavoratori 2021: la gloria e la carneficina”

Riflessioni per il pesce d’aprile 2021

Autrice: Laurie Kazan-Allen

Fonte:  Segreteria internazionale per il divieto dell’amianto

1 aprile 2021

Quando ero più giovane, vivevo in un mondo binario, in cui la verità ha sempre trionfato e le cose brutte non sono mai successe alle persone buone.

Credevo che la scienza fosse definitiva: qualcosa era vero o non vero. Crescendo, ho imparato che si potevano comprare pareri legali, medici e scientifici. Quello che dicevano alcuni “esperti” dipendeva, così ho scoperto, più da quanto venivano pagati che da ciò che avevano scoperto.

Continua a leggere “Riflessioni per il pesce d’aprile 2021”

Pandemia fa presagire la fine dell’industria dell’amianto 

Fonte : Ibasesecretariat.org 

di Laurie Kazan-Allen

Durante la pandemia, c’è stata una recrudescenza del sostegno allo sviluppo sostenibile, ” definizione di politiche rispettose dell’ambiente” 1, “direzione governativa più informata” 2 e processi decisionali basati su prove. 3 I politici di tutto il mondo si sono impegnati a “ricostruire meglio”, 4 “restituire la scienza al governo”, 5 “mobilitare la scienza” per proteggere la salute e il benessere dei cittadini 6e sviluppare politiche “guidate dai migliori dati scientifici disponibili”. Il raggiungimento di questi obiettivi sarà fondamentale per affrontare il cambiamento climatico e creare un’economia più verde per le generazioni attuali e future. L’uso continuato dell’amianto è incompatibile con questa visione condivisa e il calo del suo utilizzo negli ultimi anni conferma il diffuso rifiuto di questa tecnologia tossica.

Il 9 febbraio 2021, il governo del Vietnam ha emesso un decreto che ha segnato la campana a morto per l’industria dell’amianto del paese. Per diversi anni, in Vietnam si era accumulata la pressione per porre fine al consumo di amianto 7 : tra il 2012 e il 2016, c’è stato un calo del 26% nelle importazioni di amianto con un consumo annuo che è sceso da 78.900 tonnellate (t) a 61.800 t. 8In effetti, l’importanza del mercato dell’amianto vietnamita è più simbolica che sostanziale: nel 2016 altri quattro paesi asiatici hanno importato molta più fibra di amianto del Vietnam: India 308.000 t, Cina 288.000 t, Indonesia 114.000 t e Uzbekistan 70.600 t. Tuttavia, se l’amianto venisse vietato in Vietnam, un paese con stretti legami politici, economici, sociali e storici con la Russia – il più grande produttore mondiale di amianto – allora anche altri paesi asiatici potrebbero essere incoraggiati a dare la priorità alla salute dei loro cittadini rispetto ai profitti dell’industria dell’amianto. Poiché i mercati asiatici dell’amianto assorbono il 70% + di tutto l’amianto prodotto ogni anno, il rifiuto dell’amianto da parte del Vietnam, un ex alleato, potrebbe innescare un effetto domino in tutta la regione. 9

Continua a leggere “Pandemia fa presagire la fine dell’industria dell’amianto “

Amianto . Barlumi di speranza 2020  di Laurie Kazan-Allen

Questo articolo è tratto dal sito del Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto IBAS

Fonte : International Ban Asbestos Secretariat 

Gli sviluppi di quest’anno sono stati senza precedenti a memoria d’uomo: vite perse, famiglie decimate, sistemi sanitari attaccati e economie distrutte. Ci sono state poche comunità a cui è stata risparmiata la devastazione causata dal coronavirus. Nonostante questo scenario cupo, attivisti e gruppi che lavorano per sostenere le vittime di malattie legate all’amianto hanno continuato i loro sforzi, riconoscendo che tra le persone più vulnerabili al Covid-19 c’erano le persone i cui polmoni erano stati danneggiati dall’amianto. Questa istantanea di alcune delle iniziative in sospeso avviate nel 2020 è indicativa degli sforzi sostenuti a lungo termine compiuti per affrontare un’altra pandemia globale, quella causata dall’esposizione all’amianto, che sta causando fino a 250.000 vittime all’anno.

Risultati delle vittime dell’amianto in: Brasile, Giappone, Sud Africa e Regno Unito

Uno dei momenti salienti dell’anno è stata l’ampliamento di un programma di sorveglianza e trattamento per i brasiliani ad alto rischio di contrarre malattie legate all’amianto, un’iniziativa di collaborazione dell’Associazione brasiliana degli esposti all’amianto (ABREA) e di esperti medici. 1 Spiegando il lancio della clinica di assistenza all’amianto, la dott.ssa Ubiratan de Paula Santos ha spiegato:

Continua a leggere “Amianto . Barlumi di speranza 2020  di Laurie Kazan-Allen”