La solidarietà internazionale è la chiave per contrastare i regimi autoritari

I delegati di UNISON ascoltano resoconti inquietanti della crisi COVID-19 usati come copertura per sopprimere l’opposizione pacifica peaceful

La segretaria generale di UNISON Christina McAnea è stata affiancata da un gruppo di sindacalisti tutta al femminile al raduno internazionale della conferenza dei delegati speciali che, per la prima volta, si è svolto online.

I delegati hanno ascoltato resoconti strazianti delle minacce affrontate da coloro che sfidano la legittimità dei regimi autoritari e i leader hanno usato la crisi COVID-19 come copertura per rafforzare la presa sul potere.

La sig.ra McAnea ha aperto la manifestazione fornendo una panoramica che fa riflettere sull’oppressione e la violenza inflitte ai sindacalisti e alle comunità vulnerabili di tutto il mondo sulla scia della pandemia – dal bombardamento israeliano di Gaza e dall’incapacità del governo di fornire vaccini al popolo palestinese, al “presidente brasiliano di estrema destra razzista, misogino, omofobo e negazionista del coronavirus” che ha assistito alla morte di centinaia di migliaia di persone a causa del virus. Continua a leggere “La solidarietà internazionale è la chiave per contrastare i regimi autoritari”

Misurare l’impatto di COVID-19 sui diritti del lavoro globale

 

Fonte Unison 

[ Unison è il sindacato dei lavoratori della funzione pubblica inglese ]

Un nuovo rapporto di UNISON rivela che la pandemia ha avuto un effetto negativo sugli acquisti etici.

Quando scoppiò la pandemia COVID-19, ci fu una corsa alla ricerca di dispositivi di protezione individuale (DPI) per i lavoratori chiave e laptop per coloro che lavoravano da casa. Ma con l’urgente necessità di stare al sicuro, pochi si sono fermati a chiedersi chi stesse fabbricando l’attrezzatura e se anche loro fossero al sicuro.

Che impatto ha avuto sugli standard di lavoro? E l’impegno del Regno Unito di porre fine alla schiavitù moderna è stato effettivamente messo da parte?

Continua a leggere “Misurare l’impatto di COVID-19 sui diritti del lavoro globale”

Inghilterra.Il vaccino COVID-19 deve essere gestito dall’NHS e dagli enti pubblici, afferma UNISON

Fonte Union-news 

Il governo deve garantire che il lancio di qualsiasi vaccino COVID-19 sia gestito interamente dal NHS e dagli enti pubblici e non consentire il coinvolgimento di aziende private e l’uso di personale non qualificato, afferma UNISON.

Nella sua risposta a una consultazione del Dipartimento della Salute e dell’Assistenza Sociale sulle modifiche alle normative in materia di medicina, il sindacato ha espresso preoccupazione per consentire agli operatori non sanitari di somministrare qualsiasi vaccino.

Milioni di persone dovranno essere protette dal coronavirus una volta approvato un vaccino. È fondamentale che qualsiasi programma di vaccinazione sia erogato e supervisionato da operatori sanitari, afferma UNISON.

Non dovrebbero esserci scorciatoie consentendo alle aziende private di utilizzare personale con poca formazione che potrebbe creare pericoli aggiuntivi, avverte il sindacato.

UNISON chiede inoltre che alcuni gruppi di grande esperienza come i professionisti del dipartimento operativo (ODP) vengano aggiunti all’elenco degli operatori sanitari che possono somministrare i vaccini.

Il capo della sanità dell’UNISON, Sara Gorton, ha dichiarato: “L’utilizzo da parte del governo di società private per eseguire test e rintracciare è stato un disastro. Eventuali ulteriori errori su quella scala consentiranno semplicemente al virus di continuare a diffondersi. I ministri non possono deludere di nuovo la nazione, devono fare le cose in modo diverso e mantenere qualsiasi programma all’interno del NHS e degli organismi di sanità pubblica.

“Il pubblico ha bisogno della totale fiducia che qualsiasi vaccino verrà somministrato in modo sicuro e qualsiasi follow-up gestito adeguatamente dal NHS. All’inizio della pandemia, migliaia di ex operatori sanitari si sono offerti di tornare al NHS e aiutare nel momento del bisogno. Ma alcuni non sono mai stati contattati.

“Ora è il momento di garantire che la loro esperienza sia messa a frutto nella somministrazione di qualsiasi vaccino. Il governo dovrebbe pianificare questo ora per evitare qualsiasi ripetizione del test e tracciare macerie. Nel frattempo, i ministri dovrebbero anche fare tutto il possibile per garantire che ci sia un elevato assorbimento del vaccino antinfluenzale e che sia ampiamente disponibile per ridurre al minimo l’impatto sul NHS nei prossimi mesi “.

GB. Unison, sindacato lavoratori della funzione pubblica: Le misure di sicurezza devono essere la priorità per affrontare la crescente diffusione dell’infezione

 

Fonte Unison

Lunedì 21 settembre 2020

” La paga per malattia, l’allontanamento sociale e il sistema di test sono fondamentali” 

Le misure di sicurezza devono essere la priorità per affrontare la maggiore diffusione dell’infezione, afferma UNISON (*)

Commentando l’ultimo briefing scientifico del governo oggi (lunedì) sull’aumento dei tassi di infezione da Covid-19, il segretario generale di UNISON Dave Prentis ha dichiarato:

“La situazione sta andando fuori controllo e le misure in atto finora non funzionano. Nemmeno i messaggi confusi e i segnali contrastanti dei ministri aiutano.

“Semplicemente non c’è tempo per l’autocompiacimento. Il governo deve fare della sicurezza pubblica una priorità.

“Rigorose distanze sociali, aggiustare il sistema di test pasticciato e garantire che il personale a bassa retribuzione non subisca un colpo finanziario per la sospensione del lavoro sono fondamentali.

“I lavoratori chiave del NHS, dell’assistenza sanitaria, delle scuole e di altri servizi pubblici devono essere protetti per tutti noi”.

=================================

(*) UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici – nel campo dell’istruzione, del governo locale, del NHS, dei servizi di polizia e dell’energia. Sono impiegati nel settore pubblico, volontario e privato.

 

GB. Unison: Non torniamo alla vecchia “normalità”

GB. Dal Blog del Segretario generale del Sindacato della Funzione Pubblica Unison  riprendiamo questo post del Segretario generale Dave Prentis che apre la  campagna No Going Back to Normal.  (editor)

Fonte : Unison

” Quest’anno il Congresso TUC – come decine di migliaia di altri eventi – si svolge online. La pandemia in corso ha lasciato poca scelta, ma essere online non significa essere meno importanti. Questa settimana è un’opportunità fondamentale per il movimento sindacale di riflettere sulle conseguenze del Covid 19 per il mondo del lavoro e i servizi pubblici su cui tutti facciamo affidamento. Altrettanto importante, è la piattaforma perfetta per noi per pensare a ciò che verrà dopo e come ci battiamo per una ripresa che riconosca gli enormi sacrifici fatti dai lavoratori e affronti le disuguaglianze evidenti che tutti vediamo nelle nostre comunità.

Ecco perché il nostro sindacato coglie l’occasione per lanciare la nostra nuova campagna, No Going Back to Normal.

Migliaia di lavoratori chiave sono morti durante la pandemia per prendersi cura di noi. Infermieri, operatori sanitari, addetti alle pulizie e altro hanno compiuto il massimo sacrificio per aiutare gli altri. E questo è stato tanto più straziante perché per anni prima del COVID-19, questi lavoratori del servizio pubblico e i lavori che svolgono sono stati sottovalutati, sottopagati e troppo spesso invisibili.

Anni di abbandono hanno peggiorato notevolmente gli effetti della pandemia, dalla carenza di DPI alla crisi nelle case di cura. Dalla mancanza di infermieri alla carenza di test Covid. Questo è stato un fallimento della pianificazione, ma è stato anche il risultato di più di 10 anni di tagli brutali alla spesa e austerità viziosa.

Eppure, nonostante tutto questo, i lavoratori chiave dei nostri servizi pubblici sono riusciti a farcela per tutti noi. Sono orgoglioso della reazione di ogni singolo membro di UNISON a questa crisi senza precedenti. E anche orgoglioso che il nostro sindacato abbia continuato a sostenere, rappresentare e lottare per quegli incredibili lavoratori del servizio pubblico ogni singolo giorno, nonostante le sfide che tutti abbiamo affrontato.

È comprensibile che dopo tanto sacrificio ci sia il desiderio di tornare alla normalità. Eppure in UNISON sappiamo che la normalità non è mai stata abbastanza buona. Il vecchio “normale” significherebbe solo ripetere gli stessi errori e tornare a sottovalutare i nostri servizi pubblici e le persone che li forniscono.

Quest’autunno, i politici di Westminster, Holyrood, Cardiff e Stormont prenderanno decisioni importanti sul futuro finanziamento dei nostri servizi pubblici.

I primi segnali sono che le lezioni non sono state apprese . Il governo di Westminster è intenzionato a lanciare il settore pubblico contro il settore privato e ignorare le decisioni che hanno preso che ci hanno portato dove siamo ora. Vogliono che le cose tornino alla normalità, perché pensano che la vecchia normalità fosse ok.

Ecco perché la nostra campagna chiede ora misure per: ricostruire tutti i nostri servizi pubblici, assicurando investimenti sostenibili a lungo termine; creare luoghi di lavoro più equi e sicuri; dare ai lavoratori del servizio pubblico un aumento salariale dignitoso, sollevare i lavoratori meno pagati dalla povertà lavorativa e costruire una società post COVID-19 più equa, in cui le disuguaglianze che sono diventate così evidenti durante la crisi siano affrontate con urgenza.

Nelle prossime settimane porteremo questa battaglia al governo. Più persone visitano il nostro nuovo sito web della campagna e firmano la lettera aperta al primo ministro e al cancelliere, meglio è. Cerca gli annunci sulla stampa e sui social media nelle prossime settimane e condividili con la tua famiglia e i tuoi amici.

Insieme, possiamo assicurarci che il nostro futuro sia migliore della vecchia normalità.