Vai al contenuto

Fonte IUF.ORG

Il sindacato agroalimentare affiliato alla IUF FLAI-CGIL, insieme a numerose organizzazioni della società civile, ha invitato il governo ad adottare misure immediate per salvaguardare la salute e la sicurezza delle migliaia di lavoratori migranti irregolari e richiedenti asilo che vivono nel paese. In una lettera aperta del 24 aprile, il sindacato chiede solidarietà con i lavoratori irregolari che vivono in campi di fortuna e ghetti, molti dei quali impiegati nell'agricoltura, senza accesso a risorse idriche e igieniche adeguate. Le misure del governo per far fronte all'emergenza sanitaria non raggiungono queste popolazioni, mettendo a rischio la vita e minacciando di trasformarle in punti di crisi pandemici.

La lettera invita il governo a consentire misure di monitoraggio e prevenzione mediante la richiesta di alloggi per migranti e il miglioramento delle infrastrutture di base. L'interruzione nella fornitura di lavoratori migranti dall'Europa dell'Est minaccia la produzione agricola, mentre i lavoratori irregolari non sono in grado di colmare la carenza a causa della loro paura delle autorità. Ai migranti e ai richiedenti asilo, afferma la lettera, deve essere permesso di emergere con fiducia dalla loro situazione irregolare ricevendo lo status di residenza.

L'emergenza sanitaria e la minaccia alla produzione alimentare, avverte la lettera, possono essere affrontate solo garantendo i diritti fondamentali dei lavoratori e la rigorosa applicazione dei contratti collettivi settoriali.