La conferma della trasmissione di aerosol di COVID-19 ha implicazioni per la sicurezza dei lavoratori

FONTE  IUF -UITA

L’approccio precauzionale IUF alla diffusione del COVID-19 è stato convalidato dall’emergente consenso scientifico sulla diffusione dell’aerosol della malattia. La valutazione iniziale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) era che il COVID-19 si diffondeva principalmente attraverso le “goccioline” della tosse e degli starnuti di una persona infetta e attraverso la contaminazione di superfici dure. Questa era la base per consigliare una distanza fisica di un metro sul posto di lavoro.

L’UITA ha sostenuto la distanza fisica di 2 metri come una delle tante precauzioni da adottare a causa dell’incertezza sulla possibilità di trasmissione da parte di particelle più piccole che viaggiano ulteriormente nell’aria.

Come ha recentemente notato il quotidiano britannico The Guardian , una conseguenza dei primi consigli dell’OMS è stata l’enfasi sul lavaggio delle mani e una sottostima dell’importanza di indossare maschere.

A luglio, una lettera aperta di 239 scienziati ha invitato l’OMS a rivedere la sua descrizione per dire che gli “aerosol” (cioè le particelle più piccole nell’aria) sono importanti e anche le “goccioline” più grandi possono andare molto più in là di quanto riconosciuto dall’agenzia.

Il Regno Unito è l’ultimo paese a riconoscere le prove ormai schiaccianti che gli aerosol rappresentano una delle principali vie di trasmissione del Covid-19.

“Non adottando il principio di precauzione riguardo alla diffusione del COVID-19, i governi e i datori di lavoro hanno esposto i lavoratori a danni inutili. Quando si tratta di misure di salute pubblica e SSL, il principio di precauzione dovrebbe sempre prevalere”, ha commentato l’assistente generale dell’UITA segretario James Ritchie.

Si consiglia vivamente agli affiliati di tenere conto della trasmissione di aerosol di COVID-19 nelle valutazioni dei rischi sul posto di lavoro e nella gestione del controllo del pericolo. Le guide specifiche del settore IUF sono disponibili qui e qui e anche qui.

IUF:L’Unione Internazionale delle Associazioni dei Lavoratori Alimentari, Agricoli, Alberghieri, Ristorazione, Ristorazione, Tabacco e Alleati (IUF) è una federazione internazionale di sindacati che rappresentano i lavoratori impiegati nell’agricoltura e nelle piantagioni; la preparazione e la produzione di cibi e bevande; alberghi, ristoranti e servizi di catering; tutte le fasi della lavorazione del tabacco. L’UITA è composta da 425 sindacati affiliati in 127 paesi che rappresentano oltre 10 milioni di lavoratori.

 35 total views,  3 views today

Italia: FLAI-CGIL chiede la regolarizzazione dei lavoratori migranti e misure urgenti per proteggere la loro salute

Fonte IUF.ORG

Il sindacato agroalimentare affiliato alla IUF FLAI-CGIL, insieme a numerose organizzazioni della società civile, ha invitato il governo ad adottare misure immediate per salvaguardare la salute e la sicurezza delle migliaia di lavoratori migranti irregolari e richiedenti asilo che vivono nel paese. In una lettera aperta del 24 aprile, il sindacato chiede solidarietà con i lavoratori irregolari che vivono in campi di fortuna e ghetti, molti dei quali impiegati nell’agricoltura, senza accesso a risorse idriche e igieniche adeguate. Le misure del governo per far fronte all’emergenza sanitaria non raggiungono queste popolazioni, mettendo a rischio la vita e minacciando di trasformarle in punti di crisi pandemici.

La lettera invita il governo a consentire misure di monitoraggio e prevenzione mediante la richiesta di alloggi per migranti e il miglioramento delle infrastrutture di base. L’interruzione nella fornitura di lavoratori migranti dall’Europa dell’Est minaccia la produzione agricola, mentre i lavoratori irregolari non sono in grado di colmare la carenza a causa della loro paura delle autorità. Ai migranti e ai richiedenti asilo, afferma la lettera, deve essere permesso di emergere con fiducia dalla loro situazione irregolare ricevendo lo status di residenza.

L’emergenza sanitaria e la minaccia alla produzione alimentare, avverte la lettera, possono essere affrontate solo garantendo i diritti fondamentali dei lavoratori e la rigorosa applicazione dei contratti collettivi settoriali.

 

 8 total views