Sindacati meccanici. Rotabile ferroviario-amianto. La norma sblocca vertenza nel testo base del Ddl bilancio

Fonte Fiom Cgil 

Che sia la volta buona, finalmente, per i lavoratori del settore rotabile ferroviario esposti a fibre di amianto.

Nel pomeriggio di venerdì 13 ottobre il DDL bilancio 2021 è approdato alla Camera dei Deputati riportando all’articolo 57 (Titolo V Lavoro, Famiglia e Politiche sociali in corso di revisione) significative “Disposizioni in favore dei lavoratori esposti all’amianto”.

Un passo fondamentale per la soluzione della vertenza, iniziata nell’ottobre dello scorso anno, che va a sanare la brusca battuta d’arresto registrata in occasione della conversione in legge del DL agosto.

Nel testo depositato – in estrema sintesi – non solo il “via libera” al pensionamento di quanti raggiungeranno i requisiti certificati entro il 31 dicembre 2020 (con le relative coperture economico-finanziarie), ma anche l’impianto normativo per l’individuazione delle platee e delle risorse necessarie per gli anni a venire.

Previsto infine, un termine perentorio per il perfezionamento delle domande incomplete, carenti di documentazione.

Naturalmente, prima di considerare risolta la vertenza, è necessario attendere il voto finale del DDL bilancio 2021, ma l’inserimento della norma “sblocca vertenza” nel testo base depositato alla Camera dei Deputati è un gesto di grande attenzione, frutto dell’intenso lavorio di relazioni intessuto da Fim Fiom Uilm nazionali con MLePS, MEF, Commissione lavoro della Camera dei Deputati ed esponenti parlamentari bipartisan.

Sarà pertanto nostro impegno monitorare l’iter di approvazione della legge di Bilancio.

Fim Fiom Uilm nazionali

Roma, 16 novembre 2020

 685 total views,  2 views today

Comunicato Fim Fiom Uilm in merito agli screening

Fonte : Fiom-Cgil Nazionale 

Riteniamo e importante diffondere questo comunicato Fim, Fiom, Uilm nazionali in merito a “Screening: necessaria la condivisione nei comitati Covid ” (Editor)

Screening: necessaria la condivisione nei comitati Covid

Ci segnalano a più riprese iniziative unilaterali da parte di aziende in materia di screening, con il tentativo di imporre tamponi generalizzati al proprio personale; precisiamo che è indispensabile il coinvolgimento dei Comitati Covid aziendali o territoriali.

A tal proposito è utile ricordare alcuni punti fondamentali dell’attuale impianto normativo:

1. Il DPCM “zone a rischio”, per quanto attinente le attività economiche e produttive, fa riferimento esplicito al Protocollo condiviso tra Governo e Parti Sociali sottoscritto il 24 aprile 2020.

2. I comitati COVID disciplinati dal richiamato Protocollo sono attivi e vanno prontamente attivati, alla presenza del Medico Competente, per quanto concerne la sorveglianza sanitaria.

3. Gli screening sono attualmente disciplinati per i casi che presentato sintomi riconducibili al SARS-CoV-2, nonché per i contatti stretti con una persona risultata positiva.

4. Nei casi in cui siano riscontrati casi in azienda è l’azienda sanitaria territoriale a prendere in carico la gestione dei suddetti screening.

5. è possibile, in caso di effettivo riscontro di positività, accompagnare la presa in carico da parte delle autorità competenti con screening a carico dell’azienda, ma sempre in raccordo con l’autorità sanitaria pubblica.

Pertanto, in caso di imposizione unilaterale afferenti percorsi di screening è indispensabile richiedere la convocazione del Comitato COVID aziendale, alla presenza del Medico Competente.

Resta inteso che, in ogni caso, tali screening sono da considerarsi a carattere volontario.

Invitiamo le RSU e le strutture territoriali a comunicarci il ripetersi di iniziative analoghe nei rispettivi territori.

Fim, Fiom, Uilm nazionali

Roma, 11 novembre 2020

 371 total views

IMA SPA: raggiunto accordo molto positivo per la gestione transitoria dell’emergenza coronavirus.

 

Fonte Fiom Cgil 

Nella mattinata di oggi, a seguito di un confronto che è durato per quasi una settimana, è stato raggiunto un accordo, sottoscritto questa mattina, da parte della RSU IMA spa, assistita da FIM FIOM UILM di Bologna, con la Direzione Aziendale per la gestione della fase transitoria  – che vede una presenza ridotta delle persone negli stabilimenti (visto che l’azienda non è mai stata chiusa) – attraverso lo strumento della Banca Ore Negativa (BON) e attraverso lo strumento della Cassa Integrazione (con causale Covid- 19 e per il periodo 14 aprile 2020- 15 maggio 2020) messo a disposizione dal recente Decreto “Cura Italia”.

Lo strumento della cassa integrazione sarà utilizzato anche, nello spirito del Protocollo CGIL CISL UIL Confindustria per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, per ridurre l’orario giornaliero (anche per chi opera in smart work) e anche per realizzare un sistema di turnazione (con 6 ore di lavoro e 2 di cassa) che eviti il più possibile la concentrazione dei lavoratori negli stabilimenti.

L’accordo sarà ripreso da tutte le realtà IMA Spa sia del territorio che a livello nazionale (Firenze e Parma).

L’accordo prevede:

  • Un meccanismo condiviso di recupero delle ore di Banca Ore Negativa (B.O.N.) – che hanno permesso ai lavoratori di rimanere a casa retribuiti al 100% fino al 13 aprile 2020 – che prevede tempi lunghi di recupero (fino al 2026 nei casi di massimo accumulo) e la trasformazione della maggiorazione dovuta per le ore eccedenti il normale orario di lavoro in tempo (per favorire un recupero più veloce delle ore accumulate).
  • l’anticipazione da parte dell’Azienda per tutti i lavoratori e per tutte le lavoratrici (operai e impiegati) degli importi di cassa integrazione, nonché la maturazione (a prescindere dal numero di giorni di cassa integrazione) integrale degli istituti contrattuali: ferie, permessi, 13ma;
  • una integrazione economica degli importi di cassa, a carico Azienda, pari a 20 euro lordi per ogni giorno di cassa, da riproporzionare in caso di utilizzo a ore della cassa integrazione;
  • la possibilità, su base volontaria e al fine di ridurre l’effetto negativo sulle retribuzioni dovuto all’incidenza della cassa, di utilizzare al posto della cigo ferie e permessi personali.

FIM FIOM UILM di Bologna esprimono soddisfazione per l’accordo raggiunto, frutto di un lavoro lungo e complesso delle delegate e dei delegati sindacali della RSU e dei funzionari di FIM FIOM UILM, che testimonia il valore, per tutte le lavoratrici e per tutti i lavoratori di IMA, di un sindacato forte e autorevole, della contrattazione collettiva e del sistema di avanzate relazioni sindacali costruito negli anni.

Bologna, 9 aprile 2020

FIM CISL – FIOM CGIL – UILM UIL      BOLOGNA

 692 total views