Vai al contenuto

 

MERCOLEDì 1 APRILE 2020Infermiera finisce il turno in ospedale e va a fare la spesa a Nonantola: insultata e presa a male parole. E’ accaduto martedì pomeriggio. Racconta la donna, che lavora in un ospedale di Bologna: “E’ stato l’episodio più triste e umiliante che mi è capitato”.

Ecco le parole che ha affidato a Facebook:

[ Ringrazio l'amico dott. Franco Pugliese dal cui account Facebook ho tratto questa storia triste che è utile e necessario fare conoscere . G.Rubini ]

"Buonasera a tutti, sono un infermiera impegnata in reparto COVID con turni massacranti e vorrei raccontarvi l'episodio più triste e umiliante che mi è capitato oggi pomeriggio alla COOP di Nonantola. Come tutti sanno la COOP per riconoscere il nostro impegno ha deciso di darci la possibilità di poter saltare la fila per fare la spesa.
Appena sono arrivata sotto la porta chiusa del negozio in attesa di poter presentare il  badge di servizio ed entrare a fare la spesa sono stata aggredita verbalmente dalle persone in fila dicendo che la fila inizia li in fondo. Anche se non sono obbligata a dare spiegazioni agli sconosciuti ho detto per quale motivo mi trovo davanti alla entrata.
Purtroppo anche questo non ha risolto niente e le voci della fila che mi giungevano arrivavano sempre meno piacevoli. Mi sono sentita umiliata, non avevo più voglia di stare la davanti allo sguardo di tutti. Vorrei tanto dirvi che per me non è un problema di fare tutta la fila basta che qualcuno di voi vada a fare la notte in reparto al posto mio!
Vi consiglio di prima di giudicare le persone pensate un’attimo perché le parole a volte feriscono molto profondamente, oltre il fatto che per controllare il diritto di uno che sta fuori casa o salta la fila ci sono gli organi competenti."