Vai al contenuto

FONTE MINISTERO SALUTE

Le emozioni sono importanti e non vanno mai sottovalutate. Dobbiamo prendercene cura come si fa con il corpo. La morte improvvisa di un proprio caro, il periodo prolungato di isolamento dalla vita sociale, di lontananza dalla sede di lavoro, di convivenza con la famiglia senza momenti per sè possono mettere a dura prova la nostra positività e la nostra pazienza. Se state vivendo un momento di ansia, stress o smarrimento potete chiedere aiuto a uno psicologo. Segnialiamo tre iniziative messe in campo a livello nazionale: quella del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi (Cnop), che ha istituito un motore di ricerca (accessibile dal sito Cnop) per prenotare un teleconsulto gratuito con lo psicologo che si trova più vicino a noi; il servizio di ascolto e consulenza telefonica della Società psicanalitica italiana (Spi); e i due numeri della Croce rossa: 800065510 dedicato a tutti i cittadini e 065510 riservato agli operatori sanitari.

Qui sotto, invece, trovate l'elenco delle iniziative di supporto psicologico regione per regione.   

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU MINISTERO SALUTE

 

 

Fonte Ministero Salute

immagine medico

L’esercito dei camici bianchi italiani non molla, combatte nelle terapie intensive, si sottopone a turni infernali, si sacrifica pur di salvare vite. Ma anche chi lotta per tutelare la nostra salute può avere un momento di fragilità. Per non lasciare solo chi si prende di cura di noi la Croce rossa italiana da oggi ha attivato uno speciale servizio di teleassistenza psicologica dedicato proprio agli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid-19, che risponde al numero 06.5510 (opzione 5), dal lunedì al sabato, dalle ore 8 alle 20.

Inoltre in molte regioni è attivo per i volontari della Croce rossa il Sep, servizio psicosociale in emergenza, gestito dai comitati territoriali.

Si fa presente che l’iniziativa #psicologionline del Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi è rivolta anche a medici, infermieri e personale sanitario. Così come il servizio di ascolto e sostegno psicologico a distanza offerto dai professionisti della Società psicanalitica italiana.

 

Consapevoli della condizione di stress da emergenza che si ritrovano a vivere come esperienza., senza precedenti, tanti operatori sanitari, dai medici, uomini e donne, infermiere/i fino agli addetti dei servizi che fanno funzionare le strutture ospedaliere, abbiamo ritenuto utile offrire in questa pagina un aggiornamento delle informazioni che riguardano le possibilità di assistenza psicologica disponibili.

E'auspicabile che le ASL e gli ospedali dispongano di equipes per l'assistenza psicologica per gli operatori. A causa dei tagli alla sanità questi servizi, in molte realtà, sono stati ridimensionati, per mancata sostituzione del personale, sotto la soglia critica per funzionare. Questo era già così prima della crisi epidemica. Sia ora sia alla fine dell'emergenza, verosimilmente, potrebbe emergere un bisogno diffuso di sostegno psicologico per gli operatori che sono in prima linea nei reparti ospedalieri. In questa pagina aggiorneremo le info utili sulla problematica dell'assistenza psicologica e il supporto a quanti stanno affrontando nelle corsie il Covid-19 .

***

AUSL Romagna: indicazioni degli psicologi per gestire lo stress da emergenza Coronavirus. Supporto psicologico per operatori sanitari e ammalati di Covid 19

http://www.comune.ra.it/Notizie-di-copertina/AUSL-Romagna-indicazioni-degli-psicologi-per-gestire-lo-stress-da-emergenza-Coronavirus.-Supporto-psicologico-per-operatori-sanitari-e-ammalati-di-Covid-1

...continua a leggere "Notizie utili per gli Operatori Sanitari per fare fronte allo stress da emergenza Coronavirus"

Fonte Ministero Salute 

immagine psicologia

Sopraffatti dalla paura di un virus subdolo che in quattro e quattr’otto ci ha vietato di abbracciarci, stringerci le mani, stare vicini. Straziati dalla conta giornaliera dei morti in ospedale, da scene che sembrano da film di guerra e dal rischio così facile di essere contagiati se non restiamo chiusi in casa. Adesso non mollare è un dovere istintivo, ma è comprensibile che prima o poi il momento di sconforto arrivi per tutti. L’emergenza sanitaria è, dunque, anche un’emergenza psicologica.

L'articolo prosegue alla fonte sul sito del  Ministero della Salute