IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.

 

Questo articolo proviene dal sito dell’Istituto canadese “Institute for Work & Health” (IWH) .
IWH é un’organizzazione indipendente e senza scopo di lucro. La mission di IWH è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche  apprezzate da datori di lavoro, lavoratori e responsabili politici.

Fonte  :“Institute for Work & Health”

Uno studio condotto all’inizio dell’emergenza COVID-19 rileva che i lavoratori che si sentivano al sicuro nei loro luoghi di lavoro fisici avevano una salute mentale migliore rispetto ai lavoratori che ritenevano che le pratiche di sicurezza COVID-19 sul posto di lavoro fossero inadeguate

Pubblicato: 4 novembre 2020

Adeguate protezioni COVID-19 come dispositivi di protezione individuale (DPI) e protocolli di controllo delle infezioni sul posto di lavoro (ICP) sono collegate alla salute mentale dei lavoratori. Questo è  un nuovo studio dell’Istituto per il lavoro e la salute (IWH) sui lavoratori canadesi condotto nella primavera del 2020, un secondo studio per trovare tale legame tra la protezione sul posto di lavoro e la salute mentale dei lavoratori nelle prime settimane dell’emergenza.

Lo studio, condotto congiuntamente con le Cliniche per la salute occupazionale per i lavoratori dell’Ontario (OHCOW), ha rilevato che i sintomi di ansia e depressione erano più alti tra le persone che hanno continuato a lavorare durante il blocco ma sentivano che nessuna delle protezioni necessarie per DPI e ICP era a posto. Al contrario, i sintomi di ansia e depressione erano meno prevalenti tra le persone che andavano fisicamente al lavoro ma sentivano che erano disponibili tutte le misure necessarie e i DPI. Continua a leggere “IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.”

Conferenza stampa Covid-19, analisi situazione epidemiologica Istituto Superiore Sanità – 28 novembre 2020

 

Conferenza stampa con il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli e il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia.

 

Vivere a Berlino al tempo del Coronavirus di Franco Di Giangirolamo 25 novembre 2020

Graffiti in Berlin – photo street – foto  gierre  ( Autore del graffito El Bocho )

Il cielo nuvoloso è il vestito che Berlino indossa sempre bene, ma oggi, con la situazione rarefatta determinata dalle misure antiSars-Covid-2, appare molto più “triste“. Perfino i vari volatili, presenze fisse nelle stazioni, sembrano stanchi e svogliati, senza la vivacità che li caratterizza al mattino, quando hanno più fame.

Forse stanno attendendo che la Merkel, che sta svolgendo il suo ruolo circense di domatrice di presidenti di Laender, adegui le norme anti Covid almeno fino al 20 dicembre. Vivendo in simbiosi con la specie umana, in questo caso urbanizzata, per i volatili e per la fauna cittadina gli orientamenti della Cancelliera sono questione di qualità della vita, se non di vita o di morte.

L’incontro è preparato da un documento unitario dei presidenti regionali e da un orientamento maturato dall’ SPD. Stasera sapremo quali opinioni prevarranno, visto che la Merkel pare predisposta ad un atteggiamento più „duro“. Ci si chiede: sarà sacrificato l’Avvento? (6 dicembre, che qui è una festa importante), si salverà scuola, Natale e Capodanno? I numeri danno ragione a tutti perchè la curva dei contagi non cresce ma resta ad un alto livello e consente sia un superficiale ottimismo che un superficiale pessimismo, anche perché le terapie intensive non si riempiono nella misura che si temeva ma non sono vuote. Ma Mutti non mollerà, secondo me, e resterà più vicina alle posizioni dei bavaresi che a quelle dei sassoni. Una rigorosità più grande di quella italica nonostante i numeri siano molto meno gravi di quelli patrii.

Nel giretto/caffè take away con la mia signora vedo una doppia tristezza: quella degli addobbi die grandi magazzini, per me sproporzionati sia in tempo di pace che di Covid, che contrasta con la poca gente che li frequenta e soprattutto con le loro facce smorte, e quella di Alexanderplatz senza gli allestimenti del Mercatino di Natale, presenza classica a queste latitudini.

Continua a leggere “Vivere a Berlino al tempo del Coronavirus di Franco Di Giangirolamo 25 novembre 2020”

Spagna. Ricerca ISTAS – CCOO . I bassi salari rendono più facile per più persone andare a lavorare con i sintomi

Fonte ISTAS.ES 

Ven, 07/10/2020 – 08:24
BERTA CHULVI
Fascicolo

Secondo i dati dell’indagine COTS, la percentuale di persone che si sono recate a lavorare con sintomi quali febbre, tosse, mancanza di respiro o malessere generale durante lo stato di allarme decretato dalla pandemia COVID-19, è quasi doppia tra coloro che affermano che il loro stipendio permette loro di coprire le necessità domestiche solo “qualche volta” (18,2%), rispetto a chi può farlo sempre o più volte (10,5%). L’indagine COTS è stata condotta da ISTAS-CCOO e dal gruppo POWAH dell’Università Autonoma. 

donna stanca

Un totale di 20.328 persone che al 14 marzo avevano un contratto di lavoro hanno partecipato, tra il 29 aprile e il 28 maggio, all’indagine “Condizioni di lavoro, insicurezza e salute nel contesto di COVID-19” (COTS ) svolto da ISTAS-CCOO e dal gruppo POWAH dell’Università Autonoma di Barcellona. Di questi, il 37,8% dichiara di essere andato a lavorare regolarmente durante lo stato di allarme. Di quel gruppo, il 13,1% afferma di averlo fatto ad un certo punto con sintomi come febbre, tosse, difficoltà respiratorie o malessere generale. Questo dato è più alto tra coloro che lavorano in settori considerati essenziali (14,2%) rispetto ai non essenziali (6,4%) e raggiunge il 18,1% tra le persone che hanno svolto compiti di servizio pubblico durante la pandemia (18 , 1%). (figura 9). D’altra parte, 

grafico 9

 

Anche la percentuale di persone che si sono recate a lavorare con sintomi era superiore al 13,1% complessivo in alcune occupazioni: molto più alta nella sanità sociale (1 partecipante su 4 tra gli assistenti infermieristici e un po ‘meno tra gli assistenti geriatrici e il personale infermieristico) ma anche tra il personale dei negozi di alimentari e di prima necessità, mercati e supermercati (17,2%) e delle pulizie (16,4%) (figura 11)

grafico 11 Continua a leggere “Spagna. Ricerca ISTAS – CCOO . I bassi salari rendono più facile per più persone andare a lavorare con i sintomi”

La valutazione dello stress lavoro correlato dopo la pandemia, facciamo il punto…

ASSOCIAZIONE AMBIENTE LAVORO
SOCIETA’ DI ERGONOMIA E FATTORI UMANI

Workshop

La valutazione dello stress lavoro correlato dopo la pandemia, facciamo il punto

2 dicembre 2020 ore 14.30 – 18.30

Il Workshop invita a focalizzare l’attenzione sulla necessità di proposte concrete in grado di gestire, nel dopo COVID-19, il cambiamento profondo e inevitabile dei processi organizzativi e produttivi. La pandemia potrebbe rappresentare un’occasione unica ed uno stimolo per adottare una mentalità nuova che sappia andare oltre procedure consolidate divenute insufficienti o meno efficaci. Comportamenti costruttivi più adeguati sapranno rendere il “fattore umano”, la condivisione e la buona relazionalità, aspetti davvero centrali e prioritari,in grado di rendere migliore la qualità del lavoro e della vita quotidiana. La prevenzione e la valutazione dello stress lavoro- correlato dovranno considerare, come punti di riferimento irrinunciabili, la visione d’insieme e l’interazione stretta e convergente fra aree disciplinari, in rappresentanza delle competenze tecniche, biomediche, psicosociali. Pertanto, sull’analisi dei fattori di stress sono previsti interventi autorevoli, con contributi legati ad attività di ricerca e sperimentazione, monitoraggio e verifica ispettiva, problematiche previdenziali, modalità di innovazione organizzativa già individuate o sviluppate.
Il workshop si propone di fare il punto, con diversi attori scientifici ed istituzionali, su come si possa affrontare la valutazione dello stress lavoro correlato nelle organizzazioni, come previsto dal D.lgs 81/08, dopo gli eventi causati dalla pandemia da Covid-19.

LA LOCANDINA

 

Ministero Salute . Covid-19, analisi situazione epidemiologica – 24 novembre 2020

Covid-19, analisi situazione epidemiologica – 24 novembre
Diretta della conferenza stampa con il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli e il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, sull’analisi della situazione epidemiologica #COVID19

  • La registrazione della Conferenza ha inizio al minuto 50 

Intervista de il manifesto. Paolo Vineis, curare con la politica

Fonte il manifesto che ringraziamo . Articolo pubblicato il  22 novembre 2020

Intervista. Parla l’epidemiologo, ordinario all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità: «Con il Covid-19 abbiamo aperto gli occhi sul fatto che salute e malattia vengono da lontano, dipendono anche dalla società e dalla sua struttura produttiva»

Paolo Vineis è ordinario di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità. È uno degli ospiti più attesi all’edizione 2020 del National Geographic Festival delle Scienze in cui interverrà online lunedì 23 novembre. Nel suo ultimo saggio intitolato Prevenire (Einaudi) scritto con Roberto Cingolani e Luca Carra, Vineis propone una strategia contro problemi globali come il cambiamento climatico o la pandemia fondata sui co-benefici. «Sono misure politiche che possono portare vantaggi in settori diversi.

Ad esempio, il consumo di carne è associato a una maggiore incidenza di malattie cardiovascolari e di alcuni tumori. Ma può anche aumentare le emissioni di metano e contribuire al rischio di pandemie, perché gli allevamenti intensivi sono serbatoi di virus. Il Green New Deal è un esempio di questo tipo di azioni che generano co-benefici: prevede azioni radicali per prevenire il cambiamento climatico e genera benefici anche in altri settori come la salute e l’equità sociale.

Anche secondo il direttore di Lancet Richard Horton, il Covid-19, le altre patologie e le condizioni ambientali e socio-economiche si aggravano a vicenda. Invece di pandemia dovremmo parlare di «sindemia». La convince?

Nel Consiglio Superiore di Sanità ho coordinato la redazione di un documento di commento al Piano Nazionale della Prevenzione 2020-25 e sulle malattie croniche non trasmissibili adottavamo proprio il punto di vista della sindemia. Mirko Grmek, forse il maggiore storico della medicina del secolo scorso, parlava di «patocenosi» e sosteneva che le malattie in un certo momento storico, anche quelle infettive, vanno viste nel loro insieme. La trasmissione delle malattie si può studiare con una lente più complessa di quella ancora dominante nel mondo medico, che cerca l’origine delle patologie principalmente in alterazioni molecolari. Noi guardiamo invece alle cause sociali, storiche e produttive, inclusa la globalizzazione. Continua a leggere “Intervista de il manifesto. Paolo Vineis, curare con la politica”

Covid-19, analisi dati Monitoraggio Regionale Cabina di Regia – 20 novembre 2020

Diretta della Conferenza stampa del 20 novembre sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020). Vi partecipano il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, e il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza.

AiFOS . Webinar gratuito: cosa fare se il COVID-19 arriva in azienda?

Riceviamo e pubblichiamo . editor

Il 27 novembre 2020 si terrà un seminario gratuito in modalità webinar per illustrare le procedure per gestire i positivi COVID-19 in ambito aziendale, i contatti stretti e il rientro al lavoro.

 Sono diverse le difficoltà nel mondo del lavoro per la gestione dell’emergenza sanitaria correlata alla diffusione pandemica del virus SARS-CoV-2. Non solo le aziende si trovano a dover riorganizzare le attività e tener conto dell’evoluzione continua di norme, linee guida e protocolli, ma hanno anche la necessità di occuparsi della delicata gestione degli eventuali casi positivi in azienda, dei contatti stretti e dei rientri al lavoro.

Come gestire questi casi? Quando e come effettuare i test? Cosa è un contatto stretto? Quali sono gli obblighi di datori di lavoro, operatori e medici competenti?

Il webinar gratuito sulla gestione del COVID-19 in azienda

Proprio per rispondere a queste e altre domande che si pongono le aziende in questa fase dell’emergenza COVID-19, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) organizza per il 27 novembre 2020 il seminario gratuito in modalità webinar “Covid-19 in azienda. Gestione casi positivi, contatti stretti, quarantena, rientro al lavoro e test biologici”.

Il seminario ha la finalità di illustrare, in base alle indicazioni dettate dalle Autorità, le procedure per la gestione di positivi COVID-19 in ambito aziendale, dei contatti stretti e del rientro al lavoro.

Sono tanti gli argomenti e le domande a cui si forniranno risposte in base alla normativa e all’evoluzione attuale dell’emergenza pandemica.

Continua a leggere “AiFOS . Webinar gratuito: cosa fare se il COVID-19 arriva in azienda?”

La testimonianza di Sara Liverani, ex paziente covid

Fonte AUSL ROMAGNA

Sara Liverani è stata una paziente Covid che con poche parole ci trasmette il senso di quanto accaduto e il valore del “prendersi cura di chi è fragile di fronte a questa malattia”.
“…avevi la sensazione di poter contagiare e mettere in pericolo una persona semplicemente respirandogli vicino…e nonostante ciò loro dovevano avvicinarsi…e i loro occhi ti trasmettevano sempre un grande abbraccio”.

Licenza Attribuzione di Creative Commons (riutilizzo consentito)

Cronache da Berlino al tempo della “seconda ondata” di Franco Di Giangirolamo

Fotostreet in Berlin – foto gierre

17.11.2020

Fatalità? Appena alzato mi cade l’occhio su una pagina dell’AbendBlatt (giornaletto locale) che propaganda senza pudore una praxis per la consulenza testamentaria. Il tempismo prussiano non mi stupisce più ormai: sentita aria di peggioramento della situazione pandemica si sono allertati tutti i servizi collaterali. Il suggerimento non è superfluo nemmeno per coloro che, come me, non si sono preoccupati del testamento, non tanto perchè non temono la inevitabile „livella“, e neppure per scaramanzia, quanto perchè hanno insignificanti patrimoni e molti eredi. Grato del suggerimento mi accingerò tuttavia alla bisogna se non altro per dare uno stile alla suddivisione delle scarabattole che ho raccolto nel corso della vita. Scarabattole sì, ma senza sminuirne il valore. Ho avuto periodi nella mia vita, quando sembrava che l’inimicizia tra me e il denaro fosse inconciliabile, nei quali ho vissuto circondato da utilissime scarabattole, lasciatemi o ereditate dai miei amici, fortunatamente non tutti defunti, che debbo gratificare non solo per il valore d’uso, ma anche per il calore delle appartenenze condivise. Ovvero, per quel sentimento nostalgico che si prova quando un amico/a o un/a amante, o un parente, ci lascia e ci si ritrova a prendere un libro, un disco, un oggetto qualsiasi che evoca momenti della vita con lui/lei e ti accorgi che non lo stai afferrando ma accarezzando, come se l’altro/a potesse, con quel gesto, avvertire e condividere quel ricordo.

Continua a leggere “Cronache da Berlino al tempo della “seconda ondata” di Franco Di Giangirolamo”

Svizzera . I lavoratori soffrono sempre di più di ansia, stress, stanchezza e solitudine

Fonte areaonline.ch 

I lavoratori soffrono sempre di più di ansia, stress, stanchezza e solitudine
Il Covid lascerà segni sulla salute mentale anche a lungo termine. A colloquio con due psicologhe.

di Veronica Galster

La temevamo ed è arrivata la seconda ondata di contagi, ma cosa ci portiamo dietro dalla prima? Come stanno le lavoratrici e i lavoratori che dopo un’estate relativamente tranquilla, si vedono nuovamente davanti uno scenario poco rassicurante? Come hanno superato la prima ondata e il lockdown? Ne abbiamo discusso con due psicologhe.
A inizio marzo siamo stati catapultati in una situazione che non conoscevamo: un’emergenza sanitaria mondiale, una pandemia. Gli equilibri e la routine di tutti sono stati scombussolati a più riprese e ogni volta è stato più o meno difficile adattarsi alle nuove norme, alle nuove richieste e all’incertezza che si protraeva e si protrae nel tempo. Che effetti ha avuto e sta avendo tutto ciò sulla psiche delle lavoratrici e dei lavoratori? Ne abbiamo discusso con la dottoressa phil. Chiara Ferrazzo Arcidiacono, capo équipe psicologi e psicoterapeuti dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale (Osc) e coordinatrice della task force psicologica ticinese durante la prima ondata, e con Eleonora Fontana, psicologa e psicoterapeuta del Laboratorio di psicopatologia del lavoro.

Continua a leggere “Svizzera . I lavoratori soffrono sempre di più di ansia, stress, stanchezza e solitudine”

GB.Tre quarti del personale di vendita al dettaglio afferma che gli abusi sono stati peggiori durante la pandemia: Usdaw lancia la Settimana del rispetto per i lavoratori

Fonte USDAW 
GB. Tre quarti del personale di vendita al dettaglio afferma che gli abusi sono stati peggiori durante la pandemia: Usdaw lancia la Settimana del rispetto per i lavoratori
Data: 16 novembre 2020
Il sindacato britannico del commercio al dettaglio Usdaw ha lanciato oggi la Settimana del rispetto per i negozianti con statistiche scioccanti tratte dal loro sondaggio annuale. I risultati intermedi di oltre 2.000 dipendenti di vendita al dettaglio mostrano che finora quest’anno:
  • Il 76% afferma che l’abuso è stato peggiore del normale durante la pandemia Covid-19,
  • L’85% dei negozianti ha subito abusi verbali,
  • Il 57% è stato minacciato da un cliente,
  • Il 9% è stato aggredito.

L’annuale Settimana del rispetto per i negozianti va dal 16 al 22 novembre 2020. Durante la settimana, Usdaw aumenterà la consapevolezza della campagna Libertà dalla paura per tutto l’anno e promuoverà la petizione parlamentare che chiede al governo di legiferare per proteggere i lavoratori di bottega. La petizione conta attualmente oltre 70.000 firme e può essere firmata all’indirizzo: https://petition.paragraph.uk/petitions/328621 Continua a leggere “GB.Tre quarti del personale di vendita al dettaglio afferma che gli abusi sono stati peggiori durante la pandemia: Usdaw lancia la Settimana del rispetto per i lavoratori”

UK | Lo scandalo dei lavoratori sacrificabili prima, durante e dopo il Covid

FONTE HAZARDS

La maggior parte dei luoghi di lavoro non ha mai visto un ispettore. I lavoratori hanno lottato per ottenere il DPI. Gli informatori sono stati messi a tacere. Era prima del Covid-19. L’ editore di Hazards Rory O’Neill rivela come la pandemia non abbia causato una crisi nella salute sul lavoro. Lo ha esposto.

È abbastanza semplice. Il governo aveva un occhio al bilancio e un altro alla base dei conservatori, chiedendo a gran voce la fine delle regole meschine e la perdita delle libertà personali. Doveva esserci un rapido ritorno alla “normalità”, e questo significava tornare al lavoro.

Da luglio 2020 in poi, i ministri hanno intrapreso una missione di tre mesi per riportarci nei nostri luoghi di lavoro “protetti da Covid”.

GRAVE ERRORE  Boris Johnson ha invertito il suo viaggio di ritorno al lavoro solo il 22 settembre, quando i gruppi di lavoro erano saliti ai massimi storici e il tasso di infezione del paese si era spostato nella zona di pericolo.

Continua a leggere “UK | Lo scandalo dei lavoratori sacrificabili prima, durante e dopo il Covid”

Inail . Dossier Covid-19

Dossier Covid-19

Fin dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus (Sars-CoV-2), l’Inail ha potenziato le attività di comunicazione, veicolando quotidianamente le informazioni e gli aggiornamenti relativi all’emergenza sanitaria anche attraverso un linguaggio più vicino alle abitudini e alle esigenze dei cittadini

Immagine Dossier Covid-19

Lo speciale arricchito da link, video e rimandi multimediali fa il punto sulle misure adottate dall’Istituto per fronteggiare l’epidemia da coronavirus offrendo in un unico prodotto il quadro completo di tutte le informazioni messe a disposizione dall’istituto per orientare i cittadini nell’attuale fase di emergenza sanitaria.

Prodotto: Opuscolo
Edizioni: Inail – 2020
Disponibilità: Consultabile solo in rete
Info: dcpianificazione-comunicazione@inail.it

Pandemie ed equilibri globali

Fonte: Salute Internazionale che ringraziamo 

Autori: Chiara Di Benedetto e Andrea Atzori

 

Intervista a David Quammen, autore di Spillover, per guardare con lui alla salute globale, all’Africa e al ruolo delle organizzazioni di cooperazione internazionale.

«Qualche Cassandra bene informata parla addirittura del Next big one, il prossimo grande evento, come di un fatto inevitabile. Sarà causato da un virus? Si manifesterà nella foresta pluviale o in un mercato cittadino della Cina meridionale? Farà trenta, quaranta milioni di vittime?»

Era il 2012 quando David Quammen scriveva queste parole nel suo saggio “Spillover. Animal Infections and the Next Human Pandemic”[1], un viaggio “dentro” le epidemie della storia, e a rileggerle oggi suonano come una profezia. Niente del genere, solo una riflessione o, meglio, una domanda critica, maturata attraverso studio e osservazione: gli spillover – salti di specie  – non sono certo una novità nella storia delle malattie infettive – si pensi a HIV, Ebola, Sars – ma vanno letti oggi in un contesto planetario dove le distanze, tra luoghi geografici, esseri umani, mondo animale e addirittura quelle con l’ambiente selvaggio, si sono accorciate. E le possibilità di queste “tracimazioni” da una specie animale all’uomo di conseguenza aumentano. Continua a leggere “Pandemie ed equilibri globali”

Ordinanza regionale: in Emilia-Romagna nuove misure anti-assembramenti

Fonte Regione Emilia-Romagna 

Dal 14 novembre. Bonaccini: “Concordata coi presidenti Zaia e Fedriga, d’intesa col ministro Speranza. Fermare il contagio”. Confronto col Governo per ulteriori ristori economici

anziani coronavirus.jpg

 

Mascherina indossata sempre, fin dal momento in cui si esce di casa. Nei giorni prefestivi e festivi chiuse le medie e grandi aree di vendita, compresi tutti i complessi commerciali, con l’aggiunta, nei festivi, dello stop ad ogni attività di vendita, anche gli esercizi di vicinato (farmacie, parafarmacie, generi alimentari, tabaccherie e edicole le sole eccezioni previste, e rimangono aperti gli esercizi di ristorazione pur nei limiti previsti dal DPCM in vigore). Sempre, invece, nei negozi di vendita di generi alimentari, potrà entrare un solo componente per nucleo familiare, fatta salva la necessità di accompagnare persone con difficoltà o minori di 14 anni. Niente mercati in area pubblica o privata a meno che non vi siano Piani dei Comuni che prevedano regole di specifiche (perimetrazione, varchi di accesso e uscita distinti, sorveglianza pubblica e privata sull’applicazione delle regole di distanziamento e sicurezza).

E ancora: la consumazione di alimenti e bevande è sempre vietata in area pubblica o aperta al pubblico, mentre dalle 15 alle 18 la somministrazione e consumazione può avvenire solo da seduti fuori e dentro i locali, e in posti “regolarmente collocati” (va ricordato che dalle 18 alle 5 di mattina l’attività è sospesa in base all’attuale DPCM del Governo). Continua a leggere “Ordinanza regionale: in Emilia-Romagna nuove misure anti-assembramenti”

Francia: Il telelavoro fa parte dell’obbligo di prevenzione della salute e sicurezza sul lavoro

La crisi sanitaria dovuta al Covid-19 aveva portato la Francia a istituire un primo confino nazionale (lockdown) il 17 marzo 2020. In questa occasione, il telelavoro divenne la norma per tutte le persone che potevano, che rappresentavano il 34% persone occupate . Il rapido aumento del numero di contagi in Europa ha costretto il governo francese a istituire un nuovo lockdown il 28 ottobre 2020 .

In questo contesto, il Ministero del Lavoro ha aggiornato il protocollo nazionale per garantire la salute e la sicurezza dei dipendenti aziendali di fronte all’epidemia di Covid-19 .

Una delle misure più pubblicizzate è il telelavoro, che sta diventando la regola per tutte le attività che lo consentono. Di fronte alla riluttanza di alcune aziende a rifiutare l’attuazione del telelavoro, il ministro del Lavoro Elisabeth Borne ha dovuto inasprire il tono ricordando pubblicamente che “c’è l’obbligo da parte del datore di lavoro di garantire la sicurezza e la salute dei i suoi dipendenti. Le regole che sono nel protocollo sono la traduzione diretta di questo obbligo e quindi sono vincolanti per il datore di lavoro  ” .

Pertanto, rifiutare l’introduzione del telelavoro quando possibile è considerato una violazione da parte del datore di lavoro del suo obbligo di proteggere i dipendenti, il che lo espone a una sanzione civile o penale . Il ministro francese incoraggia i dipendenti a contribuire a far rispettare queste regole insistendo su un possibile ricorso all’ispettorato del lavoro .

L’attuale posizione del governo francese mostra l’importanza della responsabilità del datore di lavoro di proteggere la salute e la sicurezza dei suoi lavoratori. Il Covid-19 è riconosciuto come un rischio sul lavoro e il protocollo richiama l’applicazione dei principi generali di prevenzione.

“L’obbligo di telelavoro nel contesto del dovere di prevenzione del datore di lavoro dimostra l’importanza di una prevenzione globale e collettiva che implichi una riorganizzazione del lavoro oltre i gesti di barriera”, aggiunge Laurent Vogel , ricercatore senior presso ETUI. Il fatto che il governo francese sottolinei il legame tra una riorganizzazione del lavoro per garantire la prevenzione dei rischi del Covid-19 ei principi generali di prevenzione (che sono obblighi europei derivanti dalla direttiva 89/391 / CEE ) potrebbe essere potenzialmente applicabile. si applicano ad altri Stati membri in condizioni sanitarie simili.

Tuttavia, non va dimenticato che le condizioni di lavoro a casa possono rappresentare anche rischi fisici e psicologici per la salute dei dipendenti. Il sindacato generale di ingegneri, dirigenti e tecnici (UGICT-CGT) avverte in un’indagine che durante il primo lockdown, il telelavoro era “un preoccupante cocktail di rischi psicosociali”. Sono in corso negoziati nazionali tra le parti sociali per regolamentare il telelavoro, applicabile anche al di fuori del periodo di reclusione, che dovrebbero concludersi il 23 novembre 2020.

Comunicato Fim Fiom Uilm in merito agli screening

Fonte : Fiom-Cgil Nazionale 

Riteniamo e importante diffondere questo comunicato Fim, Fiom, Uilm nazionali in merito a “Screening: necessaria la condivisione nei comitati Covid ” (Editor)

Screening: necessaria la condivisione nei comitati Covid

Ci segnalano a più riprese iniziative unilaterali da parte di aziende in materia di screening, con il tentativo di imporre tamponi generalizzati al proprio personale; precisiamo che è indispensabile il coinvolgimento dei Comitati Covid aziendali o territoriali.

A tal proposito è utile ricordare alcuni punti fondamentali dell’attuale impianto normativo:

1. Il DPCM “zone a rischio”, per quanto attinente le attività economiche e produttive, fa riferimento esplicito al Protocollo condiviso tra Governo e Parti Sociali sottoscritto il 24 aprile 2020.

2. I comitati COVID disciplinati dal richiamato Protocollo sono attivi e vanno prontamente attivati, alla presenza del Medico Competente, per quanto concerne la sorveglianza sanitaria.

3. Gli screening sono attualmente disciplinati per i casi che presentato sintomi riconducibili al SARS-CoV-2, nonché per i contatti stretti con una persona risultata positiva.

4. Nei casi in cui siano riscontrati casi in azienda è l’azienda sanitaria territoriale a prendere in carico la gestione dei suddetti screening.

5. è possibile, in caso di effettivo riscontro di positività, accompagnare la presa in carico da parte delle autorità competenti con screening a carico dell’azienda, ma sempre in raccordo con l’autorità sanitaria pubblica.

Pertanto, in caso di imposizione unilaterale afferenti percorsi di screening è indispensabile richiedere la convocazione del Comitato COVID aziendale, alla presenza del Medico Competente.

Resta inteso che, in ogni caso, tali screening sono da considerarsi a carattere volontario.

Invitiamo le RSU e le strutture territoriali a comunicarci il ripetersi di iniziative analoghe nei rispettivi territori.

Fim, Fiom, Uilm nazionali

Roma, 11 novembre 2020

Affrontare Il Virus Corona (COVID-19) Documenti e Rapporti OCSE

Fonte ENETOSH 

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha pubblicato molto materiale su come affrontare il COVID-19. Sul sito web dell’OCSE sono disponibili vari articoli, documenti e rapporti relativi alla pandemia. Oltre ad argomenti come affari, mercato del lavoro, sanità, ambiente, cooperazioni internazionali, sfide sociali, digitalizzazione, politiche fiscali e monetarie e altro, una raccolta si occupa di “istruzione e competenze”.
Oltre a vari articoli e documenti in questa raccolta, è stato pubblicato il rapporto “A Framework to guide an Education Response to the COVID-19 Pandemic of 2020”, che mira a supportare il processo decisionale in materia di istruzione per sviluppare e implementare risposte educative efficaci al Pandemia di covid19.
Il rapporto offre un quadro per guidare lo sviluppo di strategie educative specifiche al contesto. Include una lista di controllo di 25 punti per supportare lo sviluppo di una strategia educativa durante la pandemia. Questo può essere utilizzato dalle autorità educative nazionali, statali o locali o dai leader delle reti educative. Le esigenze più critiche che dovrebbero essere affrontate sono: garantire l’apprendimento accademico per gli studenti, sostenere gli studenti che non hanno competenze per lo studio indipendente, garantire il benessere degli studenti, fornire supporto professionale agli insegnanti e garantire il benessere degli insegnanti e l’assistenza medica agli insegnanti.
Puoi leggere il rapporto qui .

I regionalismi sanitari in Italia nel contesto internazionale: lezioni dalla pandemia

Segnaliamo questo saggio:  “I regionalismi sanitari in Italia nel contesto internazionale: lezioni dalla pandemia”  come punto di riferimento nel dibattito che seguirà la fase post pandemia ( speriamo tra breve tempo…) . Le Regioni italiane, sia pure con rilevanti differenze,  non hanno dato una buona prova in una fase di drammatica criticità per la vita del paese. Diario Prevenzione pubblicherà e/o segnalerà saggi, articoli e documenti utili perché il dibattito sulla necessaria riforma del Titolo V° non alimenti una deriva verso una regressione a modelli di centralismo burocratico dello stato nazionale.  


 

Costituzionalismo.it      Fascicolo 2 | 2020

I regionalismi sanitari in Italia nel contesto internazionale: lezioni dalla pandemia.   

di Francesco Taroni e Chiara Giorgi

Editoriale Scientifica

All’inizio dei test di massa a Liverpool, il TUC North West ha invitato i datori di lavoro della città a supportare i lavoratori durante il test pilota di massa.

TUC, il sindacato inglese di Liverpool  lancia un appello alle imprese perché facilitino i lavoratori nel sottoporsi al test pilota di massa che sarà effettuato nei prossimi giorni,
FONTE  TUC 
All’inizio dei test di massa a Liverpool, il TUC North West ha invitato i datori di lavoro della città a supportare i lavoratori durante il test pilota di massa.

Stanno chiedono sicurezza finanziaria per i lavoratori t o li aiutano a fare il test e prendere provvedimenti, se necessario, in modo che le misure di sanità pubblica possono essere efficaci e la città può venire a capo della pandemia. Dicono che il successo dei test di massa dipenderà dalla capacità dei dipendenti di permettersi di fare la cosa giusta e seguire i consigli di salute pubblica per autoisolarsi se necessario.

Chiedono ai datori di lavoro di Liverpool di:

  • sostenere i lavoratori che desiderano sottoporsi al test
  • pagare i lavoratori, che risultano positivi o a cui viene chiesto di isolarsi da soli tramite track and trace, retribuzione piena ove possibile dal primo giorno e dichiarare pubblicamente il loro sostegno per questo, per dare fiducia e certezza ai lavoratori

Il TUC hanno costantemente sottolineare d la necessità di un sostegno finanziario per i lavoratori durante la pandemia. Commentando, Lynn Collins Segretario del TUC Nord Ovest  ha detto:

“I datori di lavoro a Liverpool hanno un ruolo unico da svolgere nel sostenere i propri lavoratori a partecipare al progetto pilota e non essere penalizzati finanziariamente per averlo fatto.  

“Durante la pandemia, abbiamo costantemente chiesto sostegno finanziario per i lavoratori che hanno bisogno di isolarsi da soli. È importante che i datori di lavoro, dove possono, paghino la paga piena ai lavoratori quando si isolano da soli. Ma dove ciò non può accadere, il governo deve intervenire. Devono aumentare l’accesso all’indennità di malattia legale a tutti i lavoratori e aumentare il tasso di retribuzione in linea con il salario dignitoso reale. Continueremo a invitarli a farlo.

“Nel frattempo, per proteggere vite e mezzi di sussistenza, chiediamo a tutti i datori di lavoro di fare la cosa giusta, concedendo tempo ai lavoratori per fare i test e assicurando che abbiano sicurezza finanziaria se devono autoisolarsi. Lavorando insieme, possiamo sconfiggere questa pandemia “.

Tensioni tra Ministro della Salute e Regioni

 

Un comunicato appena pubblicato sul sito del Ministero della Salute rende evidente lo stato di tensione tra il Ministero della Salute , il CTS e le Regioni. La logica “contrattuale” che si è manifestata da parte delle regioni verso il governo per negoziare i provvedimenti di contrasto alla pandemia è parsa inaccettabile al ministro Speranza che peraltro aveva fornito alle regioni e agli esperti degli Assessorati alla Sanità gli indicatori e i sistemi di valutazione per l’assegnazione di ciascuna regione in una delle quattro fasce di rischio. Riportiamo il comunicato:

“Covid-19: Speranza, “Non si ignori gravità dei dati su territori”

“Le regioni alimentano i dati con cui la cabina di regia effettua il monitoraggio dal mese di maggio. Nella cabina di regia ci sono tre rappresentanti indicati dalle regioni. È surreale che anziché assumersi la loro parte di responsabilità ci sia chi faccia finta di ignorare la gravità dei dati che riguardano i propri territori. Serve unità e responsabilità. Non polemiche inutili”. Lo afferma il Ministro della Salute, Roberto Speranza.

Fonte Ministero Salute 

Vedi inoltre

Informativa del ministro Speranza sui criteri seguiti nella collocazione delle Regioni nelle aree di diffusione del Covid-19

Inghilterra . Molte migliaia di casi Covid-19 correlati al lavoro non vengono segnalati

Fonte Hazards.org

Secondo un nuovo studio, le linee guida dell’Health and Safety Executive (HSE) che delineano quando i datori di lavoro devono segnalare il Covid-19 correlato al lavoro potrebbero perdere “molte migliaia” di casi e dovrebbero essere ampliate.

Il professor Raymond Agius del Center for Occupational and Environmental Health dell’Università di Manchester ha valutato le linee guida sui requisiti di segnalazione ai sensi dei regolamenti RIDDOR che stabiliscono quando un datore di lavoro deve segnalare un’infezione da Covid-19 correlata al lavoro, la morte o un evento pericoloso.

Ai professionisti è stato chiesto di stimare la probabilità che la malattia di Covid-19 possa derivare da due scenari, uno dei quali è segnalabile all’HSE come evento pericoloso secondo le attuali linee guida e uno non segnalabile. I partecipanti hanno classificato lo scenario non riportabile come il più probabile che si traduca in un’infezione correlata al lavoro da Covid-19.

Aguis ha scoperto che la guida HSE non corrisponde ai dati dell’Office for National Statistics (ONS) sui lavori a più alto rischio, poiché la guida esclude i rapporti dalle professioni in cui i dipendenti lavorano con il pubblico in generale rispetto a persone note per essere infette.

Il professore ha anche valutato le indicazioni su quando i medici dovrebbero segnalare un decesso Covid-19 attribuibile al lavoro del medico legale. Nei risultati riportati sulla rivista Occupational Medicine, il professore ha concluso che la soglia per segnalare un caso al medico legale è molto inferiore alla guida HSE, in quanto consente notifiche da qualsiasi forma di impiego. Anche la guida del medico legale corrispondeva meglio ai dati dell’ONS che indicano quanto sia alto il rischio per le diverse professioni.

“L’attuale guida RIDDOR sul coronavirus dell’HSE è difficile da applicare. Le prove disponibili suggeriscono che potrebbe non essere riuscito a catturare molte migliaia di casi di malattia Covid-19 correlati al lavoro e centinaia di decessi. Pertanto, l’HSE sta perdendo preziose opportunità per le indagini che potrebbero portare a consigli per prevenire future malattie e morte “, ha detto il professor Agius.

“La guida HSE sulla segnalazione RIDDOR relativa al Covid-19 trarrebbe vantaggio da un emendamento per migliorare la chiarezza e la facilità d’uso e per consentire esplicitamente rapporti da una più ampia gamma di occupazioni che si occupano del pubblico in generale.” Ha aggiunto che HSE deve aumentare sostanzialmente le sue ispezioni al fine di indagare sui rapporti.

RM Agius. COVID-19: mezzi statutari di controllo delle morti e delle malattie dei lavoratori , Medicina del lavoro, 21 settembre 2020.

Le carcasse di cui liberarsi

di NERINA DIRINDIN 

Fonte Collettiva 

Credevamo (sbagliando) di poter ritornare alla normalità. O almeno a una condizione di ordinata coesistenza con il virus. Non è così. Le nostre debolezze sono ancora tutte lì, dobbiamo ora impegnarci seriamente a “immaginare un altro mondo”

 

Siamo ripiombati nell’emergenza. Questa volta è tutto più difficile, perché il vantaggio conseguito sul fronte della conoscenza del Coronavirus non è sufficiente a compensare l’affievolirsi dello slancio generoso dimostrato in primavera da tutta la popolazione (in particolare dalla gran parte dei professionisti della sanità pubblica): le energie recuperate stanno venendo meno, la fiducia nelle istituzioni è meno granitica, l’impreparazione di molti distretti sanitari è sconcertante, la dimensione delle classi scolastiche (cd pollaio) non è cambiata, i trasporti locali sono più deboli di prima, le persone fragili sono impaurite.

Continua a leggere “Le carcasse di cui liberarsi”

La conferma della trasmissione di aerosol di COVID-19 ha implicazioni per la sicurezza dei lavoratori

FONTE  IUF -UITA

L’approccio precauzionale IUF alla diffusione del COVID-19 è stato convalidato dall’emergente consenso scientifico sulla diffusione dell’aerosol della malattia. La valutazione iniziale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) era che il COVID-19 si diffondeva principalmente attraverso le “goccioline” della tosse e degli starnuti di una persona infetta e attraverso la contaminazione di superfici dure. Questa era la base per consigliare una distanza fisica di un metro sul posto di lavoro.

L’UITA ha sostenuto la distanza fisica di 2 metri come una delle tante precauzioni da adottare a causa dell’incertezza sulla possibilità di trasmissione da parte di particelle più piccole che viaggiano ulteriormente nell’aria.

Come ha recentemente notato il quotidiano britannico The Guardian , una conseguenza dei primi consigli dell’OMS è stata l’enfasi sul lavaggio delle mani e una sottostima dell’importanza di indossare maschere.

A luglio, una lettera aperta di 239 scienziati ha invitato l’OMS a rivedere la sua descrizione per dire che gli “aerosol” (cioè le particelle più piccole nell’aria) sono importanti e anche le “goccioline” più grandi possono andare molto più in là di quanto riconosciuto dall’agenzia.

Il Regno Unito è l’ultimo paese a riconoscere le prove ormai schiaccianti che gli aerosol rappresentano una delle principali vie di trasmissione del Covid-19.

“Non adottando il principio di precauzione riguardo alla diffusione del COVID-19, i governi e i datori di lavoro hanno esposto i lavoratori a danni inutili. Quando si tratta di misure di salute pubblica e SSL, il principio di precauzione dovrebbe sempre prevalere”, ha commentato l’assistente generale dell’UITA segretario James Ritchie.

Si consiglia vivamente agli affiliati di tenere conto della trasmissione di aerosol di COVID-19 nelle valutazioni dei rischi sul posto di lavoro e nella gestione del controllo del pericolo. Le guide specifiche del settore IUF sono disponibili qui e qui e anche qui.

IUF:L’Unione Internazionale delle Associazioni dei Lavoratori Alimentari, Agricoli, Alberghieri, Ristorazione, Ristorazione, Tabacco e Alleati (IUF) è una federazione internazionale di sindacati che rappresentano i lavoratori impiegati nell’agricoltura e nelle piantagioni; la preparazione e la produzione di cibi e bevande; alberghi, ristoranti e servizi di catering; tutte le fasi della lavorazione del tabacco. L’UITA è composta da 425 sindacati affiliati in 127 paesi che rappresentano oltre 10 milioni di lavoratori.

Aggiornamento dati pandemia Covid-19 -31/10/2020

31/10/2020 – Aggiornamento dei dati: i bollettini della sorveglianza integrata COVID-19 in Italia

Sono online i nuovi dati realizzati dall’ISS: il documento “Epidemia COVID-19. Aggiornamento nazionale 27 ottobre 2020” (pdf 13 Mb) – con l’appendice al bollettino con il dettaglio regionale (pdf 1,1 Mb).

Cronache di vita a Berlin in epoca di corona – Franco Di Giangirolamo – 31 ottobre 2020

 

Street Foto Berlin 25/09/20 Globaler Klimastrekt – Foto gierre 

 

Dopo 3 mesi, con la „zweite welle“ (seconda ondata) riprendo a osservare dal buco della serratura spezzoni di vita berlinese ridimensionata, adattata, violata, soffocata, liberata dalla pandemia.

Evento d’eccezione quest’oggi: inaugurazione del nuovo aeroporto di Schoenefeld (nome d’arte: BER). Celebrazione sottotono per quello che doveva essere l’Aeroporto più moderno d’Europa, il terzo della Germania , che è diventato uno zimbello europeo di cui non c’è motivo di vantarsi. Dopo 30 anni di pianificazione e 14 anni di costruzione e riprogettazioni continue (9 anni più del previsto), un costo triplo (6 miliardi di euro) di quello preventivato, una sequela di errori incredibili di manager, pianificatori, politici, ingegneri, per i quali nessuno finora ha pagato. Nato già con problemi di capacità non mostrerà molto presto i suoi limiti di capacità e logistici, grazie alla pandemia, che terrà molto bassi i livelli di movimentazione (nel 2021 si dovrebbero avere 18 milioni di passeggeri anno, meno della metà della potenzialità prevista.)   A ricordarli ci penserà l’alleanza di protesta „restare a terra“ , in costume da „pinguini“ che chiama l’Aeroporto un „monumento al capitalismo fossile“.

Continua a leggere “Cronache di vita a Berlin in epoca di corona – Franco Di Giangirolamo – 31 ottobre 2020”

Coronavirus in Germania: nuove restrizioni a Berlino

Fonte ilmitte.com

A causa del crescente numero di infezioni da Coronavirus e su istanza della senatrice alla sanità di Berlino, Dilek Kalayci, martedì 27 ottobre 2020 il Senato ha approvato il nono emendamento all’attuale ordinanza sulla prevenzione dei contagi e introdotto nuove restrizioni.

Ecco le nuove regole:

  1. In nuove strade di Berlino si dovrà indossare la mascherina anche all’aperto. L’obbligo si riferisce ai soli pedoni e le nuove strade saranno inserite solo a partire dal 30 ottobre in questo elenco ufficiale, che al momento contiene solo le strade in cui l’obbligo era già vigente.
  2. L’obbligo di indossare la mascherina nel caso di eventi all’aperto sussiste a partire dai 20 partecipanti in su.
  3. Le università resteranno chiuse fino al 31 marzo 2021. Le lezioni del semestre invernale 2020/2021 si svolgeranno online e non più in aula a partire dal 02.11.2020. Fanno eccezione i casi in cui non è possibile utilizzare la didattica a distanza e quindi nel caso di aule di laboratorio, insegnamento medico-clinico, lezioni di arte, lezioni di sport pratico, avviamento dei nuovi studenti.
  4. Il numero massimo di partecipanti a un evento è fissato a 500 per gli eventi all’esterno e 300 per quelli all’interno. Questa restrizione può essere modificata o eliminata, dopo la verifica dell’adozione delle norme di igiene previste da parte dell’amministrazione del senato.
  5. I distributori di benzina, i panifici o i punti vendita nelle stazioni ferroviarie potranno vendere determinati prodotti, quali prodotti da forno, fiori e giornali anche tra le 23.00 e le 6.00.

L’ordinanza modificata entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dello Stato di Berlino, e quindi le nuove restrizioni entreranno in vigore il 31 ottobre 2020.

Usa. Quando il governo è gestito da pochi, i lavoratori essenziali ne pagano il prezzo

 

Fonte:  Public Employees for Environmental Responsibility – PEER  che ringraziamo 

Con il coronavirus in “diffusione incontrollata” a fine ottobre in 34 stati e a Porto Rico, secondo CovidExitStrategy.org, e con il massimo esperto di malattie infettive Anthony Fauci che dice che siamo in una posizione “precaria”, dobbiamo ricordare chi rimane nella posizione più precaria per essere devastato se le infezioni da COVID-19 riportano i blocchi: I lavoratori essenziali.

Oltre agli anziani nelle case di cura, i lavoratori essenziali , spesso di colore,  hanno pagato uno dei prezzi più alti  fino a questo punto della pandemia. I lavoratori essenziali  hanno letteralmente messo le loro vite sulla linea come se fosse la guerra. Tra i migliori esempi ci sono: 

  • Il  Midwest Center for Investigative Reporting ha finora registrato 214 morti di confezionatori di carne in tutta la nazione e 41.000 infezioni in strutture in 40 stati . Un rapporto dei  Centers for Disease Control and Prevention ha  rilevato che mentre i confezionatori di carne sono per il 61% latini, neri e asiatici, sono responsabili di quasi 9 infezioni su 10;  
  • Il National Nurses United ha  pubblicato un rapporto che ha rilevato che più di 1.700 operatori sanitari erano morti al 16 settembre. Il gruppo ha  detto  al New York Times alla fine di ottobre che il numero è ora vicino a 2.000. 

Continua a leggere “Usa. Quando il governo è gestito da pochi, i lavoratori essenziali ne pagano il prezzo”

Il mondo del lavoro, il medico competente e la pandemia da SARS-COV-2. Cosa abbiamo imparato


Verona, Auditorium Domus Mercatorum-Centro Congressi CCIA

mercoledì 30 ottobre 2020 – ore 9:00-18:00

Seminario nazionale ANMA

9:00 APERTURA DEI LAVORI E SALUTI
Dott.ssa G. LecceMinistero della Salute – Direzione Prevenzione

INTRODUZIONE AI LAVORI Dott. U. CanduraPresidente ANMA

MODERATORI DEL SEMINARIO
Dott.ssa G. Lecce – Ministero della Salute
Prof. S. Porru – Università di Verona
Dott. U. Candura – Presidente ANMA

Caratteristiche e dinamica di circolazione del virus Sars-Cov-2: una importante lezione di epidemiologia
Prof. A.Crisanti – Università di Padova

Interpretazione dei test sierologici. A che punto siamo?
Prof. G.Lippi – Università di Verona

L’impatto dell’epidemia negli operatori sanitari
Prof. P. Mascagni – Ospedale di Desio ASST Monza

Sicurezza dei lavoratori e prevenzione della diffusione dell’infezione negli ambienti di lavoro non sanitari
Dott. D. Bontadi – Gruppo di lavoro ANMA Veneto

Le misure adottate dalle aziende per il contrasto al contagio da Sars-Cov-2. Valutazione dell’efficacia
Ing. F. Santi – Presidente AIAS

La sorveglianza sanitaria ai tempi del Covid19 e la gestione dei lavoratori cosiddetti “fragili”
Dott. T.Cassina, Dott. P. Patanè – ANMA Lombardia, ANMA Veneto

Come affrontare gli eventuali sviluppi dell’epidemia: il punto sulle strategie di prevenzione
Prof. G.Rizzardini – Ospedale L. Sacco, Milano

Accompagnare il lavoratore in sicurezza – Attualità del Vademecum ANMA per il Medico Competente
Dott. G. Boschiroli, dott. G. Briatico Vangosa – ANMA Lombardia

Medico Competente e salute pubblica: nuovi possibili scenari nell’epoca post-COVID?
Prof. M. Del Vecchio – Università L. Bocconi, Milano

L’ANMA e l’emergenza Covid19: cosa è cambiato nel mondo del lavoro in questi mesi e cosa ci aspetta
Dott. U.Candura, Dott. D. Ditaranto – ANMA Campania, ANMA Lombardia

17:00 Discussione, conclusioni, fine lavori

Responsabili del programma scientifico:
Dott. Danilo Bontadi – ANMA Veneto
Prof. Paolo Mascagni – Ospedale di Desio ASST Monza, ANMA Lombardia

scarica il programma
vai al sito del seminario

Le iscrizioni in presenza sono chiuse, ma è possibile la partecipazione in modalità virtuale (FAD sincrona).

Intersezione fra Covid-19 e salute mentale a cura di Marina Penasso

 

Fonte Dors.it che ringraziamo 

Il 6 ottobre 2020, l’OMS ha pubblicato i risultati di un sondaggio sull’impatto del COVID-19 sui servizi mentali, neurologici e di uso di sostanze (MNS) in 130 Stati membri dell’OMS, prima della Giornata mondiale della salute mentale del 10 ottobre. Dai risultati si evince che la maggior parte dei paesi sta subendo un’interruzione dei servizi MNS, con il maggiore impatto sui servizi di prevenzione e promozione basati sulla comunità. I motivi dell’interruzione includevano un numero insufficiente o il reimpiego di operatori sanitari per la risposta al COVID-19 (nel 30% dei paesi), l’uso di strutture per la salute mentale come strutture di quarantena o trattamento COVID-19 (nel 19% dei paesi) e fornitura insufficiente dei dispositivi di protezione individuale (nel 28% dei paesi). Sebbene 116 (89%) paesi abbiano riferito che la salute mentale e il supporto psicologico facevano parte dei loro piani di risposta COVID-19 nazionali, solo il 17% ha affermato di aver impegnato ulteriori finanziamenti per questo. Questo rapporto arriva sulla scia di prove crescenti che la pandemia COVID-19 sta avendo effetti enormi sulla salute mentale e sul benessere delle popolazioni di tutto il mondo. Con una capacità di risposta apparentemente bassa, non è chiaro come il mondo affronterà questa incombente crisi della salute mentale.

Continua a leggere “Intersezione fra Covid-19 e salute mentale a cura di Marina Penasso”

Il nuovo DPCM per il contenimento della pandemia corona. 24 ottobre 2020

 

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) con i provvedimenti decisi dal governo per cercare di contenere il nuovo aumento di casi da coronavirus. Sarà valido dalla mezzanotte di domenica 25 ottobre fino a martedì 24 novembre; i contenuti sono stati riassunti dal Presidente Conte in una conferenza stampa.

IL TESTO INTEGRALE DEL DPCM 24/10/2020

Germania.Informazioni sulla designazione delle aree di rischio internazionali da parte del Ministero degli esteri federale, BMG e BMI

 

Germania. Rischio Coronavirus . Le valutazioni del Robert Koch Institute rispetto alle provenienze dei viaggiatori verso la Germania o per chi dalla Germania intende viaggiare verso paesi esteri .

Dal sito del Robert Koch Institute ricaviamo queste informazioni utili per quanti fossero interessati ad un viaggio da e per la Germania.

Informazioni sulla designazione delle aree di rischio internazionali da parte del Ministero degli esteri federale, BMG e BMI

Stato: 22/10/2020, 12:00

Inglese: informazioni sulla designazione delle aree a rischio internazionali (PDF, 90 KB, il file non è privo di barriere)

Il Rapporto sui casi di contagio in Germania al 22/10/2020

Dal sito RKI.DE

Continua a leggere “Germania.Informazioni sulla designazione delle aree di rischio internazionali da parte del Ministero degli esteri federale, BMG e BMI”

Succede in Sri Lanka. I lavoratori dell’abbigliamento hanno sopportato dure misure di contenimento del Covid-19

20 ottobre 2020

 

 

Fonte Industrial-union 

 In Sri Lanka, i lavoratori dell’abbigliamento sono stati messi in quarantena dai militari nel cuore della notte, a seguito di un rapido aumento delle infezioni. I sindacati dicono che questo avrebbe potuto essere evitato istituendo i comitati sanitari raccomandati.

A partire dal 19 ottobre, il numero totale di casi di Covid-19 a Minuwangoda Brandix è salito a 2.122, inclusi più di mille lavoratori tessili Brandix Limited, i loro parenti e familiari.

Questo gruppo rappresenta quasi la metà del numero totale di casi di Covid nello Sri Lanka e ha fatto notizia a livello nazionale.

I sindacati sostengono che l’esercito, che gestisce i centri di quarantena Covid, sia entrato di notte nelle residenze dei lavoratori tessili, senza previa informazione, per chiedere loro di recarsi immediatamente nei centri di quarantena. Continua a leggere “Succede in Sri Lanka. I lavoratori dell’abbigliamento hanno sopportato dure misure di contenimento del Covid-19”

Tra emergenze, disinganni, nuovi e antichi insegnamenti. Riflessioni sulla pandemia Coronavirus

 

Foto graffiti in Berlin – gierre 

Autore : Gino Rubini

– Le misure di distanziamento e lockdown
– Gli errori di politica sanitaria e preventiva da evitare per il futuro
– Da dove deriva la sottovalutazione del rischio biologico in grado di produrre una pandemia
– Dal lockdown alle riaperture, i profili di rischio dei lavori e le misure adottate
– La pandemia in Europa e nel mondo
– Riflessioni su ciò che non si dovrà più fare e su ciò che occorre fare per non essere impreparati.
– Il vincolo al cambiamento che deriva dall’esperienza della pandemia
– Conoscenza e comunicazione

Questo articolo è già pubblicato sul numero 208 della Rivista Inchiesta

L’ARTICOLO