Podcast Diario Prevenzione – 15 luglio 2021 – Puntata n° 87 a cura di Gino Rubini

 

In questa puntata parliamo di:

– Transizione ecologica: dalla retorica ai progetti reali e possibili. I report e le linee programmatiche delle Agenzie globali.
– Sustainable development Goals report 2021 : Nel 2020 tra 119 e 124 milioni di persone sono finite in condizioni di povertà estrema (Goal 1). Il tasso di individui sotto la soglia di povertà estrema è cresciuto, passando dall’8,4% nel 2019 al 9,5% nel 2020: non si registrava un aumento dal 1998…….
– A GLOBAL DEAL FOR OUR PANDEMIC AGE: un approccio per scenari ed un richiamo alle autorità degli Stati ad assumere una visione strategica rispetto alla fuoriuscita dalla pandemia.
– …… la transizione ecologica non sarà un viaggio in carrozza … non bisogna illudere i cittadini che sarà un percorso facile
– CODICI IDENTIFICATIVI SUBITO Chiediamo misure di identificazione per gli agenti impegnati in operazioni di ordine pubblico. Sostieni l’Appello di Amnesty International

 11 total views

Hesamag. La gig economy e i rischi psicosociali, intervista a Pierre Bérastégui

 

Fonte : Hesamag luglio 2021

Negli ultimi dieci anni, le piattaforme di lavoro online sono cresciute notevolmente. Questo tipo di lavoro comporta rischi specifici. Abbiamo avuto il piacere di intervistare su questo argomento Pierre Bérastégui , ricercatore presso ETUI, autore della pubblicazione ” Esposizione a fattori di rischio psicosociale nella “gig economy” – Revisione sistematica “. 

Continua a leggere “Hesamag. La gig economy e i rischi psicosociali, intervista a Pierre Bérastégui”

 14 total views

Nei paesi nordici, lo sviluppo del lavoro su piattaforme costituisce un rischio per la salute e la sicurezza sul lavoro

Commons Licence Foto 

Fonte Etui 

Mentre l’attuale pandemia sta accelerando lo sviluppo del lavoro con le piattaforme, uno studio  condotto nei paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia) mette in guardia sui rischi di deterioramento delle condizioni di lavoro e della retribuzione per i lavoratori interessati.

Nelle economie nordiche, le società di piattaforme sono fiorite in particolare nei settori della pulizia, dei trasporti, della consegna di cibo e della traduzione / scrittura. Questi settori tendono ad avere basse barriere all’ingresso, pochi requisiti formali di competenze, bassa densità sindacale e bassa retribuzione.

Lo studio rileva che la pandemia ha evidenziato e accentuato la precarietà delle condizioni di lavoro dei lavoratori delle piattaforme. Questi ultimi sono generalmente considerati lavoratori autonomi o liberi professionisti e quindi non beneficiano di tutele sociali quali indennità di disoccupazione e assenze per malattia. Durante la pandemia di Covid-19, questo significava che per molti lavoratori la scelta era quella di lavorare, rischiando l’infezione, oppure di non lavorare e di non guadagnare denaro.

Il lavoro su piattaforma crea altri problemi legati all’ambiente di lavoro, tra cui la precarietà del lavoro, il lavoro da soli, l’isolamento e il rischio di incidenti. Il lavoro in piattaforma pone anche due problemi specifici di salute e sicurezza sul lavoro: la mancanza di chiarezza sulle responsabilità del datore di lavoro rende difficile determinare chi è responsabile della salute e sicurezza sul lavoro; Inoltre, i lavoratori possono essere esposti a un monitoraggio e una valutazione digitali costanti, che possono essere dannosi per il loro  ambiente psicosociale .

Non è un caso che il lavoro di piattaforma sia emerso all’indomani della crisi finanziaria del 2008 nei paesi nordici, quando il tasso di disoccupazione è aumentato e il tasso di occupazione giovanile è diminuito. Gli shock economici innescati dalla pandemia potrebbero, a causa dell’aumento della disoccupazione, favorire la crescita di modelli di business basati su piattaforme.

 25 total views

La campagna # Rights4Riders sta dando grandi colpi alla spinta agli investimenti di Deliveroo

Fonte :  ITF – International Transport Workers Federation 

Deliveroo e altri motociclisti della consegna di cibo protestano in Italia il 26 marzo, una Giornata mondiale di azione contro Deliveroo. PH Massimiliano Donati / Riders Union Bologna

Traduzione dall’inglese tramite google translator. Confronta con il testo originale

Pochi giorni dopo che i motociclisti hanno annunciato una rete globale istituita dall’ITF, # Rights4Riders , per protestare contro il modello di business dell’azienda, Deliveroo sta affrontando delle battute d’arresto per la sua quotazione IPO alla Borsa di Londra.

Un gran numero di importanti hedge fund hanno dichiarato che non parteciperanno, compresa la gestione di Eden Tree Fund, che ha descritto l’insostenibile modello di business di Deliveroo come equivalente a “una corsa al ribasso con i dipendenti trattati principalmente come risorse usa e getta”.

Anche Legal & General Investment Management, Aviva, Aberdeen Standard, M&G, BMO Global e CCLA hanno affermato che salteranno l’IPO, la maggior parte di loro citando preoccupazioni sui diritti dei lavoratori come motivo per non investire.

Nel frattempo in Italia, dove il 26 marzo migliaia di motociclisti in tutto il paese hanno partecipato a una giornata d’azione globale per motociclisti, il concorrente Just Eat ha firmato un contratto collettivo nazionale con i sindacati italiani che riconosce lo status di dipendente dei motociclisti, con salario minimo garantito, previdenza sociale. , maternità / paternità, indennità di ferie, rimborso spese e diritti sindacali.

Continua a leggere “La campagna # Rights4Riders sta dando grandi colpi alla spinta agli investimenti di Deliveroo”

 25 total views,  1 views today

GB . La minaccia del coronavirus lascia i lavoratori della gig economy “abbandonati e senza un soldo”

Questa notizia proviene dal Sindacato GMB  che organizza molti lavoratori della gig economy, fattorini (riders) e intende rappresentare le migliaia di giovani che lavorano collegati tramite app ad una piattaforma. La situazione generata dal corona virus che in alcuni casi prevede l’autoisolamento dopo contatti con persone a rischio diventa drammatica in quanto questi lavoratori non vengono pagati…. Riteniamo che situazioni simili  succedano anche in Italia, invitiamo i lettori che ne fossero a  conoscenza di segnalarcele. editor 

FONTE IL SINDACATO INGLESE  GMB 

La minaccia del coronavirus sta lasciando i lavoratori dell’economia gigantesca “abbandonati e senza un soldo”, afferma GMB.

I lavoratori nell’economia dei concerti – o a contratto con zero ore – che devono autoisolarsi a causa del coronavirus sono spesso lasciati senza salari e scarso sostegno da parte del loro datore di lavoro.

Un caso recente ha visto un autista addetto alle consegne contattato da un cliente che si considerava ad alto rischio.

L’autista riferì il fatto alla compagnia che gli ordinò di non tornare al lavoro, il che significa che non avrebbe avuto salari .

GMB è intervenuta e la società ha fatto marcia indietro, ma sempre più lavoratori dell’economia dei concerti stanno subendo lo stesso destino.

Mick Rix, funzionario nazionale GMB, ha dichiarato:

“La minaccia del Coronavirus è un grosso problema per i datori di lavoro e i lavoratori in tutto il Regno Unito.

“Ma i lavoratori della cosiddetta economia dei concerti, o con contratti a zero ore, vengono lasciati abbandonati e senza un soldo se devono autoisolarsi.

“Ancora una volta il modello di lavoro autonomo fittizio sta rovinando gli svantaggiati.

“GMB chiede a tutti i datori di lavoro – indipendentemente dal contratto – di fare la cosa giusta e pagare i propri lavoratori se devono prendersi del tempo libero a causa della crisi sanitaria globale”.

 8 total views

Altro che lavoretti: come la gig-economy può incidere sulla salute (anche mentale) di chi lavora

 

Un servizio utile  racconta i disagi e i rischi per chi è “occupato” nei lavoretti, fattorini ( riders che portano i cibi a domicilio ), lavori a chiamata mediati dalle app delle piattaforme.
Segnaliamo questo articolo di Giada Ferraglioni apparso sulla piattaforma OpenOnline  che riporta dati importanti sulla gig-economy e sugli impatti severi sulla salute che questi lavoratori soffrono.

LEGGI L’ARTICOLO SU OPEN.ONLINE

 23 total views