La campagna # Rights4Riders sta dando grandi colpi alla spinta agli investimenti di Deliveroo

Fonte :  ITF – International Transport Workers Federation 

Deliveroo e altri motociclisti della consegna di cibo protestano in Italia il 26 marzo, una Giornata mondiale di azione contro Deliveroo. PH Massimiliano Donati / Riders Union Bologna

Traduzione dall’inglese tramite google translator. Confronta con il testo originale

Pochi giorni dopo che i motociclisti hanno annunciato una rete globale istituita dall’ITF, # Rights4Riders , per protestare contro il modello di business dell’azienda, Deliveroo sta affrontando delle battute d’arresto per la sua quotazione IPO alla Borsa di Londra.

Un gran numero di importanti hedge fund hanno dichiarato che non parteciperanno, compresa la gestione di Eden Tree Fund, che ha descritto l’insostenibile modello di business di Deliveroo come equivalente a “una corsa al ribasso con i dipendenti trattati principalmente come risorse usa e getta”.

Anche Legal & General Investment Management, Aviva, Aberdeen Standard, M&G, BMO Global e CCLA hanno affermato che salteranno l’IPO, la maggior parte di loro citando preoccupazioni sui diritti dei lavoratori come motivo per non investire.

Nel frattempo in Italia, dove il 26 marzo migliaia di motociclisti in tutto il paese hanno partecipato a una giornata d’azione globale per motociclisti, il concorrente Just Eat ha firmato un contratto collettivo nazionale con i sindacati italiani che riconosce lo status di dipendente dei motociclisti, con salario minimo garantito, previdenza sociale. , maternità / paternità, indennità di ferie, rimborso spese e diritti sindacali.

Continua a leggere “La campagna # Rights4Riders sta dando grandi colpi alla spinta agli investimenti di Deliveroo”

AUSTRALIA : DELIVEROO RIDERS INVOKE TOUGH WORKPLACE HEALTH & SAFETY LAWS

Nota di Editor. Pubblichiamo, dal sito del Sindacato australiano, questo comunicato sulle iniziative dei Riders australiani, i fattorini che consegnano cibo ed altro in bicicletta o in moto,  “assunti” dalla compagnia Deliveroo. Ci scusiamo per qualche imperfezione della traduzione assistita da Google Translator.

TESTO ORIGINALE ALLA FONTE >>>  TWU.COM.AU 

1 novembre 2019

Oggi i riders ciclisti che consegnano cibo hanno inviato lettere a Deliveroo chiedendo che la società si attenga alle rigide leggi sulla salute e sicurezza sul lavoro per aiutare a fronteggiare i rischi pericolosi che devono affrontare, tra cui collisioni con automobili, cadute letali dalle loro biciclette e stress termico.

L’azione arriva quando quattro fattorini della consegna di cibo sono morti mentre lavoravano.

Deliveroo ha solo 14 giorni per conformarsi alla legge sulla salute e la sicurezza sul lavoro (2011) che consentirà ai lavoratori di istituire gruppi di lavoro e di eleggere rappresentanti per la salute e la sicurezza, che avranno ampi poteri per far rispettare gli obblighi di sicurezza, incluso il divieto del lavoro non sicuro.

A differenza del Fair Work Act, Deliveroo non sarà in grado di negare la sua responsabilità poiché la legge copre tutti i lavoratori, non solo i dipendenti, e pone l’accusa non su un datore di lavoro diretto tradizionale ma su chiunque “conduca un’attività o un’impresa” in relazione al lavoro .

“Oggi i ciclisti hanno fatto un passo coraggioso verso Deliveroo la loro sicurezza sul lavoro sia presa in considerazione. Questa azienda ignora la sicurezza. Oggi i ciclisti affermano che la sicurezza è importante e che desiderano che Deliveroo rispetti la legge, dia loro l’attenzione sulla sicurezza che desiderano e consentano loro di eleggere i propri rappresentanti della sicurezza. Il problema della sicurezza per i riders mostra la necessità di una regolamentazione generale su tutti gli aspetti del lavoro. Il governo federale ha scelto di non regolamentare la gigs economy e quindi i lavoratori vengono feriti, messi a rischio, negati i salari minimi, negato il congedo per malattia e non hanno il diritto di contestare licenziamenti ingiusti. I ciclisti sono di nuovo costretti ad adottare un approccio frammentario e ad affrontare queste aziende una per una e ad ogni singolo problema ”, ha dichiarato il segretario nazionale della TWU Michael Kaine.

I ciclisti ricevono istruzioni minime e nessuna formazione quando assumono il lavoro, non dispongono di adeguati dispositivi di protezione e, a causa del sistema di classificazione per ottenere turni, devono intraprendere il lavoro anche se sono malati o se le condizioni sono pericolose, come durante i temporali e calore estremo.

Deliveroo ha recentemente annunciato di aver intrapreso iniziative con lavoratori scelti dall’azienda. Le leggi WHS richiederebbero all’azienda di andare molto oltre e garantire che i rappresentanti della sicurezza siano scelti dai lavoratori, non dall’azienda.

Il passaggio alla sicurezza arriva quando la TWU ha chiesto che i lavoratori della gig economy entrino automaticamente in un sindacato, per garantire che abbiano protezioni e supporto contro lo sfruttamento e i rischi per la sicurezza.

“Da quando è arrivato in Australia, Deliveroo ha privato i lavoratori dei loro diritti: non ci sono tariffe orarie garantite, le distanze di consegna sono aumentate causando un calo del 30-40% della retribuzione e la società ha licenziato i lavoratori senza preavviso o la possibilità di presentare ricorso. Mentre le nostre leggi industriali stanno facilitando la rimozione dei diritti, le leggi sulla salute e la sicurezza sul lavoro sono solide e ci aspettiamo che Deliveroo sia ritenuto responsabile della sicurezza “, ha aggiunto.

I rider dicono che il lavoro è pericoloso e che i ciclisti hanno bisogno di protezione.

“Siamo in viaggio in condizioni pericolose, maltempo, traffico nelle ore di punta e di notte. Non abbiamo protezioni o diritti come congedi per malattia o indennità quando qualcosa va storto. Siamo persino spinti a continuare anche se ciò rappresenta un rischio per la nostra sicurezza, altrimenti potremmo avere difficoltà a trovare lavoro in futuro. I motociclisti vengono spesso feriti e alcuni sono persino stati uccisi sul posto di lavoro. Chiediamo a Deliveroo di intensificare i suoi obblighi legali per proteggere i lavoratori in modo da poter tornare a casa sani e salvi alla fine di ogni turno ”, ha dichiarato Marcello.

L’Unione dei lavoratori dei trasporti e i ciclisti delle consegne hanno esposto lo sfruttamento negli ultimi due anni, formando un gruppo chiamato Delivery Riders Alliance.

Un sondaggio tra i ciclisti che consegna cibo mostra che tre su quattro sono pagati al di sotto delle tariffe minime. Quasi il 50% dei ciclisti era stato ferito sul posto di lavoro o conosceva qualcuno che aveva subito incidenti.