Un rapporto sul caporalato in Europa mostra la condizione dei braccianti in Italia, Spagna e Grecia

Fonte : Ambiente Lavoro 

L’associazione Terra! presenta il nuovo rapporto “E(U)xploitation” sul caporalato in Europa. Lavoro grigio, assenza di contratti, sfruttamento sessuale, violenza ed emarginazione, il rapporto mostra la drammatica condizione dei braccianti in Italia, Spagna e Grecia.

In Italia il caporalato viene solitamente raccontato come un tema di cronaca interna, una questione preoccupante che affligge in particolare il Sud. Con questo rapporto, l’associazione Terra! scardina la narrativa convenzionale per calare il fenomeno in un contesto più ampio, quello europeo.

Il rapporto E(U)xploitation è un viaggio in Italia, Spagna e Grecia fatto per restituire una fotografia che oltrepassi la cronaca e renda più evidenti le cause profonde dello sfruttamento lavorativo in agricoltura. Cause che si annidano nella fragilità delle economie dell’Europa meridionale, nell’atomizzazione del settore agricolo alle prese con le pressioni della grande distribuzione e dei grossisti.

Il rapporto è un importante compendio delle tante disfunzioni, spesso comuni, delle filiere agricole dell’Europa mediterranea, un documento di denuncia ma anche di analisi. Un testo per il pubblico e per la politica, che deve trovare al più presto una soluzione europea a questa piaga.

Il rapporto e le inchieste sono stati realizzati con il sostegno di Open Society Foundations.

Terra! è una associazione ambientalista impegnata dal 2008 a livello locale, nazionale e internazionale in progetti e campagne sui temi dell’ambiente e dell’agricoltura ecologica. Lavora in rete con associazioni, comitati e organizzazioni della società civile per difendere le risorse naturali e promuovere un modello di sviluppo fondato sul rispetto degli ecosistemi.

Scarica il Rapporto dell’Associazione Terra  sul Caporalato 

Aggiornamenti rapidi Covid-19 al 5 gennaio 2021

Riportiamo in forma sintetica i dati della pandemia su scala europea. I dati sono significativi, non sono necessari commenti. Per coloro che si lamentano per le restrizioni decretate dal governo italiano suggeriamo di leggere le prescrizioni del governo inglese. Editor

 

Italia

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 88
5 Gennaio 2021Il Consiglio dei Ministri si è riunito lunedì 4 gennaio 2021, alle ore 21.55, a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Riccardo Fraccaro.  PREVENZIONE DEL CONTAGIO DA COVID-19

 

Germania 

I dati delle curve epidemiche in Germania suddivisi per Laender dal Rapporto del giorno 4 gennaio 2021. Fonte Robert Koch Institute RKI.DE

Francia 

Tavole sui dati delle curve epidemiche in Francia Fonte: Governo. 

Spagna

Tavole sui dati delle curve epidemiche in Spagna. Fonte: Governo 

Inghilterra

 

Aggiornamenti COVID – 19  dal Centro Controllo Malattie Agenzia EuropeaOMS. Rapporti di situazione sulla malattia di coronavirus (COVID-2019)

MAPPA GLOBALE CASI COVID-19

 

 

Tradimento delle vittime dell’amianto in Spagna

Fonte IBAS International Ban Amianto Secretariat 

30 novembre 2020

I lavoratori ammalati a causa  dell’amianto in Spagna hanno ricevuto un altro schiaffo all’inizio di questo mese (novembre 2020) quando un tribunale commerciale di Madrid ha confermato una richiesta aziendale di mettere Coemac – il proprietario dell’ex gigante dell’amianto del paese Uralita – in bancarotta volontaria. 1 Il 30 gennaio 2020 Coemac aveva chiesto tutela giurisdizionale ai suoi creditori, riconoscendo di non disporre di liquidità sufficiente per far fronte alle proprie passività; la società ha contestato le pretese derivanti dalla produzione di materiali da costruzione in cemento-amianto da parte di Uralita. Il giorno successivo (31 gennaio 2020), la negoziazione delle azioni Coemac è stata sospesa dalla Borsa di Madrid.

Continua a leggere “Tradimento delle vittime dell’amianto in Spagna”

Spagna. Ricerca ISTAS – CCOO . I bassi salari rendono più facile per più persone andare a lavorare con i sintomi

Fonte ISTAS.ES 

Ven, 07/10/2020 – 08:24
BERTA CHULVI
Fascicolo

Secondo i dati dell’indagine COTS, la percentuale di persone che si sono recate a lavorare con sintomi quali febbre, tosse, mancanza di respiro o malessere generale durante lo stato di allarme decretato dalla pandemia COVID-19, è quasi doppia tra coloro che affermano che il loro stipendio permette loro di coprire le necessità domestiche solo “qualche volta” (18,2%), rispetto a chi può farlo sempre o più volte (10,5%). L’indagine COTS è stata condotta da ISTAS-CCOO e dal gruppo POWAH dell’Università Autonoma. 

donna stanca

Un totale di 20.328 persone che al 14 marzo avevano un contratto di lavoro hanno partecipato, tra il 29 aprile e il 28 maggio, all’indagine “Condizioni di lavoro, insicurezza e salute nel contesto di COVID-19” (COTS ) svolto da ISTAS-CCOO e dal gruppo POWAH dell’Università Autonoma di Barcellona. Di questi, il 37,8% dichiara di essere andato a lavorare regolarmente durante lo stato di allarme. Di quel gruppo, il 13,1% afferma di averlo fatto ad un certo punto con sintomi come febbre, tosse, difficoltà respiratorie o malessere generale. Questo dato è più alto tra coloro che lavorano in settori considerati essenziali (14,2%) rispetto ai non essenziali (6,4%) e raggiunge il 18,1% tra le persone che hanno svolto compiti di servizio pubblico durante la pandemia (18 , 1%). (figura 9). D’altra parte, 

grafico 9

 

Anche la percentuale di persone che si sono recate a lavorare con sintomi era superiore al 13,1% complessivo in alcune occupazioni: molto più alta nella sanità sociale (1 partecipante su 4 tra gli assistenti infermieristici e un po ‘meno tra gli assistenti geriatrici e il personale infermieristico) ma anche tra il personale dei negozi di alimentari e di prima necessità, mercati e supermercati (17,2%) e delle pulizie (16,4%) (figura 11)

grafico 11 Continua a leggere “Spagna. Ricerca ISTAS – CCOO . I bassi salari rendono più facile per più persone andare a lavorare con i sintomi”

Spagna: legge sull’eliminazione dell’amianto in Catalogna

 

Fonte IBAS

Il 17 novembre 2020, il Consiglio esecutivo del governo della Catalogna ha approvato il progetto di legge per l’eradicazione dell’amianto. In una conferenza stampa, il ministro regionale della Presidenza e portavoce del governo Meritxell Budó ha spiegato che la nuova legge proteggerà il pubblico e i lavoratori dalle esposizioni tossiche. Le questioni chiave che devono essere affrontate Budó ha affermato che l’ubiquità del materiale di amianto in tutta la regione – stimata in 4 milioni di tonnellate – un vuoto di informazioni e una mancanza di legislazione che imponga la rimozione dell’amianto. Sarà effettuata una consultazione pubblica e saranno consultati consulenti specializzati. Vedi: Catalunya empieza a elaborar una ley de retirada del Amianto [La Catalogna inizia a redigere una legge sulla rimozione dell’amianto].

Il Coronavirus, visto da Barcellona

Autore : Steven Forti

Fonte Newsletter  ilMulino online 

La Spagna è ormai il secondo Paese europeo, dopo l’Italia, per numero di contagi. La crescita è esponenziale, rapidissima. Madrid è il principale focolaio e la situazione inizia a essere davvero drammatica nella capitale: i racconti di medici e infermieri sono purtroppo simili a quello che stiamo vedendo in Lombardia. Mancano posti letto, mascherine e materiale sanitario. I malati muoiono senza nessun familiare che li possa assistere. Un’infermiera ha chiesto alla popolazione di scrivere delle lettere per far sentire le persone ricoverate meno sole. Mi ha ricordato le madrine di guerra. Perché, sì, siamo davvero in tempo di guerra. Una guerra, però, dove il nemico non è alle porte. Non c’è un fronte: il nemico è tra noi. Invisibile.

Continua a leggere “Il Coronavirus, visto da Barcellona”

ISTAS avvia il progetto “Cambiamenti climatici e mondo del lavoro”

FONTE  ISTAS

L’obiettivo di questo progetto è promuovere il ruolo dei lavoratori come agenti di cambiamento nell’adattamento dei settori produttivi al riscaldamento globale. Questo progetto ha il sostegno del Ministero per la transizione ecologica attraverso la Fondazione Biodiversità.

L’impatto del cambiamento climatico comporterà processi di trasformazione, riconversione e adattamento in tutte le attività produttive, con maggiore intensità in quei settori più esposti ai suoi effetti, come silvicoltura, carta chimica, sanità, turismo, edilizia e acqua. I lavoratori sono un potente agente del cambiamento, quindi è essenziale sapere quali sono le percezioni, gli atteggiamenti e le opinioni dei lavoratori e dei loro rappresentanti legali di fronte ai cambiamenti climatici. Ciò contribuirà all’elaborazione di politiche e misure di adattamento, nonché alla loro successiva comprensione e applicazione. Aiuterà inoltre le amministrazioni, le società e i sindacati a pianificare la loro risposta e il loro adattamento alle condizioni derivate dal cambiamento climatico,

Gli obiettivi e le linee d’azione di questo progetto sono:

  • Sviluppare un’analisi sociologica del lavoro per conoscere le percezioni e i comportamenti dei lavoratori e dei loro rappresentanti legali di fronte ai cambiamenti climatici, nonché i loro livelli di consapevolezza e informazione al riguardo.
  • Promuovere lo sviluppo di proposte e strategie per l’adattamento ai cambiamenti climatici.
  • Facilitare gli spazi per lo scambio e il dibattito tra i lavoratori e i loro rappresentanti, nonché altri agenti sociali coinvolti nelle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici dei settori produttivi.
  • Diffondere i risultati del progetto e promuovere l’assunzione delle competenze ambientali da parte dei lavoratori e dei loro rappresentanti nei settori più colpiti.

Per lo sviluppo dell’analisi sociologica del lavoro, l’ISTAS condurrà un’indagine quantitativa tra almeno 1.000 lavoratori e rappresentanti sindacali di diversi settori economici, oltre a condurre gruppi di discussione e interviste approfondite con informatori chiave e quadri sindacali.

Il lancio del progetto coincide con il mese di mobilitazioni attorno al World Climate Strike e la campagna “Boosts the Transition” guidata da Commissioni di lavoro che persegue gli obiettivi di un’azione per il clima e l’ambiente decisi sul posto di lavoro.

Questo progetto ha il sostegno del Ministero per la transizione ecologica attraverso la Fondazione Biodiversità  Logo della Fondazione Biodiversità

Con il supporto di:

Loghi Saludapt