Salute e sicurezza : quale formazione ? Le proposte CIIP da CIIP – Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Informazioni sull’evento

Evento organizzato per fare il punto sulla formazione nel campo della sicurezza e salute con le proposte CIIP sul tema

Informazioni sull’evento

Tra le modifiche al D.Lgs. 81/08 introdotte dalla legge 215/21 assume un rilievo particolarmente importante la previsione di un nuovo Accordo Stato – Regioni sulla formazione delle figure aziendali della prevenzione, volto a superare le diverse criticità emerse dalla esperienza di questi anni.

La modifica del comma 2 dell’art. 37 del D.Lgs. 81/08 stabilisce che, entro il 30 giugno 2022, la Conferenza Stato – Regioni adotterà un nuovo Accordo con lo scopo di accorpare gli Accordi attualmente vigenti e rivisitarli con particolare attenzione alla formazione dei datori di lavoro e alle modalità per la verifica di efficacia di tutti i percorsi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Il gruppo di lavoro “formazione” di CIIP già da tempo è intervenuto su questi temi, peraltro, anche proponendo l’accorpamento e la rivisitazione degli Accordi come oggi previsto, e ha elaborato diverse proposte proprio al fine di migliorare l’efficacia della formazione su questi temi.

In questo evento verranno presentate le proposte di CIIP più recenti al fine di favorire un confronto preventivo tra le istituzioni e le parti sociali.

Data e ora

gio 28 aprile 2022

09:00 – 13:00 CEST 

Per le info e la registrazione vai su  Eventbrite

INTRODUZIONE E RICORDO DI RINO PAVANELLO

  • Susanna Cantoni Presidente CIIP

PRIME PROPOSTE DI CIIP SULLA FORMAZIONE DELLE DIVERSE FIGURE AZIENDALI IN TEMA DI SALUTE

 

  • Norberto Canciani – Coordinatore del gruppo di lavoro Formazione di CIIP

 

Ne discutono: Continua a leggere “Salute e sicurezza : quale formazione ? Le proposte CIIP da CIIP – Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione”

 437 total views,  1 views today

MORTI DI LAVORO : PERCHE’ TANTO STUPORE ?

Operaio fonditore, Montevideo Uruguay , 2013 foto GiErre 

 

di Leopoldo  Magelli , past-President SNOP

Prima di entrare nel merito, si impone una premessa, visto che dedicherò molto spazio al possibile ruolo dei servizi di prevenzione e vigilanza delle aziende USL (li chiamerò SPSAL all’emiliana, per brevità, ma intendo i PISSL, gli SPISAL, le UOTSSL, ecc.) : occorre esplicitare un elemento che cozza contro quello che nella vulgata comune è considerato un dato di fatto certo ed acquisito,  ovvero che il problema degli infortuni sul lavoro si risolve potenziando, quali- e quantitativamente, le attività di vigilanza degli organi preposti (mettiamoci pure anche l’Ispettorato del Lavoro). In realtà, che quello che gli SPSAL possono fare è operare  solamente sul terreno della riduzione del danno (per usare un termine mutuato dagli interventi sulle tossicodipendenze …). Con questo intendo dire che il problema “di salute” (e sicurezza) è sistemico e strutturale , mentre l’intervento degli SPSAL si gioca nel campo della “sanità” , e quindi può intervenire solo limitatamente sulla reale e drammatica realtà del fenomeno della mancata tutela della salute nei luoghi di lavoro. Ciò naturalmente non vuol dire che si debba dare per persa la battaglia, o che il lavoro degli SPSAL sia inutile ed irrilevante, vuol dire avere la chiara percezione della limitatezza (per non dire marginalità) del ruolo degli SPSAL ed avere il coraggio e l’onestà intellettuale di esplicitarlo apertamente, anche per non illudere i nostri interlocutori (dico ancora “nostri” perché mi sento ancora parte della comunità degli operatori) e per non ritenere risolutivi tutti gli interventi migliorativi  giustamente e puntualmente individuati in diversi documenti della SNOP, della CGIL medici, dei sindacati, ecc. : magari si riuscisse a conseguire anche solo una parte degli obiettivi che essi traguardano !

Continua a leggere “MORTI DI LAVORO : PERCHE’ TANTO STUPORE ?”

 2,745 total views

Ha ragione Papa Francesco : ” basta morti sul lavoro, impegnamoci per questo”

Autore:   Marco Bazzoni, operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, Firenze
Nei primi 10 mesi dell’anno, secondo i dati Inail ci sono state 1017 denunce di infortunio mortale sul lavoro.
Ho citato pochissimi numeri, e vi spiegherò il perchè.
Quando si parla di queste tragedie, spesso si parla sempre e solo di numeri.
Credo fortemente che chi muore sul lavoro, non debba essere ricordato da statistiche piene zeppe di numeri.
Basta parlare di numeri, quelle sono persone.
Che avevano degli affetti, che avevano degli hobby, che avevano degli amici, che avevano una vita!

 1,220 total views

Convegno Regionale RLS – I Cancerogeni occupazionali: vecchi e nuovi rischi

CONVEGNO REGIONALE RLS

“I Cancerogeni occupazionali: vecchi e nuovi rischi”

6 DICEMBRE 2021 ORE 9-16

Il prossimo 6 dicembre si terrà il Convegno Regionale per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza in modalità webinar.

Il convegno approfondirà il tema dei Cancerogeni occupazionali e delle malattie professionali soffermandosi sui comparti lavorativi maggiormente a rischio.

Interverranno esperti della materia tra i quali si segnala: l’assessore alla Salute Simone Bezzini, l’ex Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Firenze Beniamino Deidda, la dott.ssa Lucia Miligi, la dott.ssa Cristina Aprea, il Presidente di Anmil Alessandro Grassini.

Perla consultazione del programma della giornata e per l’iscrizione al convegno si segnalano i link seguenti

Portale di Regione Toscana: https://www.regione.toscana.it/-/convegno-regionale-rls
Programma della giornata: https://www.regione.toscana.it/documents/10180/17345943/brochure%20Convegno%20Rls%2006-12-2021.pdf/341006d2-381b-3f93-e4f9-ab256b09a37a
Modulo online per iscrizione entro e non oltre il 2 dicembre 2021: http://159.213.95.27/toscana_centro/catalogo/phpfile/iscrizione.php?idPubblicazione=1110002617

La Rete Regionale Toscana RLS

 659 total views

Prime note sui provvedimenti su salute e sicurezza sul lavoro inserite nel cosiddetto Decreto fiscale di Mauro Valiani

 

Diario Prevenzione mette a disposizione uno spazio dedicato agli approfondimenti e al confronto sui provvedimenti su salute e sicurezza inseriti dal Governo contenuti nel cosiddetto decreto fiscale Pubblichiamo come primo contributo queste note che ci ha inviato Mauro Valiani. Invitiamo gli Operatori dei Servizi delle ASL, Ispettori del Lavoro, sindacalisti , RLS e Rlst e quanti lo vorranno a inviarci approfondimenti, commenti, riflessioni sullo stato dell’arte e sugli effetti che avranno questi provvedimenti. I files degli articoli in formato doc o pdf vanno inviati al seguente indirizzo: praxis.mailbox@gmail.com

 

 

Concordo con il commento di Gino Rubini (“Un cambiamento denso di significati e di preoccupanti interrogativi per chi si occupa di salute e sicurezza nel lavoro”, ). Ritenendo necessario lo sviluppo di un approfondimento sul tema, aggiungo qualche ulteriore osservazione. >>> segue

Per scaricare il file pdf dell’articolo di Mauro Valiani clicca QUI 

nota_valiani201021

 

 601 total views

Lunghe ore di lavoro uccidono più lavoratori che gli infortuni

Fonte: Health Policy Watch 

18/09/2021 • Kerry Cullinan

I maggiori killer dei lavoratori sono gli ictus e le malattie cardiache associate a lunghi orari di lavoro – oltre 55 ore a settimana.

Questo è secondo un rapporto congiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), la prima valutazione comparativa globale del rischio del carico di malattia correlato al lavoro, pubblicato venerdì.

Le malattie associate a lunghi orari di lavoro hanno rappresentato quasi il 40% dei decessi globali nel 2016, circa 750.000 decessi. Le persone del sud-est asiatico e del Pacifico occidentale, gli uomini e le persone con più di 54 anni erano più a rischio.

Gli infortuni sul lavoro sono stati la prima causa di morte dei lavoratori, rappresentando il 19,4% dei decessi (360.000 decessi) – circa la metà dei decessi causati da lunghe ore di lavoro. I lavoratori più a rischio di infortuni sono stati quelli dei settori edile, dei trasporti, manifatturiero e agricolo.

L’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico (particolato, gas e fumi) è stata responsabile di 450.000 morti.

L’articolo prosegue alla fonte:  Long Working Hours Kill More Workers Than Injuries

 788 total views,  2 views today

Presentazioni delle relazioni svolte al Seminario Casa RLS Milano . “Le misure di prevenzione in epoca Covid: quale ruolo del RLS? “

FONTE : C.I.I.P 

Le misure di prevenzione in epoca Covid: quale ruolo del RLS?
Seminario on line
giovedì 24 giugno 2021 Ore 9.30 – 12.30

promosso da La casa degli RLS

9.30 – ingresso partecipanti

9.45 – Introduzione al tema: come riaffermare il ruolo del RLS in tempi di emergenza, quali esperienze e quali criticità
Modesto Prosperi – Gruppo promotore “Casa degli RLS”

10.00 – Cos’è il rischio biologico per i non addetti ai lavori: ce ne parla il coordinamento sanità
Margherita Napoletano e Claudia Moro – coordinamento RLS Sanità e Gruppo promotore “Casa degli RLS”

10.30 – Cosa sono le misure di sanificazione e igienizzazione
Irma Capelli e Caterina Masia – ATS Milano Città Metropolitana

11.00 – Come affrontare il tema dei ricambi d’aria
Paolo Vallauri e Roberto Salicco – ATS Milano Città Metropolitana

11.30 – Come gestire il tema degli spazi, delle distanze, dei luoghi comuni e di servizio
Flavio Acquati – Gruppo promotore “Casa degli RLS”

12.00 – Impariamo dall’esperienza: quale modello di organizzazione ci dovrebbe insegnare l’emergenza
Tiziana Vai – Gruppo promotore “Casa degli RLS”

12.30 – Proposta della “lavagna in cloud” e chiusura dei lavori
Elio Gullone – Gruppo promotore “Casa degli RLS”

PARTECIPAZIONE GRATUITA

 929 total views

Archiviato: RLS

Etui -Manuale per i rappresentanti dei lavoratori europei

Questo manuale di formazione, in lingua francese,  affronta due gravi forme di ostruzione che una direzione aziendale può utilizzare per bloccare il flusso di informazioni. Prima di tutto, la direzione può qualificare le informazioni come “riservate”, vietando così al comitato aziendale europeo (CAE) di condividere queste informazioni con altri (inclusi i dipendenti che rappresenta i comitati aziendali locali). La direzione può anche utilizzare la clausola specifica della normativa (articolo 8 della direttiva CAE di rifusione e il suo recepimento nella legislazione nazionale) che le consente di non divulgare affatto le informazioni, perché la divulgazione di tali informazioni potrebbe danneggiare l’azienda.

In pratica, come mostrano i risultati del recente sondaggio dei membri CAE, molti CAE incontrano serie difficoltà nell’esercizio dei loro diritti legali fondamentali e nell’adempimento della loro missione. In questo manuale, spiegheremo come i comitati aziendali possono distinguere tra richieste giustificate e ingiustificate della direzione, come possono contestare gli argomenti della direzione se la direzione tenta di utilizzare queste clausole in modo inappropriato e come i CAE possono impedire che ciò accada di nuovo in futuro.

 

 359 total views

ILO – OMS : Prevenire e mitigare COVID-19 al lavoro

FONTE ILO 

L’ILO e l’OMS pubblicano un brief che fornisce una rassegna della letteratura sulle caratteristiche comuni dei luoghi di lavoro più colpiti dal nuovo coronavirus e le misure più efficaci adottate dai paesi per prevenire e mitigare il COVID-19 sul lavoro. Il brief fornisce una guida pratica alle autorità nazionali e locali, nonché ai datori di lavoro e ai rappresentanti dei lavoratori per l’attuazione delle raccomandazioni dell’OMS e dell’ILO per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2 e gestire i focolai di COVID-19 sul lavoro in ambienti non sanitari.

 694 total views

L’appello di Marco, operaio fiorentino: «Non chiamiamole morti bianche. Non c’è nulla di candido»

 

 

«Ho deciso di lanciare un appello – ha scritto Marco Bazzoni, fiorentino, operaio metalmeccanico e rappresentante dei lavoratori per la sicurezza – perché queste tragedie inaccettabili non vengano più chiamate morti bianche, ma con il termine più appropriato, cioè morti sul lavoro o omicidi sul lavoro.Perché il termine morti bianche è un termine ipocrita, un termine sconcertante ed è un insulto per i familiari e per le vittime del lavoro.Non sono mai morti bianche, quasi fossero candide, immacolate, innocenti, ma dipendono dall’avidità di chi si rifiuta di rispettare anche le minime norme per la sicurezza sul lavoro. Le parole sono molto importanti ed ogni morte sul lavoro merita rispetto. È anche partendo dal linguaggio che si combatte una battaglia per una maggiore sicurezza sul lavoro. Chiedo ai mezzi d’informazione di aderire a questo appello e di rilanciarlo sui loro siti web. Chiunque voglia aderire a questo appello, invii un’email a: marco.bazzoni01@libero.it con nominativo, azienda, qualifica e città». Attenzione ai caratteri: dopo il nome e cognome di Bazzoni, separati da un punto, ci sono due numeri: zero e uno.

Adesioni:
-Beppe Giulietti, Presidente Fnsi
-Piero Damosso, Tg1
-Elisa Marincola, portavoce di Articolo 21
-Coppini Andrea, disoccupato, ex operaio metalmeccanico, Rls. Prato
-Daniele Ranieri RSPP e Coordinatore del gruppo Lass (lavoro ambiente salute sicurezza)del Pd-Roma
-Paolo Berizzi, giornalista, Repubblica
-Stella Lanzilotta, Firenze
-Paolo Ferrario, giornalista, Avvenire
–  Faccio l’avvocato, e l’insegnante al corso “serale” dell’I.T.C.S. “Lorgna-Pindemonte” di Verona: aderisco all’appello, che cercherò di diffonfere, per quanto nelle mie possibilità.
Grazie per il Suo impegno.Daniele Melotti
-Carmelo Sardo, caporedattore Tg5
-Gabriella Geraci, Partita IVA, Psicologa, Roma
-Gianni Alioti, metalmeccanico in pensione, Genova
-Marco Furfaro, Direzione Nazionale, PD
-Dania Mondini, conduttrice Tg1
-Antonella Carcea, rls decathlon, Prato
-Samanta Di Persio, scrittrice
-Forconi Paola dipendente CGIL Firenze, operatrice del patronato Inca
-Francesco Romizi, giornalista e Consigliere. Comunale Arezzo
-Michele Papagna presidente @Acea.odv direttore @Consumietici – Milano
-Di Gregorio Vladimiro, consigliere comunale di Baveno, del Comitato Centrale del PCI.
-Fabrizio Baroncini, Portalettere Poste Italiane, Delegato SLC CGIL
-Renzo Ciani, Pres. Sez. Soci Coop Tavarnelle v.p.
-Marcello Di Martino, ex sindaco e promotore del Premio Di Donato, mi associo al tuo sacrosanto appello!
-Cristina Guerra – Rai Tg1
-Cristina Valdarnini e ho 25 anni.Lavoro come responsabile di vendita e marketing per una ditta orafa ad Arezzo, sono anche studente in tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro.Ho letto il suo appello e vorrei aderire alla campagna.

– Diego Alhaique

– Gino Rubini, editor di Diario Prevenzione

 

 

 379 total views

Disponibili le slide relative al seminario promosso dal SIRS di Ravenna dal titolo “RLS e PANDEMIA- ESPERIENZE E PERCORSI”

 

Dal sito del SIRS informano: ” Sono disponibili le slide relative al seminario promosso dal SIRS di Ravenna dal titolo “RLS e PANDEMIA- ESPERIENZE E PERCORSI” svoltosi il 18 marzo 2021 in modalità webinar.
Il SIRSRER è sempre attivo nonostante la pandemia in atto che ci ha costretto, essendo operatori sanitari, ad occuparci di attività legate al Covid-19 e tale situazione ha sospeso solo le nostre attività in esterno (corsi, seminari, eventi vari).
Auspichiamo quanto prima di poter riprendere le nostre normali attività rivolte ai RLS-RLST
Il materiale è disponibile per il download cliccando sui pulsante sottostanti.”

LE SLIDES DEL SEMINARIO

 1,166 total views

Filcams Modena, inaccettabili provocazioni negazioniste alla Coop

Fonte Collettiva che ringraziamo

“Abbiamo ricevuto nelle ultime settimane delle segnalazioni di gravi episodi avvenuti presso alcuni supermercati di Modena, all’interno dei quali si sarebbero svolte iniziative di provocazione da parte di gruppi di sedicenti ‘no mask’, come amano definirsi alcuni di coloro che fanno parte della galassia dei cosiddetti negazionisti della pandemia da Coronavirus. L’ultimo episodio risale a domenica 18 aprile, quando un gruppo di persone, rigorosamente senza mascherina, si sarebbe recato alla Coop del centro commerciale Grande Emilia, creando disagio e scompiglio presso le casse del punto vendita. Mischiandosi tra i normali clienti, queste persone si sarebbero avvicinate alle casse, provocando e disturbando le cassiere durante il normale svolgimento del proprio lavoro e, come se non bastasse, avrebbero cominciato a tossire e ‘sputacchiare’, senza rispettare una sola norma di sicurezza che, in realtà, sarebbe anche una semplice norma di buona educazione” Così la Filcams Cgil Modena in una nota..

Continua a leggere “Filcams Modena, inaccettabili provocazioni negazioniste alla Coop”

 516 total views,  2 views today

Le vite degli altri . Una sentenza singolare…

Lunedì sera andremo in onda con una vicenda drammatica il cui esito giudiziario urla rabbia per qualsiasi cittadino intellettualmente onesto.
Alle 23:45 del 29 giugno 2009 un treno merci carico di gas GPL deraglia nella stazione ferroviaria di Viareggio e un’onda di fuoco investe e uccide 32 innocenti.
Accanto alla vicenda processuale che vede protagonisti i parenti delle vittime, alla ricerca delle responsabilità ( a vari livelli) dei diversi dirigenti coinvolti, vi sono: Vincenzo Cito, Filippo Cufari, Dante De Angelis, Maurizio Giuntini, Alessandro Pellegatta e Giuseppe Pinto, sei ferrovieri, sei RLS che hanno condiviso la battaglia per la sicurezza, la verità e la giustizia mettendo a disposizione le conoscenze di carattere tecnico (documenti, prove e testimonianze), sia per la formazione delle determinazioni processuali, sia per la divulgazione delle regole di dettaglio del funzionamento del sistema ferroviario, con processi produttivi sconosciuti ai più. Il tutto costituendosi PARTE CIVILE nel processo. Continua a leggere “Le vite degli altri . Una sentenza singolare…”

 800 total views

Strage di Viareggio: dalla Cassazione una sentenza politica, anche contro i lavoratori.

 

La sentenza della Corte di Cassazione sulla strage di Viareggio che ha ribaltato le sentenze di primo grado e dell’appello rappresenta un momento molto triste per la sicurezza sul lavoro nel nostro paese e per la stessa sicurezza dei trasporti.

Riteniamo fondamentale che i RLS che con generosità si sono esposti con la costituzione di parte civile non abbiano a pagare un prezzo economico pesantissimo questo ribaltamento della sentenza della Corte di Cassazione. Seguiremo con attenzione questa vicenda e invitiamo i lettori di Diario Prevenzione a dare il loro contributo materiale per aiutare questi lavoratori che da anni si battono per la sicurezza sul lavoro nelle ferrovie.

editor

 

*****

LA LETTERA DEI RLS

Cari amici,

dopo la sentenza di Cassazione dell’otto gennaio scorso, ci ritroviamo in sei a dover pagare circa 80.000 euro di spese legali e processuali.
Siamo i sei RLS riconosciuti come parte civile, in primo grado e in appello, nel processo per la strage di Viareggio.
La cassazione ha ribaltato la decisione con le conseguenze che potete leggere meglio qui sotto.
Vi chiediamo un impegno sia personale che collettivo per sostenere e divulgare questo nostro appello, in tutti gli ambienti di lavoro, ovviamente anche al di fuori del nostro settore. Chiediamo a partiti, sindacati, associazioni, lavoratori e cittadini singoli e associati, un sostegno solidale per respingere questo attacco frontale al mondo del lavoro che mira a estromettere le rappresentanze dei lavoratori (Sindacati e RLS) dai grandi processi.
Riteniamo che i lavoratori debbano essere informati nel dettaglio di quanto accaduto, sia per un eventuale aiuto diretto che, soprattutto, per la massima divulgazione di questo appello ai propri contatti.
La partecipazione e il coinvolgimento di tutti è essenziale poiché – come leggerete negli allegati – se non affrontata e risolta collettivamente, questa vicenda rischia di divenire un micidiale deterrente alla partecipazione civica dei lavoratori nella difesa dei diritti individuali e collettivi e per la tutela della salute nei luoghi di lavoro, nonché alle battaglie sociali per la sicurezza ferroviaria.

Un saluto a tutti

Vincenzo Cito (Torino), Filippo Cufari (Livorno), Dante De Angelis, (Roma), Maurizio Giuntini (Pisa), Alessandro Pellegatta (Milano), Beppe Pinto (Bologna)

ALLEGATI

1) Il dispositivo della sentenza

2)  Strage di Viareggio: dalla Cassazione una sentenza politica, anche contro i lavoratori. La sicurezza si paga: per noi semplici RLS quasi 80.000 euro di spese legali

 

 860 total views

Riflessioni sul Protocollo del 24 aprile tra responsabilità e contrattazione collettiva a cura di Stefano Biosa (Filcams Bologna) insieme agli Avvocati e Andrea Gaddari e Bruno Laudi.

 

Le riflessioni che seguono hanno per oggetto il  “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid 19 negli ambienti di lavoro” del 24 aprile 2020, sotto il triplice profilo dei rapporti con la contrattazione collettiva, della funzione dei rappresentati dei lavoratori all’interno dei comitati, nonché della responsabilità penale dei membri dei comitati stessi.

LEGGI L’ARTICOLO ALLA FONTE SU INCHIESTAONLINE

 482 total views

Toscana RLS Bollettino dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza n°1 /2020

INDICE

– Rischio biologico: domande frequenti
– Rischio biologico e normativa
– Rischio biologico: obblighi del Datore di Lavoro
– Il rapporto di collaborazione: Medico Competente,
– RSPP e Rappresentante dei Lavoratori per la
Sicurezza
– Rischio di esposizione agli agenti biologici nei
servizi di igiene ambientale
– La Valutazione del Rischio biologico
– Le protezioni individuali dagli agenti Biologici
– Pulizia, sanificazione, disinfestazione, disinfezione
degli ambienti di lavoro
– Il contributo del RLS nella gestione del Rischio
biologico
– Esperienze di monitoraggio del rischio biologico
per gli ambienti di lavoro
– Indirizzi WEB utili
– I referenti della Rete Regionale Toscana RLS
– Campagna di iscrizione e aggiornamento
– Rete Toscana RLS 2020

IL BOLLETTINO RLS TOSCANA 01/2020

 343 total views

Check list   RLS e RLST promossa da Cgil Cisl Uil Lombardia per la valutazione dell’applicazione del Protocollo nazionale su Covid-19

Check list per RLS e RLST di controllo sull’applicazione del Protocollo nazionale prevenzione contagio COVID-19 promossa da Cgil Cisl Uil Lommbardia.
Questa check list, come si afferma da parte dei Segretari di Cgil Cisl Uil Lombardia nella lettera di accompagnamento, è “utile per la verifica del rispetto degli adempimenti previsti dal Protocollo condiviso, sebbene a carattere indicativo e non esaustivo di quanto possibile e necessario attuare”.

La check list promossa da Cgil Cisl Uil Lombardia

 783 total views

Assemblea nazionale delle delegate e dei delegati Fiom-Cgil alla salute e sicurezza sul lavoro -Padova, 5 aprile 2019 ore 10

 

 

Credici. La salute e la sicurezza prima di tutto

Assemblea nazionale delle delegate e dei delegati Fiom-Cgil alla salute e sicurezza sul lavoro

Padova, 5 aprile 2019 ore 10

presso “Four Point Sheraton” Corso Argentina 5

Introduce Maurizio Marcelli, responsabile ufficio Salute e Sicurezza della Fiom-Cgil nazionale

Conclude Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil

 636 total views,  2 views today

Le competenze non tecniche a supporto del ruolo del RLS

 

FONTE C.I.I.P . 

Le competenze non tecniche a supporto del ruolo del RLS
CCP – V.le D’Annunzio 15 – Milano
mercoledì 27 marzo 2019 – ore 9:00-13:00

Seminario CCP Milano

9:00 – Registrazione partecipanti

9:15– Presentazione programma
Gruppo promotore “Casa degli RLS”

9:30 – Un nuovo paradigma della sicurezza
Attilio Pagano – Presidente Associazione italiana Non Technical Skill (AiNTS)

9:55 – Le competenze non tecniche: queste sconosciute
Luca Santopolo – Membro Consiglio Direttivo AiNTS

10:20 – Le competenze non tecniche collegate alle attribuzioni del RLS dettate dall’art.50
Augusto Piazza – Consulente Sportello Ambiente e Sicurezza per RLS Lecco

10:45 – Competenze non tecniche in atto: la consapevolezza situazionale dei lavoratori
Attilio Pagano – Presidente Associazione italiana Non Technical Skill (AiNTS)

11:30 – 11:45 – Pausa caffè e raccolta quesiti

11:45 – Risposte ai quesiti – Testimonianze – Discussione
Gruppo promotore “Casa degli RLS”

13:00 – Chiusura dei lavori

scarica la locandina

Continua a leggere “Le competenze non tecniche a supporto del ruolo del RLS”

 558 total views

La promozione del ruolo di RLS e RLST nella sicurezza sul lavoro in Agricoltura – Convegno 5 dicembre Termoli

Università degli Studi del Molise
Inail
Regione Molise

La promozione del ruolo di RLS e RLST nella sicurezza sul lavoro in Agricoltura e la responsabilità sociale d’impresa. IIa Edizione

5 dicembre 2018 Auditorium Cosib
via Enzo Ferrari 10 Zona Industriale
Termoli

IL PROGRAMMA DEI LAVORI

 709 total views,  4 views today

I dati sulla collaborazione tra RLS, RSPP e medici competenti

 

FONTE AIFOS.ORG 

I risultati della ricerca dell’Associazione AiFOS del 2018 sulla collaborazione tra i principali soggetti coinvolti nella sicurezza aziendale. I dati, pubblicati nel Rapporto AiFOS 2018, saranno analizzati in un convegno a Roma che si terrà il 5 dicembre.

 

È evidente che nel contesto dinamico ed estremamente variegato del mondo del lavoro attuale sia sempre più importante che i vari attori della salute e sicurezza sul lavoro collaborino attivamente ed efficacemente all’obiettivo di ridurre infortuni e malattie professionali. Tuttavia benché il modello prevenzionale collaborativo sia presente nella normativa nazionale, con riferimento ad esempio al D.Lgs. 81/2008, molte esperienze e ricerche hanno mostrato in questi anni come nei luoghi di lavoro spesso non ci sia una sufficiente collaborazione tra operatori come gli RSPP (Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione), gli RLS (Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza) e i medici competenti.

 

Qual è la relazione nelle aziende tra RSPP, RLS e medico competente?  E quali sono le difficoltà più riscontrate?

Continua a leggere “I dati sulla collaborazione tra RLS, RSPP e medici competenti”

 858 total views

Seminario ” Gli RLS a 10 anni dall’approvazione del Testo Unico : punti di forza e di debolezza di una figura centrale nel sistema della prevenzione”

 
Stefano Fusi , Tecnico Prevenzione – Dipartimento della Prevenzione AUSL Toscana Centro
Il seminario , svolto il 22 giugno  2018 all’ Auditorium CTO a  Firenze , e’ stato  promosso dal Dipartimento della Prevenzione dell’AUSL Toscana Centro assieme a  CGIL – CISL – UIL  e rientra nell’attività programmata della Rete Regionale RLS della Regione Toscana .

 

 468 total views

La dignità sul lavoro

Lisanna Billeri, Tecnico della Prevenzione – Unità Funzionale PISLL zona Valdinievole , Dipartimento della Prevenzione, AUSL Toscana Centro

Esiste una continua strage, taciuta, poco pubblicizzata, ed è la strage delle cosiddette “morti bianche”, gli infortuni sul lavoro, una strage che conta migliaia di lavoratori che muoiono sul posto di lavoro, il più alto numero in Europa. L’Italia ha questo primato di cui non si può certo andare fieri e di cui non si sente parlare, neanche in periodo elettorale.
Gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali hanno inevitabilmente implicazioni di carattere sociale e giuridico, perché “non c’è niente che sia più contrario al diritto ed ai valori di una Costituzione fondata sul lavoro, della constatazione che ancora sul lavoro si muore senz’altra colpa che quella di esercitare un diritto e di adempiere al dovere di svolgere un’attività lavorativa” [cit. dott. Beniamino Deidda].

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE  ASF TOSCANA

 737 total views