Vai al contenuto

 

Il periodico curato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto dedica un articolato approfondimento al settore del legno che è uno dei principali settori di attività del sistema manifatturiero italiano, con il 14,5% delle imprese, l’8,6% degli addetti e il 4,7% del fatturato; secondo per rischio di infortunio solo a quello della metallurgia.

Trenta casi mortali nel quinquennio 2014-2018. Gli infortuni sul lavoro denunciati nel solo settore del legno (taglio e fabbricazione di prodotti) nel 2018 hanno fatto segnare un lieve aumento (+0,7%) rispetto all’anno precedente, ma sono comunque in calo dell’8,7% rispetto alle denunce presentate nel 2014. Concentrando l’analisi sui casi riconosciuti dall’Inail, il decremento è ancora più rilevante. I 2.927 infortuni accertati nel 2018, infatti, sono in diminuzione del 4,3% rispetto ai 3.060 del 2017 e del 16,2% rispetto ai 3.493 del 2014. Nel quinquennio 2014-2018 i casi mortali riconosciuti sono stati 30.

Più infortuni nelle regioni settentrionali. Il 93,7% degli infortuni accertati si è verificato in occasione di lavoro e solo il restante 6,3% in itinere, nel tragitto di andata e ritorno tra la casa e il luogo di lavoro. A livello territoriale, i casi di infortunio si concentrano soprattutto al Nord e, in particolare, nel Nord-Est, con il 42,5% degli infortuni totali. Più di otto infortunati su 10 sono di nazionalità italiana, seguiti dai lavoratori provenienti da Marocco (2,7%), Romania e Albania (2,6% per entrambe).

In quasi un incidente su due sono le mani a subire lesioni. Le parti del corpo che subiscono principalmente le lesioni provocate dagli infortuni sono le mani (quasi il 47% dei casi totali), mentre la tipologia delle lesioni comprende ferite (38,9% dei casi), contusioni (20,3%) e lussazioni (15,9%). In più della metà dei casi l’infortunio è stato causato da un movimento scoordinato o dalla perdita di controllo di un utensile, mentre gli incidenti causati dal contatto con un agente materiale tagliente sono pari al 21,7%.
Il picco avviene nella seconda ora del turno di lavoro. Tra i giorni lavorativi, l’inizio della settimana risulta essere più a rischio. Tra il lunedì e il mercoledì, infatti, si è registrata una percentuale costante di infortuni del 20%, che scende al 18% il giovedì e il venerdì, con un residuo 4% il sabato. Gli infortuni si sono verificati in prevalenza all’inizio del turno lavorativo, con il picco nella seconda ora di lavoro (14,6%).....

LA NEWSLETTER CONTINUA  >>> QUI

 

La richiesta di un maggiore numero di controlli improvvisi, non programmati, appare essere l'unico rimedio che lavoratori e sindacalisti rivolgono direttamente ai responsabili dei Servizi delle Asl o nelle dichiarazioni alla stampa dopo un incidente grave o mortale sul lavoro.
Questo avviene spesso perché, verosimilmente, non vi è una adeguata conoscenza su cosa servano i controlli dei Servizi di Prevenzione delle Asl. Questo fenomeno, la reiterata richiesta di controlli generici si è verificata anche dopo la tragica morte di un lavoratore nella linea M4 di Milano. Riportiamo sia l'articolo di Repubblica Milano sia la lettera aperta che la Dott.ssa Susanna Cantoni ha inviato alle OO.SS e ad altri interlocutori. Nella lettera vengono illustrati con chiarezza e utilmente quali siano i diversi fattori e ambiti sui quali deve intervenire in forma preventiva l'azienda tramite un'accurata valutazione dei rischi, la formazione adeguata dei lavoratori, la corretta programmazione dei lavori …
Vi è senz'altro la necessità che anche i sindacalisti si aggiornino rispetto alla funzione e all'efficacia degli strumenti istituzionali come le ispezioni e la vigilanza da parte delle ASL nei luoghi di lavoro.

Documenti

Modello Milano anche nei cantieri (Repubblica Milano)

Alcune riflessioni sul gravissimo infortunio nel cantiere di M4. (Lettera della Dott.ssa Susanna Cantoni ) 

Riflettori puntati sull'industria del vetro

Il file numero 812 della rivista Travail & Sécurité affronta il problema dei rischi professionali nell'industria del vetro. In sintesi anche una bella intervista a Catherine Cavalin, sociologa, interessata al riemergere di casi di silicosi....

Coprire 812

In sintesi, questo mese troverai:

  • la Grande Intervista a Catherine Cavalin, ricercatrice di sociologia all'Irisso ( CNRS - laboratorio Inra), che ha studiato, nell'ambito del suo lavoro, il riemergere di casi di silicosi negli ultimi anni in tutto il mondo ;
  • il File dedicato all'industria del vetro, un materiale a volte così trasparente che non lo vediamo più, ma presente ovunque nella vita di tutti i giorni e in molti settori industriali. Sia durante la sua fabbricazione a caldo, la sua trasformazione a freddo per determinati usi o semplicemente durante la sua attuazione, i dipendenti che partecipano a queste operazioni sono esposti a specifici rischi professionali;
  • in Immagini dedicate alla stazione sciistica di Gourette, nei Pirenei atlantici, che accoglie i dipendenti della stagione invernale per due giorni durante i quali gli allenatori e il responsabile della prevenzione inviano messaggi di prevenzione affinché la stagione si svolga nel migliori condizioni di sicurezza;
  • Senza dimenticare le notizie, la sezione Una giornata con un mediatore sociale che segue nei cantieri per il settore delle costruzioni e dei lavori pubblici , i rapporti En Entreprises e la sezione Servizi che offre il "Feedback su ..." dedicato agli strumenti per la valutazione rischi per le piccole imprese e una "lente d'ingrandimento" sulla ristorazione tradizionale. E infine, estratti dai testi ufficiali pubblicati tra il 1 e il 30 novembre 2019, seguiti da una "Domande e risposte" sulla destra per disconnettersi.

Newsletter Medico Legale  INCA  Numero 2/2020

Gli infortuni e le malattie professionali nei dati  INAIL anno 2019

 

Nella sezione Open Data dell’INAIL sono stati resi pubblici i dati relativi agli infortuni ed alle malattie professionali denunciate all’INAIL nei primi 11 mesi dello scorso anno. Rileviamo che per quanto concerne le malattie professionali minore è il dettaglio statistico.

Le denunce di malattia professionale protocollate dall’Inail nei primi 11 mesi del 2019 sono state 56.556, 1.504 in più rispetto allo stesso periodo del 2018 (+2,7%), non disponibile trattandosi di casi ancora in corso di definizione  è il dato relativo ai riconoscimenti da parte delle sedi INAIL:

In aumento la partecipazione della componente femminile alla numerosità delle denunce di malattie professionale come pure quella dei lavoratori stranieri 1.343 sono infatti le denunce presentate da lavoratori provenienti da paesi dell’Unione Europea e 2.620 quelle  presentate da lavoratori extraUE.

LA NEWSLETTER N° 2 - 2020

SEGNALIAMO QUESTO ARTICOLO APPARSO IL 10 GENNAIO 2019 SU PUNTOSICURO.IT

 

Gli infortuni negli spazi confinati possono insegnare molto per migliorare la prevenzione e la normativa in materia. La futura norma UNI e gli ambienti assimilabili agli spazi confinati. Ne parliamo con Paolo De Santis della Contarp Inail.

Bologna, 10 Gen – Al di là dei recenti gravissimi infortuni che sono avvenuti in ambiti lavorativi assimilabili agli ambienti sospetti di inquinamento o confinati, come i quattro infortuni mortali nella vasca di liquami ad Arena Po (PV), i dati sugli infortuni negli ambienti a cui fa riferimento il DPR n. 177 del 14 settembre 2011, sono sconfortanti. Alcuni dati consolidati, probabilmente sottostimati e che si fermano al 2014 (2002/2014), registrano circa 69 incidenti che hanno comportato 90 morti. E sono diversi gli infortuni mortali gravi, come quello in provincia di Pavia, dal 2014 ad oggi.

A ricordare questi dati e a mostrare il lavoro che l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail) sta facendo per migliorare la prevenzione negli ambienti confinati è Paolo De Santis (Inail – Contarp Lazio) che è intervenuto, durante la manifestazione “ Ambiente Lavoro” del 2019, al workshop Inail “Ambienti Confinati e infortuni mortali: analisi delle criticità e proposte di soluzioni” soffermandosi proprio sulle criticità rilevate negli infortuni in questi ambienti.Criticità che abbiamo raccolto in una intervista al relatore realizzata, nella fase di chiusura della manifestazione bolognese, il 17 ottobre 2019. Intervista che ci ha permesso di avere anche informazioni su una futura norma UNI in materia di ambienti confinati.

Cosa insegna il plurimo infortunio mortale che è avvenuto in provincia di Pavia a metà settembre 2019?

Ci sono altri incidenti che possono fornire insegnamenti e indicazioni per migliorare la prevenzione?

Quali saranno i tempi per arrivare ad una nuova norma UNI in materia?

Quali sono i dati relativi agli infortuni negli ambienti confinati? Quali sono le principali criticità che avete rilevato?

Nelle piccole e medie imprese è più facile che accadano queste tipologie di incidenti?

Cosa si può fare per migliorare la prevenzione? Come agire sul fattore umano?

Come supportare le aziende per tutelare i lavoratori negli spazi confinati?

 

L’intervista si sofferma su vari argomenti:

 

L’intervista di PuntoSicuro a Paolo De Santis

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU PUNTOSICURO.IT

 

FONTE RASSEGNA.IT CHE RINGRAZIAMO

 

Le vittime sono 49 in meno rispetto all'anno precedente, ma la flessione non è rassicurante perché legata soprattutto ad alcuni incidenti plurimi avvenuti nel corso del 2018. In aumento le patologie professionali

Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Inail entro il mese di novembre sono state 997, 49 in meno rispetto alle 1.046 dei primi 11 mesi del 2018 (-4,7%). È quanto emerge dagli ultimi open data pubblicati dall’Istituto. “La flessione – sottolinea il rapporto – non è però da ritenere rassicurante, in quanto legata soprattutto agli incidenti plurimi, con cui si indicano gli eventi che causano la morte di almeno due lavoratori, che per loro natura ed entità possono influenzare l’andamento del fenomeno”. È proprio quello che è accaduto tra gennaio e novembre del 2018, quando gli incidenti plurimi sono stati 23 e hanno causato 80 vittime, quasi il doppio dei 44 lavoratori che hanno perso la vita nei 19 incidenti plurimi avvenuti nei primi 11 mesi del 2019.

Il raffronto appare quindi poco significativo, se si considera che circa la metà degli 80 decessi in incidenti plurimi dei primi 11 mesi del 2018 è avvenuta nel solo mese di agosto, funestato soprattutto dai due incidenti stradali occorsi in Puglia, a Lesina e Foggia, in cui hanno perso la vita 16 braccianti, e dal crollo del ponte Morandi a Genova, con 15 casi mortali. Nel mese di agosto del 2019, invece, non sono stati registrati eventi di uguale drammaticità. Gli ultimi mesi del 2019 si sono contraddistinti, tuttavia, per alcuni drammatici eventi mortali che hanno coinvolto, a settembre, quattro lavoratori indiani caduti in una vasca per la raccolta dei liquami in Lombardia e, a novembre, quattro operai nell'esplosione di una fabbrica di fuochi d'artificio in Sicilia e altri tre travolti da un camion mentre erano impegnati in lavori di potatura in Puglia; nello stesso incidente è deceduto anche il conducente che ha perso il controllo dell'auto travolgendo il camion, fermo sul ciglio della strada, che ha a sua volta investito gli operai. Infine, sempre a novembre, due camionisti sono deceduti in uno scontro frontale nelle Marche.

...continua a leggere "Lavoro, 997 morti nei primi 11 mesi del 2019"

Segnaliamo questo articolo pubblicato su Punto Sicuro.it

Bologna, 20 Dic – Sono ormai innumerevoli gli articoli e le interviste che abbiamo pubblicato in questi anni per denunciare e sottolineare come siano ancora troppi gli incidenti stradali in ambito lavorativo, incidenti che rappresentano circa la metà delle morti sul lavoro.

Interviste che ci hanno ricordato anche la dimensione degli infortuni in itinere (“ Una morte sul lavoro su quattro avviene con incidenti in itinere”) e le specificità dei rischi correlati all’uso dei veicoli aziendali (“ Chi guida veicoli aziendali ha maggiori rischi di incidenti stradali”).

È dunque un nostro compito, come organo di informazione, tornare periodicamente sull’argomento affinché vengano messe in atto per tutti gli infortuni su strada, a livello locale e nazionale, idonee politiche di prevenzione, a partire dalla diffusione della consapevolezza di quelli che sono i principali fattori causali alla base degli incidenti.

Per farlo abbiamo intervistato, il 15 ottobre 2019, durante la manifestazione bolognese “ Ambiente Lavoro”, Annalisa Guercio (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione dell’Inail), referente scientifica del workshop Inail a Bologna “Attività su strada, incidenti e infortuni alla luce delle novità legislative”.

Quali sono le differenze tra infortunio su strada in occasione di lavoro, infortunio in itinere e infortunio alla guida? E riguardo agli infortuni su strada in occasione di lavoro, cosa differenzia un cantiere stradale da un non cantiere?

Qual è la dimensione del fenomeno infortunistico su strada?

 Su quali fattori si può incidere per ridurre il fenomeno infortunistico su strada? Come rendere più sicuri i comportamenti alla guida?

 Cosa si può dire riguardo all’utilizzo dello smartphone nei veicoli e ai limiti di velocità da rispettare?

 

L’intervista si sofferma sui seguenti argomenti:

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU PUNTOSICURO.IT

SUVA, l'Ente che assicura lavoratori e lavoratrici svizzeri contro gli infortuni su lavoro ha reso disponibile on line un volumetto digitale : "Lo stress sul posto di lavoro aumenta il rischio di infortunio" . Come si afferma nella introduzione : "Lo stress sul lavoro ci impedisce di riconoscere per tempo i pericoli. Qui vi spieghiamo quali sono le correlazioni tra stress e rischio di infortunio e cosa fare per gestire al meglio queste situazioni"

 

 

Sul sito della C.I.I.P sono disponibili le presentazioni svolte durante il Convegno. del 27/11/2019

 


Presentazione del primo rapporto CIIP sugli infortuni e le malattie professionali
La lettura degli Open Data INAIL 2010-2018
Milano - Clinica del Lavoro Via San Barnaba 8
mercoledì 27 novembre 2019 ore 8:30-13:30

Organizzato da CIIP
sono disponibili le presentazioni, il Rapporto e l'algoritmo di lettura dei dati alla fonte sul sito della C.I.I.P 

 

FONTE  CHINA LABOUR BULLETTIN 

Un'esplosione di gas in una miniera di carbone nella provincia cinese settentrionale dello Shanxi nel pomeriggio del 18 novembre ha ucciso 15 minatori e ferito altri nove , secondo quanto riportato dai media ufficiali cinesi.

C'erano 35 minatori che lavoravano sottoterra nella miniera nella contea di Pingyao al momento dell'esplosione e tutti sono stati presi in considerazione. I lavori di salvataggio sono stati conclusi e la causa dell'incidente è ora sotto inchiesta.

resoconti dei media oggi affermano che l'operatore minerario era stato "accecato dall'avidità" (利欲熏心) e ha aggirato numerosi protocolli di sicurezza nell'espansione della miniera senza garantire un'adeguata ventilazione, portando all'accumulo di gas nel pozzo della miniera.

È stato il dodicesimo incidente in miniera di carbone nello Shanxi, il tradizionale cuore cinese del carbone, registrato finora sulla mappa degli infortuni sul lavoro di CLB quest'anno, rispetto a sette incidenti nella provincia dello scorso anno, quattro nel 2017 e quattro nel 2016.

La sicurezza delle miniere nello Shanxi è migliorata notevolmente dopo che il governo ha chiuso centinaia di piccole miniere e ristrutturato l'industria alla fine degli anni 2000. Tuttavia, sembra che le norme di sicurezza potrebbero non essere più valide. Nei primi cinque mesi di quest'anno, le autorità provinciali hanno ordinato a 82 miniere di carbone di chiudere o arrestare la produzione dopo aver scoperto 32.612 violazioni della sicurezza durante 2.167 ispezioni da gennaio a maggio. Sono state imposte ammende per un totale di 61 milioni di yuan.

Nell'insieme della Cina, tuttavia, gli incidenti e le morti delle miniere di carbone continuano a calare. Ci sono stati 117 morti nella miniera di carbone nella prima metà dell'anno, rispetto ai 333 durante l'intero 2018. L'anno scorso è stata la prima volta che la Cina ha registrato meno di 0,1 morti per milione di tonnellate di carbone prodotto , ma come mostrano i recenti incidenti, la Cina ha ancora molta strada da fare, non solo in termini di prevenzione degli infortuni, ma anche nel trattamento di questioni ereditarie come le centinaia di migliaia di ex minatori affetti da pneumoconiosi, nota anche come malattia del polmone nero.

Proprio la scorsa settimana, ad esempio, più di 100 lavoratori con pneumoconiosi provenienti da dieci diverse province sono arrivati ​​a Haikou, la capitale della provincia di Hainan, per chiedere una diagnosi formale della loro malattia professionale, contratta mentre lavoravano nella provincia.

Nota di Editor. Riteniamo per davvero importante questo articolo pubblicato sul sito della Società Nazionale Operatori della Prevenzione. L'articolo fa chiarezza sul sistema delle responsabilità in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro e sulla necessità di indicatori appropriati per valutare il fenomeno e l'efficacia degli interventi che una pluralità di soggetti, dalle imprese ai decisori politici sono tenuti a intraprendere. Condividiamo in pieno il fatto che :......"Ferme restando le sue prerogative e responsabilità, lo Stato attribuisca l’obiettivo (sacrosanto) di “riduzione degli infortuni sul lavoro” anche alle Regioni in maniera che queste lo perseguano con le proprie politiche, mettendo in atto con le parti sociali e gli enti deputati azioni complessive che coinvolgano tutti, ciascuno per le proprie responsabilità: legislatori e amministratori, imprenditori, lavoratori e sindacati, enti pubblici (ASL in testa), INAIL …" 

A proposito di prevenzione, infortuni sul lavoro e indicatori
FONTE  SNOP.IT

Il 24 ottobre 2019, nel corso della comunicazione sulle linee programmatiche del suo Dicastero alle Commissioni Igiene e Sanità del Senato e Affari Sociali della Camera (https://www.senato.it/15501) , il Ministro della Salute ha tra l’altro affermato che la prevenzione è un punto fondamentale dell’agenda di Governo. Nel ricordare l’avvio di uno specifico tavolo di lavoro promosso da lui stesso e dal Ministro del Lavoro e delle politiche sociali con l’obiettivo di costruire una risposta organica ai problemi relativi alla sicurezza sul lavoro, ha sottolineato le competenze in materia del Ministero della Salute  - in relazione alla funzione delle ASL - ed ha affermato di considerare “particolarmente rilevante” il lavoro da portare avanti in questo campo: dichiarazioni che apprezziamo, anche e soprattutto perché raramente rilasciate dai precedenti Ministri della Salute. Nella stessa occasione, il Ministro ha annunciato che sta per divenire operativo il nuovo sistema di garanzie (NSG) per il monitoraggio dei livelli essenziali di assistenza (LEA), che sostituirà l’attuale “griglia LEA”.

Le finalità, le fonti di riferimento e gli indicatori del NSG per il monitoraggio dell’assistenza sanitaria sono contenute nel Decreto del Ministero della Salute del 12 marzo 2019. Il Decreto delinea un “sistema descrittivo, di valutazione, di monitoraggio e di verifica dell’attività sanitaria erogata da soggetti pubblici e privati accreditati di tutte le regioni”, prioritariamente finalizzato a mettere in relazione i LEA effettivamente assicurati con le “dimensioni da monitorare”, quali: efficienza ed appropriatezza organizzativa, efficacia ed appropriatezza clinica, sicurezza delle cure.

I dati per la costruzione degli indicatori vengono raccolti attraverso i flussi informativi correnti del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), integrati da “altre fonti informative, esaustive o campionarie, a copertura nazionale”, individuati in modo che consentano di “leggere, per ciascun LEA, le dimensioni dei processi di erogazione, tali da evidenziare le singole criticità e rendere possibili interventi puntuali, fornendo le basi per il miglioramento del sistema”.

L’indicatore per il “monitoraggio delle attività (ispezioni, controlli, sorveglianza sanitaria) finalizzate alla “prevenzione degli infortuni sul lavoro” è individuato nelle “denunce di infortunio sul lavoro”: una scelta che non può che suscitare non poche perplessità - anche sulla base di quanto enunciato nell’articolato dello stesso Decreto - e richiede una profonda e articolata riflessione.

Misurare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici mediante indicatori che registrano solo gli infortuni sul lavoro (indicatori, perlomeno, di incidenza) è certamente riduttivo rispetto alla complessità dei temi legati alla salute occupazionale, ma è purtroppo pratica comunemente accettata, senza più preoccuparsi delle diverse limitazioni che li caratterizzano. Anche senza sottolineare i problemi legati alla aderenza di questi indicatori alla realtà degli eventi infortunistici (grado di denuncia, lavoro nero o “grigio”, reale copertura assicurativa, sotto denuncia, fattispecie riconosciute e, a livello internazionale, comparabilità delle definizioni e delle modalità di registrazione), oggi più che mai esprimere un giudizio sul complesso delle condizioni di salute dei lavoratori con il solo dato infortunistico appare riduttivo e insoddisfacente.

Indubbiamente una realtà lavorativa con infortuni frequenti svela un’organizzazione generale che poco tutela il lavoratore: dall’altra parte, però, una situazione silente o poco significativa dal punto di vista dei dati infortunistici non ci rassicura sullo stato reale dell’organizzazione di tutela e sulla salute dei lavoratori, a maggior ragione quando prevalgono fattori di rischio diversi da quelli infortunistici.

Detto questo, e considerato che gli infortuni sono certamente fra i maggiori responsabili dei “danni” alla salute da lavoro, ma non i soli - nemmeno per dimensione e diffusione -, si concorda di utilizzarli per misurare, per esteso (come proxy?), lo stato della salute e della sicurezza sul lavoro.

In quest’ottica, quindi, quello della riduzione degli infortuni sul lavoro (che intendiamo, in realtà, indicativa del generale miglioramento delle condizioni di SSL) è indubitabilmente un obiettivo che le comunità (nazionali, locali) devono porsi nel loro insieme. Giustamente, tali obiettivi hanno costituito parte predominante di strategie e campagne di prevenzione a livello nazionale e sovranazionale (v. Unione Europea) e, anzi, l’andamento del fenomeno infortunistico - pur alla luce del progressivo miglioramento registrato nel lungo periodo - richiede ancora la loro riproposizione e il loro rafforzamento.

Nel tradurre questi obiettivi in strumenti e interventi finalizzati al loro raggiungimento e nel decidere a chi attribuirne la realizzazione, dobbiamo necessariamente tener conto che la tutela della salute e sicurezza sul lavoro è frutto di un complesso numero di fattori, interni ed esterni al mondo del lavoro.

Un’indagine dell’EU-OSHA di molti anni fa aveva provato a mettere insieme i fattori “che funzionano” nel garantire sicurezza e salute sul lavoro, chiedendolo alle imprese e agli esperti: ne trasse un quadro variegato di azioni/interventi che coprono un ampio spettro di ambiti e strumenti (citati non in ordine gerarchico di importanza):

  • Legislazione
  • Imposizione/vigilanza
  • Adozione di sistemi di gestione della sicurezza
  • Formazione dei soggetti aziendali
  • Cooperazione/partecipazione dei lavoratori
  • Buone pratiche
  • Disponibilità di strumenti applicativi (assistenza, linee guida)
  • Professionisti della sicurezza
  • Controllo dei fattori organizzativi
  • Campagne di sensibilizzazione
  • Incentivi finanziari alle imprese/Sistemi premianti
  • Certificazione

Il quadro conferma che i soggetti che agiscono sulla SSL sono numerosi e appartengono ad ambiti diversi, da quello imprenditoriale a quello dei lavoratori, da quello dei professionisti a quello dei progettisti e costruttori, da quello della formazione a quello sindacale, dalle leggi alla politica, dal privato al pubblico. La sicurezza sul lavoro si fa sul luogo di lavoro, si fa dove si lavora e la fa chi lavora: in un contesto fatto di regole e leggi, di relazioni, competenze, stimoli, indirizzi, responsabilità …

Il ruolo dell’ente pubblico in questo quadro è certamente fondamentale, in quanto garante che gli interessi in gioco vengano declinati secondo la salute dei lavoratori e della comunità. Non a caso la stessa Direttiva 391 (che il nostro D.Lgs 81/2008 ovviamente ricalca con le dovute specificità del sistema nazionale) basa la strategia della legislazione europea di prevenzione nei luoghi di lavoro su un sistema complesso che va dalla organizzazione aziendale alla responsabilizzazione, dalla formazione alla partecipazione, fino al ruolo del sistema pubblico di supporto e di controllo.

Nessuno oggi può quindi pensare che ci siano degli strumenti e dei soggetti che da soli possano incidere in maniera così forte sul “fenomeno infortunistico” da poter o dover esserne ritenuti unici responsabili. Per questo, l’obiettivo di “riduzione degli infortuni” non può che essere in capo al “governo” (sovranazionale, nazionale e locale), il quale avrà il compito di mettere in fila strategie, politiche, risorse, soggetti utili al suo perseguimento, anche definendone ambiti di azione e responsabilità.

L’indicatore dello stato di raggiungimento dell’obiettivo non potrà che essere attribuito a livello “centrale”, in quanto sarà misura complessiva della bontà delle politiche adottate e della loro capacità di far lavorare tutti i soggetti interessati.

In questo quadro, pur non scevro di debolezze e contraddizioni (al netto delle risorse disponibili, ovviamente), riesce invece davvero incomprensibile e sbagliata la scelta di adottare le “denunce di infortunio sul lavoro” quale indicatore LEA per l’azione delle ASL, che sono sì principali titolari delle funzioni pubbliche di prevenzione in materia di SSL, ma non certo responsabili dirette dell’outcome “infortuni”.

Non che la riduzione degli infortuni non debba essere un obiettivo anche dei Servizi PSAL, ma non è ragionevole pensare che la loro azione possa essere misurata con un indicatore di outcome che dipende in gran parte da fattori esterni e di cui sono responsabili per una parte che risulta di entità difficilmente quantificabile.

Pare quasi che, differentemente da quello che succede per altri organi pubblici, per gli SPSAL si voglia fare valere una valutazione di “corresponsabilità” negli infortuni sul lavoro. E’ un approccio che non si applica tale e quale ad altri settori, né della sanità né di altri ambiti: misurare i Vigili del fuoco con il numero di incendi (non hanno anche funzioni di prevenzione?), misurare la polizia della strada con il numero di incidenti stradali, i servizi di igiene pubblica con quello delle tossinfezioni alimentari, i medici veterinari con quello delle zoonosi …

Tornando all’indagine EU-OSHA su quanto “funziona” nell’OSH: le ASL non fanno le leggi, non si attribuiscono le risorse, non erogano incentivi, non producono in proprio formazione, non vendono sistemi di gestione della sicurezza (promuoverli, sì), non creano relazioni aziendali o sovra aziendali tra parti sociali, non certificano, non creano buone pratiche (le possono sostenere, scoprire) …  Non controllano i fattori economici e sociali che modulano approcci e atteggiamenti delle imprese verso la sicurezza o che condizionano (vedi effetti della “crisi” economico finanziaria dell’ultimo decennio) l’andamento infortunistico.

Abbiamo, a livello nazionale e anche localmente, combattuto contro la facile equazione “infortuni-controlli”, da più parti sostenuta, obiettando che non può esserci una univoca relazione consequenziale tra i due elementi, quella di cui è invece convinto chi chiede “più controlli” per ottenere “meno infortuni”, ogniqualvolta si ripresenti una emergenza.

Per ridurre gli infortuni in maniera duratura è necessario mettere in campo in maniera sistematica tutta una serie di azioni, che spettano ai numerosi soggetti interessati.

L’azione dei servizi pubblici, che - a livello operativo (escludendo qui quella più prettamente politica e regolamentare) - è di promozione, di supporto e di vigilanza, costituisce un fattore fondamentale e irrinunciabile, ma il suo ruolo non può essere dissociato dall’insieme degli interventi e dei ruoli di tutti i soggetti.

Le ricerche a questo proposito non sono molte - anche nella sola Europa i sistemi pubblici di prevenzione presentano approcci differenti - ma quelle esistenti sono ben lontane dal descrivere una correlazione lineare tra “controlli” o azioni pubbliche da una parte e, dall’altra, entità del fenomeno infortunistico: spesso i risultati in termini di sicurezza hanno presentato andamenti in parte disgiunti dalle modalità e dalla entità degli interventi pubblici. E questo è comprensibile se consideriamo quanti e quali sono i fattori che “lavorano” per la SSL nel reale.

Del resto, come leggere la cospicua riduzione del numero degli infortuni negli anni 2008-2016 se non come i fattori economico-sociali possano agire in maniera rilevante, anche in coincidenza con una (documentata) contrazione delle risorse dei SPSAL?

Non si tratta di sostenere che i servizi pubblici di prevenzione e controllo “non servono”, ma che invece sono semplicemente uno dei fattori efficaci e che il loro peso relativo dipende dalle condizioni complessive e dalla prevalenza o meno di altri fattori.

Quello della riduzione dell’incidenza e della gravità degli infortuni è un obiettivo doveroso (umanamente, eticamente, politicamente … economicamente) e SNOP si è battuta sempre perché fosse posto nella giusta posizione dell’agenda nazionale e regionale. Oggi finalmente abbiamo piani di prevenzione, generali e di settore, che impegnano, a cascata o a rete, una varietà di soggetti, spesso sotto la regia dell’Ente Pubblico. Da anni stiamo promuovendo e sviluppando metodologie di intervento che si basano proprio sulla costruzione di alleanze con i vari portatori di interesse, imprese, lavoratori e sindacati, organismi paritetici, enti pubblici vari … con i quali operare in sinergia, cercando di migliorare anche le stesse azioni di controllo, rendendole più mirate ed efficaci e adeguate alle nuove realtà del lavoro.

Sono anni che coltiviamo approcci che garantiscano accountability, efficacia delle azioni e misurabilità dell’attività che viene svolta. Gli SPSAL devono rendere conto di quanto fanno e di come lo fanno (con le risorse che hanno) e oggi, su questo, i Servizi presentano diverse difficoltà.  Anche il precedente LEA specifico non ha forse aiutato: dover garantire un puro numero di controlli (slegato da qualsiasi considerazione di complessità, di merito e di qualità) può aver spinto ad una programmazione “numerica” piuttosto che mirata al rischio o all’efficacia. Il sistema informativo SPSAL è debole: non a caso, quando si mettono insieme tutti i dati di attività delle ASL delle regioni, qualche dubbio rimane, tra completezza e congruenza dei dati. Occorre considerare che abbiamo a che fare con decine di sistemi diversi di registrazione e produzione dei dati, che risentono spesso di confrontabilità e … e spesso anche di modalità di intervento.

E’ necessario produrre per gli SPSAL indicatori “propri” e misurabili, costruendo un sistema univoco di registrazione. Se il problema è quello dei flussi informativi, della loro validità e uniformità, perché non lavorare finalmente su obiettivi legati a questo? Sarebbe un buon obiettivo da PNP.

Ferme restando le sue prerogative e responsabilità, lo Stato attribuisca l’obiettivo (sacrosanto) di “riduzione degli infortuni sul lavoro” anche alle Regioni in maniera che queste lo perseguano con le proprie politiche, mettendo in atto con le parti sociali e gli enti deputati azioni complessive che coinvolgano tutti, ciascuno per le proprie responsabilità: legislatori e amministratori, imprenditori, lavoratori e sindacati, enti pubblici (ASL in testa), INAIL …

Si costruisca finalmente un sistema informativo che permetta di “contare” e verificare, tra le altre, le attività - che riteniamo cospicue e rilevanti - dei Servizi PSAL e dei Dipartimenti di Prevenzione, ma non si creda di valutarne l’apporto alla riduzione degli infortuni attribuendo loro la responsabilità complessiva del raggiungimento dell’obiettivo.

Così come non possiamo considerare la prevenzione responsabilità unicamente della Sanità, altrettanto non dobbiamo commettere l’errore di pensare gli infortuni come dipendenti prevalentemente dall’azione delle ASL. Lavoriamo per una salute (sul lavoro) in tutte le politiche e misuriamo ASL e SPSAL per il contributo che riescono a dare, con le risorse assegnate.

Ultimo aggiornamento Sabato 23 Novembre 2019 17:15

 

 

FONTE RASSEGNA.IT 

Un tecnico manutentore, Leandro Caprarelli, 34 anni, residente nel vicentino, è morto all'ospedale di Santorso (Vicenza) a cause delle ferite riportate in un infortunio sul lavoro avvenuto nella mattinata di lunedì 11 novembre nell'azienda “De Marchi Marmi” di Malo (Vicenza).

La vittima era originaria di Monticelli, frazione di Esperia, in provincia di Frosinone. L'uomo, tecnico dell’azienda di impianti fotovoltaici Tecnorinergy, anch'essa di Malo, era salito nel tetto di un capannone per sistemare l'impianto fotovoltaico, ma è caduto nel vuoto da un'altezza di oltre cinque metri, a causa del cedimento di un cupolino in vetrocemento. Caprarelli era stato ricoverato in condizioni disperate e sottoposto a intervento chirurgico, ma i traumi subiti nella caduta si sono rivelati troppo gravi. Indagini sono in corso da parte dei Carabinieri e tecnici dello Spisal dell'Ulss 7 Pedemontana. La procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, ma per ora non vi sono iscritti al registro degli indagati.

“Questo ennesimo dramma sul lavoro rende ancora più inaccettabile il fatto che manchino i controlli perché i servizi di prevenzione, gli Spisal, non sono messi in grado di operare per la penuria di risorse e di personale”, commentano Giampaolo Zanni (segretario generale Cgil Vicenza) e Morgan Prebianca (segretario generale Fiom Cgil Vicenza): “Dopo l'ultimo infortunio mortale avevamo unitariamente chiesto al prefetto una ‘scossa’, un forte intervento contro gli infortuni nella nostra provincia. Sono passati due mesi e ancora attendiamo. Non ci resta che la lotta sindacale per costringere le aziende a investire sulla sicurezza, le istituzioni a intervenire e i lavoratori a essere i primi a pretendere sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Questa sentenza è importante in quanto mette in discussione uno stereotipo consolidato: il RSPP sarebbe non responsabile penalmente, in genere, poichè non dispone del potere di spesa . Nei fatti la sentenza ricorda, come si afferma nel commento del sito Olympus  che " il soggetto cui siano stati affidati i compiti del servizio di prevenzione e protezione, ancorché sia privo di poteri decisionali e di spesa, può essere ritenuto corresponsabile del verificarsi di un infortunio ogni qual volta questo sia oggettivamente riconducibile ad una situazione pericolosa che egli avrebbe avuto l'obbligo di conoscere e segnalare, dovendosi presumere, nel sistema elaborato dal legislatore, che alla segnalazione avrebbe fatto seguito l'adozione, da parte del datore di lavoro, delle necessarie iniziative idonee a neutralizzare detta situazione."

Ringraziamo Olympus per il pregevole lavoro che svolge.

LA SENTENZA E IL COMMENTO DAL SITO OLYMPUS 

Risultato?  Centinaia di lavoratori muoiono ogni anno nei cantieri dei mondiali di calcio 2022 che si terranno in Qatar, secondo il “The Guardian“. Negli ultimi sei anni sono quasi 2.700 le persone che hanno che perso la vita sul lavoro. In un rapporto pubblicato venerdì 11 ottobre, le Nazioni Unite chiedono alle autorità dell’emirato di proteggerle dal caldo. Secondo il quotidiano britannico, centinaia di migliaia di lavoratori sono esposti a temperature superiori a 45 gradi per 10 ore al giorno. Queste condizioni hanno, secondo i cardiologi, un legame diretto con la morte di centinaia di persone ogni anno. Tra l’altro, i loro corpi di solito non sono sottoposti ad alcuna autopsia. Tra il 2012 e il 2017 sono morti 1.025 nepalesi, tra cui 676 di “cause naturali”, ovvero infarto o insufficienza respiratoria. Gli indiani sono 1.678 per aver perso la vita tra il 2012 e agosto 2018, tra cui 1.345 di “cause naturali”.

I risultati dell’analisi meteorologica evidenziano le sfide significative che le temperature in aumento in tutto il mondo pongono a settori come l’edilizia: “Con l’aumento della temperatura globale a causa della crisi climatica, il rischio per la salute causato dallo stress da calore avrà conseguenze devastanti per la salute di milioni di persone, ma non è ancora visto come l’emergenza che è”, dichiara al Guardian il professor Tord Kjellstrom, consulente per l’ambiente e salute sul lavoro per le Nazioni Unite e coautore del rapporto del Cardiology Journal. “Questo deve cambiare.”

Fortebraccio News

Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato una fiaccolata per i morti sul lavoro che si svolgerà venerdì 18 ottobre, con partenza da piazza Repubblica alle ore 17.30. Inoltre propongono un tavolo di coordinamento provinciale e formazione nelle scuole.
L'ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE SU VARESENEWS

 

Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo
La tragedia dell'agosto 2018 al cementificio Buzzi di Fanna. La Procura della Repubblica di Pordenone ha richiesto il rinvio a giudizio per il titolare e un dirigente della ditta per la quale il 37enne Donato Maggi aveva iniziato a lavorare.

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU UDINETODAY

FOTO DA WIKIPEDIA
14 ottobre 2019 ore 09.47
“Non bisogna aver paura di usare parole forti perché questa è la realtà. I morti, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali sono in drammatico aumento, parliamo ormai di una vera e propria strage”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, evidenziando che “sono i numeri purtroppo a dirlo. Se guardiamo i dati degli ultimi dodici anni, 17 mila persone sono morte sul lavoro o mentre si recavano o tornavano dal posto di lavoro. Numeri che fanno indignare, si continua a morire come si moriva quaranta, cinquanta anni fa”.

Per il leader della Cgil “ha ragione il presidente Mattarella, quando dice che ‘la sicurezza sul lavoro è una priorità sociale e non si possono accettare passivamente le tragedie che si ripetono’. È ora di agire. Prevenzione è la parola d’ordine. C’è sicuramente un problema di formazione che va fatta a chi comincia a lavorare, periodicamente a chi già lavora, a chi opera in appalto. Ma va svolta anche agli imprenditori, visto che il tessuto produttivo italiano è fatto di tante piccole e medie imprese”.

Maurizio Landini, infine, sollecita l'adozione di “una specie di ‘patente a punti’ per le imprese. Un documento che indichi quanti infortuni hanno avuto, cos'è successo, quale affidabilità hanno sulla sicurezza, che diventi elemento di valutazione nell'attribuzione degli appalti. Serve, infine, rafforzare le funzioni ispettive e di prevenzione negli ispettorati e nelle Asl, il che significa assunzioni e risorse”.

FONTE  RASSEGNA.IT CHE RINGRAZIAMO 

Vertice nel pomeriggio a Roma tra i ministri Catalfo e Speranza e i sindacati sulla sicurezza sul lavoro, considerata "una priorità" dal governo. Landini: "Occorre affrontare anche le cause, che risiedono nella precarietà e nel sistema degli appalti"

Un piano straordinario per la prevenzione degli infortuni. È quanto ha promesso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel suo programma di governo: un provvedimento che oggi (lunedì 23 settembre) vede la posa della prima pietra, con l’incontro fra i ministri del Lavoro Nunzia Catalfo e della Salute Roberto Speranza e i vertici di Cgil, Cisl e Uil. L’appuntamento è a Roma, alle ore 15 presso il dicastero del Lavoro (in via Flavia 6).

“Ci aspettiamo che inizi un seria discussione su questo tema. Il numero degli infortuni e delle morti sul lavoro sta aumentando, così come crescono le malattie professionali”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, sottolineando che “si lavora di meno, ma ci sono più infortuni e più malattie, e si muore come si moriva cinquanta anni fa”.

Maurizio Landini evidenzia che se conteggiamo anche coloro che muoiono “in itinere”, ovvero mentre vanno o tornano dal lavoro, negli ultimi dodici anni le vittime sono 17 mila “Un dato che – commenta – come sindacalista ti fa sentire anche in colpa per non aver fatto fino in fondo il tuo mestiere, perché non esiste che una persona muoia lavorando, è un concetto che non può essere accettato”.

Per il segretario generale è evidente che “fare un piano straordinario per la prevenzione vuol dire puntare sulla formazione e decidere chi la deve fare: occorre anzitutto potenziare, attraverso nuove assunzioni, gli ispettorati e i servizi di medicina del lavoro”. Landini evidenzia anche la necessità “che Inps, Inail e gli altri istituti comincino a scambiarsi i dati. Non è accettabile che, in quest’era digitale, ognuno resti proprietario delle proprie banche dati, è una cosa che non permette di far funzionare bene il Paese e di affrontare queste situazioni”.

Ma per Landini, alla base di ogni confronto, deve esserci “la volontà di affrontare assieme questo tema, entrando dunque nel merito del perché succedono le morti sul lavoro”. Un “perché”, conclude il segretario generale della Cgil, che va ricercato “nella troppa precarietà, in un sistema degli appalti che va affrontato con decisione, nella necessità di far diventare la cultura della sicurezza un investimento e non un costo come invece prevale adesso”.

 

 

La Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP www.ciip-consulta.it ), a cui fanno riferimento 15 Associazioni tecnico scientifiche, e che compie questo anno 30 anni di attività, esprime forte preoccupazione per l’aumento degli infortuni, in particolare gravi e mortali, verificatisi anche nella regione Lombardia negli ultimi anni. Si legge nel documento:

"…..La Lombardia investe in prevenzione una percentuale del Fondo sanitario ben al di sotto del 5% valore da tempo stabilito dagli indirizzi nazionali.
Le risorse di personale dei Dipartimenti di prevenzione delle ASL si sono via via assottigliate, in diversi casi dimezzate, per mancato reintegro del turnover per le varie figure professionali  e in mancati investimenti.
Nel solo periodo 2016-2017, secondo i dati forniti dalla Regione in risposta ad una interrogazione consiliare, si sono persi 290 operatori….."

LEGGI IL TESTO DELLA LETTERA DELLA CONSULTA INTERASSOCIATIVA ITALIANA PER LA PREVENZIONE INVIATA ALLE AUTORITA' DELLA REGIONE LOMBARDIA.

Muro ha ceduto in un cantiere edile e l'ha schiacciato
Un operaio di 57 anni è morto oggi in un infortunio sul lavoro in un cantiere a San Bartolomeo Val Cavargna (Como). Secondo i primi rilievi l'uomo, residente a Porlezza, è stato schiacciato dal cedimento di un muro in un cantiere edile per la realizzazione di una pista ciclabile.

FONTE ANSA.IT

FONTE DIESEL.AU.COM CHE RINGRAZIAMO 

La Monash University sta conducendo un sondaggio nazionale per cercare di saperne di più sulla salute fisica e mentale dei camionisti australiani, ritenuti il ​​datore di lavoro numero uno degli uomini in Australia.

Questo è in collaborazione con il Center for Work Health and Safety, Linfox Logistics e il Transport Workers 'Union. Questa ricerca Monash è una delle prime del suo genere in Australia. Lo studio è anche supportato dal National Health and Medical Research Council.

Le persone che guidano tutti i tipi di camion, dai rigidi leggeri ai treni stradali, sono incoraggiate a prendere parte a un sondaggio per fornire maggiori informazioni sulla salute dei conducenti australiani.

I lavoratori dei trasporti affrontano specifici rischi per la salute nei loro ambienti di lavoro, tra cui isolamento, lunghe ore e affaticamento cronico. Tempi di consegna ridotti possono aggiungere ulteriore stress a un ambiente di lavoro già impegnativo.

Il sondaggio si apre a settembre e può essere completato su qualsiasi dispositivo in grado di accedere a Internet, come telefoni cellulari, laptop o desktop. I partner dello studio affermano di essere impegnati a lavorare con l'industria per sviluppare nuovi approcci per prevenire e ridurre al minimo il rischio per la salute fisica e mentale.

"Questo sondaggio fornirà nuove intuizioni sui fattori sul posto di lavoro, a casa e nella comunità che incidono sulla salute in modo positivo e negativo", afferma il dott. Ross Iles della School of Public Health and Preventive Medicine della Monash University. “Guidare per vivere pone molte sfide per la salute, sia mentali che fisiche, eppure c'è poca ricerca o documentazione che può guidare il cambiamento per aiutare i conducenti a essere sani e a rimanere sani sul lavoro. Sappiamo che i datori di lavoro possono svolgere un ruolo importante nella salute dei lavoratori e alcuni datori di lavoro del settore avranno bisogno di assistenza per sostenere la salute dei loro autisti. "

Lo studio di riferimento della Monash University ha esaminato 12 anni di dati e ha scoperto che in questo periodo sono state avanzate oltre 120.000 richieste di lesioni e decesso. La Monash University sta lanciando il Driving Health Survey per migliorare la salute dei conducenti professionisti australiani impiegati per rendere il settore più sicuro.

L'anno scorso, il Driving Health Study ha scoperto che, in particolare, i camionisti hanno una probabilità 13 volte maggiore di morire sul posto di lavoro rispetto a tutti gli altri lavoratori.

"Questo studio è un campanello d'allarme", ha dichiarato Michael Kaine, segretario nazionale dell'Unione dei lavoratori dei trasporti. “Guidare è un lavoro duro. Dobbiamo fare di più per garantire che i nostri conducenti siano sani e al lavoro. Questo sondaggio ci fornirà una base di informazioni che ci consentirà di mettere a punto strategie migliori per il futuro ".

Per ulteriori informazioni o per registrare l'interesse per il sondaggio, visitare il sito Web.

Nota di Editor : Speriamo che anche in Italia e in Europa si svolgano studi in profondità sulle condizioni di lavoro e di salute dei camionisti italiani ed europei e sulle tipologie contrattuali che regolano il loro lavoro. 

 

Anche nella stagione estiva non si fermano le aggressioni a medici, operatori sanitari e soccorritori.
Sono tanti i casi di cronaca – più o meno eclatanti – che continuano a ripetersi, spesso per problemi di carattere organizzativo e carenza di personale, ma anche per un mutamento del rapporto medico/paziente.

L'ARTICOLO PROSEGUE SU SICUREZZAELAVORO.ORG

 

 

Non bastano più le parole di sdegno gridate e scritte sui manifesti mille volte. Le frasi dolenti di circostanza ripetute alla fine di ogni piccolo articolo dei giornali di provincia che annuncia una morte su lavoro appaiono sempre più un rituale che non consola né placa la rabbia di chi ha perduto un famigliare o una persona amica.
Il quotidiano online Repubblica ha aperto un canale che riporta le notizie quotidiane di morti sul lavoro: una ecatombe.
Ma come è possibile che nell'agosto 2019 due operai muoiano uccisi dalle esalazioni durante l'ispezione di un pozzo di percolato di una discarica ? Le procedure per lavori in ambienti confinati sono note da tempo. Chi ha mandato quei due lavoratori a fare l'ispezione senza prima bonificare il pozzo ? Oggi esistono rilevatori di gas inquinanti che costano poche centinaia di euro. Con l'uso di un rilevatore verosimilmente quei lavoratori, ad Alliano di Matera, non sarebbero entrati nel pozzo. Una tragedia evitabile ? Quasi certamente si. Per evitarla era necessario che l'Azienda di cui erano dipendenti avesse predisposto una valutazione dei rischi di lavoro in ambienti confinati. E' stata fatta questa valutazione ? Sono stati adottati i DPI e gli strumenti di rilevazione per evitare ai lavoratori di scendere nel pozzo saturo di gas ? Certo è compito della magistratura individuare eventuali responsabilità penali ma non per questo non possiamo non porci questi quesiti. Quante sono le aziende che lavorano senza un metodo senza criteri per valutare e gestire i rischi ? Dal numero crescente degli incidenti mortali sono purtroppo molte.

...continua a leggere "MORTI SUL LAVORO: LA STRAGE CONTINUA. IL GOVERNO AFFRONTI LA QUESTIONE SICUREZZA SUL LAVORO"

Il Bollettino trimestrale dell’Inail contiene informazioni riferite al numero delle denunce di infortunio e malattie professionali rilevato a partire dall’inizio di ciascun anno con riferimento ai periodi: gennaio-marzo (I trimestre),
gennaio-giugno (II trimestre), gennaio-settembre (III trimestre) e gennaio-dicembre (IV trimestre). I dati esposti non sono definitivi in quanto soggetti a consolidamento in esito alla definizione amministrativa dei singoli casi.
Nel numero complessivo degli infortuni sono comprese anche le comunicazioni obbligatorie effettuate ai soli fini statistici e informativi da tutti i datori di lavoro e i loro intermediari, compresi i datori di lavoro privati di lavoratori
assicurati presso altri enti o con polizze private, degli infortuni che comportano un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento.
La pubblicazione è corredata da una nota metodologica sulle fonti dei dati statistici e da un glossario attinto
dal modello di lettura della numerosità degli infortuni e delle malattie professionali.
Le tavole statistiche e i “dati elementari” relativi al numero delle denunce di infortunio e malattie professionali sono resi disponibili mensilmente nella sezione “Open data” del Portale Inail.
Il Bollettino è realizzato da Inail, Direzione centrale pianificazione e comunicazione. Per eventuali chiarimenti, possono essere inoltrate richieste all’indirizzo e-mail: dcpianificazione-comunicazione@inail.it.

IL BOLLETTINO INAIL DEGLI INFORTUNI E DELLE MALATTIE PROFESSIONALI 2° trimestre 2019 

 

 

La morte di un altro operaio edile in una sede delle Olimpiadi di Tokyo ha spinto un sindacato internazionale a cercare un'indagine di terzi, affermando che il suo precedente avvertimento sulle condizioni pericolose è stato ampiamente ignorato.

I lavoratori stessi hanno affermato di sperare che l'edificio e il Wood Workers 'International (BWI) siano maggiormente coinvolti nell'ispezione dei cantieri "pericolosi" per i Giochi

La BWI ha pubblicato a maggio un rapporto intitolato "Il lato oscuro delle Olimpiadi estive di Tokyo 2020" che descriveva una "cultura della paura" tra gli operai edili che lavoravano duramente nei vari siti.

Un funzionario della BWI ha dichiarato che la protezione della sicurezza dei lavoratori è indispensabile per il successo delle Olimpiadi del prossimo anno.

Il rapporto di maggio è stato presentato al comitato organizzatore olimpico di Tokyo, al governo metropolitano di Tokyo e al Japan Sport Council (JSC). Descriveva in dettaglio le dure condizioni affrontate dai lavoratori, inclusi alcuni che lavoravano per 28 giorni consecutivi in ​​un mese. Altri furono costretti a lavorare sotto enormi lastre di cemento oscillante dalle gru.

Il comitato organizzatore e il governo metropolitano di Tokyo hanno intervistato i funzionari dei principali appaltatori dei principali cantieri.

L'ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE SU ASAHI SIMBUN

 

 

Molti passanti distratti in questa calda mattina del 7 agosto avranno sfiorato con lo sguardo i caratteri cubitali della locandina o "civetta" del Resto del Carlino.
" SGOMBERATO XM24 CON LA RUSPA " e in subordine con caratteri molto più piccoli : " OPERAI UCCISI DA TIR IN AUTOSTRADA ".
Uno sgombero di un Centro sociale è un evento ad elevato valore aggiunto per un utilizzo politico elettorale. Il titolista incaricato della redazione della civetta non ha avuto dubbi su quale titolo caricare l'inchiostro e la dimensione dei caratteri…
I due operai che lavoravano nel cantiere dell'autostrada travolti e uccisi da un Tir, una tragedia che si ripete troppo spesso, rappresentano una notizia che non si può ignorare ma che non vale la pena di caricare con la dimensione dei caratteri e il carico d'inchiostro….
La scelta d'impaginazione della locandina rappresenta con chiarezza la gerarchia dei valori con i quali si danno le notizie. E' più importante la ruspa che sgombera XM24 che la tragica fine di due lavoratori schiacciati da un TIR sull'autostrada…
L'assuefazione all'orrore delle morti sul lavoro, all'orrore dei migranti che affogano nel Mediterraneo sta producendo a livello diffuso una mutazione antropologica profonda: l'adattamento all'indifferenza e all'accettazione sociale della sofferenza dell'altro. Editor

Un altro giovane lavoratore precario ha perso la vita cadendo durante la riparazione di un tetto di un’azienda di Castelfiorentino.

Dolore infinito della famiglia e amici. Fa nuovamente pena leggere queste notizie. E fa riflettere. Un aspetto che molto colpisce e che dovrebbe veramente collocare appieno questo ‘evento’ nella ‘storia’ della zona empolese-valdelsa e della Toscana – pur terra di grandi e gloriose conquiste del lavoro nei decenni passati – è apprendere che è avvenuta una ripetizione dello stesso infortunio, nello stesso luogo, con la morte di un altro lavoratore, alcuni anni fa.

Non valgono nulla i protocolli d’intesa, non valgono nulla le discussioni politiche su chi fa il capo di che cosa, non valgono nulla le discussioni sullo sviluppo locale, non valgono nulla i dibattiti esoterici sull’industria 4.0, non valgono nulla le ‘magnificenze’ sull’alternanza scuola-lavoro.
Non valgono nulla se non denunciamo tutti i giorni il declino, il degrado complessivo delle condizioni di lavoro. Ma come abbiamo fatto a permettere che tanto lavoro diventasse in questi anni sempre più penoso, come, ad es., quando in molti luoghi di lavoro, a parità di mansione, ci sono differenti trattamenti di paga e diritti?

Troppi sono i lavoratori, soprattutto del mondo della microimpresa, che pur di avere un lavoro devono adattarsi ad ogni condizione.
Pezzi di ‘nuda vita’, individui che si arrangiano a tirare avanti, ai margini e spesso all’esterno di ogni contrattazione collettiva, lontanissimi da ogni rappresentanza e istituzione.

...continua a leggere "Ma come abbiamo fatto ?"

FONTE E'TV

2 morti sul lavoro nel giro di tre giorni, solo nel bolognese, ripropongono in modo drammatico la questione della sicurezza nelle fabbriche e nei cantieri. Ieri per protesta i lavoratori metalmeccanici si sono fermati per uno sciopero di 2 ore indetto da Cgil Cisl e Uil, ma è necessario, ci hanno detto oggi alla Fiom, un aumento dei controlli e una maggiore cultura della sicurezza.