Lunghe ore di lavoro uccidono più lavoratori che gli infortuni

Fonte: Health Policy Watch 

18/09/2021 • Kerry Cullinan

I maggiori killer dei lavoratori sono gli ictus e le malattie cardiache associate a lunghi orari di lavoro – oltre 55 ore a settimana.

Questo è secondo un rapporto congiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), la prima valutazione comparativa globale del rischio del carico di malattia correlato al lavoro, pubblicato venerdì.

Le malattie associate a lunghi orari di lavoro hanno rappresentato quasi il 40% dei decessi globali nel 2016, circa 750.000 decessi. Le persone del sud-est asiatico e del Pacifico occidentale, gli uomini e le persone con più di 54 anni erano più a rischio.

Gli infortuni sul lavoro sono stati la prima causa di morte dei lavoratori, rappresentando il 19,4% dei decessi (360.000 decessi) – circa la metà dei decessi causati da lunghe ore di lavoro. I lavoratori più a rischio di infortuni sono stati quelli dei settori edile, dei trasporti, manifatturiero e agricolo.

L’esposizione sul posto di lavoro all’inquinamento atmosferico (particolato, gas e fumi) è stata responsabile di 450.000 morti.

L’articolo prosegue alla fonte:  Long Working Hours Kill More Workers Than Injuries

Autobus Londra . Lo sciopero incombe quando i conducenti di autobus rifiutano l’accesso remoto.

Fonte:  Unite

Un sondaggio condotto dal sindacato Unite sugli autisti di autobus di Londra ha riscontrato un’opposizione schiacciante alle proposte di passare a un sistema di accesso remoto per gli autobus nella capitale. Oltre 2.200 autisti di autobus hanno risposto al sondaggio, con l’84% che ha risposto di ritenere che l’accesso remoto sarebbe stato dannoso per loro. Con un sistema di segnaletica remota, l’autista non inizia più a lavorare al deposito degli autobus, ma incontra l’autobus all’esterno in qualche punto lungo il percorso, ad esempio una fermata dell’autobus.

Continua a leggere “Autobus Londra . Lo sciopero incombe quando i conducenti di autobus rifiutano l’accesso remoto.”

Salute e sicurezza nel lavoro al tempo del Recovery Plan e della “riforma” del Codice Appalti (1)

Autore: Gino Rubini

Alcune settimane  fa un’operaia di 22 anni che lavorava in un’azienda  tessile in Provincia di Prato è morta in un tragico infortunio mortale, straziata dagli ingranaggi  di un macchinario, un orditoio,  verosimilmente  a causa di un impigliamento con parti in movimento della macchina. Un altro lavoratore è stato preso da parti in movimento  di una fresatrice in un’azienda meccanica di Busto Arsizio . Ogni settimana si ripetono situazioni drammatiche di “incidenti” su lavoro con morti e feriti gravi. Questo anno e mezzo circa di pandemia da coronavirus ha indebolito l’attenzione sociale rispetto al fenomeno dei morti e feriti  da incidenti sul lavoro. 

Gli ultimi eventi tragici, in un momento di allentamento  della “morsa” della pandemia hanno “risvegliato” l’attenzione dei media su questa tragedia cronicizzata e persistente.

Da dove deriva questa anomalia italiana che ci vede primi in questo triste primato degli incidenti sul lavoro tra i paesi europei industrializzati ?

Dalla Direttiva quadro europea  391.89 molti passi avanti sono stati fatti sia per il miglioramento normativo sia per la crescita di un comparto professionale specialistico della consulenza tecnica che offre alle imprese anche di piccole dimensioni prestazioni di supporto per la valutazione e la gestione dei rischi .  Nel contempo , sempre in ragione di normative tecniche europee ( vedi Direttiva macchine agg.2020 ) e dei sistemi di gestione sicurezza e relative certificazioni  le aziende, anche piccole, hanno a disposizione  macchine e sistemi di gestione che dovrebbero garantire una sicurezza anti infortunistica eccellente.

Nei fatti, dal punto di vista formale, il nostro sistema produttivo è allineato sia per le norme sia per le metodologie gestionali  dei rischi agli altri stati membri dell’Unione Europea. Cerchiamo allora di capire perché abbiamo un fenomeno “infortunistico” grave sia per diffusione sia per gravità degli eventi.

Esaminiamo i   “pilastri” che garantiscono che vi sia una continuativa e corretta valutazione e gestione dei rischi da parte delle imprese.

Continua a leggere “Salute e sicurezza nel lavoro al tempo del Recovery Plan e della “riforma” del Codice Appalti (1)”

Luana e tanti altri

Autore: Claudio Calabresi

Fonte: SNOP.IT 

Come un fiume carsico, riemerge puntualmente in questi giorni la questione dell’insicurezza sul lavoro, portata prepotentemente all’attenzione dei media e delle comunità da una serie di drammatici infortuni sul lavoro che hanno travolto in rapida sequenza vite giovani e meno giovani, in un momento nel quale….molte energie sono concentrate nella “ripresa produttiva” dopo il lungo periodo di crisi legata alla pandemia: per vari aspetti, un brusco risveglio dalla speranza – come si dice – di uscire dal tunnel ma anche, purtroppo, nulla di nuovo. Colpisce la banalità delle dinamiche, che si ripetono sempre uguali oggi come nel passato, segnate dai ritmi di produzione, dagli orari di lavoro, dalla precarietà, dall’organizzazione della produzione e dal timore di perdere il lavoro o la commessa.

Come sempre accade in queste occasioni, la soluzione più invocata è quella dell’aumento dei controlli nei luoghi di lavoro. Chi quotidianamente si occupa di salute e sicurezza sul lavoro sa bene però che il problema non è solo quello dei controlli (e, semmai, della loro efficacia), certamente necessari, ma che non possono da soli portare ad un risultato stabile: un risultato che potrebbe conseguire solo ad un cambiamento che investa il sistema produttivo e l’intera società, che restituisca priorità alla salute come diritto fondamentale sul lavoro, che renda inconcepibile pensare un lavoro disgiunto dalla salute e dalla sicurezza, e la salute sul lavoro come tema separato dalla sicurezza.

E certamente a questo obiettivo deve essere in grado di contribuire un sistema pubblico di prevenzione rafforzato e arricchito di tutte le professionalità necessarie ad assumere un ruolo di supporto nei confronti della miriade di micro e piccole imprese che costituiscono la gran parte del tessuto produttivo del nostro Paese.

Non possiamo che ripetere anche in questa occasione considerazioni che da troppi anni andiamo facendo.

Riportiamo qui una più ampia riflessione in merito di Claudio Calabresi.

Anna Maria Di Giammarco

 

 

Qualche domanda, poche risposte

Ogni volta che ci sono morti un po’ meno anonimi, per vari motivi, l’effetto mediatico è improvvisamente imponente.  È naturale, e in parte va anche bene, che almeno ci sia periodicamente un effetto di risveglio generale dopo episodi così dolorosi.

Continua a leggere “Luana e tanti altri”

La newsletter medico legale Inca Cgil – n* 9 2020

ESENER 2019: terza edizione dell’Indagine europea fra le imprese sui rischi nuovi ed emergenti

 Sono stati presentati i risultati dell’indagine condotta, nella primavera/estate del 2019, dall’.dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA).

L’indagine ha  raccolto le opinioni di  esperti aziendali di  45.420 aziende in merito alla  gestione della sicurezza e della salute sul lavoro e ai rischi connessi al lavoro.

Hanno partecipato all’indagine aziende di 33 paesi (UE a 27 nonché Islanda, Macedonia del Nord, Norvegia, Regno Unito, Serbia e Svizzera) con almeno cinque lavoratori, appartenenti a tutti i settori: il questionario  utilizzato è sostanzialmente uguale a quello  utilizzato per ESENER 2014, al quale è stata  aggiunta una nuova sezione relativa alla digitalizzazione.

La newsletter medico legale Inca Cgil n° 9 / 2020

 

 

Francia. Carrefour: i due terzi dei dipendenti sono “sfiniti moralmente e fisicamente” Secondo un sondaggio CFDT che ha ricevuto 7000 risposte, il 68% è esaurito fisicamente e il 65% è esaurito mentalmente.

I dipendenti Carrefour sono per  due terzi ”  sfiniti moralmente e fisicamente  ” e il 76% non crede che la società cresca, secondo un sondaggio che ha raccolto 7000 risposte, presentato venerdì dal CFDT, 2 ° sindacato del gruppo, in videoconferenza 

Il barometro intitolato ”  I note my box  “, eseguito faccia a faccia da 136 delegati CFDT da gennaio a marzo, attribuisce a Carrefour un punteggio complessivo di 4,5 su 10. Secondo Sylvain Macé, rappresentante sindacale centrale di Carrefour , questa è la prima in una società in Francia. Le risposte, elaborate da una società indipendente, riguardano la salute, le condizioni di lavoro e l’organizzazione. Sono integrati da un questionario a maggio sulla crisi di Covid-19. (continua) 

L’articolo prosegue alla fonte su LA VDN 

La salute e la sicurezza di Amazon sono esposte dal Sindacato GMB alla conferenza del lavoro

Nota:  la traduzione con translator Google è molto imprecisa… conviene leggere il testo in originale 

FONTE GMB 

 

Le “menzogne” di Amazon sul suo record scioccante di salute e sicurezza sono state esposte da un’indagine di GMB.

L’Health and Safety Executive (HSE) afferma che “non riconosce” le affermazioni di Amazon sulle condizioni nei suoi magazzini – che hanno visto centinaia di chiamate di ambulanza.

La mostra arriva mentre GMB chiama Amazon in una mozione per la Conferenza del lavoro di Brighton oggi.

In risposta alle precedenti indagini di GMB Union sulle pratiche di lavoro di Amazon – che hanno rivelato centinaia di chiamate di ambulanze ai magazzini di Amazon – la società afferma sul suo sito Web :

“Secondo il governo britannico RIDDOR, responsabile per la salute e la sicurezza, Amazon ha in media il 43% di infortuni in meno rispetto ad altre società di trasporto e deposito nel Regno Unito”

Tuttavia, dopo che il GMB ha scritto all’HSE per interrogarlo, l’HSE ha risposto affermando che “non riconosce” l’affermazione dell’azienda.

Tim Roache, Segretario Generale GMB, ha dichiarato:

“Amazon potrebbe aggirare il tavolo, lavorare con GMB – che rappresenta centinaia dei suoi lavoratori – e apportare modifiche per proteggere i propri dipendenti.

La linea di fondo è che le condizioni sui siti di Amazon sono spaventose. I rapporti che riceviamo sono orribili e Amazon ha bisogno di risolverli al più presto.

Tim Roache, Segretario Generale GMB

“Invece, sembrano disposti a dire bugie a faccia in giù sulla carta sulla realtà ed evitare le loro responsabilità.

“È ovvio – mostra il disprezzo  verso il contribuente del Regno Unito e i loro clienti in quanto pensavano di non essere scoperti.

“La linea di fondo è che le condizioni sui siti di Amazon sono spaventose. I rapporti che riceviamo sono orribili e Amazon ha bisogno di risolverli al più presto. ”

Amazon: rispetta i tuoi lavoratori
Unisciti alla nostra campagna

Laura Pidcock, ministro del lavoro ombra, ha dichiarato:

“Amazon dovrebbe vergognarsi del modo in cui ha travisato le esigenze dei suoi magazzinieri per le cure di emergenza.

Il lavoro metterà il potere nelle mani dei lavoratori istituendo un’Agenzia per la protezione dei lavoratori che, a differenza dell’attuale sistema, farà effettivamente valere diritti, standard e protezioni, in modo che ogni lavoro sia un buon lavoro.

Laura Pidcock, ministro del lavoro ombra

“Queste condizioni pericolose sono uno scandalo. Il fatto che Amazon richieda urgentemente che i suoi lavoratori siano adeguatamente protetti dagli infortuni dimostra quanto sia basso il livello di questo gigante aziendale.

“Il Labour metterà il potere nelle mani dei lavoratori istituendo un’Agenzia per la protezione dei lavoratori che, a differenza dell’attuale sistema, farà effettivamente valere diritti, standard e protezioni, in modo che ogni lavoro sia un buon lavoro. Inoltre, renderemo più facile per i sindacati entrare nei luoghi di lavoro per rappresentare i loro membri, verificare la loro sicurezza e ascoltare le loro preoccupazioni “.

Jack Dromey, ministro ombra del lavoro e delle pensioni, ha dichiarato:

“Amazon ha mentito per nascondere un vergognoso record nel mettere a rischio i propri lavoratori.

“La società dovrebbe scusarsi e concordare un audit indipendente sulla salute e la sicurezza insieme a GMB in modo che nessun altro lavoratore rischi la vita o il lavoro degli arti per Amazon”

Allerta gialla per temperature elevate. Ozono oltre soglia

 

FONTE ARPAE CHE RINGRAZIAMO

Disagio bioclimatico e alte concentrazioni di ozono previste fino a venerdì 26 luglio

(24/07/19)

Allerta gialla per

 

Temperature elevate per mercoledì 24 luglio. Superata la soglia di informazione dell´ozono (180 µg/m3) in 4 stazioni della regione il 22 luglio. Previsto il perdurare di disagio bioclimatico per la presenza di anticiclone di origine africana fino a venerdì 26 luglio. Continua a leggere “Allerta gialla per temperature elevate. Ozono oltre soglia”

Come il valore del tempo si è deprezzato per i lavoratori, specialmente per i più precari

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 
Come il valore del tempo si è deprezzato per i lavoratori, specialmente per i più precari

Articolo 24 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. E quando dice “tempo libero”, si riferisce al tempo libero.

(Roberto Martín)

Il tempo sembra una scatola di chiodi. È un prodotto semplice . È così fin dai giorni in cui gli orologi scendevano dai campanili per stabilirsi nelle fabbriche.

Vendiamo tempo ai nostri capi e paghiamo la nostra elettricità, il nostro cibo e alcuni ” piccoli piaceri ” con il tempo. Questo è il motivo per cui il tempo non è perso: è sprecato o venduto. A volte in cambio di un salario insufficiente . Oppure, in cambio di giorni lavorativi frammentati, imprevedibili e irregolari che sono difficili da conciliare con il resto della vita.

L’ultima indagine OIL sulle condizioni di lavoro rivela chiaramente come il mercato del lavoro post-crisi abbia confuso la ” flessibilità ” con la presentazione. Il numero di contratti atipici (quelli i cui giorni lavorativi sono frammentati, al giorno o all’ora, in ore discontinue) si sta già avvicinando a quello dei contratti standard – in Europa, rappresentano il 41% – e dei giorni lavorativi ” asociali “, c quelli che si svolgono durante la notte e nei fine settimana sono imposti senza alcuna discussione. Il tempo si è deprezzato, ha perso il suo valore, senza sapere come, è atterrato nella scatola degli articoli in vendita. Due scatole di chiodi al prezzo di una.

“La precarietà in termini di tempo è aumentata ed è caratterizzata dalla difficoltà di prevedere ore di lavoro. Le persone che hanno pochissimo controllo sul loro tempo non possono pianificare le loro vite e questo influenza il loro sonno, la loro dieta, la loro salute e aumenta i conflitti all’interno della famiglia ” , dice Tomás Cano, sociologo e ricercatore all’Università Goethe Francoforte.

Il sondaggio dell’OIL rivela che sei lavoratori europei su dieci non possono scegliere o modificare i loro programmi. Un quarto di loro continua a lavorare quando arriva a casa durante il tempo libero. La tecnologia ha definitivamente cancellato la linea tra il lavoro e la vita privata e, con essa, il tempo ha perso il suo valore. Continua a leggere “Come il valore del tempo si è deprezzato per i lavoratori, specialmente per i più precari”