Vai al contenuto

Fonte Union-news 

Il governo deve garantire che il lancio di qualsiasi vaccino COVID-19 sia gestito interamente dal NHS e dagli enti pubblici e non consentire il coinvolgimento di aziende private e l'uso di personale non qualificato, afferma UNISON.

Nella sua risposta a una consultazione del Dipartimento della Salute e dell'Assistenza Sociale sulle modifiche alle normative in materia di medicina, il sindacato ha espresso preoccupazione per consentire agli operatori non sanitari di somministrare qualsiasi vaccino.

Milioni di persone dovranno essere protette dal coronavirus una volta approvato un vaccino. È fondamentale che qualsiasi programma di vaccinazione sia erogato e supervisionato da operatori sanitari, afferma UNISON.

Non dovrebbero esserci scorciatoie consentendo alle aziende private di utilizzare personale con poca formazione che potrebbe creare pericoli aggiuntivi, avverte il sindacato.

UNISON chiede inoltre che alcuni gruppi di grande esperienza come i professionisti del dipartimento operativo (ODP) vengano aggiunti all'elenco degli operatori sanitari che possono somministrare i vaccini.

Il capo della sanità dell'UNISON, Sara Gorton, ha dichiarato: “L'utilizzo da parte del governo di società private per eseguire test e rintracciare è stato un disastro. Eventuali ulteriori errori su quella scala consentiranno semplicemente al virus di continuare a diffondersi. I ministri non possono deludere di nuovo la nazione, devono fare le cose in modo diverso e mantenere qualsiasi programma all'interno del NHS e degli organismi di sanità pubblica.

“Il pubblico ha bisogno della totale fiducia che qualsiasi vaccino verrà somministrato in modo sicuro e qualsiasi follow-up gestito adeguatamente dal NHS. All'inizio della pandemia, migliaia di ex operatori sanitari si sono offerti di tornare al NHS e aiutare nel momento del bisogno. Ma alcuni non sono mai stati contattati.

“Ora è il momento di garantire che la loro esperienza sia messa a frutto nella somministrazione di qualsiasi vaccino. Il governo dovrebbe pianificare questo ora per evitare qualsiasi ripetizione del test e tracciare macerie. Nel frattempo, i ministri dovrebbero anche fare tutto il possibile per garantire che ci sia un elevato assorbimento del vaccino antinfluenzale e che sia ampiamente disponibile per ridurre al minimo l'impatto sul NHS nei prossimi mesi ".

GB. Dal Blog del Segretario generale del Sindacato della Funzione Pubblica Unison  riprendiamo questo post del Segretario generale Dave Prentis che apre la  campagna No Going Back to Normal.  (editor)

Fonte : Unison

" Quest'anno il Congresso TUC - come decine di migliaia di altri eventi - si svolge online. La pandemia in corso ha lasciato poca scelta, ma essere online non significa essere meno importanti. Questa settimana è un'opportunità fondamentale per il movimento sindacale di riflettere sulle conseguenze del Covid 19 per il mondo del lavoro e i servizi pubblici su cui tutti facciamo affidamento. Altrettanto importante, è la piattaforma perfetta per noi per pensare a ciò che verrà dopo e come ci battiamo per una ripresa che riconosca gli enormi sacrifici fatti dai lavoratori e affronti le disuguaglianze evidenti che tutti vediamo nelle nostre comunità.

Ecco perché il nostro sindacato coglie l'occasione per lanciare la nostra nuova campagna, No Going Back to Normal.

Migliaia di lavoratori chiave sono morti durante la pandemia per prendersi cura di noi. Infermieri, operatori sanitari, addetti alle pulizie e altro hanno compiuto il massimo sacrificio per aiutare gli altri. E questo è stato tanto più straziante perché per anni prima del COVID-19, questi lavoratori del servizio pubblico e i lavori che svolgono sono stati sottovalutati, sottopagati e troppo spesso invisibili.

Anni di abbandono hanno peggiorato notevolmente gli effetti della pandemia, dalla carenza di DPI alla crisi nelle case di cura. Dalla mancanza di infermieri alla carenza di test Covid. Questo è stato un fallimento della pianificazione, ma è stato anche il risultato di più di 10 anni di tagli brutali alla spesa e austerità viziosa.

Eppure, nonostante tutto questo, i lavoratori chiave dei nostri servizi pubblici sono riusciti a farcela per tutti noi. Sono orgoglioso della reazione di ogni singolo membro di UNISON a questa crisi senza precedenti. E anche orgoglioso che il nostro sindacato abbia continuato a sostenere, rappresentare e lottare per quegli incredibili lavoratori del servizio pubblico ogni singolo giorno, nonostante le sfide che tutti abbiamo affrontato.

È comprensibile che dopo tanto sacrificio ci sia il desiderio di tornare alla normalità. Eppure in UNISON sappiamo che la normalità non è mai stata abbastanza buona. Il vecchio "normale" significherebbe solo ripetere gli stessi errori e tornare a sottovalutare i nostri servizi pubblici e le persone che li forniscono.

Quest'autunno, i politici di Westminster, Holyrood, Cardiff e Stormont prenderanno decisioni importanti sul futuro finanziamento dei nostri servizi pubblici.

I primi segnali sono che le lezioni non sono state apprese . Il governo di Westminster è intenzionato a lanciare il settore pubblico contro il settore privato e ignorare le decisioni che hanno preso che ci hanno portato dove siamo ora. Vogliono che le cose tornino alla normalità, perché pensano che la vecchia normalità fosse ok.

Ecco perché la nostra campagna chiede ora misure per: ricostruire tutti i nostri servizi pubblici, assicurando investimenti sostenibili a lungo termine; creare luoghi di lavoro più equi e sicuri; dare ai lavoratori del servizio pubblico un aumento salariale dignitoso, sollevare i lavoratori meno pagati dalla povertà lavorativa e costruire una società post COVID-19 più equa, in cui le disuguaglianze che sono diventate così evidenti durante la crisi siano affrontate con urgenza.

Nelle prossime settimane porteremo questa battaglia al governo. Più persone visitano il nostro nuovo sito web della campagna e firmano la lettera aperta al primo ministro e al cancelliere, meglio è. Cerca gli annunci sulla stampa e sui social media nelle prossime settimane e condividili con la tua famiglia e i tuoi amici.

Insieme, possiamo assicurarci che il nostro futuro sia migliore della vecchia normalità.

Fonte Unison

 

Sara Gorton afferma che l'Istituto nazionale per la protezione della salute deve affrontare la crisi del Covid-19 e ciò che c'è oltre

Rispondendo all'annuncio di oggi (martedì) del segretario alla sanità Matt Hancock che la sanità pubblica inglese (PHE) verrà fusa nel nuovo Istituto nazionale per la protezione della salute, il  capo della sanità dell'UNISON  Sara Gorton ha  dichiarato:

“Ancora una volta i lavoratori stanno affrontando un grande sconvolgimento pur essendo tenuti all'oscuro dei dettagli. Hanno bisogno di sapere cosa significano i cambiamenti, e così anche il pubblico.

“La fusione potrebbe portare vantaggi, anche per il personale di test e tracciamento che attualmente è distribuito in una serie di datori di lavoro. Potrebbero lavorare insieme sotto lo stesso "tetto". Potrebbe anche fornire un'opportunità per riparare i legami interrotti con le autorità locali.

“Il personale che gestisce programmi di sanità pubblica ha lavorato duramente per gestire la risposta alla pandemia del Regno Unito. Questo nonostante una serie di tagli di bilancio. È fondamentale che questo nuovo organismo ottenga i finanziamenti necessari per avere la possibilità di soddisfare le aspettative stabilite oggi.

“I ministri devono anche garantire che la sostituzione di PHE sia adatta allo scopo. Qualsiasi cambiamento deve essere fatto con attenzione e per la giusta ragione per affrontare non solo la crisi del Covid-19 ma anche quello che c'è oltre. "

Note per i redattori:
- UNISON è il più grande sindacato del Regno Unito, con oltre 1,3 milioni di membri che forniscono servizi pubblici - nel campo dell'istruzione, del governo locale, del NHS, dei servizi di polizia e dell'energia. Sono impiegati nel settore pubblico, volontario e privato.

 n.b. traduzione automatica con google translator )

tratto da RISKS , Newsletter 29 luglio 2020 del sindacato britannico TUC 

Imporre un blocco anticipato in Inghilterra avrebbe salvato la vita dei lavoratori, secondo un rapporto sull'elevato tasso di mortalità nella pandemia di autisti di autobus londinesi  secondo il parere di  un esperto in materia di disuguaglianze sanitarie e sociali. Gli autisti di autobus di Londra da 20 a 65 anni hanno rischiato una probabilità 3,5 volte maggiore di morire per Covid-19 tra marzo e maggio rispetto agli uomini in altre occupazioni in Inghilterra e Galles, ha affermato Sir Michael Marmot dell'Institute of Health Equity (IHE). Il rapporto è stato commissionato da Transport for London tra le maggiori preoccupazioni per la morte dei conducenti di autobus nella capitale. “Guidare un autobus, un pullman o un taxi è tra le occupazioni in prima linea associate all'aumento del rischio di morte per Covid-19. Poiché Londra è stata il primo centro della pandemia, è probabile che l'aumento del rischio tra i conducenti di autobus londinesi sia associato all'esposizione ", ha affermato il professor Marmot. “La nostra ricerca suggerisce esplicitamente che il blocco è stato il principale fattore che ha salvato la vita dei conducenti di autobus. Se il blocco fosse avvenuto in precedenza, probabilmente avrebbe salvato più vite. Per coloro che soffrono di ipertensione, l'esposizione a Covid-19 è particolarmente pericolosa, con ripercussioni sproporzionate sui conducenti delle minoranze etniche. Oltre a ridurre l'esposizione al virus, tutti i conducenti dovrebbero quindi essere sottoposti a screening per i rischi per la salute. " Il rapporto rileva che le malattie cardiache sono note per essere un pericolo professionale per il conducente di autobus dagli anni '50. Dieci compagnie di autobus stavano lavorando per TFL all'inizio della pandemia, impiegando circa 30.000 persone, di cui 34 sarebbero morte con Covid-19. Di questi, almeno 29 erano tra i 25.000 autisti di autobus. Il rapporto ha rilevato che potrebbero essercene stati altri due, uno dei quali si è ammalato a febbraio, mentre l'altro è morto a giugno. I risultati non si limitano a Londra. Considerando l'eccesso di mortalità per l'Inghilterra e il Galles nel periodo da marzo a maggio, è stato più elevato ovunque per i conducenti di autobus rispetto alle altre professioni.
Comunicato stampa dell'Institute of Health Equity (IHE) . London Bus Drivers Review , IHE, 2020. Dichiarazione TfL . The Guardian . Stella del mattino .

 

Fonte The Guardian

Dirigenti aziendali e sindacati hanno detto a Boris Johnson che rischia di diffondere confusione facendo decidere ai datori di lavoro quando riportare il loro personale negli uffici e in altri luoghi di lavoro.
Frances O'Grady, segretario generale del TUC , ha affermato che riaprire l'economia è vitale per proteggere i posti di lavoro a lungo termine, ma che il ritorno al lavoro deve essere gestito in modo graduale e sicuro. "Il governo sta passando la mano su questa grande decisione ai datori di lavoro", ha detto.

“Tornare al lavoro in sicurezza richiede un sistema di test e tracciamento NHS ( del Servizio Sanitario Nazionale) funzionante. Tuttavia, i progressi su test e tracce sono ancora irregolari e il governo si sta ancora rifiutando di sostenere i lavoratori che devono autoisolarsi aumentando la retribuzione per malattia a partire da soli £ 95 a settimana a un tasso su cui le persone possono vivere ”.

L'ARTICOLO COMPLETO  THE GUARDIAN

Fonte Risk 2 luglio 2020

Gli alti tassi di mortalità per Covid-19 negli uomini e nelle donne che lavorano nel settore dell'assistenza sociale in Inghilterra e Galles sono uno "scandalo nazionale", ha affermato il sindacato del settore pubblico UNISON. Nel suo ultimo rapporto, l'Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) ha riferito che i "tassi di morte che coinvolgono il coronavirus (Covid-19) tra gli uomini e le donne assistenti sociali sono risultati statisticamente significativamente più alti dei tassi di morte che coinvolgono Covid-19 tra quelli della stessa età e sesso in Inghilterra e Galles. " Ha aggiunto: “Un totale di 268 decessi che coinvolgono Covid-19 tra gli operatori sanitari sono stati registrati tra il 9 marzo e il 25 maggio 2020, con tassi di 50,1 decessi per 100.000 uomini (97 decessi) e 19,1 decessi per 100.000 donne (171 decessi). In questo gruppo abbiamo incluso occupazioni come operatori sanitari e assistenti domestici, che hanno rappresentato la maggior parte dei decessi (204 su 268 decessi, o 76. 1%), assistenti sociali, dirigenti di istituti di assistenza residenziale e accompagnatori di assistenza. " Commentando le nuove cifre, che hanno anche mostrato che c'era un tasso statisticamente significativo di mortalità Covid-19 negli operatori sanitari, Christina McAnea, assistente segretaria generale dell'UNISON, ha dichiarato: “Queste cifre riflettono un tragico scandalo nazionale. Il governo non è riuscito a proteggere l'assistenza sociale durante questa pandemia e anche adesso questi problemi sono lungi dall'essere risolti. Gli operatori sanitari  subiscono pressioni finanziarie che li constringono a  lavorare anche quando dovrebbero  essere schermati o autoisolati. Il kit di protezione viene utilizzato più a lungo di quanto sia sicuro e i test non vengono ripetuti. L'assistenza sociale ha bisogno di riforme dalla testa ai piedi per sistemare il sistema per sempre ”.
Comunicato stampa UNISON . Cifre ONS dei tassi di mortalità negli operatori sanitari e di assistenza sociale .

Un quarto delle donne incinte ha subito discriminazioni sul lavoro durante l'epidemia di coronavirus, secondo un nuovo sondaggio TUC. Il sondaggio di oltre 3.400 donne in gravidanza o in congedo di maternità durante la pandemia di Covid-19 ha rilevato che una persona su quattro (25%) aveva subito un trattamento ingiusto sul lavoro, incluso essere stato scelto per licenziamento o licenziamento, e una su quattro (25 per cento) dicendo si sentiva insicura sul lavoro.
Comunicato stampa TUC e rapporto, Incinta e precaria: esperienze di lavoro di mamme nuove e in attesa durante Covid-19 , 11 giugno 2020. Comunicato stampa GMB . Rischi 951 . 13 giugno 2020

 

Riportiamo questa dichiarazione della Segretaria generale del Sindacato inglese Frances O'Grady che ci offre la dimensione degli impatti sociali che potrà avere il programma di test e tracciamenti Covid-19 ,proposti dal Servizio Sanitario Nazionale inglese,  sui lavoratori che saranno testati positivi e posti in autoisolamento.

 

Frances O'Grady Segretaria generale TUC ( FOTO Wikipedia )

Commentando il lancio (mercoledì) del programma dei test e dei tracciamenti del Servizio Sanitario Nazionale  NHS, il segretario generale della TUC, signora  Frances O'Grady, ha  dichiarato:

“Abbiamo bisogno di un programma di test e di tracciamenti  attivo e operativo il più presto possibile.

“Ma non sarà efficace se i lavoratori vengono messi  in difficoltà quando devono autoisolarsi.

“La retribuzione per malattia obbligatoria è di soli £ 95 a settimana - e due milioni di lavoratori non ne hanno nemmeno diritto.

“Se i lavoratori non possono permettersi l'auto isolamento, saranno costretti a continuare a lavorare. Ciò metterà a rischio loro, i loro compagni di lavoro e la loro comunità locale e minerà l'intero programma di test e rintracciabilità.

"Il governo deve estendere la retribuzione per malattia a tutti - indipendentemente da ciò che viene pagato - e portarla al livello del salario reale, £ 260 a settimana. E il regime di sostegno al reddito autonomo deve rimanere in atto come fonte di sostegno finanziario per coloro che sono costretti a isolarsi autonomamente. Ecco come dimostrare che siamo davvero tutti insieme. "

Infine essa ha aggiunto:

“Se un lavoratore ( di una scuola o di una struttura per l'infanzia. ndr) risulterà positivo, l'intero posto di lavoro potrebbe essere chiuso durante la notte. Ciò potrebbe portare alla chiusura improvvisa delle scuole e delle strutture per l'infanzia, forse ripetutamente. Il governo deve stabilire chiaramente in che modo si aspettano che i datori di lavoro trattino il proprio personale  ( i genitori dei minori che si ritrovano la scuola chiusa . ndr ) ,  in questa situazione e quale supporto è disponibile ?  ”.

- Il TUC ha pubblicato un rapporto sulle implicazioni sul posto di lavoro di test e tracciabilità, disponibile qui:  https://www.tuc.org.uk/sites/default/files/2020-05/Testing%20and%20Tracing.pdf

 

FONTE UNITE  THE UNION

Commentando la tragica notizia che cinque lavoratori di autobus di Londra sono morti a causa dell'infezione da coronavirus per il segretario regionale del sindacato Unite, Peter Kavanagh ha dichiarato:
“Ognuna di queste morti è una terribile tragedia e il pensiero di tutti in Unite va alle famiglie dei lavoratori di autobus che sono morti di coronavirus.
“Unite assisterà le famiglie dei nostri membri in ogni modo possibile durante questo periodo terribile.
“Unite ha lavorato ininterrottamente con Transport for London (TfL) e gli operatori per garantire la sicurezza dei conducenti e di altri operatori del settore che svolgono un lavoro eroico nel portare il servizio sanitario nazionale e gli operatori sanitari nei luoghi di lavoro.
Queste misure comprendono la pulizia profonda degli autobus, la pulizia aggiuntiva dei punti di contatto, la sigillatura degli schermi attorno al conducente, la fornitura di disinfettante per le mani per tutti e l'allontanamento del sedile del passeggero più vicino al conducente.

...continua a leggere "Inghilterra . Dichiarazione del Sindacato Unite sulla morte per coronavirus tra i conducenti degli autobus di Londra"

  • Quasi 2 milioni di lavoratori non possono beneficiare di indennità di malattia previste dalla legge, incluso un terzo dei lavoratori con contratto a zero ore
  • Il TUC chiede una legislazione di emergenza che preveda la retribuzione per malattia di tutti i lavoratori sin dal primo giorno di malattia, indipendentemente da quanto guadagnano

Il TUC chiede al governo di rispondere all'epidemia di COVID-19 fornendo supporto di emergenza a milioni di lavoratori del Regno Unito che attualmente stanno perdendo la legge Sick Pay (SSP).

In una lettera a Matt Hancock e Thérèse Coffey, il segretario generale della TUC, Frances O'Grady, avverte che una fornitura inadeguata di retribuzione per malattia potrebbe impedire alle persone di farsi carico dei consigli sulla salute pubblica, dal momento che molti lavoratori faranno fatica a sostenere i costi di vita di base se non possono andare al lavoro per un periodo prolungato.

Di conseguenza, alcuni potrebbero pensare di non avere altra scelta se non quella di andare a lavorare malati o contro i consigli del governo.

Attualmente, quasi 2 milioni dei lavoratori meno retribuiti non guadagnano abbastanza per beneficiare della retribuzione per malattia. Secondo l'analisi TUC questo include:

  • 34% dei lavoratori con contratto a zero ore
  • 1 donna su 10 al lavoro
  • Più di un quinto (22%) dei lavoratori di età compresa tra 16 e 24 anni
  • Più di un quarto (26%) dei lavoratori di età pari o superiore a 65 anni, identificato dal governo come uno dei gruppi più vulnerabili al virus

Per affrontare il problema, il TUC chiede al governo di introdurre un pacchetto di sostegno di emergenza per i lavoratori colpiti dal virus, tra cui:

  • Legislazione di emergenza per garantire la copertura legale della retribuzione per malattia a tutti i lavoratori dal primo giorno di malattia, indipendentemente da quanto guadagnano.
  • Un aumento dell'ammontare della retribuzione per malattia all'equivalente del salario nazionale
  • Un requisito che coloro che chiedono al proprio datore di lavoro di autoisolarsi per motivi di salute pubblica rimangono pagati integralmente.
  • Un fondo di emergenza per aiutare i datori di lavoro a sostenere i costi e per coprire i lavoratori che al momento non sono ammissibili a indennità di malattia.

La segretaria generale della TUC, Frances O'Grady, ha dichiarato:

“Vogliamo tutti che le persone seguano i consigli sanitari del governo. Nessuno dovrebbe essere fuori di tasca per fare la cosa giusta.

“Ma così com'è, molte persone non saranno in grado di sostenere i costi di vita di base se rimangono a casa dal lavoro.

“Questa è una scelta impossibile che ha serie implicazioni per tutti noi. La soluzione più giusta e più semplice è riformare immediatamente la legislazione sulla retribuzione per malattia in modo da coprire tutti i lavoratori a un ritmo decente.

"È il modo sensato di fornire alle famiglie che lavorano la sicurezza di cui hanno bisogno e di proteggere la salute pubblica".

ENDS

Note per i redattori:
- Una petizione TUC che chiede a tutti i lavoratori di ottenere una retribuzione per malattia dal primo giorno ha raccolto più di 10.000 firme.

- I consigli del governo emessi oggi (martedì) suggeriscono che fino a un quinto della forza lavoro potrebbe essere ammalato durante il picco di un'epidemia di coronavirus: https://www.gov.uk/government/publications/coronavirus-action-plan

- I dati sui lavoratori non ammissibili per la retribuzione legale per malattia provengono dal 3 ° trimestre 2019 ONS. I dati sui lavoratori a zero ore provengono da ONS 2019 Q2 (gli ultimi dati disponibili che mostrano i redditi dei lavoratori con contratti a zero ore).

- La segretaria generale della TUC, Frances O'Grady, ha scritto oggi ai segretari di Stato per la salute, il lavoro e le pensioni. ...continua a leggere "Cosa fa il sindacato inglese per i lavoratori contagiati da COVID-19 ( Coronavirus_)"

FONTE  TUC

 

Il TUC ha pubblicato oggi (lunedì) Una transizione verso un'economia più verde, più equa : una tabella di marcia per soddisfare i bisogni dei lavoratori nella transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

Questo pomeriggio sarà lanciato in un evento con relatori, tra cui la segretaria Ombra per l'ambiente, Rebecca Long-Bailey e la vicepresidente della commissione per i cambiamenti climatici, la baronessa Brown.

La tabella di marcia presenta proposte per:

  1. Una commissione Just Transition: una commissione nazionale trasversale comprendente imprese, consumatori e sindacati per pianificare un percorso chiaro e finanziato verso un'economia a basse emissioni di carbonio.
  2. Accordi di transizione sul luogo di lavoro: mettere le voci dei lavoratori al centro dei piani di transizione in tutti i luoghi di lavoro in cui è necessario un cambiamento.
  3. Finanziamento delle competenze di transizione: in modo che ogni lavoratore abbia accesso alla formazione nelle nuove competenze necessarie per un'economia a basse emissioni di carbonio e percorsi garantiti per nuove attività.
  4. Protezioni standard per l'occupazione: garantire che i nuovi posti di lavoro nell'economia a basse emissioni di carbonio non siano di qualità inferiore rispetto ai posti di lavoro modificati o superati.

Il segretario generale della TUC, Frances O'Grady, ha dichiarato:

"I sindacati si impegnano a fronteggiare l'emergenza climatica. Un'economia più verde può anche essere un'economia più equa, con nuovi lavori e migliori posti di lavoro in tutta la Gran Bretagna.

"È fondamentale evitare gli errori degli anni '80, quando i cambiamenti industriali hanno devastato le comunità perché i lavoratori non avevano voce in capitolo. Questa volta abbiamo bisogno di un piano che tutti possano ottenere dietro, con le voci dei lavoratori al centro di tutto.

"Ecco perché chiediamo a politici, imprese, consumatori e sindacati di fare insieme questi piani, attraverso una Just Transition Commission".

Nota dell'editore

Just Transition roadmap: Il documento completo Una transizione verso un'economia più verde e più equa può essere trovata quihttps://www.tuc.org.uk/sites/default/files/A_Just_Transition_To_A_Greener_Fairer_Economy.pdf

Evento di lancio: l'evento si svolge alle 14.30 presso il Palazzo dei Congressi. Un numero limitato di posti è disponibile per i giornalisti. Si prega di contattare media@tuc.org.uk se si desidera partecipare.

Impegno internazionale per la transizione giusta: l'accordo di Parigi della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici comprendeva l'impegno a " una giusta transizione della forza lavoro e la creazione di un lavoro dignitoso e di posti di lavoro di qualità" . A partire da maggio 2019, l'accordo è stato firmato da 194 stati, incluso il Regno Unito.

 

FONTE TUC

Data di rilascio
04 giu 2019
Parlando alla dimostrazione di Together Against Trump a Londra oggi (martedì), la segretaria generale della TUC , Frances O'Grady, chiederà la protezione dei servizi pubblici in ogni futuro accordo commerciale con gli Stati Uniti.

Sulle offerte commerciali, sui servizi pubblici e sul servizio sanitario nazionale, Frances dirà:

"Con i Tories di destra che fanno la fila per diventare il nostro prossimo primo ministro, dobbiamo proteggere i nostri servizi pubblici dalla minaccia di un accordo commerciale dubbio con l'America di Trump.

"Le grandi corporazioni farmaceutiche non possono aspettare di allungare le loro mani avide sul nostro NHS. E Trump restituirà questi avvoltoi aziendali fino in fondo.

"Non dobbiamo mai accettare un sistema in stile Usa in cui le persone ordinarie vengono derubate dall'assistenza sanitaria, in modo che i dirigenti super-ricchi possano rastrellare miliardi.

"Quindi mandiamo un messaggio chiaro al presidente Trump ea chiunque si ritrovi a Downing Street tra qualche settimana.

"Il nostro NHS non è in vendita."

Parlando di odio e divisione, Frances dirà:

"L'estrema destra è in marcia in Gran Bretagna e in tutto il mondo.

"Non dovremmo stendere il tappeto rosso per un uomo che diffonde deliberatamente paura e pregiudizi. Chi si schiera dalla parte dei suprematisti bianchi, dei neofascisti e delle donne che odiano. Chi fa a pezzi le famiglie e blocca i bambini nelle gabbie.

"Il movimento sindacale ha una storia orgoglio. quella di combattere tiranni e prepotenti.

"E non importa la nostra razza, religione o sottofondo, staremo insieme come lavoratori. Contro Trump. Contro Farage. E contro chiunque altro voglia avvelenare le nostre comunità con odio e divisione. "

ENDS

 

 

Risks è il bollettino online settimanale del sindacato inglese TUC per i Represantatives Safety (Reps) . Iscriviti per ricevere questo bollettino ogni settimana. I numeri precedenti sono disponibili. Disclaimer e Privacy Editor: Rory O'Neill della rivista Hazards. Commenti al TUC all'indirizzo healthandsafety@tuc.org.uk.

IL BOLLETTINO RISKS 11 MAGGIO 2019

 

13 maggio 2019
Il TUC e l'azione maternità hanno oggi (mercoledì) avvertito che i datori di lavoro non stanno facendo abbastanza per proteggere le donne incinte sul lavoro.

Il TUC e l'azione maternità hanno oggi (mercoledì) avvertito che i datori di lavoro non stanno facendo abbastanza per proteggere le donne incinte sul lavoro.

Le organizzazioni hanno pubblicato una nuova guida che descrive i passaggi che i dirigenti devono adottare per mantenere al sicuro il personale femminile durante e dopo la gravidanza.

La nuova guida dice che ci sono leggi chiare per proteggere le nuove mamme in attesa. Ma avverte che molti capi non sanno cosa dovrebbero fare o stanno ignorando le loro responsabilità legali.   Un recente sondaggio condotto dalla Commissione per l'uguaglianza e i diritti umani (EHRC) ha rilevato che due su cinque (41%), le mamme incinte, sentivano che c'era un rischio per la loro salute o il loro benessere sul lavoro durante la gravidanza.

...continua a leggere "GB: TUC e Maternity Action denunciano il fatto che i datori di lavoro non fanno abbastanza per mantenere al sicuro le donne incinte sul lavoro, "

  • Dichiarazione sostenuta da oltre 30 organizzazioni benefiche antirazziste, gruppi comunitari, organizzazioni per i diritti delle donne e gruppi per i diritti umani
  • Le autorità locali hanno esortato a correggere le false affermazioni fatte sulle loro aree durante la campagna elettorale

Il TUC, i gruppi comunitari, le organizzazioni per i diritti umani e gli enti di beneficenza hanno oggi (venerdì) un appello congiunto senza precedenti sui partiti politici per sradicare i discorsi di incitamento all'odio durante la campagna elettorale europea.

La dichiarazione - organizzata dal TUC - è firmata da più di 30 organizzazioni e chiede a tutti i partiti politici di opporsi a discorsi di incitamento all'odio illegali.

E sollecita le autorità locali a correggere pubblicamente le false affermazioni fatte da candidati e partiti che potrebbero suscitare divisioni nelle loro comunità.

Frances O'Grady, segretaria generale del TUC, ha dichiarato:

"Non c'è spazio per il razzismo, la misoginia o qualsiasi altra forma di odio durante - o dopo - queste elezioni.

"Ci auguriamo che i politici e la società civile si uniscano a noi nella richiesta di una campagna rispettosa".  

La dichiarazione dice:

Invitiamo i partiti politici a prendere tutti i provvedimenti necessari durante la campagna elettorale del Parlamento europeo per sradicare i discorsi di incitamento all'odio e le false affermazioni che dividono le nostre comunità.

La libertà di parola e la libertà di espressione sono una parte fondamentale della nostra democrazia.Tuttavia, non devono essere usati per incitare danni agli altri. 

Non è accettabile dare la colpa a razze diverse, gruppi etnici o religiosi, lavoratori migranti o rifugiati per i problemi della Gran Bretagna.

La Commissione per l'uguaglianza e i diritti umani (EHRC) ha prodotto delle linee guida su come i partiti politici ei candidati dovrebbero comportarsi durante i periodi elettorali.

Questa guida delinea ciò che è la libertà di parola legale e ciò che è un discorso di odio illecito. E afferma chiaramente che l'incitamento all'odio razziale, all'odio religioso o all'odio a causa dell'orientamento sessuale è contro la legge e non dovrebbe essere usato nelle campagne politiche.

La guida evidenzia anche il ruolo chiave che le autorità locali devono svolgere nel definire le cose in modo diretto, se i candidati usano affermazioni false per influenzare il voto pubblico. Questo per garantire che le persone locali non siano fuorviati.

Le elezioni sono un momento importante per discutere le questioni che riguardano la società.

Qualunque sia il risultato è essenziale che queste elezioni non siano abusate per seminare odio e divisione.Su questo, dobbiamo stare insieme.

firmatari:

Amnesty International
Asylum Matters
British Institute of Human Rights
Citizens UK
Community Security Trust (CST)
End Violence Against Women Coalition
Equality Trust
Equally Ours
Fawcett Society
Friends, Families and Travellers
Gender Identity Research and Education Society
Hope not Hate
Institute of Race Relations
Jewish Council for Racial Equality
Joint Council for the Welfare of Immigrants
Joseph Rowntree Foundation
LGBT Consortium
LGBT History Month
Migrant Voice
Migrants Organise
Muslim Council of Britain
Race on the Agenda
Runnymede Trust
Show Racism the Red Card
Schools OUT UK
Stonewall
TellMAMA
Trades Union Congress
Unite Against Fascism
Women’s Budget Group
Women’s Resource Centre
4in10: London Child Poverty Network

ENDS

Notes to editors:
- The EHRC guidance contains information on freedom of expression for local authorities, candidates and political parties during an election period.