Vai al contenuto

Fonte : Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro

 

Solo un lavoratore su tre nell'UE le cui attività quotidiane sono gravemente o in qualche modo limitate da una malattia cronica riferisce che il  posto di lavoro è stato adattato per soddisfare il loro problema di salute. Ciò significa che la maggior parte dei lavoratori in Europa con una condizione sanitaria limitante non viene supportata in termini di adattamento sul posto di lavoro.

La nuova sintesi politica di Eurofound su come rispondere ai problemi di salute cronica sul luogo di lavoro combina l'indagine europea sulle condizioni di lavoro e altri dati a livello nazionale e dell'UE per esaminare la prevalenza e l'impatto delle malattie croniche sul lavoro. Sottolinea che i problemi sanitari di lunga data tra i lavoratori diventeranno un problema sempre più significativo per l'Europa nei prossimi decenni.

L'Europa ha una forza lavoro che invecchia e un quarto della popolazione attiva dell'UE riferisce già di avere una malattia cronica. Questa percentuale è aumentata di 8 punti percentuali tra il 2010 e il 2017. I lavoratori di età superiore ai 50 anni hanno una probabilità doppia di avere una malattia cronica rispetto ai lavoratori di età inferiore ai 35 anni; ma anche tra i lavoratori più giovani la percentuale di malattie croniche è in aumento - dall'11% nel 2010 al 18% nel 2017 per i minori di 30 anni. Alcune delle condizioni croniche più comuni riportate comprendono disturbi muscoloscheletrici, condizioni di salute mentale e malattie cardiovascolari. ...continua a leggere "Eurofound: Solo un lavoratore  su tre  con limitazioni da malattie croniche lavora  in luoghi di lavoro adattati"

 

 

 

Questo rapporto utilizza i dati dell'indagine europea sulle condizioni di lavoro per esaminare le condizioni di lavoro e le loro implicazioni per la salute dei lavoratori. Garantire la sostenibilità del lavoro nel contesto dell'invecchiamento della popolazione implica un maggior numero di persone occupate che possono rimanere a lungo nel mondo del lavoro. Il rapporto esamina l'interazione tra le richieste di lavoro - che comportano un maggiore rischio di esaurimento - e le risorse lavorative - che supportano i lavoratori in un maggiore impegno e benessere. I risultati indicano che i rischi fisici non sono aumentati ma rimangono importanti, mentre le richieste emotive sono aumentate, sottolineando la crescente importanza dei rischi psicosociali sul lavoro. I cambiamenti nel tempo suggeriscono che sebbene il rischio di cattive condizioni di salute sia concentrato in alcune occupazioni.

FONDAZIONE DUBLINO RAPPORTO SULLE CONDIZIONI DI LAVORO E SALUTE DEI LAVORATORI

 

La qualità del lavoro è un obiettivo principale dei responsabili delle politiche di tutto il mondo. Per i lavoratori, le imprese che li impiegano e per le società, vi sono benefici associati a lavori di alta qualità e costi associati a lavori di scarsa qualità. Questo rapporto - frutto di un progetto pionieristico dell'Organizzazione internazionale del lavoro e di Eurofound - fornisce un'analisi comparativa della qualità del lavoro che copre circa 1,2 miliardi di lavoratori in Europa, Asia e nelle Americhe. Analizza sette dimensioni della qualità del lavoro: l'ambiente fisico, l'intensità del lavoro, la qualità dell'orario di lavoro, l'ambiente sociale, le competenze e lo sviluppo, le prospettive e i guadagni, trovando differenze e somiglianze importanti tra i paesi. Analizzando gli aspetti positivi e negativi della qualità del lavoro in diversi paesi e società,

autori: Aleksynska, Mariya Berg, Janine Foden, David Johnston, Hannah Parent-Thirion, Agnès Vanderleyden, Julie
Numero di pagine: 196

Per scaricare il Volume clicca Eurofound

FONTE  EUROFOUND.EU 

Questo rapporto esamina l'impatto dell'applicazione accelerata delle tecnologie di automazione e digitalizzazione sulla struttura salariale e dei compiti dell'occupazione in Europa. Nonostante l'alto livello di incertezza di queste proiezioni, il contributo di questo rapporto è quello di estendere l'analisi oltre la semplice sostituzione tecnologicamente fattibile dei lavoratori con macchine incorporando alcune analisi economiche . Ciò include la fattibilità macroeconomica del costo dell'investimento dell'automazione, gli effetti moltiplicatori della perdita di domanda - non solo a causa della perdita di posti di lavoro iniziale, ma anche a causa del passaggio da altri redditi da lavoro - e della creazione di posti di lavoro nella catena di approvvigionamento che emana dall'aumento della domanda di attrezzature per le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC). L'analisi è condotta utilizzando il modello macroeconometrico E3ME, che fornisce informazioni sugli impatti settoriali, insieme al modello di estensione del mercato del lavoro di Warwick per l'analisi occupazionale. Un'ulteriore analisi degli sviluppi occupazionali in Europa è condotta utilizzando il monitoraggio europeo per l'occupazione di Eurofound.

DOWNLOAD DEL VOLUME (PDF 1 MB)