“Sono dipendente dal lavoro, ma mi sto prendendo cura di me stesso!” » : consapevolezza in soccorso dei « maniaci del lavoro »

« Je suis accro au travail, mais je me soigne ! » : la pleine conscience au secours des « workaholics » 

[ in coda abbiamo postato una traduzione in italiano per facilitare la lettura dell’articolo . Traduzione effettuata con google translator: il testo di riferimento resta l’articolo in lingua francese ]

Carole Daniel, SKEMA Business School; Elodie Gentina, IÉSEG School of Management et Jessica Mesmer-Magnus, University of North Carolina Wilmington

Connaissez-vous la « boulomanie » ? Il s’agit de l’addiction au travail, un terme issu de l’anglicisme « workaholism » pour décrire le besoin incontrôlable de travailler sans cesse, inventé par le psychologue et éducateur religieux américain Wayne Oates en 1971. Ce phénomène addictif n’est pas lié à la consommation de substance comme l’alcool ou la drogue, mais décrit une addiction comportementale, au même titre que l’addiction aux jeux d’argent et de hasard par exemple.

Les accrocs au travail sont des personnes qui ressentent un besoin de travailler si fort qu’ils n’hésitent pas à mettre en danger leur santé physique et mentale, ainsi que leurs relations interpersonnelles. Une étude récente indique que 37 % des actifs utilisent des outils numériques professionnels hors temps de travail. Sur le plan légal, l’addiction au travail a été ajoutée à la liste des risques psychosociaux.

L’addiction au travail ne qualifie pas l’augmentation ponctuelle du temps de travail, liée à un gros dossier à traiter par exemple. Pour parler d’addiction au travail, il faut que ce comportement devienne compulsif et qu’il perdure pendant plusieurs semaines. Comme pour d’autres addictions, cette dépendance s’installe petit à petit, souvent à l’insu de ses victimes. Le besoin compulsif de travailler s’installe sournoisement. Il empiète toujours un peu plus sur la vie de famille, les loisirs ou les vacances, au point de devenir source de conflit, voire de rupture.

Continua a leggere ““Sono dipendente dal lavoro, ma mi sto prendendo cura di me stesso!” » : consapevolezza in soccorso dei « maniaci del lavoro »”

 185 total views,  5 views today

Risoluzione del Parlamento Europeo su Salute mentale nel mondo digitale

Salute mentale nel mondo del lavoro digitale

Risoluzione del Parlamento europeo del 5 luglio 2022 sulla salute mentale nel mondo del lavoro digitale (2021/2098(INI))

salutementale_mondo_fTA-9-2022-0279_IT

Per scaricare il file pdf clicca QUI 

 249 total views,  1 views today

GB. Gli assistenti sociali si dimettono per pressione sul lavoro

Carichi di lavoro eccessivi, alti livelli di stress e morale basso sono all’ordine del giorno tra gli assistenti sociali che sono al punto di rottura, secondo un nuovo rapporto UNISON. “Il lavoro sociale e l’impatto della pandemia di Covid” si basa su un’indagine su quasi 3.000 assistenti sociali in tutto il Regno Unito. Più di tre quarti (78%) ha affermato di aver sperimentato un aumento dei livelli di stress e il 77% era preoccupato per la propria salute mentale a causa della pressione a cui sono sottoposti. La segretaria generale dell’UNISON Christina McAnea ha dichiarato: “Le nuove reclute e i lavoratori esperti sono a un punto di rottura e stanno lasciando la professione in massa. I ministri devono prendere sul serio questi risultati. I comuni devono essere sufficientemente finanziati per reclutare e trattenere assistenti sociali per garantire che le comunità siano adeguatamente protette”.
Comunicato stampa UNISON . Stella del mattino.

 178 total views,  2 views today

Spagna. CCOO.Presentazione dello studio Condizioni di lavoro, insicurezza e salute nel contesto del Covid-19

 

 

Alla presenza di Unai Sordo e di una parte degli autori di questo studio, sono stati presentati in conferenza stampa i risultati dell’indagine Condizioni di lavoro, precarietà e salute dei lavoratori residenti in Spagna nell’ambito del COVID-19 .

Era un sondaggio online, progettato congiuntamente dall’Università Autonoma di Barcellona (UAB) e dall’Istituto sindacale per l’ambiente e la salute del lavoro (ISTAS), essendo il dottor Albert Navarro (Facoltà di medicina UAB), il dottor Salvador Moncada (ISTAS), il Dr. Sergio Salas (POWAH-UAB) e la sociologa Clara Llorens (ISTAS e Faculty of CCPP e Sociology UAB) il team responsabile.

L’indagine ha cercato di conoscere l’impatto della pandemia tra i lavoratori che avevano un lavoro al 14 marzo 2020 , sia tra coloro che stavano ancora lavorando al momento della risposta, sia tra quelli colpiti da un ERTE o che erano stati licenziati.

Con oltre 20.000 partecipanti, il sondaggio mostra che le principali preoccupazioni dei lavoratori sono legate alla precarietà del lavoro, il 75,6% è preoccupato per trovare un lavoro, mentre il 69,7% è preoccupato che il proprio stipendio diminuisca , essendo più alto tra coloro il cui stipendio non copre i bisogni di base.

Alla conferenza stampa hanno preso parte anche il rettore dell’Università Autonoma di Barcellona, ​​Margarita Arboix, ei responsabili dei due gruppi di ricerca: Albert Navarro, del gruppo POWAH, composto da ricercatori delle Facoltà di Medicina e Scienze Politiche e Sociologia dell’Università Autonoma di Barcellona (UAB) e Salvador Moncada, dell’Istituto sindacale per l’ambiente e la salute del lavoro (ISTAS-CCOO).

Accesso allo studio Condizioni di lavoro, precarietà e salute nell’ambito del Covid 19

 576 total views

ESENER 2019: rivelati i risultati dell’indagine sul posto di lavoro alla vigilia della Giornata dell’Europa

 EU-OSHA presenta i principali risultati dell’edizione 2019 del suo sondaggio europeo delle imprese sui rischi nuovi ed emergenti (ESENER), che mostra i principali fattori di rischio segnalati dai luoghi di lavoro europei: disturbi muscoloscheletrici e rischi psicosociali.

Oltre 45.000 aziende in 33 paesi hanno partecipato al sondaggio, rispondendo a domande su diverse aree di sicurezza e salute sul lavoro (SSL), incluso l’emergente problema della digitalizzazione.

ESENER 2019 è una preziosa fonte di informazioni per i responsabili politici, in quanto fornisce un quadro aggiornato della consapevolezza del rischio e della gestione della SSL nei luoghi di lavoro europei, nonché un confronto con i risultati di ESENER 2014.

PER LEGGERE I REPORT DI RICERCA VAI ALLA FONTE OSHA.EU 

 456 total views

Guida ai rischi psicosociali elaborata dall’Ispettorato del Lavoro Spagnolo

FONTE  SNOP.IT 
La guida comprende le nozioni di base ed i criteri  per l’azione ITSS relative ai rischi psicosociali, sia nelle loro azioni proattive che reattive, ed è accompagnato da allegati che precisano il contenuto più tecnico. Guida in Spagnolo e Inglese.

Attachments:
File File size
Download this file (English.pdf)English.pdf 92 Kb
Download this file (Guia ITSS sobre Riesgos Psicosociales.pdf)Guia ITSS sobre Riesgos Psicosociales.pdf

 350 total views

IX° Convegno Nazionale SIPISS – Ambienti di lavoro in evoluzione Nuove prospettive per la psicologia e la medicina del lavoro 

FONTE C.I.I.P 

IX° Convegno Nazionale SIPISS – Ambienti di lavoro in evoluzione 
Nuove prospettive per la psicologia e la medicina del lavoro

Camera del Lavoro, Corso di Porta Vittoria 43, Milano 
giovedì 9 Maggio 2019 – ore 8:45-13:00

Convegno SPISS (con patrocinio ANMA)

8:45 – registrazione

9:15 – apertura lavori

9:30-9:50 Francesco Chirico
“I primi anni di attività della rivista interdisciplinare di sanità pubblica della SIPISS”

9:50-10:10 Susanna Cantoni
“Il lavoro che cambia: nuove sfide per la promozione del benessere”

10:10-10:40 Franco Pugliese e Giuseppe Ferrari
“Linee di indirizzo per la gestione dei disturbi mentali sul luogo di lavoro: SIPISS in collaborazione con l’Associazione di Medici occupazionali di Piacenza e Lodi”

10:40-11:00 pausa con coffee break gratuito

11:00-11:20 Balduino Simone
“I veicoli dotati di dispositivi che influiscono sulla guida (ADAS) e Sicurezza sul Lavoro: fattori di rischio correlati e misure di sicurezza”

11.20-11.50 Mauro Valsiglio e Stefano Giordani
“La promozione del benessere e il miglioramento degli stili di vita negli ambienti di lavoro”

11.50-12:10 Angelo Sacco
“Ambienti di lavoro smart e i rischi per il lavoratore: tra valutazione e sorveglianza”

12:10-12.40 Tavola rotonda

12:40-13:00 Verifica Crediti ECM

scarica la locandina

www.sipiss.it  | segreteria@sipiss.it

 406 total views