Serve una pandemia per rilanciare il dialogo sociale europeo?

 

Fonte Etui.org

Centinaia di migliaia di lavoratori stagionali devono attraversare l’Europa all’inizio dell’estate 2020 per aiutare con i raccolti, ma devono affrontare un mosaico di regole di frontiera incoerenti. Pescatori europei bloccati nell’Atlantico a causa della chiusura dei porti di sbarco in Senegal e Costa d’Avorio. I lavoratori commerciali nelle principali città sono stati aggrediti per la carenza di determinati beni e le misure obbligatorie di allontanamento sociale. Stampanti di fronte alla carenza di solventi a causa dell’esplosione della domanda di gel idroalcolico. Tecnici delle telecomunicazioni vessati perché, secondo i rumor, il 5G favorirebbe la pandemia. In che modo datori di lavoro e lavoratori hanno affrontato situazioni a volte del tutto inaspettate?

Un recente studio dell’Istituto sindacale europeo (ETUI) ha esaminato le negoziazioni sociali tra rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori a livello settoriale europeo. Circa 30 settori di attività economica, che vanno dall’industria dell’ospitalità ai servizi di sicurezza privati, inclusi turismo, trasporti, agricoltura e pesca, intrattenimento dal vivo, ecc. sono state vagliate alla luce delle misure adottate o richieste all’Europa e ai governi per cercare di superare le conseguenze concrete della pandemia nel loro settore.

Continua a leggere “Serve una pandemia per rilanciare il dialogo sociale europeo?”

La “Covid a lungo termine” delle relazioni industriali e il futuro del telelavoro

Autori
Nicola Countouris Valerio De Stefano
Fonte : ETUI 

La pandemia ha familiarizzato tutti noi con la “distanza sociale”. I datori di lavoro stanno cominciando a immaginare un futuro in cui la “distanza contrattuale” sta gradualmente diventando la norma .

La pandemia, nonostante tutte le sofferenze che ha causato e le sfide che ha generato nella vita quotidiana, ha comunque avuto un effetto positivo per un numero significativo di lavoratori: in Europa e altrove, lavorare da casa è infatti diventato una realtà per milioni di lavoratori , che li ha liberati dalla fatica quotidiana dei lunghi viaggi, dalla tossicità di certi ambienti d’ufficio e, in parte, dalla monotona routine del “nove-cinque”. Il telelavoro ha offerto almeno la prospettiva di un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata, maggiore flessibilità e un grado di autonomia senza precedenti .

Continua a leggere “La “Covid a lungo termine” delle relazioni industriali e il futuro del telelavoro”

Covid-19: verso la revoca dei brevetti sui vaccini

 

Fonte : ETUI

Il 5 maggio 2021, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sorprende chiedendo la revoca dei brevetti sui vaccini anti-Covid. “Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di Covid-19 richiedono misure straordinarie”, ha affermato Katherine Tai, rappresentante per il commercio degli Stati Uniti . Questa posizione segue una lettera inviata a Joe Biden tre settimane prima, co-firmata da 170 premi Nobel ed ex capi di stato o di governo. Un passo considerato dai firmatari “vitale e necessario per porre fine alla pandemia”.

Continua a leggere “Covid-19: verso la revoca dei brevetti sui vaccini”

Covid-19 come indicatore della situazione di salute e sicurezza sul lavoro

Fonte. ETUI 

Autrice Marian Schaapman

La pandemia Covid-19 è stata una prova di stress per la sicurezza e la salute sul lavoro (SSL) nell’UE e purtroppo ha rivelato una serie di carenze strutturali nell’applicazione pratica del sistema normativo europeo per SST. Questo è il messaggio chiave del capitolo sulla SSL di “Benchmarking Working Europe 2020” (1), una delle pubblicazioni annuali dell’Istituto sindacale europeo (ETUI).

Esempi di problemi di SSL in tre settori

Gli operatori sanitari , gli infermieri in particolare, ma anche i tecnici di laboratorio, i farmacisti e gli addetti alle pulizie, tra gli altri, sono esposti a prodotti medici pericolosi, compresi i farmaci citostatici. Queste situazioni esistono ormai da decenni e le misure preventive spesso non soddisfano gli standard necessari per proteggere adeguatamente i lavoratori.. Quelli più a rischio hanno, ad esempio, un rischio maggiore dell’87% di cancro al seno, un rischio maggiore del 64% di cancro ematopoietico e un rischio maggiore di aborto spontaneo del 46%. (2) Inoltre, nel corso degli anni, gli operatori sanitari hanno visto aumentare il loro carico di lavoro, a causa della crescente carenza di personale, causata dalla riduzione della spesa pubblica a partire dalla crisi finanziaria del 2008 e che ha colpito particolarmente il settore sanitario. Questi lavoratori sono quindi esposti a gravi rischi psicosociali.

Continua a leggere “Covid-19 come indicatore della situazione di salute e sicurezza sul lavoro”

ETUI . Lavoro, salute e Covid-19 – A literature review

 

Disponibile solo in inglese

Poiché il lavoro è un vettore critico nella trasmissione del Covid-19, questo rapporto esamina perché è essenziale che le misure di salute e sicurezza sul lavoro occupino un posto centrale nelle politiche di mitigazione. I lavoratori dei settori dichiarati essenziali dalle autorità pubbliche sono stati incaricati di continuare a lavorare in ambienti fisici durante la pandemia. Continua a leggere “ETUI . Lavoro, salute e Covid-19 – A literature review”

Le quattro “i” di un nuovo contratto socio-ecologico

Dal sito di Etui questo articolo importante come riferimento rispetto a politiche ambientali che siano consonanti con obiettivi sociali di maggiore equità e di superamento delle diseguaglianze: un’equazione difficile da risolvere…. 

FONTE ETUI

Un “contratto socio-ecologico” è apparso come mezzo per progettare congiuntamente le transizioni necessarie per uscire dalle crisi attuali e spostarsi verso paradisi più sicuri. Ma cosa implica questo?

Le sfide della transizione ecologica sono immense. Per affrontarlo è necessario un contratto socio-ecologico . La nozione di “contratto” implica la conclusione di un accordo forte, con una prospettiva a lungo termine, che funzioni per tutte le parti coinvolte. Non può essere un accordo vulnerabile ai capricci della politica quotidiana.

Fondamentalmente, un tale nuovo contratto dovrebbe legare insieme le dimensioni sociale e ambientale della transizione, compreso il modello di business sottostante. Questo è stato il tema di una conferenza organizzata a febbraio dall’Istituto sindacale europeo e dalla Confederazione europea dei sindacati.

Il contratto ha quattro dimensioni, o quattro “i”: idee, interessi, istituzioni e indicatori.

Continua a leggere “Le quattro “i” di un nuovo contratto socio-ecologico”

Etui. La riduzione dell’orario di lavoro e la crisi climatica

Nel suo recente discorso a una conferenza sulla riduzione dell’orario di lavoro e la crisi climatica, la professoressa Juliet Schor del Boston College ha sottolineato che è impossibile decarbonizzare adeguatamente, ad esempio mirando a ridurre le emissioni di carbonio circa il 10% all’anno, un obiettivo molto ambizioso – senza ridurre l’orario di lavoro nei paesi sviluppati. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la trasformazione del sistema energetico da combustibili fossili a fonti energetiche rinnovabili pulite è essenziale per ridurre le emissioni, ma di per sé non è sufficiente. Continua a leggere “Etui. La riduzione dell’orario di lavoro e la crisi climatica”

Etui. Aspetti di salute e sicurezza nel benchmarking Working Europe 2020

 

 

FONTE  ETUI 

Questo Rapporto della Confederazione Europea dei Sindacati dei lavoratori rappresenta lo “stato dell’arte” sulle condizioni di lavoro in lavoro e analizza le criticità prodotte dalla pandemia. 

Il rapporto Benchmarking Working Europe di quest’anno – la pubblicazione di punta congiunta dell’ETUI e della CES – è un’edizione speciale, non solo perché è l’edizione del 20 ° anniversario, ma anche perché analizza le conseguenze di una crisi nuova e totalmente diversa per il mondo di lavoro.

I responsabili politici, sia a livello nazionale che europeo, si stanno avvicinando a questo difficile momento in un modo che si discosta dalle risposte guidate dall’austerità dispiegate all’indomani della crisi finanziaria del 2008. È quindi particolarmente adatto che il numero del 20 ° anniversario esponga il nostro caso per una strada socialmente reattiva fuori dalla crisi del Covid-19. In tal modo, questa analisi dimostra che la pandemia ha fornito una “prova di stress” per la sicurezza e la salute sul lavoro (SSL) nell’UE e ha rivelato molteplici carenze sistemiche che devono essere affrontate.

Continua a leggere “Etui. Aspetti di salute e sicurezza nel benchmarking Working Europe 2020”

Essenziale ma non protetto: lavoratori altamente mobili nell’UE durante la pandemia Covid-19

 

 

La pandemia Covid-19 ha dimostrato che i lavoratori altamente mobili che si spostano frequentemente all’interno o all’esterno dell’Unione europea (UE) sono insostituibili durante una crisi di salute pubblica. Tuttavia, spesso rimangono i meno protetti e i più vulnerabili.

Le misure introdotte per proteggere i lavoratori con normali rapporti di lavoro durante una crisi di salute pubblica potrebbero non raggiungere determinati gruppi di lavoratori altamente mobili. Di conseguenza, possono essere ancora più marginalizzati in tempi di crisi.
Questa situazione è ulteriormente aggravata dal fatto che questi lavoratori sono spesso stranieri nel paese ospitante. Sia i paesi ospitanti che quelli di origine non li proteggono a sufficienza e questa situazione potrebbe essere ancora più pronunciata per i lavoratori di paesi terzi al di fuori dell’UE.

Durante la pandemia Covid-19, la legislazione europea preesistente non è riuscita a proteggere i lavoratori altamente mobili e, finora, anche gli orientamenti e le misure politiche adottate dalla Commissione europea sono falliti.

Per migliorare la protezione dei lavoratori altamente mobili a lungo termine, è necessario raggiungere una convergenza significativa (verso l’alto) degli standard sociali e del diritto del lavoro tra i paesi e per i diversi gruppi di lavoratori. A medio termine, dovrebbe essere creata una rete di sicurezza sociale paneuropea per le situazioni di crisi, tenendo conto delle esigenze dei lavoratori altamente mobili. E a breve termine, dovrebbero essere adottate misure di emergenza mirate che includano standard sia di sostegno che di protezione per questo gruppo di lavoratori, idealmente a livello dell’UE o, se ciò non è possibile, a livello nazionale.

Download della brochure   10 pagine in formato .pdf

 

 

E’ disponibile online la Rivista HESAMAG n° 22 sul tema: “Salute sul lavoro nei tribunali “

 

Con 180 000 decessi legati al lavoro ogni anno nell’Unione europea e oltre 2,5 milioni in tutto il mondo, la salute sul lavoro è una questione cruciale per i lavoratori e i sindacati. Sapendo che, da qualche parte nel mondo, un lavoratore muore ogni 11 secondi a causa della mancanza di un’adeguata prevenzione, potresti chiederti se ha senso fare una campagna per più occupazione o salari migliori se questi lavori finiscono per togliere la vita ai lavoratori. E in più di nove casi su dieci, queste morti sono in gran parte invisibili, perché derivano da malattie professionali piuttosto che da incidenti.

Andare in tribunale per richiedere il rispetto della legislazione preventiva è un processo laborioso, costoso e poco utilizzato. Questo fatto consolida l’immagine del mondo del lavoro come enclave in cui non si applicano le regole del diritto ordinario. Ma i diritti di proprietà degli imprenditori dovrebbero davvero avere la precedenza sul diritto fondamentale alla vita? Continua a leggere “E’ disponibile online la Rivista HESAMAG n° 22 sul tema: “Salute sul lavoro nei tribunali “”

CES . I sindacati chiedono un nuovo sistema per fissare valori limite europei per gli agenti cancerogeni

I sindacati europei chiedono ai legislatori dell’UE di rivedere l’attuale sistema per la definizione dei valori limite di esposizione professionale (OEL) ai sensi della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni (CMD) . Secondo loro, il nuovo sistema dovrebbe essere basato su un basso rischio di contrarre il cancro e non su un’analisi costi-benefici.

A fine settembre 2020 la Commissione Europea (CE) ha avviato l’iter legislativo per la quarta revisione della direttiva sulla protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni sul lavoro. Sebbene la Confederazione europea dei sindacati (CES) accolga favorevolmente questa iniziativa , ritiene che un nuovo sistema coerente e trasparente per la definizione del LEP dovrebbe essere parte della revisione.

L’ETUI, che è l’istituto di ricerca della CES, ha quindi preparato una nota informativa che spiega come dovrebbe funzionare il nuovo sistema.

L’urgente questione di aggiornare e migliorare l’attuale meccanismo per la definizione di SARA vincolanti nel quadro della MCD è richiesta dalla legislazione europea nell’articolo 168 del TFUE che afferma che “Un livello elevato di protezione la salute umana è garantita nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche e azioni dell’Unione “. 

Finora, la metodologia utilizzata per calcolare i LEP, basata sull’analisi costi-benefici, ha ripetutamente violato questo principio stabilendo LEP vincolanti per alcuni agenti cancerogeni con un livello di rischio molto elevato, afferma la nota informativa. .

Secondo i ricercatori dell’ETUI, il nuovo sistema dovrebbe essere basato su bassi rischi di contrarre il cancro, come nel sistema nazionale per la fissazione di valori limite per gli agenti cancerogeni in Germania e nei Paesi Bassi. 

Il nuovo sistema dovrebbe anche essere più trasparente e fornire informazioni specifiche per ogni LEP vincolante, ad esempio specificando se il LEP è basato sulla salute o sul rischio. In quest’ultimo caso va sempre indicato il rischio di cancro residuo correlato al valore numerico di SARA. Inoltre, un piano d’azione obbligatorio dovrebbe essere aggiunto nella valutazione del rischio del datore di lavoro in modo che l’obbligo di ridurre al minimo l’esposizione sia chiaro per i lavoratori esposti e le autorità di contrasto.

LEP è un parametro quantitativo per l’esposizione professionale a sostanze chimiche pericolose sul posto di lavoro, compresi gli agenti cancerogeni. Sono impostati al fine di prevenire malattie professionali come i tumori professionali o altri effetti dannosi nei lavoratori esposti. I datori di lavoro utilizzano LEP come strumento per valutare i rischi dei lavoratori esposti e come strumento per la selezione di adeguate misure preventive. 

Per saperne di più:

ETUI.Il lavoro  nell’era dell’intelligenza artificiale: perché è necessaria una regolamentazione per proteggere i lavoratori

FONTE ETUI 
Autrice Aída Ponce Del Castillo

Le grandi potenze del mondo, molti stati e aziende stanno combattendo per vincere la corsa all’intelligenza artificiale (AI). L’intelligenza artificiale è di importanza strategica per l’Unione Europea, con la Commissione Europea che ha recentemente dichiarato che “l’intelligenza artificiale è un obiettivo che può fare dell’Europa un leader tecnologico globale”.

Per raggiungere questo obiettivo, l’UE deve creare un quadro etico e giuridico appropriato. Questa Outlook Note sostiene che tale quadro deve essere solidamente basato sulla regolamentazione – può essere raggiunto aggiornando la legislazione esistente – e che deve prestare particolare attenzione alla protezione dei lavoratori. I lavoratori sono in una posizione di subordinazione ai loro datori di lavoro e, nella fretta dell’Europa di vincere la corsa all’IA, i loro diritti rischiano di essere trascurati. Questo è il motivo per cui deve essere sviluppato un quadro giuridico protettivo e applicabile, con la partecipazione delle parti sociali.

DOWNLOAD EBOOK 

Les applications de traçage des contacts pour le COVID-19 : comment éviter que la vie privée ne devienne la prochaine victime rendra possible le traçage des contacts »

 

ETUI Policy Brief N°5/2020
Politiques économiques, sociales et de l’emploi en Europe

Les applications de traçage des contacts pour le COVID-19 : comment éviter que la vie privée ne devienne la prochaine
victime rendra possible le traçage des contacts ». Le 21 avril, le Premier ministre néerlandais Mark Rutte a déclaré que le développementes applications de traçage du COVID-19 se poursuivrait, en dépit  du fait que sept de ces applications ont été testées et qu’aucune d’entre elles n’a réussi à répondre aux exigences en matière de sécurité, de respect de la vie privée et de fiabilité.
Aída Ponce Del Castillo

IL DOCUMENTO

L’International Journal of Health Services pubblica uno studio sulla classificazione della SARS-CoV2

Fonte : Newsletter ETUI che ringraziamo 

Dopo la dichiarazione della pandemia Covid-19 e la sua grande distribuzione in Europa, è stato necessario classificare il nuovo virus che causa questa malattia, SARS-CoV2 in modo da applicare le  disposizioni della direttiva europea sulla protezione dei lavoratori esposti a agenti biologici . Questa direttiva contiene disposizioni generali applicabili a tutti i rischi biologici. Altre disposizioni sono classificate in base al livello di pericolo associato a un agente. La scala va dal gruppo 1 (nessun rischio per l’uomo) al gruppo 4 (livello di rischio più alto).

In questo contesto, l’Istituto sindacale europeo (ETUI) ha chiesto al professor Jean-Pierre Unger  dellUniversità di Newcastle per effettuare una valutazione sulla base dei dati scientifici disponibili a maggio 2020. Continua a leggere “L’International Journal of Health Services pubblica uno studio sulla classificazione della SARS-CoV2”

L’Europa esporta pesticidi vietati sul suo suolo nei paesi poveri, afferma Greenpeace

Fonte : Newsletter ETUI 

Migliaia di tonnellate di pesticidi vietati in Europa vengono esportati ogni anno dall’Unione Europea (UE) verso i paesi poveri, secondo un recente studio di Greenpeace che ha analizzato le notifiche di esportazione presentate dagli Stati membri dall’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). Solo nel 2018, oltre 81.000 tonnellate di pestcidi contenenti sostanze attive vietate nei campi europei hanno lasciato l’Europa per il Sud Africa, l’Ucraina, il Brasile e altri paesi con legislazioni non conformi e meno rigorose. Con oltre 32.000 tonnellate esportate quell’anno, il Regno Unito è stato di gran lunga il principale attore in termini di volume. Anche Italia, Paesi Bassi, Germania, Francia, Spagna e Belgio sono stati i principali esportatori di pesticidi.

Continua a leggere “L’Europa esporta pesticidi vietati sul suo suolo nei paesi poveri, afferma Greenpeace”

Inclusione di medicinali pericolosi nell’ambito di applicazione della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni

Fonte : Etui

Durante il mese di settembre 2020 , la Commissione Europea (CE) dovrebbe avviare il processo legislativo relativo alla quarta revisione della Direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni (CMD). L’ETUI, che sostiene la campagna “Stop cancer at work”, ha preparato una nota informativa per sottolineare l’importanza di includere farmaci pericolosi (Hazardous Medicinal Products, HMP) nell’ambito del direttiva.

Gli HMP e, in particolare, i farmaci citotossici, citostatici o antineoplastici sono un gruppo di farmaci che contengono sostanze chimiche tossiche per le cellule e che inibiscono la crescita e la moltiplicazione delle cellule. Questi farmaci sono utilizzati principalmente per il trattamento del cancro, ma anche in pratiche non oncologiche, per il trattamento di malattie non cancerose come la sclerosi multipla, la psoriasi e il lupus eritematoso sistemico.

Questi farmaci richiedono una manipolazione individuale per ciascun paziente prima di essere somministrati come infusione o iniezione in bolo. Ciò può portare a errori, fuoriuscite, ferite da punture di aghi e contaminazione, che presentano evidenti rischi per la salute dei lavoratori colpiti dal farmaco attraverso l’assorbimento della pelle e la trasmissione attraverso l’aria. Spesso gli effetti dell’esposizione possono essere subclinici e non essere evidenti per anni o generazioni di esposizione continua. Ad esempio, poiché il cancro richiede spesso decenni per manifestarsi, un caso di leucemia diagnosticato oggi da un infermiere o da un farmacista potrebbe essere il risultato dell’esposizione sul posto di lavoro negli anni ’80.

Tuttavia, gli HMP sono essenziali nella lotta contro il cancro e altre malattie non cancerose; questo è il motivo per cui l’obbligo di sostituzione definito nel CCD non si applicherebbe agli HMP. L’inclusione di HMP nell’Allegato I consentirebbe l’attuazione di una legislazione vincolante, compresa la prevenzione dell’esposizione attraverso sistemi tecnologici chiusi, che proteggono tutti i lavoratori che entrano in contatto diretto o indiretto con queste sostanze.

Riferimenti :

Cancro in ospedale: la lotta solitaria di un’infermiera per difendere i suoi diritti

La nostra incapacità di prevenire rischi noti . Sicurezza e salute sul lavoro nel settore sanitario durante la pandemia COVID-19

  • I rischi della SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19, devono essere affrontati in conformità con la direttiva europea sugli agenti biologici e attraverso una capacità centralizzata rafforzata dell’Unione europea per la sorveglianza di emergenza salute e risposta a loro.
  • La mitigazione e la prevenzione dell’impatto della malattia, Covid-19, dovrebbero essere ottenute classificandola come una malattia professionale, garantendo la disponibilità di dispositivi di protezione individuale (DPI) e test per i lavoratori nel salute e coinvolgere i lavoratori in tutti gli aspetti dell’organizzazione del lavoro.
  • La crisi del coronavirus, che deriva dall’impatto del legame tra austerità / virus / malattia sulla società nel suo complesso, dovrebbe innescare un cambiamento trasformativo nell’economia dell’assistenza, portando alla valutazione del lavoro di assistenza, alla trasparenza salari, pieno riconoscimento dei rischi psicosociali come violenza e molestie nel mondo del lavoro, misure per promuovere l’equità nella salute sul lavoro, pianificazione sostenibile della forza lavoro sanitaria e inserimento dell’aspetto di genere, attualmente assente, nella normativa europea in materia di sicurezza e salute sul lavoro.

 

France: le travail comme vecteur essentiel de contamination par le Covid-19

 

Ringrazio l’amico Laurent Vogel per questo articolo sulle ragioni della ingravescenza dell’epidemia Covid-19 in Francia.Editor 

Fonte dell’articolo Etui.org

 

Depuis la levée du confinement en mai 2020, les autorités en charge la santé publique en France suivent les nouveaux foyers de contamination (clusters) au Covid-19. Un cluster est analysé dès lors que, dans une communauté, il s’est produit au moins trois cas d’infections confirmés ou probables pendant une période de sept jours. Le dernier rapport hebdomadaire de Santé Publique France concernant cette surveillance épidémiologique montre le rôle central joué par les expositions en milieu professionnel dans un contexte où la maladie touche un nombre croissant de jeunes adultes et où la circulation du virus augmente de manière inquiétante.

Sur les 1583 clusters enregistrés entre le 9 mai et le 7 septembre 2020, une majorité (29 %) est constituée par des entreprises privées ou publiques en dehors de la catégorie des établissements de santé. Il faut ajouter à ce pourcentage d’autres milieux de travail où la contamination peut concerner autant le personnel que les usagers, les résidents ou les patients. On y trouve des établissements de santé (15 % de l’ensemble des clusters), des établissements sociaux d’hébergement et d’insertion (6 %), des établissements accueillant des personnes handicapées (3 %), le milieu scolaire ou universitaire (4 %), des crèches (2 %) et des établissements pénitentiaires (1 %). Les clusters qui n’impliquent pas directement l’organisation du travail sont principalement les événements publics ou privés comme des fêtes, des événements sportifs ou religieux (15%) et le milieu familial élargi (11%). Ces données n’incluent pas les résidences pour personnes âgées (Ehpad) ni le milieu familial restreint.

En ce qui concerne l’ensemble des établissements sociaux et médico-sociaux où des résidents cohabitent avec du personnel, plus de de 60 000 cas de Covid-19 ont été déclarés entre le 1er mars et le 6 septembre 2020 dont 21 772 cas concernaient des membres du personnel.

Ces données permettent de considérer que les aspects spécifiques de prévention en santé au travail sont négligés dans la politique de gestion hygiéniste de la pandémie. L’insuffisance de la prévention sur les lieux de travail es un facteur important dans le risque de “deuxième vague”. Dans la plupart des cas, les employeurs ont mis en place des barrières hygiéniques mais ils n’ont pas procédé à des changements suffisants en ce qui concerne l’organisation du travail, son intensité ou encore le recours à du travail précaire.

Références:

Gli ingranaggi della politica di salute e sicurezza nell’Unione europea Storia, istituzioni e soggetti

 

Autore: Laurent Vogel

Edizione italiana a cura di SindNova. Traduzione di Diego Alhaique. Roma 2016
Traduzione di Diego Alhaique

Rendiamo disponibile questo saggio di Laurent Vogel ricercatore ETUI pubblicato nel 2016. Questo saggio è utile in particolare ai cultori delle politiche sociali in materia di salute e sicurezza nel lavoro.Questa ricerca fa chiarezza sulla complessità del percorso per attuare gli obiettivi previsti dalla Direttiva Quadro 391/89

LA BROCHURE ( 70 PAGINE PDF )

Cancro e lavoro Comprendere i tumori professionali e intervenire per eliminarli

a cura di Tony Musu e Laurent Vogel
Edizione italiana a cura di SindNova, traduzione di Diego Alhaique.

L’Istituto Sindacale Europeo (ETUI) è lieto di annunciare la pubblicazione in lingua italiana da parte di SindNova del suo libro su Cancro e lavoro Comprendere i tumori professionali e intervenire per eliminarli.

Con oltre 100.000 decessi all’anno nell’Unione europea, i tumori causati dalle condizioni di lavoro costituiscono la principale causa di morte associata alla mancanza di prevenzione. Tutti questi tumori potrebbero essere evitati eliminando i rischi riscontrati nei processi di produzione, innanzitutto sostituendo agenti e processi cancerogeni.

Il potenziale per prevenire i tumori professionali, e quindi ridurre le disuguaglianze sociali nella salute, è immenso, ma il percorso è irto di ostacoli. Le aziende si oppongono a qualsiasi forma di controllo sul posto di lavoro da parte delle organizzazioni sindacali e delle autorità pubbliche.

Il costo dei tumori professionali è esternalizzato alle vittime e ai sistemi di sanità pubblica, mentre la loro visibilità rimane debole, anche nel mondo della medicina. La ricerca scientifica sta ignorando molti aspetti dei tumori professionali, in particolare per quanto riguarda le donne. In effetti, sembra essere uno stereotipo che solo gli uomini siano affetti da tumori occupazionali.

Attraverso un’analisi dello stato attuale delle conoscenze, delle pratiche di prevenzione, dell’evoluzione della legislazione europea e del riconoscimento dei tumori come malattie professionali, questo volume, cui hanno contributo autori di diverse discipline, viene pubblicato in concomitanza con la revisione della direttiva europea sulla protezione dell’esposizione dei lavoratori agli agenti cancerogeni. Lanciata nel 2016, tale revisione dovrebbe continuare per diversi anni.

IL LIBRO IN LINGUA ITALIANA 

La pubblicazione è disponibile anche in inglese e francese: https://bit.ly/Cancroelavoro

I Podcast di Etui – Laurent Vogel : La crisi del Covid-19 analizzato sotto l’aspetto della salute e sicurezza nel lavoro

 

I podcast dell’Istituto europeo dei sindacati (ETUI) offrono nuove prospettive, dibattiti e conversazioni sulla ricerca e l’educazione in corso sull’Europa sociale, la partecipazione dei lavoratori, la salute e la sicurezza, il più ampio movimento dei lavoratori e il mondo del lavoro.

Episodio # 2 (FR) con Laurent Vogel: La crisi del Covid-19 analysée sous l’angle de la santé et sécurité …
etui.podcasts • 6 aprile

La crisi del Covid-19 analizzato sotto l’aspetto della salute e sicurezza nel lavoro

Editoriale # 63: La sfida sarà vedere qui anche il post-Covid19 di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI

 

 

Pubblichiamo l’articolo dell’Amministratore delegato di Etui sulle prospettive post-Covid19. Etui è il Centro studi della Confederazione dei Sindacati dei lavoratori europei.

di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI

È già stato detto e ripetuto: la pandemia di COVID-19 avrà conseguenze significative e durature. Questo editoriale offre un’analisi delle sfide europee e globali. Mira, come tutte le attività di ETUI al momento, a incoraggiare il dibattito e lo scambio di idee sulla crisi e post-crisi.

A livello europeo, i fondamenti dell’integrazione europea sono stati messi in discussione. I pilastri dell’Unione europea sono il mercato unico e la libera circolazione, l’euro e il patto di stabilità e crescita, il diritto della concorrenza e gli aiuti di Stato. Questi tre pilastri sono stati scossi dalla pandemia e saranno sicuramente al centro dei dibattiti futuri. Continua a leggere “Editoriale # 63: La sfida sarà vedere qui anche il post-Covid19 di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI”

Inghilterra: l’aumento del lavoro di scarsa qualità è la chiave per il peggioramento della salute pubblica

Fonte Etui.org

“L’Inghilterra sta vacillando”, hanno dichiarato le linee di apertura della Marmot Review of Health Equity in Inghilterra, pubblicata nel febbraio 2020 e coordinata dal famoso epidemiologo Sir Michael Marmot, direttore dell’Institute of Health Equity. Il tasso di aspettativa di vita, che, insieme al miglioramento continuo della salute, è in costante aumento dall’inizio del XX secolo, dal 2011 rallenta in proporzioni mai viste in 120 anni: un fenomeno che ‘non vediamo altrove in Europa. Nelle comunità più povere fuori Londra, è addirittura diminuito per una parte del decennio 2010-2020.

Continua a leggere “Inghilterra: l’aumento del lavoro di scarsa qualità è la chiave per il peggioramento della salute pubblica”

Il sito della settimana . Etui Salute Sicurezza Lavoro

Questa settima segnaliamo il sito ETUI . L’Istituto europeo dei sindacati (ETUI) è il centro indipendente di ricerca e formazione della Confederazione europea dei sindacati (CES), che a sua volta riunisce le organizzazioni sindacali d’Europa. L’ETUI mette le sue competenze – acquisite in particolare nell’ambito delle sue reti accademiche, universitarie ed esperte – al servizio della difesa degli interessi dei lavoratori a livello europeo e del rafforzamento dell’aspetto sociale dell’Unione europea.

L’Istituto è composto da due dipartimenti:

  • Un dipartimento di ricerca con tre unità:
    • Europeizzazione delle relazioni industriali;
    • Politiche economiche, sociali e occupazionali;
    • Condizioni di lavoro, salute e sicurezza
  • Un dipartimento di formazione

IL SITO ETUI

Pubblichiamo l’indice della Rivista Hesamag  20 dell’Istituto ETUI 

Pubblichiamo l’indice della Rivista Hesamag  20 dell’Istituto ETUI 
27 janvier 2020Mundo B, Rue d’Edimbourg 26, 1050 Brussels – 18h-20h.

L’Institut syndical européen (ETUI) a le plaisir de vous inviter à un débat sur “Le travail des migrants dans la forteresse Europe”, thème de la 20ème édition du HesaMag, la revue de l’ETUI sur la santé et la sécurité au travail. Pour s’inscrire

Hesamag 20

ETUI – Réunion stratégique annuelle sur la santé et la sécurité à Budapest

L’unité Santé, sécurité et conditions de travail de l’Institut syndical européen (ETUI) a organisé la réunion stratégique annuelle du Comité consultatif pour la santé et la sécurité au travail (ACSH WIG) qui s’est tenue à Budapest, en septembre 2019. Les participants ont discuté des questions les plus pertinentes et des priorités du programme de travail pour les années à venir. Lire la suite

 

ETUI – Job vacancies

The European Trade Union Institute (ETUI) is looking for a full-time Education Officer to develop the ETUI’s potential, advise on, and run EWC and SE-works councils training, particularly company-specific training. He/she will organise the ETUI’s training provision and input. Read more

 

Le Luxembourg sera le premier pays de l’UE à interdire le glyphosate fin 2020

Le Luxembourg sera le premier pays de l’Union européenne (UE) à interdire totalement les produits à base de glyphosate. L’interdiction se fera en trois phases : un retrait de l’autorisation de mise sur le marché au 1er février 2020, un délai d’écoulement des stocks jusqu’au 30 juin, la fin totale de toute l’utilisation des herbicides contenant du glyphosate pour le 31 décembre 2020. Cette mesure avait été annoncée dès décembre 2018 dans le cadre de l’accord pour la formation d’un nouveau gouvernement entre socialistes, libéraux et verts. Lire la suite

 

Deux pesticides toxiques pour la reproduction interdits dans l’Union européenne

Suivant l’avis de l’Agence européenne de sécurité des aliments (EFSA), la Commission européenne a décidé d’interdire deux pesticides : le chlorpyrifos et le chlorpyrifos-methyl. Il s’agit de deux organophosphorés qui entrent dans la composition de différents insecticides. La multinationale Corteva (ex-Dow Chemical rebaptisée Corteva depuis sa fusion avec DuPont en juin 2019) est le principal producteur mondial du chlorpyrifos. Elle l’a mise sur le marché en 1966. Il est actuellement utilisée dans environ 80 pays. La décision d’interdiction a été confirmée par un vote à la majorité des Etats membres de l’Union européenne le 6 décembre 2019. Lire la suite

 

Continua a leggere “Pubblichiamo l’indice della Rivista Hesamag  20 dell’Istituto ETUI “

HesaMag # 20 Lavoro migrante nella fortezza Europa

Segnaliamo l’ultimo numero della Rivista di ETUI  HesaMag #20 di grande interesse per il tema trattato. La Rivista è disponibile on line in Lingua inglese e francese. Per facilitare i lettori abbiamo postato l’indice tradotto in automatico da google translator. (editor)


 

Data di pubblicazione: 2019

Numero di pagine: 58

Pubblicato da:

Laurent Vogel e Mehmet Koksal

HesaMag20 Plus : consulta i nostri esclusivi report fotografici online

Oltre ventidue milioni di migranti legalmente residenti e un numero più difficile da determinare di migranti privi di documenti vivono in Europa con uno status precario che limita i loro diritti in molte aree.
In questo dossier, la redazione di HesaMag ha voluto presentare alcune situazioni concrete in diversi paesi europei. Questi esempi hanno in comune evocare l’idea di una tenaglia che comprime e talvolta schiaccia le vite umane. Una delle cause è lo status di straniero nei diversi paesi dell’Unione Europea e la limitazione dei diritti che questa condizione impone. A volte con situazioni drammatiche come la privazione dei diritti sociali o le espulsioni verso paesi in cui prevale la violenza o l’arbitrio. L’altro ramo di tenaglie è l’ascesa della xenofobia, alimentata da partiti di estrema destra e accolta con un po ‘di compiacimento da uno spettro molto più ampio di partiti politici.
Contro una fortezza Europa barricata di fronte al resto del mondo, sorgono molte iniziative. Emanano tanto dai migranti che si raggruppano e combattono per i loro diritti quanto dai movimenti che esprimono solidarietà e volontà di costruire un futuro egualitario. Anche i sindacati si stanno muovendo per supportare questa dinamica. Nel corso della loro storia, hanno continuato a confrontarsi con ciò che i lavoratori indeboliti hanno dovuto affrontare con divisione e odio.

Il HesaMag viene inviata gratuitamente per posta a una copia per ogni utente. Per ricevere più di una copia della rivista allo stesso indirizzo, esistono piani di abbonamento di gruppo.

Editoriale

Notizie europee

Notizie dall’Unione

Notizie internazionali

Libri

Rapporto speciale – Lavoro migrante nella fortezza Europa

ECHA:Le aziende non rispettano le normative sulle sostanze pericolose

FONTE ETUI.ORG ( TRADUZIONE IN ITALIANO CON GOOGLE TRANSLATOR)

Le aziende non rispettano le normative sulle sostanze pericolose

Rapporto dell'ECHA

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) ha pubblicato il 18 novembre 2019 i risultati di un progetto pilota sulle informazioni fornite in merito alle sostanze chimiche più pericolose presenti negli articoli di consumo di tutti i giorni.

I risultati sono particolarmente allarmanti. I servizi di ispezione di quindici Stati membri dell’Unione Europea hanno verificato 682 articoli forniti da 405 aziende. 84 articoli (12%) contenevano sostanze estremamente problematiche. Per questi articoli, nell’89% dei casi, le società non hanno rispettato le normative che impongono di segnalare all’ECHA la loro presenza al di sopra di una concentrazione dello 0,1%.

Gli articoli in questione sono prodotti di consumo come abbigliamento, calzature e tessili per la casa, articoli elettrici o elettronici o articoli destinati alla costruzione o alla decorazione di interni come rivestimenti per pavimenti e mobili in plastica. Le sostanze più comunemente identificate sono gli ftalati, principalmente DEHP che è un tossico per la riproduzione e un distruttore endocrino. Sono state identificate anche altre sostanze estremamente problematiche come piombo, cadmio, bisfenolo A o ritardanti di fiamma bromurati.

In Svezia,  è stata effettuata una campagna di ispezione nei negozi locali . Gli ispettori salirono quindi sulla catena di approvvigionamento, controllando l’attività di produttori, importatori e grossisti. I risultati indicano la stessa direzione dell’indagine europea. Per 324 articoli diversi, non sono state fornite informazioni su sostanze estremamente problematiche. Questi includono giocattoli, attrezzature sportive e da pesca, guanti, abbigliamento, elettronica.

La Svezia partecipa anche a un progetto nordico congiunto su articoli consegnati dal commercio elettronico. I primi risultati indicano anche che il settore del commercio elettronico difficilmente rispetta gli obblighi legali definiti da REACH.

Uno dei principali obiettivi  del regolamento REACH  sui prodotti chimici è sostituire gradualmente le sostanze più pericolose con alternative più sicure. Il presente regolamento europeo identifica le  sostanze estremamente problematiche in base ai loro rischi intrinseci per la salute umana o l’ambiente (ad es. Cancerogeni o tossici per la riproduzione). Queste sostanze sono inserite  in un elenco di  candidati che attualmente contiene 201 sostanze. Una volta che una sostanza è stata inserita in questo elenco, si traducono in requisiti di informazione nella catena di approvvigionamento per utenti e consumatori professionali. Quando gli Stati membri dell’UE decidono di trasferire queste sostanze dall’elenco dei candidati all’elenco di autorizzazioni REACH, i produttori devono ottenere un’autorizzazione dalla Commissione europea per continuare a utilizzarli. Questo è attualmente il caso di 43 sostanze estremamente problematiche.

Per Laurent Vogel , ricercatore presso l’ETUI, “il rapporto mostra che c’è una certa indulgenza nei confronti delle aziende che commercializzano articoli contenenti sostanze estremamente pericolose. Sebbene l’inosservanza degli obblighi di REACH sia punita dalla legge, sembra che le azioni criminali non vengano attuate sistematicamente. Solo 21 casi sono stati deferiti alla procura e le procedure hanno comportato multe in soli 2 casi ”.

Scarica e leggi il rapporto dell’ECHA

Mettere in prospettiva il problema del burnout

FONTE ETUI

Sesto seminario sindacale europeo sui rischi psicosociali

Il 24 e 25 settembre 2019, l’ETUI ha organizzato a Lovanio (Belgio) la sesta riunione della rete sindacale europea sui rischi psicosociali sul lavoro. Ventidue rappresentanti sindacali attivi nel campo della salute sul lavoro di quattordici paesi hanno preso parte a questo incontro annuale, che mira a promuovere la condivisione di conoscenze ed esperienze su questioni relative ai rischi psicosociali.

  • Newsletter  : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza,  iscriviti  alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

La sesta edizione di questo seminario è stata un’opportunità per concentrarsi sul danno causato dall’esposizione a fattori di rischio psicosociale e sugli approcci incentrati sulla resilienza che stanno attualmente prosperando. poco ovunque. Per Hilmersson , vice segretario generale della Confederazione europea dei sindacati (CES) ha aperto il seminario con una panoramica delle priorità della CES per la salute e la sicurezza sul lavoro per i prossimi quattro anni. Come introduzione al tema del seminario, Fabienne Scandella, ricercatrice presso l’ETUI e coordinatrice della rete, ha messo in prospettiva la questione del burnout con approcci che celebrano l’adattamento individuale e ha fornito un quadro delle molteplici sfide poste al movimento sindacale europeo . Sarah Lyons , Head of Health and Safety presso la UK Education Union (NEU), ha illustrato queste sfide mostrando come la promozione del benessere e della resilienza tende a sostituire la cultura della cultura della prevenzione della salute e della sicurezza sul lavoro nel settore dell’istruzione nel Regno Unito. Senza ridurre l’esaurimento di un numero crescente di insegnanti, questo approccio sposta la responsabilità dal datore di lavoro all’insegnante. A seguito di questa presentazione, Christina Aumayr-Pintar , direttore della ricerca presso la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ha presentato il rapporto di Eurofound sul burnout in Europa (2018). Questa presentazione ha reso disponibili i dati disponibili sulla prevalenza di ciò che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ora riconosce come un “fenomeno legato al lavoro” e per fare il punto delle politiche delineate a livello europeo per contenerlo. Continua a leggere “Mettere in prospettiva il problema del burnout”

Interferenti endocrini particolarmente concentrati nei bambini

FONTE ETUI.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Esistono centinaia di sostanze che interrompono la produzione di ormoni. Impiegate massicciamente dall’industria in molte produzioni, queste sostanze sono associate a gravi problemi di salute come tumori, danni alla salute riproduttiva, disturbi dello sviluppo come l’obesità, un calo del quoziente di intelligenza, … Tra questi , compresi bisfenoli, ftalati, parabeni, eteri glicolici, ritardanti di fiamma bromurati, composti perfluorurati (PFC). Per la prima volta, Public Health France ha misurato la presenza di queste sostanze estremamente preoccupanti nel corpo di bambini e adulti in un ampio campione (1.104 bambini e 2.503 adulti) rappresentativo della popolazione francese.

Newsletter : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza, iscriviti alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

Sono stati monitorati quasi 70 biomarcatori. Lo studio si basa su campioni biologici (urina, siero e capelli) e sull’invio di un questionario su abitudini di vita, consumo di cibo, caratteristiche dei partecipanti. L’analisi incrociata dei risultati dei campioni e dei questionari consente di quantificare la presenza di questi inquinanti nella popolazione e di conoscere meglio le fonti di esposizione. 

I risultati indicano che queste sostanze che sono onnipresenti negli oggetti di uso quotidiano e che sono spesso interferenti endocrini o agenti cancerogeni, provate o sospette, sono “presenti nel corpo di tutti i francesi” e “livelli più elevati di impregnazione. si trovano nei bambini . In generale, i livelli di impregnazione riscontrati sono paragonabili a quelli di altri studi condotti all’estero, in particolare negli Stati Uniti e in Canada.

Questo primo importante studio sul biomonitoraggio sarà seguito da altre due sezioni su metalli e pesticidi. Lo studio non affronta esplicitamente il problema delle esposizioni professionali. “Riflette un divario purtroppo comune nella maggior parte delle politiche di sanità pubblica”, afferma Laurent Vogel , ricercatore senior presso ETUI. “Esistono prove da altre fonti che le esposizioni professionali sono un’importante fonte di impregnazione per molte attività”, conclude. 

Rapporti dallo studio ESTEBAN

New online database for identifying endocrine disruptors

5 August 2019

New online database for identifying endocrine disruptors

deduct logo

A team at the Institute of Mathematical Sciences in Chennai, India, has placed online a database which identifies 686 endocrine disruptors. The database is called DEDuCT: Database on Endocrine Disrupting Chemicals and their Toxicity Profiles

Newsletter: If you would like to receive a monthly summary of current occupational health and safety news, you can subscribe free of charge to HesaMail (available in English and French).

DEDuCT is based on an analysis of existing scientific literature. More than 16,000 articles have been reviewed. To begin with, 1,626 chemical agents were identified in the articles that met the criteria for inclusion in the study. Some agents were then ruled out, notably natural hormones, agents tested as a mixture and agents tested for therapeutic use. The research also ruled out the agents for which there only data from in vitro testing with rodents available. The final selection, based on 1,796 publications, identifies 686 endocrine disruptors.

The identified endocrine disruptors have been classed according to different criteria. Their effects may have been observed in vivo in human beings (Category I: 7 substances identified), in vivo in rodents and in vitro in experiments with human cells (Category II: 142 substances identified), solely on in vivo in rodents (Category III: 367 substances identified), or solely in vitro with human cells (Category IV: 170 substances identified).

Another purpose of the database is to identify effects on health. Seven general categories of effects of disruptors linked to the hormonal system were established: reproduction, development, metabolism, the hepatic system, immunology and neurology, as well as cancers relating to the hormonal system. For each of these categories, the database can be used to verify if specific effects have already been identified in the scientific literature regarding particular substances. For example, if the user searches for ‘ovarian cancer’, they will find four endocrine disruptors identified as being associated with this pathology.

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU ETUI

Conferenza: il futuro della salute e della sicurezza in Europa3 dicembre – 4 dicembre 2019, International Trade Union House (ITUH), Bd du Roi Albert II, 5; 1210 Bruxelles

3 dicembre – 4 dicembre 2019, International Trade Union House (ITUH), Bd du Roi Albert II, 5; 1210 Bruxelles

Conferenza: il futuro della salute e della sicurezza in Europa

conferenza logo

30 anni dopo la direttiva quadro dell’UE sulla salute e la sicurezza sul lavoro , qual è la strada da percorrere?

Trenta anni fa, il 12 giugno 1989, l’Unione europea ha adottato la direttiva quadro sulla salute e la sicurezza sul lavoro, accettando molte delle principali richieste espresse dal movimento sindacale negli ultimi due decenni. Dalla fine degli anni ’60 in poi, i problemi di salute e sicurezza sono stati al centro del conflitto sociale, evidenziando le esigenze dei lavoratori di aumentare il controllo sull’organizzazione del lavoro al fine di proteggere la loro salute. In queste lotte, sono emerse convergenze tra il movimento sindacale e il mondo della ricerca molto critico, risultando in un forte legame tra azione collettiva e produzione di conoscenza.

Sotto il nome iniziale dell’Ufficio tecnico sindacale europeo per la salute e la sicurezza, un centro di conoscenza è stato istituito su iniziativa della Confederazione europea dei sindacati. Successivamente è stato integrato nell’Istituto sindacale europeo.

Trent’anni dopo, qual è lo stato di avanzamento della salute sul lavoro in Europa? Quali sono le prospettive di sviluppo di fronte a un ritmo sempre crescente di cambiamento nel mondo del lavoro e con il futuro dell’Unione europea segnato da incertezze? Quali collegamenti si possono creare tra azione collettiva e conoscenza? Che ruolo gioca la conoscenza degli esperti? Queste domande saranno al centro di questa conferenza di due giorni tenutasi a Bruxelles dall’Istituto sindacale europeo.

La conferenza inizierà il 3 dicembre 2019 alle 13.00 e terminerà il 4 dicembre alle 17.00.

L’interpretazione simultanea verrà fornita in inglese, francese e spagnolo.

Per registrarti, clicca qui . La registrazione è gratuita ma obbligatoria a causa della disponibilità limitata di posti.

Scarica il progetto di ordine del giorno . 

Per informazioni pratiche con consigli e indicazioni sugli hotel, fare clic qui .

Contatto: thefutureofhealthandsafetyineurope@etui.org

TUTTI

Pesticidi: la Commissione europea accusata di mantenere prodotti pericolosi sul mercato europeo

FONTE ETUI 

agricoltura

Gli alti funzionari della Commissione europea hanno manovrato per indebolire i criteri per la definizione degli interferenti endocrini e per promuovere il mantenimento di pesticidi pericolosi sul mercato europeo. Ciò è rivelato da oltre 600 documenti riservati ottenuti dalla ONG Pesticide Action Network (PAN) dopo due anni di procedimenti dinanzi alla Corte di giustizia europea.

Continua a leggere “Pesticidi: la Commissione europea accusata di mantenere prodotti pericolosi sul mercato europeo”

Conferenza: il futuro della salute e della sicurezza in Europa 3-4 dicembre 2019

3 dicembre – 4 dicembre 2019, International Trade Union House (ITUH), Bd du Roi Albert II, 5; 1210 Bruxelles

Conferenza: il futuro della salute e della sicurezza in Europa

conferenza logo

30 anni dopo la direttiva quadro dell’UE sulla salute e sicurezza sul lavoro , qual è la strada da percorrere?

Trent’anni fa, il 12 giugno 1989, l’Unione europea ha adottato la direttiva quadro sulla salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, raccogliendo molte delle principali richieste espresse dal movimento sindacale negli ultimi due decenni. Dalla fine degli anni ’60 in poi, le questioni relative alla salute e alla sicurezza sono state al centro del conflitto sociale, evidenziando le esigenze dei lavoratori per aumentare il controllo sull’organizzazione del lavoro al fine di proteggere la loro salute. In queste lotte, sono emerse convergenze tra il movimento sindacale e il mondo della ricerca molto critico, che ha portato a un forte legame tra azione collettiva e produzione di conoscenza.

Sotto il nome iniziale dell’Ufficio tecnico sindacale europeo per la salute e la sicurezza, è stato istituito un centro di conoscenza su iniziativa della Confederazione europea dei sindacati. Successivamente è stato integrato nell’Istituto sindacale europeo.

Trent’anni dopo, qual è lo stato attuale della salute sul lavoro in Europa? Quali sono le prospettive di sviluppo di fronte a un ritmo sempre crescente di cambiamento nel mondo del lavoro e con il futuro dell’Unione europea segnato dalle incertezze? Quali legami possono essere creati tra azione collettiva e conoscenza? Che ruolo gioca la conoscenza degli esperti? Queste domande saranno al centro di questa conferenza di due giorni tenutasi a Bruxelles dall’Istituto per il commercio europeo.

L’interpretazione simultanea sarà fornita da e in inglese, francese e spagnolo.

La registrazione si aprirà presto. La registrazione è gratuita ma obbligatoria a causa della limitata disponibilità di posti.

Il progetto di ordine del giorno sarà pubblicato in seguito su questa pagina.

Per maggiori informazioni: thefutureofhealthandsafetyineurope@etui.org

Burn-out: di fronte all’epidemia, il Belgio lancia un progetto pilota

FONTE ETUI.ORG

In Belgio, lo stress e il burn-out sono responsabili di un terzo del numero totale di giorni di assenza. Inoltre, l’aumento delle malattie mentali (tra cui burn-out e depressione) rappresenta una parte importante dell’aumento del numero di disabilità. È sotto la pressione di questa preoccupante situazione economica e sanitaria, che nel gennaio 2019 l’Agenzia federale per i rischi professionali (Fedris) ha avviato un progetto pilota sul burnout.

L’obiettivo di questo progetto, per il quale è prevista una dotazione di 2,5 milioni di euro nell’arco di tre anni, è di sostenere i lavoratori che sono minacciati o colpiti in una fase iniziale dal burn-out legato all’esposizione a uno o più rischi psicosociali sul lavoro. Nell’ambito di questo progetto pilota, sono ammissibili solo i lavoratori del settore ospedaliero e il settore dei servizi finanziari, considerato particolarmente a rischio. Al termine di una procedura di iscrizione in due fasi, ai lavoratori la cui diagnosi di (pre) burnout è stata confermata, verrà offerto un “percorso di accompagnamento” individuale secondo gli approcci psico-corporali o cognitivo-emozionali, per aiutarli a rimanere nel lavoro o a riprendere il lavoro rapidamente. Continua a leggere “Burn-out: di fronte all’epidemia, il Belgio lancia un progetto pilota”

Podcast di Diario Prevenzione – 02 marzo 2019 – puntata n° 59 a cura di Gino Rubini.

 

In questa puntata parliamo di :

– Una buona notizia: Paolo Vineis eletto vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità.
– Consumi, un allarme alimentare al giorno nel 2018. Un Dossier della Coldiretti
– Plastica: la crisi della salute umana
– Il linfoma non-Hodking e esposizione a glifosato -Newsletter Medico Legale Numero 4/2019 Inca Cgil
– Una riflessione sul Seminario”Allungamento della vita lavorativa effetti sulla salute, gestione contrattuale del fenomeno dell’invecchiamento lavorativo”.
Il Modello Formigoni ha spalancato le porte ai privati 

– Frittura mista

Buon ascolto !