SUVA. Proteggete le orecchie quando lavorate da casa!

Segnaliamo questa brochure pubblicata sul sito di SUVA.CH, l’assicurazione svizzera per gli infortuni sul lavoro. Fonte SUVA.CH

Vedi inoltre:  Telelavoro, ufficio da remoto, lavoro in mobilità: un bene o un male?

 

Charlotte Chanex, Il telelavoro mette a dura prova le orecchie: le riunioni online si susseguono senza sosta, costringendo molte persone a passare le giornate con le cuffie perennemente sulla testa. Come si possono evitare il mal di testa e il mal d’orecchi?

LA BROCHURE IN LINGUA ITALIANA

 14 total views,  1 views today

Succede in Svizzera. Lavoro: Controlli e controllori del tutto insufficienti

La pandemia ha reso ancora più evidenti le lacune in materia di protezione dei dipendenti nelle aziende. La Svizzera non rispetta le direttive Oil

Fonte : Areaonline.ch 

Autore:  Claudio Carrer

Piani di protezione insufficienti, autorità federali e cantonali troppo passive e gravi lacune nell’ambito dei controlli sui luoghi di lavoro per quanto attiene al rispetto delle misure di tutela della salute delle lavoratrici e dei lavoratori. È in queste condizioni che la Svizzera sta gestendo la seconda violenta ondata della pandemia di coronavirus. Di qui il moltiplicarsi degli appelli delle organizzazioni sindacali affinché vengano adottati provvedimenti a vari livelli per ridurre il rischio di contagio in ambito professionale.

Continua a leggere “Succede in Svizzera. Lavoro: Controlli e controllori del tutto insufficienti”

 25 total views

Suva : Guida di sopravvivenza per l’home offic

FONTE SUVA.CH

Esther Galliker

 

Metà Svizzera attualmente lavora in home office. Per molti questa è una situazione del tutto nuova. Leggete i nostri consigli di sopravvivenza, che vi aiuteranno ad attrezzarvi al meglio per lavorare da casa.

 39 total views,  1 views today

Il settore delle energie rinnovabili può “superare” il test ambientale, ma per quanto riguarda il lavoro e i diritti umani?

 

Nota di Editor: segnaliamo e riproduciamo questo articolo perché testimonia della complessità  da tenere in considerazione quando si sceglie di intervenire sull’ambiente anche per migliorare. I grandi impianti eolici  insediati per ridurre il consumo di combustibili fossili come nel caso descritto nell’articolo possono diventare fattori devastanti  le condizioni di vita e le relazioni sociali  di comunità locali. Le innovazioni debbono essere progettate con un adeguato risk assesment preventivo anche per quanto riguarda il rispetto dei diritti della comunità locali. Ad esempio molti progetti per portare energia tramite pannelli fotovoltaici in isolati villaggi dell’Africa centrale possono apparire una missione benefica e progressista. Tutta via se non si progetta preventivamente una copertura poliennale di manutenzione degli impianti , di formazione di personale locale per la gestione, manutenzione e riparazione questi progetti producono impianti che si trasformano in relitti inquinanti. Di fatto, esauriti i finanziamenti dell’Unione Europea o di altre istituzioni internazionali, dopo due o tre anni quelle comunità ripiomberanno nel buio  con l’aggravio dell’inquinamento delle batterie esaurite da smaltire. Per questi motivi questo articolo rappresenta un riferimento importante.

La fonte dell’articolo : Equaltimes.org  

Ringraziamo Equaltimes e l’ Autrice dell’articolo : María José Carmona

I principi guida delle Nazioni Unite affermano chiaramente che tutte le società hanno la responsabilità di garantire il rispetto dei diritti umani lungo tutta la catena di approvvigionamento. Pertanto, la stessa trasparenza che sta iniziando a essere richiesta dalle industrie tessili o tecnologiche nei confronti dei suoi fornitori dovrebbe essere richiesta allo stesso modo dalle energie rinnovabili. Nella foto, un parco eolico in Messico. (Alberto Mataran)

La mattina in cui Josefa Sánchez e i suoi vicini trovarono i primi uccelli morti che seppero immediatamente che era di cattivo auspicio. Era l’inizio del 2000 e da allora l’intera comunità, situata sull’Istmo di Tehuantepec nel sud del Messico, sapeva perfettamente chi fosse il colpevole: l’enorme foresta d’acciaio che cresceva intorno a loro e rappresentava una minaccia per il loro modo di vita.

Con venti fino a 30 e 40 chilometri l’ora per almeno i due terzi dell’anno, l’Istmo di Tehuantepec è diventato l’El Dorado dell’energia eolica. Questa regione indigena per la pesca rurale diventerà il più grande corridoio eolico dell’America Latina con 5000 turbine eoliche alte 80 metri, di cui 2.129 sono già state costruite. Questa vittoria per l’ambiente è una sconfitta per la comunità locale, i cui diritti sono stati ignorati.

Fin dall’inizio, le turbine eoliche sono state installate senza il loro consenso, in violazione dei diritti degli indigeni secondo la Convenzione 169 dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). E la morte degli uccelli non è stata la conseguenza più grave: la costruzione del mega parco eolico ha aumento della disuguaglianza nell’area e frattura della comunità.

“La maggior parte del territorio è comunale, il che significa che l’assemblea è responsabile per prendere decisioni riguardo a questa terra. Questo status legale dura da oltre un secolo, ma le aziende non lo hanno rispettato. Hanno stipulato contratti con piccoli proprietari terrieri e corrotti leader locali, il che ha dato origine a conflitti interni. Attualmente stiamo vivendo livelli di violenza che non vediamo da anni “, afferma Sánchez, uno dei leader del movimento cittadino che da anni si è pronunciato contro questa presa di terra in nome di uno sviluppo sostenibile che non ha nemmeno soddisfare le esigenze energetiche dei suoi vicini. Quasi tutta l’elettricità prodotta dalle turbine viene fornita a società straniere, tra cui Walmart, con sede negli Stati Uniti.

“Queste aziende pubblicizzano le loro credenziali ecologiche, il che ha reso difficile parlare contro questi megaprogetti”, spiega Sánchez. Il suo non è l’unico caso : nella transizione energetica urgente e necessaria, il lavoro e i diritti umani vengono trascurati in tutto il mondo. Le compagnie di energia rinnovabile stanno ripetendo le stesse pratiche commerciali per le quali è stata criticata l’industria dei combustibili fossili – pratiche che sono ben lungi dall’essere pulite.

E i diritti umani?

Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (AIE), la capacità globale rinnovabile dovrebbe aumentare del 50% , o 1200 GW, tra il 2019 e il 2024, grazie soprattutto all’espansione del solare fotovoltaico e dell’energia eolica. L’industria dell’energia verde sta accelerando a causa della necessità di abbreviare i tempi di fronte alla sfida climatica e raggiungere l’obiettivo di zero emissioni di CO₂ entro il 2050.

Tuttavia, come ha sottolineato il Centro di ricerca sulle imprese e sui diritti umani (BHRRC) , questa rapida accelerazione viene spesso a spese delle comunità più fragili. Negli ultimi 15 anni, l’organizzazione internazionale ha ricevuto circa 150 denunce legate a progetti sostenibili. “Le energie rinnovabili sono essenziali per la nostra transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, ma le politiche e le pratiche sui diritti umani delle aziende non sono ancora abbastanza forti”, avverte il centro.
La maggior parte degli abusi si verificano nell’America centrale e meridionale, nell’Africa orientale e nel sud-est asiatico (sebbene esistano anche casi in Europa e negli Stati Uniti) e includano la confisca e la contaminazione del territorio, la violazione del diritto alla consultazione, la violazione dei diritti del lavoro come la contrattazione collettiva e condizioni di lavoro non sicure, nonché minacce intimidazione e violenza contro gli avversari. Continua a leggere “Il settore delle energie rinnovabili può “superare” il test ambientale, ma per quanto riguarda il lavoro e i diritti umani?”

 27 total views,  1 views today

Suva: 6 consigli utili per proteggere la pelle durante le faccende domestiche

FONTE SUVA.CH 

Oltre il 30 per cento di tutti i casi riconosciuti di dermatosi sono imputabili ai prodotti usati per le pulizie domestiche come i saponi o i detergenti. Ecco 6 consigli utili su come evitare le dermatosi.

«Noi tutti reagiamo agli allergeni in modo diverso. Spesso, capita che per anni non succede nulla e poi all’improvviso compare un’allergia. Una volta che si è manifestata, rischia di mantenersi indipendentemente dal dosaggio del prodotto» spiega la dottoressa Dominique Pasdeloup, medico del lavoro alla Suva. Ecco perché in questi casi prevenire è meglio che curare.

LE SCHEDE SUVA

 9 total views

Un volumetto Suva: Lo stress sul posto di lavoro aumenta il rischio di infortunio

SUVA, l’Ente che assicura lavoratori e lavoratrici svizzeri contro gli infortuni su lavoro ha reso disponibile on line un volumetto digitale : “Lo stress sul posto di lavoro aumenta il rischio di infortunio” . Come si afferma nella introduzione : “Lo stress sul lavoro ci impedisce di riconoscere per tempo i pericoli. Qui vi spieghiamo quali sono le correlazioni tra stress e rischio di infortunio e cosa fare per gestire al meglio queste situazioni”

 

 

 15 total views

La Suva richiama l’attenzione sul tema del contatto con l’amianto durante i lavori di ristrutturazione e risanamento.

La Suva, l’Ente Assicuratore Svizzero per gli infortuni sul lavoro, richiama l’attenzione sul tema del contatto con l’amianto durante i lavori di ristrutturazione e risanamento.

Nonostante sia vietato da tempo, l’amianto rappresenta tuttora un pericolo per la salute dei lavoratori. In Svizzera l’amianto è stato importato e usato fino al 1990. Pertanto, questo materiale molto pericoloso è ancora presente in molti edifici.
Finché è solidamente inglobato in altri materiali di costruzione, l’amianto non rappresenta una minaccia. Ma lo diventa se le sue fibre vengono disperse nell’aria e inalate, in seguito a lavori di ristrutturazione, manutenzione o risanamento di un immobile. Per proteggere se stessi e gli altri, è assolutamente necessario sapere dove si nasconde. Solo così è possibile intervenire in modo corretto.

In linea generale si può dire che la presenza di amianto è possibile in tutti gli edifici costruiti prima del 1990. L’amianto può essere presente in: rivestimenti per pavimenti, pareti e soffitti; tetti, facciate e finestre; impianti elettrici; isolamenti, impianti di riscaldamento e tubature.

Per proteggersi in modo efficace dalle fibre di amianto, prima di iniziare i lavori è bene procedere nel seguente modo:
1. Individuare i potenziali pericoli prima di iniziare i lavori
2. Pianificare le misure di protezione
3. Proteggersi dalle polveri di amia

VAI ALLA PAGINA SUVA.CH DEDICATA ALL’AMIANTO CON MOLTI DOCUMENTI, FILMATI, FACTSHEET, LINEE GUIDA, …..

 25 total views,  1 views today