¿Necesitamos una agencia que supervise la inteligencia artificial?

PopTika / Shutterstock

José Luis Verdegay Galdeano, Universidad de Granada

A menudo nos encontramos anuncios de productos con el sello “con inteligencia artificial”. Pero muy pocas veces, por no decir nunca, se informa al usuario de más detalles. ¿Quién nos garantiza que, efectivamente, ese producto funciona en base a inteligencia artificial (IA)? ¿Quién certifica que las respuestas que nos ofrece son las correctas? ¿A qué código ético obedece? Sin saber nada al respecto, cuando por alguna causa ese producto no funciona como esperábamos, es normal concluir que la IA no es fiable y mucho menos los algoritmos que emplea.

Pero ¿sabemos si el producto al que nos referimos funciona en base a un algoritmo? ¿Las soluciones que proporciona son siempre malas o solo lo son dependiendo del usuario? ¿El código ético de quien diseñó ese producto coincide con el nuestro? Y, a propósito: ¿quién define lo que es un comportamiento ético? ¿Cómo se mide la ética?

¿Qué es axactamente un algoritmo?

Un algoritmo es una secuencia ordenada de pasos, exentos de ambigüedad, que cuando se lleva a cabo con fidelidad en un tiempo finito da como resultado la solución del problema planteado, habiendo realizando, por tanto, la tarea para la que se diseñó. Así, para que un algoritmo sea correcto necesita cumplir lo siguiente:

  • debe terminar siempre tras un número finito de etapas;
  • las acciones que ha de llevar a cabo en cada etapa deben estar rigurosamente especificadas, sin ambigüedades;
  • los valores con los que comienza a funcionar se han de tomar de conjuntos preespecificados;
  • el resultado que proporcione siempre dependerá de los datos de entrada;
  • todas las operaciones que haya que realizar en el algoritmo deben ser lo suficientemente básicas como para que se hagan exactamente y en un periodo finito de tiempo.

Cuando no se da alguna de estas propiedades, no tenemos un algoritmo.

Continua a leggere “¿Necesitamos una agencia que supervise la inteligencia artificial?”

 192 total views

I vincitori e i vinti del lavoro a distanza

fonte Etui

l Dipartimento di Ricerca, Studi e Statistica (Dares) del Ministero del Lavoro francese ha pubblicato i risultati della sua indagine “TraCov” , dedicata alle conseguenze della crisi sanitaria sulle condizioni di lavoro.

Tra le questioni sollevate c’è la questione del telelavoro e del suo impatto sulla salute dei lavoratori. Basata su un campione di 5.220 dipendenti, questa parte dell’indagine distingue cinque gruppi di telelavoratori: esclusivi, intensivi, vulnerabili, occasionali ed eccezionali. Questi diversi gruppi sono definiti in relazione al loro comportamento nei confronti del telelavoro, sia in termini di frequenza, contenuto dei compiti svolti e mezzi tecnici utilizzati. Tre gruppi sono particolarmente interessanti in quanto hanno visto le loro condizioni di lavoro cambiare di più.

Il gruppo esclusivo (25% dei telelavoratori) telelavora da remoto tutti i giorni della settimana e ritiene di disporre di mezzi sufficienti per svolgere la propria attività da remoto. Sono più qualificati e più frequentemente con contratto a tempo indeterminato (CDI) rispetto agli altri gruppi e il più delle volte hanno precedenti esperienze di telelavoro. Lavorando principalmente nel settore privato, sono spesso dirigenti, ma raramente svolgono compiti di supervisione. Tra le professioni più rappresentate si possono citare quelle dell’informatica, bancaria o assicurativa.

Continua a leggere “I vincitori e i vinti del lavoro a distanza”

 283 total views,  1 views today

Il rischio “ragionato” e le mandrie di tifosi in piazza Duomo Milano. Podcast Diario Prevenzione 5 maggio 2021. Puntata n° 82

a cura di Gino Rubini

In questa puntata parliamo di :

– Sarà “ragionevole” il virus con le mandrie di tifosi in Piazza Duomo ? Lo sapremo tra una decina di giorni
– La tragedia di Prato. Una giovane operaia straziata e uccisa da una macchina tessile. Un ritorno agli anni ’50 per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro ?
– Il verdetto climatico della Corte costituzionale tedesca: la tutela e la promozione dell’ambiente non solo per la salute ma anche per la libertà delle generazione future. Un salto di paradigma giuridico
– Ivan Cavicchi. Nel Recovery tanti soldi (20 miliardi) nessuna riforma
– Fritto misto

 479 total views

Salute e Prestazione di Gianni Marchetto

Salute e Prestazione.

Le immagini dei lavoratori e delle lavoratrici di Amazon in sciopero, le descrizioni che fanno della loro condizione di vita nel lavoro in Amazon trasformano queste persone in testimoni privilegiati della nostra epoca. Il loro tempo di vita nel lavoro è regolato da algoritmi che richiedono il loro adattamento passivo a flussi di ordini senza mediazioni e adattamenti, una costrittività mai conosciuta prima , forse, neppure nell’epoca del taylorismo più duro…
La lotta per il governo del tempo è una costante del movimento operaio, dalla lotta per le otto ore ai conflitti sui tempi di lavoro della fase Tempi e Metodi. Le lotte per ritmi e carichi di lavoro tollerabili nelle catene di montaggio negli anni 60 – 80 del secolo scorso come le attuali mobilitazioni dei riders o le lotte dei lavoratori e delle lavoratrici di Amazon hanno un denominatore comune, la soggettività dei lavoratori e delle lavoratrici rispetto alla tutela della propria incolumità e salute.

Ringrazio l’amico Gianni Marchetto per la nota di sintesi che , in base alla sua straordinaria esperienza, ha elaborato illustrando i percorsi cognitivi maturati dai protagonisti nelle lotte per la salute in diverse epoche. Uno strumento utile per conoscere rappresentazioni e codici linguistici che hanno accompagnato nel tempo le lotte per la salute di diverse generazioni. Gino Rubini

SALUTE E PRESTAZIONE di Gianni Marchetto ( 55 pagine. pdf )

 351 total views

La fabbrica del futuro è alle porte – Un Dossier della Rivista Travail et Securité

Travail et securité
n ° 806 del giugno 2019

La fabbrica del futuro è alle porte. La transizione dell’industria francese verso il modello di fabbrica connesso, sulla scia del progetto “Industria 4.0”, che ha dato il via alla Germania nel 2011, è ora una realtà. E per essere portatore di speranza, non pone meno domande. In che modo le aziende stanno acquisendo questa quarta rivoluzione industriale? L’industria francese troverà nuovo slancio rispetto alla concorrenza internazionale? L’essere umano è minacciato dalla macchina? Quale posto per la prevenzione dei rischi professionali nei cambiamenti attuali?

Leggi gli articoli di questo numero di Travail et securité

 273 total views

Il futuro della produzione in Europa. Scenario tecnologico: implicazioni occupazionali dell’automazione radicale

FONTE  EUROFOUND.EU 

Questo rapporto esamina l’impatto dell’applicazione accelerata delle tecnologie di automazione e digitalizzazione sulla struttura salariale e dei compiti dell’occupazione in Europa. Nonostante l’alto livello di incertezza di queste proiezioni, il contributo di questo rapporto è quello di estendere l’analisi oltre la semplice sostituzione tecnologicamente fattibile dei lavoratori con macchine incorporando alcune analisi economiche . Ciò include la fattibilità macroeconomica del costo dell’investimento dell’automazione, gli effetti moltiplicatori della perdita di domanda – non solo a causa della perdita di posti di lavoro iniziale, ma anche a causa del passaggio da altri redditi da lavoro – e della creazione di posti di lavoro nella catena di approvvigionamento che emana dall’aumento della domanda di attrezzature per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). L’analisi è condotta utilizzando il modello macroeconometrico E3ME, che fornisce informazioni sugli impatti settoriali, insieme al modello di estensione del mercato del lavoro di Warwick per l’analisi occupazionale. Un’ulteriore analisi degli sviluppi occupazionali in Europa è condotta utilizzando il monitoraggio europeo per l’occupazione di Eurofound.

DOWNLOAD DEL VOLUME (PDF 1 MB)

 521 total views,  2 views today

INRS: Atti della Conferenza sulla sicurezza dei sistemi industriali automatizzati

INRS: Atti della Conferenza sulla sicurezza dei sistemi industriali automatizzati
Organizzata dall’INRS a Nancy dal 10 al 12 ottobre 2018, la conferenza SIAS si è concentrata sull’industria del futuro e sugli usi delle nuove tecnologie. Gli atti della conferenza in inglese sono disponibili per il download.

 584 total views